Gravidanza

Taglio cesareo extra-peritoneale – Extraperitoneal Cesarean Section (ECS)

Hits: 346

Taglio cesareo extra-peritoneale Extraperitoneal Cesarean Section (ECS)

Il taglio cesareo extraperitoneale (ECS)  è un’innovativa tecnica di taglio cesareo sviluppata da Fauk, Cacciarelli e Norton negli anni 2000.
E’ una metodica chirurgica essenzialmente caratterizzata dal fatto che l’accesso al segmento inferiore dell’utero avviene senza entrare nella cavità peritoneale ma attraverso lo  spazio paravescicale. 
Non dovrebbe  essere usato come metodo di routine ma riservato ai casi in cui è presente una sepsi intrauterina o è fondato il rischio di insorgenza di sepsi post-operatoria. L’approccio extra-peritoneale permette di evitare e comunque contenere eventuale diffusione dell’infezione dall’utero nella cavità  peritoneale.
È comunque un’operazione con ridotta invasività, minor dolore post-operatorio, minore nausea intraoperatoria e più facile recupero postoperatorio rispetto al taglio cesareo transperitoneale di routine. Tuttavia, i tagli cesarei extraperitoneali rimangono complessi e richiedono un adeguato tirocinio formativo. 
Criteri di esclusione
Tecnica chirurgica: 
  • Incisione trasversale sovrapubica di cute e sottocute
  • Incisione trasversale della guaina rettale
  • Distacco dei mm. piramidali dalla linea alba
  • Separazione dei mm. retti
  • Larga incisione della fascia fino ai vasi epigastrici inferiori. Si visualizza il segmento uterino inferiore ricoperto dalla vescica (opportunamente preriempita con soluzione fisiologica e blu di metilene). Il margine laterale destro (e sinistro) della vescica  è delimitato dal legamento ombelicale mediale (da alcuni AA. definito lig. ombelicale laterale, contiene i residui dell’a.ombelicale omolaterale)  e da un cuscinetto di grasso che, per via smussa, vengono spostati per aprire lo spazio paravescicale omolaterale.
  • Questo spazio può essere facilmente aperto essendo avascolare.
  • La vescica così liberata dal segmento uterino inferiore, viene spinta e tenuta lateralmente e verso il basso mediante ausilio di un divaricatore non dentato tipo Mathieu, Fritsch, Tuffier o Farabeuf largo.
  • Si visualizza così la lingua della piega (plica) peritoneale vescico-uterina.
  • Inserendo le dita o un tamponcino spugnoso sotto la plica si può ulteriormente spingere in basso e lateralmente la vescica ed ottenere un maggior spazio per l’estrazione fetale. 
  • Incisione trasversale  sul segmento inferiore di 2-3 cm; viene allargata bilateralmente con la pressione digitale
  • estrazione fetale
  • Secondamento spontaneo o manuale
  • Isterorrafia in singolo o doppio strato
  • Sutura del margine vescico-uterino precedentemente aperto
  • mm. retti non vengono suturati 

Il catetere vescicale è lasciato in situ per 48 ore. La puerpera può mangiare e bere subito dopo l’intervento non essendo necessario aspettare la canalizzazione. 

Conclusioni: Poiché l’ECS possiede  una base razionale per evitare gravi complicanze settiche postoperatorie, questa tecnica merita una riconsiderazione nell’era moderna. 

Taglio cesareo –  tecnica chirurgica 

Taglio cesareo complicazioni e fattori di rischio

Parto vaginale dopo taglio cesareo (VBAC)

Isterectomia post-cesareo

Cesarean Scar Pregnancy (CSP)

Taglio cesareo vaginale

Isterectomia post-cesareo

ACNES (Anterior Cutaneous Nerve Entrapment Syndrome) – sindrome da intrappolamento del nervo cutaneo anteriore 

References:

  1. Extraperitoneal cesarean section: a new need for old skills. A preliminary report. Imig JR, Perkins RP.Am J Obstet Gynecol. 1976 May 1; 125(1):51-4.
  2. Extraperitoneal versus transperitoneal cesarean section: a prospective randomized comparison of surgical morbidity. Tappauf C, Schest E, Reif P, Lang U, Tamussino K, Schoell W.Am J Obstet Gynecol. 2013 Oct; 209(4):338.e1-8. Epub 2013 May 30
  3. Extraperitoneal cesarean section: a surgical form of infection prophylaxis? Wallace RL, Eglinton GS, Yonekura ML, Wallace TM.Am J Obstet Gynecol. 1984 Jan 15; 148(2):172-7. 
  4. George A.BourgeoisLouis E.Phaneuf: The surgical anatomy of extraperitoneal cesarean section. American Journal of Obstetrics and Gynecology Volume 57, Issue 2, February 1949, Pages 237-250


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...