Endocrinologia

Grelina

Hits: 104

La grelina è un ormone scoperto nel 1999 da un gruppo di ricercatori giapponesi. Si tratta di una proteina, un peptide acilato di 28 aminoacidi, prodotta principalmente dalle cellule P/D1 del fondo dello stomaco (70%) ma anche dalle cellule ε del pancreas, intestino, rene, polmone, cuore, placenta, adipociti, nucleo arcuato ed ipotalamo ventro-mediale.

La grelina è codificata dal gene posto sul braccio corto del cromosoma 3 (3p25-26), lo stesso gene che codifica l’obestatina, ormone scoperto nel 2005; il prodotto del gene si rompe per abbandonare i due ormoni peptidici.  

I livelli sierici di grelina aumentano a digiuno e diminuiscono dopo i pasti; Sono più elevati nei pazienti affetti da iperfagia; sono diminuiti nei pazienti obesi. La restrizione di sonno è associata ad una significativa riduzione della leptina (ormone della sazietà prodotto dal tessuto adiposo) e ad un aumento della grelina (ormone dell’appetito).

Alti livelli di grelina risultano responsabili dell’aumento dell’appetito  tramite la stimolazione di NPY, aumento di peso corporeo soprattutto per quanto riguarda la massa grassa e stimolazione secretoria dell’ormone della crescita (GH). 

 

 

La stimolazione della secrezione di GH da parte della grelina è indotta dalla via di segnalazione ciclica GMP/ossido nitrico. Anche l’ipotalamo e il nervo vago sembrano essere coinvolti nella secrezione di GH indotta dalla grelina. La grelina è anche in grado di stimolare la secrezione ipofisaria di ormone adrenocorticotropo (ACTH), cortisolo e prolattina.

ALTRI EFFETTI DELLA GRELINA:
• TRATTO GASTRO.INTESTINALE: promozione di proliferazione e differenziamento cellulare. Soppressione dei meccanismi proinfiammatori.
• PANCREAS: inibisce la secrezione di insulina.
• SNC: modula apprendimento, memoria, depressione, sonno, stress.
• SISTEMA RIPRODUTTORE: ha effetto anti Gn-RH.
• FETO:  è correlata con il peso fetale alla nascita ed in particolare con lo sviluppo del polmone fetale.

La grelina agisce legandosi a recettori specifici posti sui neuroni nel nucleo arcuato e nell’ipotalamo ventromediale. Il recettore della grelina è una proteina G accoppiata membrana recettore, conosciuta formalmente come il recettore GHS (growth hormone secretagogue receptor). 

La grelina è soltanto una delle tante sostanze implicate nell’intrecciata rete di mediatori chimici e nervosi, che presiede al controllo del senso di fame e del senso di sazietà. Tra queste sostanze ricordiamo:

  • anoressizzanti: leptina, insulina, Peptide YY (PYY), CCK (Colecistochinina), CART (cocaine -anphetamine-regulated-transcript), Urocortina, Pro-opiomelacortina (POMC), a-MSH (Melanocyte Stimulating Hormone) 
  • oressigeni:  endocannabinoidi (β-Endorfine, Dinorfine, Encefaline), NPY, MCH, grelina 

La liraglutide (Saxenda® 6 mg/ml in penne pre-riempite per uso sottocutaneo) è un analogo del recettore GLP-1 ad azione anti-grelina  (antifame) con meccanismo di competizione recettoriale.   

Lo schema posologico abitualmente impiegato è il seguente:

  • Settimana 1: 0,6 mg una volta al giorno;
  • Settimana 2: 1,2 mg una volta al giorno;
  • Settimana 3: 1,8 mg una volta al giorno;
  • Settimana 4: 2,4 mg una volta al giorno;
  • Dalla settimana 5 in poi: 3 mg una volta al giorno; dopodiché, continuare con questa dose fino al termine del trattamento. 

References:

  1. T.R.Castañeda, J.Tong, R.Datta, M.Culler, M.H.Tschöp: Ghrelin in the regulation of body weight and metabolism. Frontiers in Neuroendocrinology. Volume 31, Issue 1, January 2010, Pages 44-60
  2. Delport C: Structure and Physiological Actions of GhrelinReview Article Open Access Volume 2013 Article ID 518909 https://doi.org/10.1155/2013/518909
  3. M. Kojima, H. Hosoda, Y. Date, M. Nakazato, H. Matsuo, and K. Kangawa, “Ghrelin is a growth-hormone-releasing acylated peptide from stomach,” Nature, vol. 402, no. 6762, pp. 656–660, 1999.
  4. M. Kojima, H. Hosoda, and K. Kangawa, “Purification and distribution of ghrelin: the natural endogenous ligand for the growth hormone secretagogue receptor,” Hormone Research, vol. 56, supplement 1, pp. 93–97, 2001.
  5. Y. Date, M. Kojima, H. Hosoda et al., “Ghrelin, a novel growth hormone-releasing acylated peptide, is synthesized in a distinct endocrine cell type in the gastrointestinal tracts of rats and humans,” Endocrinology, vol. 141, no. 11, pp. 4255–4261, 2000.
  6. G. Rindi, V. Necchi, A. Savio et al., “Characterisation of gastric ghrelin cells in man and other mammals: studies in adult and fetal tissues,” Histochemistry and Cell Biology, vol. 117, no. 6, pp. 511–519, 2002.
  7. E. Solcia, G. Rindi, R. Buffa, R. Fiocca, and C. Capella, “Gastric endocrine cells: types, function and growth,” Regulatory Peptides, vol. 93, no. 1–3, pp. 31–35, 2000.
  8. A. D. Howard, S. D. Feighner, D. F. Cully et al., “A receptor in pituitary and hypothalamus that functions in growth hormone release,” Science, vol. 273, no. 5277, pp. 974–977, 1996.
  9. M. Patterson, K. G. Murphy, C. W. le Roux, M. A. Ghatei, and S. R. Bloom, “Characterization of ghrelin-like immunoreactivity in human plasma,” Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, vol. 90, no. 4, pp. 2205–2211, 2005.
  10. H. Ariyasu, K. Takaya, T. Tagami et al., “Stomach is a major source of circulating ghrelin, and feeding state determines plasma ghrelin-like immunoreactivity levels in humans,” Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, vol. 86, no. 10, pp. 4753–4758, 2001.
  11. H. Hosoda, M. Kojima, H. Matsuo, and K. Kangawa, “Ghrelin and des-acyl ghrelin: two major forms of rat ghrelin peptide in gastrointestinal tissue,” Biochemical and Biophysical Research Communications, vol. 279, no. 3, pp. 909–913, 2000.
  12. I. Sakata, K. Nakamura, M. Yamazaki et al., “Ghrelin-producing cells exist as two types of cells, closed- and opened-type cells, in the rat gastrointestinal tract,” Peptides, vol. 23, no. 3, pp. 531–536, 2002.

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...