Endocrinologia

17-α-OH-Progesterone

Il 17-idrossi-progesterone (17-α-OH-P) è un ormone steroideo, progestinico naturale, prodotto in gran parte dalle cellule della teca interna del follicolo in crescita e del corpo luteo e, in quantità minore, dalla corteccia surrenale. Deriva dalla idrossilazione del progesterone e costituisce il precursore della serie degli androgeni C19 androstenedione e testosterone. Il suo principale catabolita è il pregnandiolo escreto per via urinaria (12%) e nelle feci (10%).

I livelli sierici di 17-OH-P per entrambi i sessi rimangono bassi e costanti durante l’infanzia e aumentano progressivamente durante la pubertà, dove raggiungono i livelli dell’adulto di circa 100-150 ng/dL. L’aumento del  17-α-OH-P si verifica in corrispondenza del picco del LH con un production rate 1-2 mg/die. Presenta un ritmo circadiano, ACTH dipendente, con un picco alle ore 8 circa del mattino. Durante il terzo mese di gravidanza vi è un aumento dovuto alla produzione del surrene fetale

Il 17-α-OH-P non ha un ruolo fisiologico definito tranne che come precursore ma la sua secrezione rappresenta una importante indice dell’attività surrenalica in alcune situazioni di iperplasia surrenale congenita (CAH) o S. adreno-genitale caratterizzata da deficit di 21-idrossilasi o 11-a-idrossilasi. Attualmente il comportamento di questo steroide viene valutato sempre più frequentemente nelle p/ti con irsutismo o irregolarità mestruali o con sindrome dell’ovaio policistico.

 

  • Alti livelli di 17-OH progesterone possono essere dovuti a:
  1. Tumori surrenalici
  2. Iperplasia surrenalica congenita (CAH, Congenital adrenal hyperplasia) o S. Adreno-genitale; patologia autosomica recessiva dovuta nel 90% dei casi alla mancanza di 21-idrossilasi e nel 10% dei casi a deficit della 11-β-idrossilasi enzimi che intervengono nella sintesi del cortisolo dal 17-OH-P a livello surrenalico.   L’ipocortisolemia stimola la secrezione ipofisaria di ACTH  che a sua volta stimola il surrene con iperplasia di quest’ultimo e ipersecrezione di 17-OH-P già  presente in elevata concentrazione in circolo. Il 17-OH-P è convertito quasi esclusivamente in testosterone e androstenedione.  La CAH si manifesta precocemente nei neonati con carenza sia di cortisolo che di aldosterone e alti livelli di 17-OH-P. Nei neonati con CAH, i livelli di 17-O-HP raggiungono 3.000–40.000 ng/dL. Il deficit di aldosterone clinicamente si manifesta con disidratazione (da perdita di sali), vomito, diarrea, perdita di peso, letargia e shock. Il cortisolo è  necessario per la degradazione delle proteine, del glucosio e dei lipidi, mantiene costante la pressione sanguigna e regola il sistema immunitario. L’iperandrogenismo si manifesta nelle femmine con ipertrofia del clitoride, grandi labbra rugose o fuse, seno urogenitale comune –assenza di separazione fra uretra e vagina- e irsutismo mentre nel maschio assistiamo a pubertà precoce. L’etiologia è da ricercare nella mutazione del gene codificante l’enzima 21-idrossilasi (CYP 21) situato sul cromosoma 6. L’enzima 21-idrossilasi (chiamato anche CYP21 o P450c21) appartiene alla categoria dei citocromi P-450 e, a livello intracellulare, è localizzato nel reticolo endoplasmatico. La diagnosi genetica può essere effettuata mediante prelievo ematico in EDTA o su liquido amniotico prelevato mediante amniocentesi.
  3. CAH virilizzante semplice: il deficit enzimatico è parziale e non si manifestano carenze nè di cortisolo nè di aldosterone e le alterazioni sono tutte dovute a iperandrogenismo.
  4. NCAH (Non Classical Adrenal Hyperplasia) o late-CAH: è una forma lieve di CAH che  esordisce in età adulta; presenta livelli sierici di  17-OH-P >200 ng/dL cioè di poco superiori alla norma.  e pseudopubertà precoce in entrambi i sessi. La prevalenza varia tra 1/1.000 e 1/500 nella popolazione generale caucasica, ma rappresenta fino a 1-2% tra le popolazioni con elevato tasso di matrimoni consanguinei, come tra gli ebrei (Ashkenaziti) dell’Europa orientale. Non è una malattia rara. La malattia esordisce durante l’adolescenza, con un eccesso dii androgeni di grado variabile, pubarca precoce, irsutismo, acne, alopecia, anovulazione e irregolarità mestruali. Nel periodo post-puberale può simulare la sindrome dell’ovaio policistico.  Può anche essere asintomatica. La malattia è causata da una mutazione nel gene CYP21A2, localizzato sul cromosoma 6p21.3. Nella NCAH, il cortisolo e i livelli di aldosterone sono normali, pur essendo presente una maggiore quantità di androgeni. La trasmissione è autosomica recessiva.

   ACTH test: dosaggio del 17-OH-P dopo iniezione di una fiala di Synacten 0.25 mg in bolo e.v. . determinazione di 17-OH-P prima e 30’ e 60’ dopo l’iniezione. I valori di 17-OH-P saranno >1.000 ng/dl nella CAH classica; 100-300 ng/dl nella forma virilizzante; <100 ng/dl nella late CAH. Si pratica per indagare su bambini con:

  •  genitali ambigui
  • irsutismo
  • virilizzazione
  • acne
  • astenia
  • anoressia
  • deidratazione
  • Ipotensione
  • vomito
PREGNANDIOLO: Il pregnandiolo (definito anche come pregnandiolo glucuronide) è il principale catabolita urinario del progesterone. La sua determinazione nelle urine viene utilizzata principalmente nelle gravidanze a rischio come indice di crescita placentare e di vitalità del feto.
VALORI NORMALI:
fase pre-ovulatoria: 0,5-1 mg/24 h (1,5-3 μmol/urine delle 24 h)

fase luteinica: <5 mg/24 h (15 μmol/urine delle 24 h)
gravidanza >30 settimane: 15-80 mg/24 h (45-240 μmol/urine delle 24 h)
menopausa: 0,5-0,8 mg/24 h (1,5-2,4 μmol/urine delle 24 h)SIGNIFICATO DELLE ALTERAZIONI:
AUMENTO
- Assunzione di ACTH

– Cisti lutee
– Corionepitelioma
– Deficit di 11-β-idrossilasi
- Deficit di 17-β-idrossilasi
– Gravidanza
– Iperplasia adrenocorticale
– Neoplasie ovariche
– Ovulazione
- Pubertà precoce
 
DIMINUZIONE:
- Aborto o minaccia di aborto

– Amenorrea
– Assunzione di estroprogestinici
– Gestosi
– Insufficienza ovarica
– Morte intrauterina

Commenti Disabilitati

I Commenti sono disabilitati. Non è possibile scrivere commenti per questo articolo.