Ginecologia

Cistite batterica ricorrente

Hits: 54

CISTITE BATTERICA RICORRENTE
  1. Nelle p/ti con cistite ricorrente si dovrebbe effettuare una profilassi con lunghi intervalli tra una somministrazione e l’altra e con basse dosi di chemioterapici dotati di lunga emivita, dotati di attività anche sui batteri intestinali e che vengono eliminati per via urinaria in forma attiva. Farmaci in possesso di tali peculiari caratteristiche sono i chinolonici come la fosfomicina (Monuril® bustine 3 gr), la rufloxacina (Monos® cpr 200 mg), la pefloxaciclina (Peflox® cpr 400 mg) e la levofloxacina (Tavanic® cpr 500 mg) ripetuti ad intervalli di 7 giorni per 3-4 volte. La fosfomicina sembra essere il farmaco dotato di minore farmaco-resistenza, mentre i fluorochinolonici sembrano i più adatti a sterilizzare la flora batterica intestinale dai germi maggiormente responsabili delle cistiti ricorrenti. 
  2.  Prebiotici (oligosaccaridi), probiotic(lattobacilli) ed estratti di cranberry (mirtillo rosso di palude) contribuiscono ad un riequilibrio della flora batterica intestinale senza pericolo di effetti collaterali e farmaco-resistenza. (Vaccinium macrocarpon Aiton) ricco di proantocianidine (polifenoli, flavonoidi, antiossidanti) di tipo A. Inoltre il mirtillo rosso svolge direttamente un’azione protettiva antibatterica legando a sè i batteri, grazie  alla generosa presenza di mannosio nella sua struttura, e quindi impedendone l’adesione alla parete vescicale; i batteri vengono perciò eliminati con le urine senza dar loro la possibilità di provocare danni. La capacità del cranberry di diminuire il pH urinario contribuisce alle difese antibatteriche vescicali (6-10).

Prebiotici,  probiotici, mannosio

  Peacist® 600 stick orosolubili (palmitoiletanolamide (PEA), artepillina, cranberry e D-mannosio). Il PEA è un amide dell’acido palmitico. Prende il nome dal fatto che si trova nell’olio di palma, ma la troviamo anche in latte e latticini, nei semi di soia, nelle arachidi ed in moltissimi altri alimenti. Viene sintetizzato in quasi tutti i tessuti dell’organismo umano ma in particolare nel tessuto cerebrale. Il  meccanismo d’azione del PEA  fu scoperto da Rita Levi Montalcini nel 1993. Non solo agisce con meccanismo simile agli anti-infiammatori non steroidei (FANS), ma anche attraverso la riduzione del rilascio dei mediatori infiammatori da parte dei mastociti, monociti e macrofagi. A differenza dei FANS, la PEA preserva l’effetto analgesico e antinfiammatorio anche in caso di dolore cronico e/o neuropatico. La PEA inoltre esercita un effetto endocannabinoide indiretto.

I  livelli di PEA sono fortemente aumentati in :

  • patologie neurologiche come la neuropatia diabetica, emicrania cronica e sclerosi multipla;
  • a livello cutaneo nei casi di dermatite atopica o dopo l’esposizione a sostanze irritanti;
  • nel duodeno di pazienti celiaci;
  • nel colon di soggetti affetti da colite ulcerosa.

Esistono casi in cui i livelli di PEA si abbassano dai livelli normali di un fattore fino a 1000 volte inferiore. E ciò è evidenziato nel liquido sinoviale delle articolazioni dei pazienti con artrosi o artrite reumatoide.

Serilact® bustine: fermenti lattici vivi + inulina + FOS (frutto-oligosaccaridi a catena corta) + zinco

– Utibis® bustine: D-mannosio + Ibisco + fermenti lattici vivi (L. plantarum) 

– Mannocist-D® bustine (D-Mannosio): il mannosio è un monosaccaride estratto dal legno di larice o betulla. E’ assorbito a livello intestinale ed escreto,  immutato, dal rene. A livello vescicale si lega alla parete  dei batteri ed in tal modo inibisce l’adesione  dei batteri alla parete vescicale. Posologia nella  fase acuta:  1 bustina al mattino e 1 a metà pomeriggio, a stomaco e vescica vuoti per i primi 3 giorni; fase di mantenimento: 1 bustina tutte le mattine, a stomaco e vescica vuoti, fino a totale scomparsa dei sintomi. La somministrazione anche prolungata non ha prodotto effetti tossici.

GAG (GlucosAmninoGlicani): le cellule delle pareti vescicali sono ricoperte da GAG , proteine che rendono le pareti vescicali impermeabili ai batteri e all’acidità delle urine. Le cistiti ricorrenti distruggono le GAG che perciò devono essere ripristinate in caso di cistite prolungate o ripetute. Dymann daily cpr.

Probiotici

– Dicoflor®, Flortec® bustine  (lattobactocianidine di tipo Ailli)

– Flortec bustine

 Un’idratazione abbondante (>2 litri/die di acqua oligominerale non gasata) è sempre da consigliare. 

Cranberry: 

  • Nocist bustine
  • Cys-control bustine (Cranberry + fermenti lattici)
  • Cys-control urto® caps
  • Lenicyst retard ®cpr
  • Cistexx® cps (cranberry + uva ursina + lattobacillo acidofilo)
  • Cranberry Cyst Pocket Drink (Cranberry + Verga d’oro + tè verde + uva ursina): 16 pocket drink da 20 ml


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...