Oncologia

Topotecan (Topotecan TEVA®, Hymcamtin®)

Hits: 98

Hycamtin®  è un farmaco antineoplastico che contiene il principio attivo topotecan facente parte della classe delle camptotecine (farmaci estratti dalla corteccia della Camptotheca acuminata).  È disponibile sotto forma di polvere per la preparazione di una soluzione per infusione endovenosa a goccia lenta sotto forma di capsule (bianca: 0,25 mg; rosa: 1 mg).

Il topotecan, è un farmaco antitumorale appartenente al gruppo degli “inibitori topoisomerasici”. Esso blocca un enzima denominato topoisomerasi I, che è coinvolto nella duplicazione del DNA. La mancata replicazione del DNA induce la cellula tumorale alla morte per apoptosi.

La principale indicazione del topotecano resta la terapia del carcinoma ovarico in fase avanzata resistente al cisplatino e carboplatino.  Se il farmaco è assunto in monoterapia, per la cura del cancro ovarico, è somministrato per infusione endovenosa lenta (30 minuti) ogni giorno per 5 giorni per 3 cicli con intervalli di tre settimane. 

È indicato inoltre come terapia unica per il trattamento dei pazienti affetti da:

  1. carcinoma ovarico metastatizzato dopo l’esito negativo di almeno un altro trattamento;
  2. carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC o microcitoma) recidivante quando non è consigliato un ulteriore trattamento con il regime terapeutico originale.

Viene inoltre utilizzato in combinazione con cisplatino nel trattamento di pazienti affette da carcinoma della cervice uterina, in caso di recidive dopo la radioterapia o nel caso in cui la malattia sia a uno stadio avanzato. Se il farmaco viene utilizzato in associazione con cisplatino nel carcinoma cervicale, Hycamtin viene somministrato sotto forma d’infusione nei giorni 1, 2 e 3 (con cisplatino nel giorno 1). Questo schema di trattamento è ripetuto ogni 21 giorni per sei cicli.  

Il trattamento con Hycamtin deve essere somministrato esclusivamente sotto la direzione di un medico esperto nell’uso della chemioterapia. Le infusioni devono essere effettuate in un reparto oncologico specializzato. Prima del trattamento è necessario effettuare un emocromo; nel caso in cui il livello di globuli bianchi sia particolarmente basso, si può procedere a un aggiustamento della dose o alla somministrazione di altri farmaci ai pazienti. 

Nel carcinoma ovarico, l’efficacia di Hycamtin è stata dimostrata, con una percentuale complessiva di risposta del 16%. Rispetto alla sola terapia sintomatica di controllo, Hycamtin ha prolungato la sopravvivenza dei pazienti di 12 settimane ed è risultato efficace tanto quanto le combinazioni chemioterapiche standard. Hycamtin somministrato sotto forma di capsule è stato efficace come Hycamtin somministrato sotto forma di infusione. 

Nel carcinoma della cervice uterina, la sopravvivenza media delle pazienti trattate con Hycamtin in combinazione con cisplatino è stata di 9,4 mesi rispetto ai 6,5 mesi delle pazienti a cui era stato somministrato solo cisplatino.

Gli effetti indesiderati più comuni riscontrati con l’assunzione di Hycamtin sono neutropenia,  febbre, trombocitopeniaanemialeucopenianauseavomito, diarrea (si manifesta dopo 24-72 ore ed è trattabile con atropina), stipsi, dolore addominale, mucosite, alopecia, anoressia, astenia e facile affaticamento. La neutropenia, come effetto indesiderato di Hycantin, può causare coliti neutropeniche che causano gravi dolori addominali, febbre e forse diarrea, e può rendere necessario il ricorso a cure ospedaliere. 

Hycamtin non deve essere somministrato a persone ipersensibili a topotecan o a una qualsiasi delle altre sostanze. Non somministrare in pazienti con insufficienza renale (il farmaco è escreto per via renale),  in allattamento e a pazienti che presentano grave depressione midollare prima dell’inizio del trattamento.

Il 12 novembre 1996 la Commissione europea ha rilasciato alla SmithKline Beecham un’autorizzazione all’immissione in commercio per Hycamtin, valida in tutta l’Unione Europea. L’autorizzazione all’immissione in commercio è stata rinnovata il 12 novembre 2001 e il 12 novembre 2006.

References

  1. Brunton, Lazo, Parker, Goodman & Gilman – Le basi farmacologiche della terapia 11/ed, McGraw Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3911-1.
  2. Bertram G. Katzung, Farmacologia generale e clinica, Padova, Piccin, 2006, ISBN 88-299-1804-0.
  3. British National Formulary, Guida all’uso dei farmaci 4 edizione, Lavis, Agenzia Italiana del Farmaco, 2007.
  4. O’Brien MER, Ciuleanu T, Tsekov H, et. al. An open-label, multicenter, randomized, phase III comparator study of supportive care alone or in combination with oral topotecan in patients with relapsed resistant small-cell lung cancer. In press.
  5. Maghfoor I. Lung cancer. www.emedicine.com. Accessed 10/6/05.
  6. National Cancer Institute. www.cancer.gov. Accessed 11/8/05
  7. Jemal A, Murray T, Samuels A, et al. Cancer statistics. CA Cancer J Clin 2003 ; 53 : 5-26.
  8. Janssen-Heijnen ML, Coebergh JW. The changing epidemiology of lung cancer in Europe. Lung Cancer 2003; 41: 245-58.
  9. von Pawell J. Topotecan versus cyclophosphamide, doxorubicin, and vincristine for the treatment of recurrent small-cell lung cancer. J Clin Oncol. 1999 Feb;17(2):658-67

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...