PMA

Fern test e Spinnbarkeit

Hits: 17

L’same della cervice uterina e del muco cervicale sono esami semplici, non invasivi, economici e incontrano la compliance della paziente sempre più stressata da un’infinità di farmaci ed esami.  

L’insieme dell’esame della cervice e muco fornisce i dati per l’indice di Insler.

Cervical score secondo Insler: letteralmente punteggio cervicale, viene fatto derivare  da

  1. La quantità del muco cervicale, valutata empiricamente ed espressa in numeri da 0 a 3.
  2. grado di beanza dell’orificio uterino esterno
  3. Fern-test: Una semplice cannula di polietilene con mandrino, detto “aspiglaire”, aspira il muco cervicale e lo deposita su un vetrino dove viene strisciato, fatto essiccare all’aria ed osservato al M.O.. In fase pre-ovulatoria e con buoni livelli di estradiolo si osservano delle formazioni “a foglia di felce” da cui il nome “fern-test” e dovute alla cristallizzazione dei sali di NaCl contenuti nel muco. La complessità delle ramificazioni, 1-2-3-4° tipo,  è direttamente correlata con i livelli sierici di estrogeni.
  4. SPINNBARKEIT (grado di filanza):  è un termine di reologia biomedica che si riferisce alla proprietà filamentosa o elastica trovata a vari livelli in muco, saliva, albume e fluidi viscoelastici simili. Il muco cervicale viene stirato all’esterno con una bacchetta di polietilene fino a chè non si rompe; il grado di filanza viene espresso in cm. Nella fase immediatamente pre-ovulatoria, sotto lo stimolo degli estrogeni, il muco cervicale diventa abbondante, trasparente e filante. Lo sperma può sopravvivere in questo muco fino a 72 ore.  In questo periodo lo spinnbarkeit raggiunge la lunghezza di 10-13 cm. Dopo l’ovulazione, il carattere del muco cervicale cambia e sotto l’influenza del progesterone diventa denso, scarso e appiccicoso. Lo sperma in genere non riesce a penetrarlo.

Punteggio cervicale sec. Insler0-3:  insufficiente maturazione follicolare; 10-12:  maturazione ottimale. 

La presenza di polvere o di particelle varie sul vetrino può impedire il fenomeno della cristallizzazione. La persistenza della cristallizzazione nella seconda metà del ciclo può essere dovuta a mancanza di ovulazione o a deficit del corpo luteo

References:

  1. Clift AF (novembre 1945). “Osservazioni su alcune proprietà reologiche della secrezione cervicale umana” . Proc R Soc Med . 39 (1): 1–9. 
  2. Lai SK, Wang YY, Wirtz D, Hanes J (27/02/2009). “Micro e macrorheologia del muco” . Adv Drug Deliv Rev . 61 (2): 86–100. 
  3. Trindade SH; de Mello JF Jr; Mion Ode G; Lorenzi-Filho G; Macchione M; Guimarães ET; Saldiva PH. (Settembre-ottobre 2007). “Metodi per studiare il trasporto mucociliare” . Braz J Otorhinolaryngol . 73 (5): 704-12.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...