temperatura basale Archivio

Contraccezione

Contraccezione

Appartiene alla civiltà egizia il più antico documento medico che accenna con chiarezza a metodi contraccettivi: è il papiro di Ebers  (1500 a. C.) in cui si consiglia l’impiego di un tampone vaginale di foglie di acacia, pasta di datteri e miele.

Esporsi ai venti del sud era considerato un rimedio contraccettivo dai Greci perché le donne del sud della Grecia erano meno fertili delle altre donne greche.

Il metodo più originale è certamente quello adottato dalle matrone romane (sec. Giovenale e Marziale): fare sesso con schiavi eunuchi.

Nel 1930  i vescovi anglicani approvano l’uso limitato del controllo delle nascite suscitando l’anatema di Papa Pio XI.

Nel 1952  John Roch in collaborazione con Pincus inizia la prima sperimentazione di un preparato ormonale contraccettivo su 50 donne nel Massachusetts.

Nel1961: Bayer Schering Pharma immette in commercio  Anovlar®, la prima pillola anticoncezionale in Europa.

 

 

  INDICE
  INTRODUZIONE pag. 3

Metodi naturali

Ogino-Knaus pag. 4
Termico (temperatura basale)
Billings (muco cervicale)

Metodi meccanici

Condom pag. 5
IUD pag. 6
Diaframma pag. 7

Metodi chimici

Creme, candelette, spray spermicidi pag. 8

Contraccettivi ormonali

Cerotti pag. 9
Pillola combinata pag. 10
Pillola sequenziale pag. 11
Minipillola pag. 12
Pillola pre-coitale pag. 13
Pillola post-coitale pag. 14
Preparati iniettabili long-acting pag. 15
Anelli vaginali medicati   (Nuvaring) pag. 16
Impianti sottocutanei pag. 17