linfociti “attivati” o “virociti” o “cellule di Dawney”) Archivio

Gravidanza

mononucleosi in gravidanza

Mononucleosi infettiva: malattia infettiva molto diffusa (90% dell’intera popolazione mondiale) causata da un virus della famiglia degli herpes virus denominato Epstein-Barr  Virus (EBV) dal nome del ricercatore che per primo lo isolò nel 1964.  Colpisce soprattutto la prima infanzia e gli adolescenti. Si trasmette principalmente attraverso le goccioline di Flügge della saliva e attraverso i baci e perciò è detta “malattia dei baci”. Sembra coinvolta nella patogenesi del linfoma di Burkitt, molto frequente nell’area africana. In gravidanza l’infezione fetale è rara e si trasmette attraverso la placenta o le vie del parto. Il pericolo maggiore di embriopatia è nel 1° trimestre.