diabete Archivio

Endocrinologia

SHBG, Sex Hormone Binding Globulin

SHBG – acronimo di Sex Hormone Binding Globulin - sono glicoproteine plasmatiche deputate al trasporto degli ormoni sessuali nel sangue. Si legano gli ormoni sessuali ed in particolare il testosterone e l’estradiolo. Piccole quantità di T e E2 viaggiano in circolo legati all’albumina ed una parte ancor più piccola, si trova invece libera e come tale – a differenza delle altre – rappresenta la frazione biologicamente attiva,  biodisponibile. La quota ormonale legata alle SHBG rappresenta  una sorta di riserva momentaneamente inattiva mentre la frazione associata all’albumina, in virtù della debolezza del legame che l’unisce, è considerata biodisponibile (al pari di quella libera). Perciò la biodisponibilità degli ormoni sessuali è influenzata dalle concentrazioni di SHBG (1-7).
Altri ormoni steroidei come il progesterone, il cortisolo, e altri ormoni corticosteroidi sono legati dalla transcortina (8).

Le SHBG sono prodotte principalmente dal fegato e vengono successivamente immesse in circolo. Le SHBG sono inoltre prodotte da altri organi tra cui il cervello, l’utero, i testicoli, e la placenta. Le SHGB prodotte dai testicoli vengono anche chiamate proteine leganti gli androgeni. Il gene per la SHBG si trova sul cromosoma 17 (9-12).

Condizioni caratterizzate da elevate concentrazioni di SHBG  includono  la gravidanza, l’ipertiroidismo e l’anoressia nervosa (13-15).

Basse concentrazioni plasmatiche di SHBG si riscontrano in sindrome dell’ovaio policistico, diabete, iperinsulinemia  e ipotiroidismo. Recenti evidenze, comunque, suggeriscono come la produzione epatica di grassi (lipogenesi indotta da una dieta particolarmente ricca di zuccheri e calorie), rappresenti il più importante fattore inibitorio sulla sintesi di SHBG. Infatti le concentrazioni sieriche di SHBG sono inversamente correlate al peso della paziente e migliorano in caso di normalizzazione del BMI (16-29),

Bibliografia:

  1. Hammond GL, Bocchinfuso WP, Sex hormone-binding globulin: gene organization and structure/function analyses, in Horm. Res., vol. 45, 3–5, 1996, pp. 197–201, DOI:10.1159/000184787PMID 8964583.
  2. Clinical utility of sex hormone-binding globulin measurement. Pugeat M, Crave JC, Tourniaire J, Forest MG.Horm Res. 1996; 45(3-5):148-55.
  3. Sex hormone-binding globulin and male sexual development. Damassa DA, Cates JM.Neurosci Biobehav Rev. 1995 Summer; 19(2):165-75.
  4. Rosner W, Hryb DJ, Khan MS, et al., Sex hormone-binding globulin mediates steroid hormone signal transduction at the plasma membrane, in J. Steroid Biochem. Mol. Biol., vol. 69, 1–6, 1999, pp. 481–5, DOI:10.1016/S0960-0760(99)00070-9PMID 10419028.
  5. Power SG, Bocchinfuso WP, Pallesen M, et al., Molecular analyses of a human sex hormone-binding globulin variant: evidence for an additional carbohydrate chain, in J. Clin. Endocrinol. Metab., vol. 75, nº 4, 1992, pp. 1066–70, DOI:10.1210/jc.75.4.1066PMID 1400872.
  6. Bérubé D, Séralini GE, Gagné R, Hammond GL, Localization of the human sex hormone-binding globulin gene (SHBG) to the short arm of chromosome 17 (17p12—-p13), in Cytogenet. Cell Genet., vol. 54, 1–2, 1991, pp. 65–7, DOI:10.1159/000132958PMID 2249477.
  7. Gershagen S, Lundwall A, Fernlund P, Characterization of the human sex hormone binding globulin (SHBG) gene and demonstration of two transcripts in both liver and testis, in Nucleic Acids Res., vol. 17, nº 22, 1990, pp. 9245–58, DOI:10.1093/nar/17.22.9245PMC 335128PMID 2587256.
  8. Hammond GL, Underhill DA, Rykse HM, Smith CL, The human sex hormone-binding globulin gene contains exons for androgen-binding protein and two other testicular messenger RNAs, in Mol. Endocrinol., vol. 3, nº 11, 1990, pp. 1869–76, DOI:10.1210/mend-3-11-1869PMID 2608061.
  9. Que BG, Petra PH, Characterization of a cDNA coding for sex steroid-binding protein of human plasma, in FEBS Lett., vol. 219, nº 2, 1987, pp. 405–9, DOI:10.1016/0014-5793(87)80261-2PMID 2956125.
  10. Gershagen S, Fernlund P, Lundwall A, A cDNA coding for human sex hormone binding globulin. Homology to vitamin K-dependent protein S, in FEBS Lett., vol. 220, nº 1, 1987, pp. 129–35, DOI:10.1016/0014-5793(87)80890-6PMID 2956126.
  11. Walsh KA, Titani K, Takio K, et al., Amino acid sequence of the sex steroid binding protein of human blood plasma, in Biochemistry, vol. 25, nº 23, 1987, pp. 7584–90, DOI:10.1021/bi00371a048PMID 3542030.
  12. Hammond GL, Underhill DA, Smith CL, et al., The cDNA-deduced primary structure of human sex hormone-binding globulin and location of its steroid-binding domain, in FEBS Lett., vol. 215, nº 1, 1987, pp. 100–4, DOI:10.1016/0014-5793(87)80121-7PMID 3569533.
  13. Hammond GL, Robinson PA, Sugino H, et al., Physicochemical characteristics of human sex hormone binding globulin: evidence for two identical subunits, in J. Steroid Biochem., vol. 24, nº 4, 1986, pp. 815–24, DOI:10.1016/0022-4731(86)90442-5PMID 3702459.
  14. Hardy DO, Cariño C, Catterall JF, Larrea F, Molecular characterization of a genetic variant of the steroid hormone-binding globulin gene in heterozygous subjects, in J. Clin. Endocrinol. Metab., vol. 80, nº 4, 1995, pp. 1253–6, DOI:10.1210/jc.80.4.1253PMID 7714097.
  15. Cargill M, Altshuler D, Ireland J, et al., Characterization of single-nucleotide polymorphisms in coding regions of human genes, in Nat. Genet., vol. 22, nº 3, 1999, pp. 231–8, DOI:10.1038/10290PMID 10391209.
  16. The relationship between sex steroids and sex-hormone-binding globulin in plasma in physiological and pathological conditions.
    Cunningham SK, Loughlin T, Culliton M, McKenna TJ.Ann Clin Biochem. 1985 Sep; 22 ( Pt 5):489-97.
  17. Grishkovskaya I, Avvakumov GV, Sklenar G, et al.Crystal structure of human sex hormone-binding globulin: steroid transport by a laminin G-like domain, in EMBO J., vol. 19, nº 4, 2000, pp. 504–12, DOI:10.1093/emboj/19.4.504PMC 305588PMID 10675319.
  18. Hogeveen KN, Talikka M, Hammond GL, Human sex hormone-binding globulin promoter activity is influenced by a (TAAAA)n repeat element within an Alu sequence, in J. Biol. Chem., vol. 276, nº 39, 2001, pp. 36383–90, DOI:10.1074/jbc.M104681200PMID 11473114.
  19. Hryb DJ, Nakhla AM, Kahn SM, et al., Sex hormone-binding globulin in the human prostate is locally synthesized and may act as an autocrine/paracrine effector, in J. Biol. Chem., vol. 277, nº 29, 2002, pp. 26618–22, DOI:10.1074/jbc.M202495200PMID 12015315.
  20. Raineri M, Catalano MG, Hammond GL, et al., O-Glycosylation of human sex hormone-binding globulin is essential for inhibition of estradiol-induced MCF-7 breast cancer cell proliferation, in Mol. Cell. Endocrinol., vol. 189, 1–2, 2002, pp. 135–43, DOI:10.1016/S0303-7207(01)00725-0PMID 12039072.
  21. Grishkovskaya I, Avvakumov GV, Hammond GL, Muller YA, Resolution of a disordered region at the entrance of the human sex hormone-binding globulin steroid-binding site, in J. Mol. Biol., vol. 318, nº 3, 2002, pp. 621–6, DOI:10.1016/S0022-2836(02)00169-9PMID 12054810.
  22. Thompson DJ, Healey CS, Baynes C, Kalmyrzaev B, et al.Identification of common variants in the SHBG gene affecting sex hormone binding globulin levels and breast cancer risk in postmenopausal women, in Cancer Epidemiol Biomarkers Prev., vol. 17, nº 12, 2008, pp. 3490–8, DOI:10.1158/1055-9965.EPI-08-0734PMC 2660245PMID 19064566.
  23. Relations between sex hormones, sex hormone binding globulin, insulin-like growth factor-I and insulin-like growth factor binding protein-1 in post-menopausal breast cancer patients.
    Lønning PE, Helle SI, Johannessen DC, Adlercreutz H, Lien EA, Tally M, Ekse D, Fotsis T, Anker GB, Hall K.Clin Endocrinol (Oxf). 1995 Jan; 42(1):23-30.
  24. Selva DM, Hogeveen KN, Innis SM, Hammond GL (2007). “Monosaccharide-induced lipogenesis regulates the human hepatic sex hormone-binding globulin gene”. J. Clin. Invest. 117 (12): 3979-87. doi:10.1172/JCI32249. PMID 17992261
  25. Influence of some biological indexes on sex hormone-binding globulin and androgen levels in aging or obese males. Vermeulen A, Kaufman JM, Giagulli VA.J Clin Endocrinol Metab. 1996 May; 81(5):1821-6.
  26. Longcope C et al: Diet and Sex Hormone-Binding Globulin J Clin Endocrinol Metab (2000) 85 (1): 293-296.
  27. Franks S, Kiddy DS, Hamilton-Fairley D Bush A, Sharp PS. Reed MJ. The role of nutrition and insulin in the regulation of sex hormone binding globulin.J Steroid Biochem Mol Biol 1991;39:835–838.
  28. Reed MJ et al: Dietary lipids: an additional regulator of plasma levels of sex hormone binding globulin. J Clin Endocrinol Metab 1987;64:1083–1085

    .

  29. Belanger A, Locong A, Noel C , et al. Influence of diet on plasma steroid and sex plasma binding globulin levels in adult men. J Steroid Biochem 1989;32:829–833
    .
Endocrinologia, Gravidanza

HPL (Human Placental Lactogen)

HPL (Human Placental Lactogen): ormone glicoproteico, descritto per la prima volta nel 1963, e chiamato somatomammotropina corionica (HCS), composto da 191 aminoacidi, prodotto quasi esclusivamente dal sincizio-trofoblasto. HPL geneticamente apppartiene ad una ristretta famiglia di ormoni polipeptici omologhi, (hanno un’omologia di sequenza aminoacidica dell’85% mentre i corrispondenti RNA messaggeri mostrano omologia di sequenza nucleotidica >90%), che include   l’ormone della crescita (GH) e la prolattina. prodotti questi due ultimi, dall’adenoipofisi (1-4).  Oltre ad avere geni in comune, questi  tre ormoni hanno in comune il precursore. Il locus genico per la sintesi dell’HPL è localizzato sul braccio q (braccio lungo) del cromosoma 17 rispettivamente nella regione 17q22-24q. Il numero di alterazioni di tali geni si riflettono sul deficit della produzione di HPL (5-7).  Oltre che dall’integrità genica, la quantità di HPL prodotta è correlata alla massa di trofoblasto attivo, sede di sintesi dell’HPL, e all’irrorazione ottimale della placenta (8-10).   

L’HPL esercita un importante ruolo nel metabolismo glicidico, lipidico e proteico materno e fetale: stimola la sintesi di glicogeno, il trasporto di aminoacidi, la sintesi di DNA, la produzione di insulin-like growth factor (IGF) nei tessuti fetali e quindi è direttamente interessato nella crescita fetaleA digiuno esplica un effetto diabetogeno (neo-glucogenesi) ed esalta la lipolisi. Dopo i pasti esalta l’azione dell’insulina e inibisce la lipolisi e la neoglucogenesi. Queste azioni combinate permettono di aumentare la disponibilità dei glicidi per le esigenze del feto sia aumentandone la concentrazione e l’assimilabilità in caso di abbondanza sia creando la disponibilità di acidi grassi che vengono utilizzati dalla madre come fonte di energia risparmiando il consumo dei glicidi che restano a disposizione del feto (11-16).

L’HPL è dotato anche di azione anabolizzante favorendo la sintesi proteica come il GH ma in misura 100 volte inferiore. Stimola lo sviluppo e la crescita del tessuto mammario.

In gravidanza induce la proliferazione differenziazione delle cellule della ghiandola mammaria (11-14). Studi recenti hanno dimostrato che l’HPL, pur essendo importante, non è indispensabile per il proseguimento della gravidanza, come dimostrato in casi di delezione genica (15). L’ormone lattogeno placentare si lega al recettore del GH e/o della PRL, ma sembra, inoltre, legare un suo specifico recettore (16-19).

È rilevabile nel sangue materno dalla 6a settimana di gravidanza; trascurabili sono  le concentrazioni nel sangue fetale, nelle urine materne e nel liquido amniotico. La concentrazione sierica materna aumenta in correlazione all’età gestazionale raggiungendo i massimi livelli  a termine di gravidanza (5–7 µg/ml) ed è correlato all’aumento di peso della placenta (17). La concentrazione di HPL decade molto velocemente dopo il parto. Livelli alti di HPL si possono riscontrare nel caso di diabete mellito, eritroblastosi (30), gravidanze gemellari.

Il dosaggio seriale, e non il dato singolo,  dell’HPL a termine di gravidanza permette di monitorare il benessere feto-placentare. in associazione al monitoraggio ecografico e cardiotocografico. Una produzione di HPL <10% prevede una prognosi fetale infausta (“Fetal Danger Zone” di Spellancy) (18-21).  Essendo l’emivita dell’HPL di soli 15 minuti, le sue variazioni esprimono immediatamente situazioni placentari di emergenza, anche in assenza di evidenza clinica,  e perciò attualmente si dà scarsa importanza ad un unico valore in assoluto dell’HPL mentre il suo monitoraggio seriale può ancora essere di aiuto in casi sospetti e non ben definiti da altre indagini (22,26). L’HPL non presenza variazioni nicturali nè in rapporto a sonno/veglia, nè in rapporto con le contrazioni uterine (27-30).

References:

  1.  William H. Walker, Susan L. Fitzpatrick, Hugo A. Barrera-Saldaña, Diana Resendez-Perez, Grady F. Saunders: The Human Placental Lactogen Genes: Structure, Function, Evolution and Transcriptional Regulation. Endocr Rev (1991) 12 (4): 316-328.
  2. Vezzani, S., De Vincentis, S., Simoni, M. et al.  La leptina nella fisiologia e patologia della funzione riproduttiva femminile.  L’Endocrinologo (2015) 16: 219.
  3. Forsyth IA. Comparative aspects of placental lactogens: structure and function. Exp Clin Endocrinol. 1994; 102: 244-51.
  4. Barrera-Saldana HA, Seeburg PH and GF Saunders. Two structurally different genes produce the same secreted human placental lactogen hormone. J. Biol. Chem. 1983; 258: 3787-3793.
  5. Josimovich JB, Atwood BL, Goss DA (October 1963). “Luteotrophic, Immunologic and Electrophoretic Properties of Human Placental Lactogen”. Endocrinology73: 410–20.
  6. Guyton and Hall  (2005). Textbook of Medical Physiology (11 ed.). Philadelphia: Saunders. p. 1033. ISBN 81-8147-920-3.
  7. PAUL A. KELLY, HAMISH A. ROBERTSON & HENRY G. FRIESEN Temporal pattern of placental lactogen and progesterone secretion in sheep Nature 248, 435 – 437 (29 March 1974);
  8. Beck T., Schweikhart G, Stolz E.:  Immunohistochemical location of HPL, SP1 and β-HCG in normal placentas of varying gestational age. Arch. Gynecol. (1986) 239: 63. doi:10.1007/BF02133965
  9. Lacroix M, Guibourdenche J, et al: Placental growth hormones. Endocrine 2002;19,1:73-79.
  10. Hull, K. L. and Harvey, S. (2001). J. Endocrinol. 168, 1–23.
  11. Lacroix, M. C., Bolifraud, P., Durieux, D., Pauloin, A., Vidaud, M., and Kann, G. (2002). Biol. Reprod. 66, 555–561.
  12. Melen, L., Hennen, G., Dullaart, R. P., Heinen, E., and Igout, A. (2001). Clin. Endocrinol. 53, 645–647.
  13. Frendo, J. L., Vidaud, M., Guibourdenche, J., Luton, D., Muller, F., Bellet, D., Giovagrandi, Y., Tarrade, A., Porquet, D., Blot, P., and Evain-Brion, D. (2000). J. Clin. Endocrinol. Metab. 85, 3700–3707.
  14. Lacroix, M. C., Guibourdenche, J., Frendo, J. L., Muller, F., and Evain-Brion, D. (2002). Placenta 23(Suppl. A), S87-S94.
  15. Chellakooty, M., Skibsted, L., Juul, A., Petersen, J. H., Main, K. M., Andersson, A. M., Skouby, S., and Sakkebaek, N. E. (2000). Horm. Res. 53(Suppl. 2), 24.
  16. Serby M.J., Barta A., Baxter J.D., Bell G.I. and Eberhardt N.L.. Analysis of a Maior Human Chorionic Somatomammotropin Gene J. Mol. Biol. Chem. 1984; 259 No. 21, 13131-13138.
  17. Neville M. C., McFadden T. B., and Forsyth I.. Hormonal Regulation of Mammary Differentiation and Milk Secretion. J. of Mammary Gland Biology and Neoplasia, 2002; 7, No. 1
  18. Coutant, R., Boux de Casson, F., Douay, O., Mathieu, E., Rouleau, S., Beringue, F., Gillard, P., Limal, J. M., and Descamps, P. (2001). J. Clin. Endocrinol. Metab. 86, 4854–4859.
  19. Massin, N., Frendo, J. L., Guibourdenche, J., Luton, D., Giovangrandi, Y., Muller, F., Vidaud, M., and Evain-Brion, D. (2001). Placenta 22, S93-S97.
  20. Niall H. D., Hogan M.L., Sauer R., Rosenblum I.Y., Greenwood F. C.. Sequences of pituitary and placental lactogenic and growth hormone: evolution from a primordial peptide by gene reduplication. Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A. 1971; 68, 866.
  21. Boime I, McWilliams D, Szczesna E, Camel M: Synthesis of human placental lactogen messenger RNA as a function of gestation. J Biol Chemistry1976;251,10:820-825. February 10, 1976
  22. Badri N. Saxena, Kendall Emerson, Jr., and Herbert A. Selenkow,: Serum Placental Lactogen (HPL) Levels as an Index of Placental Function.  N Engl J Med 1969; 281:225-23
  23. Guibourdenche J, Porquet D, Evain-Brion D: Hormones placentaires et croissance fœtale. Gynécologie Obstétrique & Fertilité Volume 29, Issues 7–8, July–August 2001, Pages 532–533
  24. Owerbach D., Rutter W.J., Martial J.A., Baxter J.D., Shows T.B. Genes for growth hormone, chorionic somatomammotropin, and growth hormones-like gene on chromosome 17 in humans. Science; 1980; 209 (4453); 289-92.
  25. Freemark M, Comer M, Korner G and S Handwerger. A unique placental lactogen receptor: implications for fetal growth. Endocrinology. 1987; 120: 1865-1872.
  26. Freemark M. and Handwerger S. The role of placental lactogen in the regulation of fetal metabolism and growth. J. Pediatr. Gastroenterol Nutr. 1989; 8, 281-287.
  27. Handwerger S, Freemark M: The roles of placental growth hormone and placental lactogen in the regulation of human fetal growth and development. J Pediatric Endocrinol Metab 2000;13:343-356
  28. Walsh ST, Kossiakoff AA (May 2006). “Crystal structure and site 1 binding energetics of human placental lactogen”. J. Mol. Biol358 (3): 773–84.
  29. SINGER, W, DESJARDINS P, FRIESEN H G.: Human Placental Lactogen: An Index of Placental Function. Obstetrics & Gynecology: August 1970
  30. Potter EL, 1943: Universal edema of fetus unassociated with erythroblastosis. Am J Obstet Gynecol 46:130-134.
Gravidanza, Novità

Valore calorico degli alimenti

Il presente file è stato ideato per aiutare le donne, gravide e non, ad avere un’idea, anche se approssimativa, delle calorie introdotte con la comune alimentazione quotidiana e quindi prediligere gli alimenti più idonei fra quelli comunemente in commercio. Particolari benefici possono trarre le pazienti affette da diabete, sovrappeso, ipertensione arteriosa e anemia sideropenica.   

 NB.: i carboidrati e le proteine forniscono 4 calorie per ogni grammo, mentre un grammo di grassi fornisce 9 calorie).

Valore nutrizionale pesce (gr/100 gr)
carboidrati protidi lipidi Na (mg) Fe (mg) KCal
Salmone fresco 1 18 12 132 1 185
Sgombro 0.5 17 11 130 1.2 170
Alici (acciughe) fesche** 1,5 16 2,6 123 2.8 96
Sanpietro 1.2 16 1 57 2 16
Baccalà ammollato di merluzzo  0  21  1 300  2.3  95
Stoccafisso ammollato 1 20 0.9 50 0.6 92
Merluzzo fresco 0.1 16 0.3 ND ND 91
Caviale Beluga Osetra 000 3.3 27 15 2200 11 255

**Molto simile alle acciughe ma meno pregiata, l’alaccia viene spesso commercializzata come alice. Per scoprire l’inganno è sufficiente osservare il taglio della bocca che, mentre nelle acciughe si spinge oltre la base dell’orecchio, nell’alaccio non raggiunge l’occhio.

 

Valore nutrizionale latticini (100 gr/100 ml)
glicidi proteine lipidi Na (mg) Fe (mg) KCal
latte intero di vacca  4.7  3.5  3.27  50 0.1 61
latte parzialmente scremato 4.8 3.3 1.98  44 0.3 50
latte scremato 4.96 3.37 0.08  44 0.3 34
latte umano 6.89 1.03 4.38  52 0.1 70
tè (1 tazza = 200 gr) 0.3 0 0 3 0.02 1
camomilla (infuso) 0.2 0 0 1 0.08 1
mozzarella di bufala 3.3 15.7 18.3  137 0.2 240
Fiocchi di latte 3.6 12 2.5  290  0.3 99
Fior di latte  0.7  20  20  0.4 0.4 268
 Kefir di latte intero di vacca  3.5  3.3  3.3  50  0.05 64
 ricotta di vacca  3.5  8.8  10.9  78  0.4 146
caciotta romana di pecora 2.1  27.7  27.3  71  0.2 364
Philadelphia mousse 2.5 6.5 25 72  0.3 265
 Philadelphia Kraft (latte, panna e fermenti lattici)  3.1  6.2  27.5  73  0.1 280
 Philadelphia ligth 3 9.2 14 76  0.1 170
 Feta  4  14  21.2  77  0.4 250
 Formaggi freschi spalmabili di latte intero  4  6  27  73  0.2 244
Caciotta fresca di capra  2  23  28  67  0.3 268
 Scamorza  3  22  28  66  0.4 210
 Stracchino  4  26  30  64  0.3 300
 Sottilette  2.1  24.7  25  66 0.1 300
 Robiola  3  25  27  68  0.2 350
 Emmental  3.6  28  30  450  0.3 400
 Gorgonzola  2.34  21  28  600  0.3 360
 Provolone  2.14  25.5  26.6  860  0.5 370
 Parmigiano  0.2  35  28  600  0.7 375
Grana 3.3 35 26  700  0.1 390
 Asiago  0.5  23  32  550  0.3 378
 Belpaese  3  20  24  530  0.2 373
Taleggio  0.9  19  26  873  0.1 310
Olive nere da tavola 0.8 1.5 25 54 3.5 235
Olive verdi da tavola 1 0.8 15 ND 1.6 142
Olio di oliva (1 cucchiaio = 14 gr; 1 cucchiaino = 5 gr) 0 0 100** 2 1 884
Aceto di vino rosso**  0.05  0.1  0  0  0  30
Aceto di vino bianco 0 0.1 0 0 0 20
Aceto balsamico di Modena IGP 73 0 0 ND ND 164
Burro 0.06 0.8 81 714 0.1 717

**Olio di oliva: aminoacidi saturi 14%; insaturi 86%.

**L’aceto come il succo di limone è quasi totalmente scevro di calorie: per questo può essere usato per fare della vinaigrette con l’aggiunta di un po’ di pepe ed erbe aromatiche (timo, salvia, origano, rosmarino, dragoncello), e diventare così un ancor più prelibato condimento di verdure alla griglia e insalate.

Valori nutrizionali carni /100 gr
glicidi proteine lipidi Na (mg) Fe (mg) KCal
carne di manzo 0 21 6 41 1.3 140
carne di vitello 0 19 6 82 2.3 144
bresaola di manzo 0 32 2.5 1597 2.4 151
Prosciutto 0 26 22 5 1 246
Prosciutto cotto 0.9 20 14 648 0.7 215
maiale 0 20 10  56 1.4 170
arista di maiale 0 20 8 57 0.8  165
bistecca di maiale 0 21 8 56 0.8 157
braciola di maiale 0 16 21 45 0.7 202
salsiccia fresca di maiale 0.6 14 31 800 5 350
salame napoli 1.7 27 27 1700 1.7 400
trippa di manzo 0 12 4 98  0.5 85
Pancetta tesa 1 35 43  1016  0.4 450
lardo 0 1.7 95  2  0 870
tacchino 4.21 18 1.66 52 1.44 104
fesa di tacchino arrosto 0 24 1.2 52 0.8 107
cavallo 0.6 20 7  53 4 143
pollo 0 23 1  33 0.4 100
coniglio 0 21 6  67 1 135
uovo crudo di gallina 0.7 12 9 142 1.75 143
uovo sodo** 1 13 10 124 1 128
** Aumento della disponibilità di biotina (vit. H) per degradazione della proteina chelante avidina
Valore nutrizionale verdure/100 gr 
glicidi proteine lipidi fibre Na (mg) Fe (mg) KCal
finocchi 1 1.2 0,01  3.1 4 0.4 9
ravanello** 2.6 0.6 0.3  1.2 40 0.9 15
melanzane 2.6 1.7 1.4  2.6 26 0.3 18
melanzane grigliate 6 1 3 2 2 0.4 52
pomodori 2.8 1.2 0.2  2 3 0.4 10
sedano 2.9 0.6 0.1  1.6 80 0.2 16
melanzane sott’olio 6.8 5 10  2 26 0.3 123
fagiolini 2.4 2 0.1  2.9 2 0.9 18
friarelli o broccoletti** 3 3 0  3 ND 1.3 22
lattuga 3.29 1.23 0.3  1.5 9 0.8 17
zucca gialla 3.5 1 0.1  1 ND 0.9 18
rucola 3.9 2.6 0.3  0.9 ND 5.2 28
cavolfiore 2.3 2,4 2  2 14 ND 21
cavolfiore lesso 1.8 2.0 1.7  2.4 8 ND 16
zucchine 4.0 2.3 0.1 22 0.5 17
Asparagi crudi di serra 3.64 2.41 0.19 77 1 15
Peperoncini verdi 4.2 0.9 0.09 3 ND 18
Asparagi lessi 4.11 2.4 0.22 14 0.9 22
cipolla rossa di Tropea** 7 1 0.1 4 0.2 34
peperoni 5 0.98 0.22 3.5 0.45 27
patate 17 2 0,1 7 0.7 77
carote 7.6 1.2 0.2 95 1.5 35
carote lesse 8.22 0.76 0.18 58 0.34 35
spinaci 2.9 3.4 0.7 100 2.9 31
ceci lessi 13 7 2.3 311 1.8 417
fagioli** 62 21 1.5 5 5 341
fagioli borlotti lessi 24 9 0.4 1 2 136
ceci secchi 46 20 6 6 6 310
fave fresche crude 4.5 5.2 0.4 5 17 1.7 41
farro** 67 15 2.7 18 0.7 335
Patate 17.5 2 0.09 2 6 0.7 77
Patate fritte 30 3.9 6.7 2 12 0.8 190
Patate lesse 17 2 1 1.6 7 0.6 85
limone 2.3 0.6 0 2 0.1 11
 origano essiccato  69  9  4 15 44  265
capperi** 4.9 2.4 0.9 2964 1.4 23
aglio 33 6.3 0.5 4 2.4 149
pepe nero  (1 cucchiaino = 2 gr) 0 11 3.3 20  11  250

** le cipolle contengono glucochinina, un ormone vegetale dall’azione antidiabetica.

** ravanello: ortaggio  ricco di acqua e di potassio e povero di sodio, fattore che gli conferisce virtù diuretiche.  Consumato prima dei pasti, contribuisce ad alleviare il senso di fame.

**Capperi: contiene quercetina e  capparirutina con elevate proprietà antiossidanti, antinfiammatorie,  diuretiche ed antiartritiche

** fagioli: come tutti i legumi, i fagioli sono ricchi di lecitina, un fosfolipide che favorisce l’emulsione dei grassi, evitandone l’accumulo nel sangue (effetto ipocolesterolimizzante)

** farro: alto contenuto di selenio che contrasta i radicali liberi.

**friarelli o broccoletti: contengono calcio in percentuale superiore al latte

friarelli

Valore nutrizionale frutta/100 gr 
glicidi proteine lipidi fibre Na (mg) Fe (mg) KCal
Melone cantalupo 7.5 0.8 0.2  0.9 10 0.2 33
Anguria 3.5 0.4 0.1  0.7 3 0.2 16
Arance 7.8 0.7 0.2  1.6 3 0.2 34
Mandarancio 12 0.8 0.01  1.6 2 0.2 53
Mandarini 17 0.9 0.3  1.7 1 0.3 72
Castagne 45 2.5 2  8 3 1 213
Castagne lesse 26 2.5 1.3  9 2 0.9 120
Castagne arrostite 41 3.7 2.4  8.3 2 1.5 193
 Uva** 15  0.5  0.1  0.9  1  0.4  69
 Melograno**  15  0.5  0.2  ND  3  0.3  63
Pere** 15** 0.3 0.12  3.8 1 0.1 41
Mele annurche**  10  0.3  0.1  1.64  1  0.1  40
Mele golden, Fuji, Renetta, Mele verdi (Granny Smith)**   10  0.4  0.1  1.64  1  0.1  43
Avocado** 1.8 4.4 23 3.3 2 0.6 231
 Banane  15  1.2  0.3  1.8  1  0.8  65
 Loti (o Cachi)**  16  0.6  0.3  2.5  4  0.3  65
Fichi 19 0.7 0.3  2 90 2 74
Fichi secchi 58 3.5 2.7  3 87 3 256
Nocciole secche**  4.8  15  62  10  11  4.5  646
Nocciole tostate  17  15  65  8  11  4.6  646
Noci secche** 10 24 60 7 2 3 618
Arachidi tostate 8.5 29 50  9 6 3.5 598
Mandorle fresche 20 22 50  11 0.5 3.7 600

** L’uva è uno dei pochi alimenti a contenere boro elemento che favorisce la deposizione di calcio nelle ossa. L’uva rossa contiene quercetina, antiossidante, vasotonica  e antitumorale; la buccia di uva rossa contiene resveratrolo.

** Mele: proprietà anticolesterolo. antidiabetiche, antidiarroiche e diuretiche;  la maggior parte delle fibre e delle vitamine sono contenute nella buccia!

** banane e cachi: indice glicemico 50! Assolutamente sconsigliate per pz. diabetiche.

** noci e nocciole secche: ipercaloriche, ricche di vitamina A, acidi grassi insaturi, fitosteroli, oligoelementi.

**Cachi: contengono potassio (161-170 mg %) → spiccate proprietà diuretiche

** Melograni: contengono potassio  260 mg/100 gr

**Pere: sono ricchissime di fruttosio, uno zucchero a basso indice glicemico

**Avocado: alimento ipercalorico ma ricco di beta-carotene e glutatione, acidi grassi monoinsaturi (grassi buoni), antiossidanti e antidiabetici, oltre ad un contenuto di potassio superiore a quello delle banane.

Valore nutrizionale  cereali/100 gr
 glicidi  proteine  lipidi fibre Na (mg) Fe (mg)  KCal
Avena  72  8  7.5 8.3  ND  5.2  373
  Pane di grano duro  44  9.1 2.3  3 511 2  280
 Pane integrale  50  7.5  1.3  6 ND 2.5  224
 Pane di segale  68  16  2.5  6 ND 3 258
 Grissini  68  12  14  3.5 ND 2.3  431
 Pop-corn  77  12  4.2  15 4 2.7  376
 Cornflakes  87  6.6  0.8  3.8 1100 2.8  361
 Fette biscottate  82  11  6 3.5 ND 3.8  408
 Pasta  79  11  1.4  3.2 4 1.4  353
Farro** 67 15 2  6.9 18 0.7 335
Riso bianco** 80 6.7 0.4  0.5 5 0.8 332

** Farro: ottimo apporto di proteine e ferro e antiossidanti come il selenio

** Riso integrale: per i diabetici è consigliabile consumare il riso, come gli altri cereali, nella sua forma integrale; questo consente di ridurre notevolmente il picco glicemico riscontrabile dopo il consumo di ogni pasto. Le fibre contenute nel riso integrale, inoltre, nutrono i micororganismi probiotici della flora intestinale, i cui effetti benefici sul metabolismo degli zuccheri sono riscontrabili dal calo dei trigliceridi nel giro di sei o sette ore.

Valore nutrizionale bevande/100 cc
glicidi proteine lipidi  Na  Fe  KCal
Coca-cola 10 0.01 0.01 4 0.11 37
Coca-cola light  0.2  0  0  2  0.2 0.1
chinotto  13  0  0  0.2  0 52
birra chiara 3.5 0.2 0 10 0 34
tè (1 tazza = 200 cc) 0.3 0 0 3 0.01 1
 caffè amaro 1 tazzina  0.1  0.1  0.1  0.1  0.1  2
 zucchero 1 cucchiaino  0.03  0  0  0.1  0  10
 aranciata  Fanta  12  0.1  0.1  0.2  0  51
aranciata light Fanta 1.2 0.1 0 0.2 0 6
 orzo 20 gr  8  0.5  0.3  7  0.4  20

 

 

 

 

 

 

 

 

Valore nutrizionale di alcune portate alimentari /100 gr
 

Proteine

(gr)

Carboidrati

grassi

Fibre

(gr)

Ca

(mg)

Fe

(mg)

Kcal

Tagliatelle in brodo di gallina

120

870

220

19

700

8

600

Zuppa contadina

20

63

0.3

7

600

4

365

Zuppa di funghi

36.5

60

37

13

700

16

230

Tortellini alla carne

12

(20%)

42

(68%)

7

(12%)

2.2

Na 400

 

279

Tortellini ricotta e spinaci

39

(70%)

9.3

(16%)

7.5

(14%)

4.5

Na 470

 

264

Ravioli  carne

4.3

(19%)

16.7

(73%)

1.3

(8%)

1.9

15

0.7

100

Pasta al ragù

2.2

(17%)

10 (71%)

1.5

(12%)

1.2

17

0.5

61

Spaghetti con pomodoro fresco e parmigiano

2.78

(15.4%)

15

(81%)

0.6

(3.6%)

0%

8

0.3

80

Zuppa di fagioli e pancetta

6.5

(25%)

18

(68%)

2.2

(7%)

4.6

 

1.5

117

Patate bollite

2.86

(14%)

17

(85%)

0.1

(1%)

3.3

45

6

77

Patate al forno senza sale

2

(9%)

21

91%)

9

1.5

5

0.3

93

Omelette

11 (46%)

0.6 (3%)

12 (66%)

0

48

1.5

154

Merluzzo lesso

23 (96%)

0

1

(4%)

0

14

0.5

105

Uovo in camicia

12.5 (55%)

proteine

0.71 (3%)glicidi

10 (42%)

lipidi

0

fibre

56

calcio

1.7

ferro

Per bruciare 350 KCalorie occorre praticare una delle seguenti attività fisiche

Guardare la Tv      5 ore e 18 minuti

Studiare, scrivere, leggere      2 ore e 57 minuti

Pulizie domestiche      2 ore e 7 minuti

Giardinaggio      1 ore e 19 minuti

Ginnastica aerobica 35 minuti

Salire le scale a passo svelto      30 minuti

Camminare lento (3.2 km/h)      2 ore e 7 minuti

Camminare velocità media (4.8 km/h)      1 ore e 36 minuti

Camminare veloce (6.4 km/h)      57 minuti

Correre lentamente (8 km/h)      39 minuti

Correre velocità media (12 km/h) 25 minuti

Correre velocemente (16 km/h)      19 minuti

Ciclismo (15 Km/h)      40 minuti

Calcio (competitivo)      30 minuti

Tennis (singolo)      40 minuti

Nuoto (stile libero)      35 minuti

Pallacanestro          30 minuti

Sessualità

Frigidità femminile

La frigidità femminile è la più frequente delle disfunzioni sessuali femminili (Femal Sexual Dysfunction, FSD),  E’  un’alterazione dell’eccitamento sessuale cioè della prima delle 4 fasi della risposta sessuale (eccitamento, plateau, orgasmo e risoluzione, EPOR) spontanea e in risposta a stimoli cenestetici o da contatto (1). Si distingue dall’anorgasmia o S. di Candace (59)  che è rappresentata dall’incapacità persistente o ricorrente a raggiungere o mantenere l’eccitazione fino al completamento dell’attività sessuale (orgasmo).

Nella donna frigida c’è una carenza di desiderio sessuale (sexual arousal disorder), un disturbo da desiderio sessuale ipoattivo e/o avversione s(60)co sessualizzato e il coito 

Il DSM-5 (American Psychiatric Association, 2013) elenca i criteri diagnostici per la frigidità femminile (60)  che devono comprendente almeno tre delle seguenti disfunzioni:

  1.   Assente interesse / ridotta attività sessuale
  2.  Assenti/ridotti pensieri sessuali  o fantasie erotiche
  3.  Scarsa recttività ai tentativi di un partner per avviare un’attività sessuale
  4. Assente / ridotta sessuale eccitazione o piacere durante l’attività sessuale in quasi tutti (75% -100%) gli incontri sessuali
  5. Assente / ridotto sessuale interesse / eccitazione in risposta a qualsiasi  stimolo erotico sessuali interno o esterno
  6. Assente stimolazione genitale o sensazioni non genitali durante l’attività sessuale  (75% -100%)

Frequenza: la frigidità è la patologia più diffusa tra le disfunzioni sessuali femminili. Sembra che il 10% delle donne soffra di frigidità e non provi alcun piacere durante i rapporti sessuali, mentre il 30% delle donne si lamenta di non raggiungere l’orgasmo con la penetrazione ma solo attraverso la masturbazione  (11).

Fisiopatologia: Nelle donne affette da disturbi dell’eccitazione sessuale mancano completamente la stimolazione corticale frontale, la vasocongestione pelvica, il turgore clitorideo e  la  lubrificazione vaginale (3-12).

Nella donna la vasocongestione pelvica, .circoscritta e contenuta nelle guaine fibroelastiche dei corpi cavernosi e del corpo spongioso, provoca:

  1. lubrificazione vaginale: è il primo sintomo dell’eccitazione sessuale femminile. Avviene per trasudazione (wetness) della sottomucosa vaginale congesta sotto lo stimolo del Peptide Vasoattivo Intestinale (VIP).  La secrezione delle ghiandole del Bartolino e delle ghiandole di Skene completa la lubrificazione vulvo-vaginale. Inoltre le secrezioni diminuiscono l’acidità dell’ambiente vaginale  che altrimenti sarebbe inadatto alla motilità degli spermatozoi. 
  2. allungamento del clitoride e l’ingrossamento dei corpi cavernosi e del corpo spongioso clitorideo. 
  3. ingrossamento e distensione delle grandi labbra contro il perineo fino a scoprire parzialmente l’ostio vaginale
  4. aumento del diametro delle piccole labbra fino a sporgere dalle grandi labbra.

La vasocongestione genitale può essere psicogena o riflessa. La prima è attivabile mediante fantasie o stimoli tattili, uditivi, olfattivi, visivi; la vasocongestione riflessa invece è attivabile da stimolazione tattile genitale (o da stimoli provenienti dal retto e dalla vescica). La stimolazione tattile del piacere è raccolta essenzialmente dai corpuscoli di Krause, detti anche corpuscoli “a clava”. Questi sono corpuscoli capsulati del diametro di 20-100 µ, situati nella lamina basale sottomucosa e  formati dallo sfioccamento delle fibre nervose che penetrando nel corpuscolo perdono la guaina mielinica e si suddividono in numerosi filamenti che si avvolgono ad ansa e si intrecciano per costituire un gomitolo di fibre immerso in una sostanza reticolare ricca di nuclei. Dal corpuscolo possono fuoriuscire filamenti nervosi che terminano in un corpuscolo di Krause vicino o come terminazioni libere nella lamina sottomucosa. Altre terminazioni libere possono derivare dalla suddivisione delle fibre mieliniche prima di penetrare nel corpuscolo.Le clave di Krause sono presenti in gran numero sui genitali esterni, sui capezzoli e sulla lingua.

Le sensazioni del piacere sono trasmesse dalla periferia (clave di Krause) alla corteccia cerebrale che stimola la secrezione di dopamina responsabile dell’attivazione del parasimpatico sacrale con miorilassamento delle strutture cavernose clitoridee.

Le fibre nervose che si dipartono dai corpuscoli di Krause raggiungono i ganglio spinale  dove inizia la via ganglio-bulbo-talamo-corticale (o via lemniscale).  Dal ganglio spinale si dipartono le fibre che entrano nel midollo spinale come fibre radicolari posteriori formando il fascicolo gracile (del Goll) per la sensibilità degli arti e tronco inferiori e il fascicolo cuneato (del Burdach) per la sensibilità degli arti e tronco superiori. Questi due fascicoli terminano nella parte inferiore del midollo allungato (bulbo) dove si trovano i rispettivi nuclei di Goll e Burdach. Da qui la via prosegue con un unico fascio detto lemnisco mediale che si incrocia con quello controlaterale subito dopo la sua origine ed attraversa il rafe del midollo allungato, la calotta del ponte, il mesencefalo e termina nel nucleo ventrale posteriore del talamo che è il recettore finali di tali stimoli. Il talamo è un centro di smistamento fondamentale per cui i nuclei che lo compongono sono dotati di una quantità enorme di prolungamenti. Dal talamo si dipartono le fibre talamo-corticali, che entrano a far parte della radiazione sensitiva e convogliano l’impulso principalmente alla corteccia sensitiva primaria situata nella zona parietale post-rolandica, ma anche agli altri organi del sistema limbico, al cervelletto e alla corteccia frontale . L’area della sensibilità epicritica è situata precisamente nel 4° strato della corteccia parietale posteriormente alla scissura rolandica ed è costituita, in senso antero-posteriore dalle aree 3b principalmente impegnate nella ricezione degli stimoli sensoriali epicritici e dalle aree 1 e 2 addette alla elaborazione di tali stimoli.  

Il sistema lemniscale (o via ganglio-bulbo-talamo-corticale)  è un sistema formato fondamentalmente da tre neuroni:
1. il neurone del ganglio spinale
2. Il neurone posto nel nucleo di Goll e e nel nucleo di Burdach (nuclei gracile e cuneato) dello stesso lato.
3. Il neurone talamico che si proietta nella corteccia.

 

VIA LEMNISCALE

 

Nella corteccia parietale, subito dietro la scissura di Rolando, vi è una rappresentazione sensitiva somatotopica dei vari territori della metà eterolaterale del corpo, chiamata omuncolo sensitivo o somato-sensoriale. Questa rappresentazione è relativa alle innervazioni, cioè alla quantità di unità sensitive per superficie. I territori corrispondenti ad organi come la lingua, i polpastrelli delle dita o il clitoride, sono più grandi di quanto non dicano le loro dimensioni di riferimento perché questi organi sono particolarmente ricchi di terminazioni sensitive.

La stimolazione dei centri corticali ad opera delle sensazioni piacevoli sessuali viene ritrasmessa alle strutture sottostanti del sistema limbico (soprattutto area tegmentale ventrale (Ventral Tegmental Area, VTA), substantia nigra, corpo striato (n. caudato e putamen) del mesencefalo e nucleo arcuato dell’ipotalamo con ipersecrezione di feniletilamine, la più nota delle quali  è la dopamina. Contemporaneamente si assiste ad ipersecrezione di ossitocina e Gn-RH e depressione della secrezione di prolattina, serotonina ed endorfine (36,37,42-51).

La dopamina stimola la corteccia cerebrale frontale, sede del senso del piacere e della compliance, tramite il fascicolo prosencefalico mediale e la via nigro-talamica.

Il fascicolo longitudinale mediale decorre addossato ai due lati del rafe mediano del ponte, posteriormente al lemnisco mediale e ai fasci motori piramidali e contiguo alla sostanza reticolare. Inizia a metà altezza del ponte e e si prolunga fino alla commessura posteriore encefalica.  Il fascicolo longitudinale mediale possiede fibre di associazione ascendenti e discendenti.  Svolge una fondamentale funzione di collegamento fra le strutture del sistema limbico e di queste con la corteccia cerebrale.

La via nigro-talamica è costituita da fibre dopaminergiche dirette ai nuclei ventrali, anteriore e laterale del talamo e al tubercolo quadrigemello superiore. Da queste sedi partono fibre dirette alle aree motrici primarie e secondarie della corteccia cerebrale del lobo frontale.

La zona reticolata  del bulbo prolunga i suoi neuriti fino ai nuclei parasimpatici T12-L3 (n. ipogastrico) mentre i mielomeri S2-S4 (n. pudendo) sarebbero stimolati essenzialmente con meccanismo riflesso. Entrambi questi nervi afferiscono ai gangli pelvici dai quali si dipartono le terminazioni del n. ipogastrico che provoca contrazione dei mm. perineali  e le fibre parasimpatiche del n. pudendo interno che provocano rilassamento delle strutture clitoridee.    

Le fibre parasimpatiche agiscono tramite il  mediatore chimico post-sinaptico  l’acetilcolina che stimola i recettori muscarinici  delle fibre muscolari lisce dei tessuti contrattili clitoridei (corpi cavernosi e corpo spongioso) provocandone il  rilassamento. Di conseguenza si assiste ad un maggior afflusso di sangue arterioso, uno “shear stress”, che a sua volta determina un’iperproduzione di  ossido nitrico (NO),  più correttamente denominato monossido di azoto, che, dilata le pareti arteriolari.

A causa della vasodilatazione arteriolare e della chiusura delle valvole venose da ipercompressione, i corpi erettili clitoridei si riempiono di sangue, si inturgidiscono e di conseguenza il diametro vaginale si restringe del 30% e il clitoride si ingrossa e si abbassa (34)

 Il tessuto erettile del clitoride è formato dai corpi cavernosi e spongiosi clitoridei; questi ultimi  precedentemente erano denominati bulbi del vestibolo. In realtà essi appartengono alla formazione clitoridea e perciò correttamente sono stati rinominati dal Comitato Internazionale della Terminologia Anatomica come corpo spongioso del clitoride.  Il corpo spongioso del clitoride circonda il vestibolo vulvare e termina in alto a punta formando il glande del clitoride

.

Corpo spongioso clitorideo (ex-bulbi del vestibolo) con:
1. glande       2. asta      3. branche vestibolari     4. corpi cavernosi

 

ETIOLOGIA:

 

a) Il disturbo da avversione sessuale è associato spesso a un disturbo dell’immagine corporea (o comunque a un vissuto negativo del proprio corpo) e a una cattiva elaborazione della propria femminilità. Ne possono essere causa anche esperienze sessuali traumatiche vissute nell’infanzia o nell’adolescenza, quali molestie o abuso sessuale. 

b) Il disturbo da desiderio sessuale ipoattivo,  Hypoactive Sexual Desire Disorder (HSDD) è  la risultante di diverse componenti psicologiche, biologiche e sistemiche che interferiscono secondo una dinamica personalissima per ogni paziente (12-17):

C) Partner affetto da disfunzioni sessuali

d) Problemi psicologici (18-21):

  • Paura di non dominare il piacere (risposta anticipata ad un pericolo, secondo Freud)
  • scarsa attenzione sentimentale e fisica da parte del partner sessuale
  • Carenze igieniche del partner
  • educazione familiare molto rigida
  • madre affetta da frigidità/anorgasmia
  • Anomalie della figura paterna (Padre padrone o succube della moglie)
  • vergogna di “vedersi” durante l’orgasmo (Sindrome della Madonna)
  • stress e depressione: producono una diminuzione della dopamina e iperproduzione di prolattina.
  • ansia da prestazione  e mancata comunicazione tra i partner (62)

 

e) Problemi biologici-ormonali: 

  • Deficit steroidei: nonostante i numerosi studi effettuati nei primati e nell’uomo, non abbiamo ancora una chiara idea del rapporto esistente tra i livelli ormonali steroidei e il comportamento sessuale. E’ certo però che:

                    ♪  gli estrogeni influiscono direttamente sulla fisiologia di quasi tutte le strutture genitali ed in particolare favoriscono l’irrorazione ed il trofismo epiteliale delle mucose.  Quindi la castrazione chirurgica o iatrogena e la senescenza ovarica precoce possono essere causa di FSD. Anche la sterilizzazione tubarica può essere causa di deficit funzionale ovarico, diminuita produzione estrogenica e una diminuzione della libido. 

                   esiste un picco periovulatorio della libido femminile, in coincidenza del surge dell’LH e del picco dell’E2(40,41)

                  gli androgeni: il ruolo degli androgeni nelle donne è sempre stato sottostimato in rapporto alla loro importanza nel sistema fisiologico e comportamentale essendo stati storicamente identificati con la mascolinità e la fisiologia sessuale maschile. Essi invece sono fondamentali per l’omeostasi ormonale femminile e rappresentano anche gli immediati precursori degli estrogeni in cui vengono convertiti ad opera dell’aromatasi a livello muscolare e sistema nervoso centrale (ipotalamo e sistema limbico) e  soprattutto del tessuto adiposo sottocutaneo (53). Gli androgeni hanno un ruolo promovente fondamentale sul desiderio sessuale delle donne, e la loro concentrazione sierica aumenta durante la fase di eccitazione. In menopausa spesso si verifica una diminuzione del testosterone, diminuzione del desiderio sessuale insieme a quello del senso di benessere in genere e del tono dell’umore (51). Altre cause della diminuzione di androgeni in circolo sono da ricercare nell’insuficienza ipofisaria, M. di Addison, terapia corticosteroidea, senescenza ovarica e ovariectomia (54). La somministrazione di contraccettivi orali e terapia ormonale sostitutiva comportano un aumento delle SHBG e quindi diminuzione in circolo degli androgeni liberi (55-58). Spesso però non si ritrova una correlazione etiologica del deficit androgenico (51).

     

f) iperprolattinemia l’iperprolattinemia si accompagna a riduzione della libido e frigidità. Sulle cellule del Leydig ha un’azione depressiva riducendo la sintesi del testosterone. La normalizzazione dei livelli di PRL é seguita per lo più da un notevole miglioramento del comportamento sessuale (39)

g) deficit di dopamina  e ipersecrezione di serotonina con conseguente iperprolattinemia


h) malattie sistemiche:

  • diabete ed alcolismo (neuropatia periferica):  dato che le donne diabetiche mostrano una significativa variabilità nella loro risposta a questo disturbo medico, non è sorprendente che l’influenza della frigidità è molto variabile. Infatti, la mancanza di una chiara associazione tra disturbi medici e funzionamento sessuale suggerisce che i fattori psicologici giocano un ruolo significativo nella frequenza di questo disturbo (61).
  • Ipotiroidismo
  • S. di Turner
  • Insufficienza renale e dialisi
  • Obesità (elevati livelli sierici di leptina)
  • Patologie catdiache e ipertensione arteriosa: i disturbi sessuali si ritrovano nel 70% di queste pazienti vs. 19% di un gruppo controllo (63). Queste pazienti vanno inconto a menopausa più precocemente che le donne sane. 
  • iperlipidemia
  • arteriosclerosi specialmente a livello delle aa iliache comuni, ipogastriche e pudende (52).

i) Altre cause:

  • Sterilizzazione tubarica per il diminuito apporto di sangue all’ovaio e quindi diminuita steroidogenesi. Tale concetto è contestato da molti AA. non solo per ragioni di irrorazione arteriosa compensativa da parte dell’a. ovarica (che decorre nell’infundibolo pelvico) ma soprattutto perché il principale ormone mediatore della libido è il testosterone, di origine surrenalica.
  • Patologia del pavimento pelvico (da trauma, post-partum, post-isterectomia): i traumi del m. elevatore dell’ano, m. trasverso superficiale e profondo del perineo. bulbo-cavernoso e ischio-cavernoso e relative fasce comportano alterazioni in tutte e tre le componenti della sessualità femminile (identità sessuale, funzione sessuale e  la relazione di coppia). 
  • Traumi del SNC, traumi del midollo spinale, traumi dell’area sacrale, flogosi pelviche. 
  • FANS
  • Antiacidi
  • l’eroina agisce in modo duplice sulle sinapsi dopaminergiche in quanto agisce:
     LEGANDOSI A LIVELLO DEL RECETTORE PER IL GABA SUL NEURONE
    DOPAMINERGICO che AVREBBE FUNZIONE INIBENTE, di conseguenza incrementa a
    MONTE LA PRODUZIONE DI DOPAMINA. si tratta di un effetto pericoloso in quanto potenzia
    direttamente la produzione di modulatore.
     A LIVELLO DI RECETTORI POSTINAPTICI PER GLI OPPIACEI tramite i quali BLOCCA LA
    PRODUZIONE DI AMP ciclico E QUINDI LA ATTIVITÀ DEL RECETTORE D2 STESSO.
    L’EFFETTO DELLA EROINA È QUINDI DUPLICE e molto pericoloso: incrementa la produzione di dopamina, ma d’altro canto blocca il recettore inibente D2 GENERANDO UN EFFETTO FINALE ESTREMAMENTE SBILANCIATO. A livello pratico tale droga:
     da una esaltazione maggiore e maggiormente rapida.
     incrementa i fenomeni di DIPENDENZA.
  • Anfetamine, Metadone: producono un aumento delle endorfine. Le endorfine danno un senso di appagamento e di soddisfazione e tolgono il desiderio sessuale. Ad esse va ricondotto il periodo refrattario, ossia quel tempo post-orgasmico in cui non c’è possibilità di raggiungere una nuova eccitazione. Ma, al pari dell’ossitocina, favoriscono l’attaccamento nei confronti del partner che viene rapidamente associato al soddisfacimento del piacere. 
  • ALCOOL: l’assunzione di alcool produce variazioni classificabili in 4 stadi a seconda delle dosi assunte: 
    1a fase: chiude il canale al cloro gaba dipendente e di conseguenza provoca un calo della inibizione e quindi porta ad un incremento della stimolazione, è disinibente.
    2a fase: apre il canale al cloro e quindi si instaura una fase depressiva.
    3a fase: si attiva il sistema mesencefalico del moto e si hanno quindi movimenti scoordinati e barcollanti, andatura atassica del moto.
    4a fase: In caso di assunzione decisamente eccessiva si ha la paralisi dei centri respiratori a livello bulbare.
    L’alcool come le droghe e la nicotina, è capace di attraversare la barriera ematoencefalica e il solo attraversamento delle membrane che compongono i neuroni incrementa di 3-4 volte la morte neuronale, si passa da 400 neuroni in meno al giorno, a 1200 neuroni in meno al giorno; tale effetto è dovuto al fatto che la liposulubilità di tali sostanze disarticola le membrane e produce morte cellulare.
  • La cocaina invece potenzia l’azione dell’anfetamina bloccandone il reuptake.
  • farmaci psicolettici ed in particolare gli  SSRIs (Selective Serotonin Reuptake Inhibitors) (62),  come il Prozac, Talofen, Largactil e le Benzodiazepine (Valium): agiscono inibendo il legame fra la DA e il recettore pre-sinaptico. Oltre alla frigidità inducono  iperprolattinemia e amenorrea per cui si ipotizza un’azione prolattina-mediata (21-22).
  • eccessivo esercizio sportivo
  • malnutrizione


TERAPIA: richiede convinzione e determinazione da parte della coppia, evitando paura e fretta. E’ molto importante curare la, perché la mancanza di una piena vita sessuale influenza negativamente la vita della donna con caduta di autostima e rischio di depressione. Al contrario, l’attrattiva sessuale, il sano sesso e l’orgasmo preserva la giovinezza, la salute e il tono dell’umore.
Da notare che spesso le donne frigide sembrano attirare di più l’attenzione degli uomini perché sembrano difficili da conquistare e, come dice il Manzoni, ognuno cerca con maggiore forza le cose più difficili da ottenere.  Ciò che questi uomini probabilmente non sanno è che in un secondo momento il fattore frigidità può essere un fattore estremamente negativo per i rapportl di coppia. 
  • Di estrema importanza è il ripristino  della complicità di coppia. Molte coppie, infatti, fanno sesso senza riuscire ad esprimere una sessualità piacevole. Quest’ultima è fatta di ingredienti che vanno ben oltre il coito, rispettando tutti i suoi momenti preparatori: di gioco, di comunicazione, di intimità. Occorre curare i preliminari amorosi come attivatori del desiderio, educare il partner (ed aiutarlo) alla conoscenza delle zone erogene femminili (v. fig. 1) e a riconoscere il canale sensoriale favorito della donna, compreso quello cenestesico e uditivo (atmosfera, carezze, tono della voce, etc.).

La stimolazione delle zone erogene, ricche di corpuscoli del piacere di Krause, mediante carezze o mediante il coito e/o mediante meccanismi neurormonali complessi mediati dal testosterone, inducono vasocongestione clitoridea, vaginale e vulvare, quindi spasmi muscolari, vaginali, uterini, anali,  uretrali, gluteali e mammillari. Le contrazioni muscolari aumentano gradualmente da 3 fino a 15 ogni 0.8 secondi e ciò provoca le sensazioni piacevoli che culminano nell’orgasmo.

 

 

 

  •  Il clitoride è molto sensibile alle stimolazioni. Può essere stimolato in vari modi, con stimoli manuali o attraverso una pressione e sfregamento con il corpo del partner. Alcune donne provano dolore in presenza di stimolazione diretta. Una migliore stimolazione si ha con la donna sopra in posizione tale che il clitoride si sfreghi con l’osso pubico dell’uomo. Questo peraltro si verifica anche quando è l’uomo a stare sopra in una posizione tale che l’osso pubico eserciti pressione nella zona clitoridea. 
  • Per alcune donne la parte esterna della vagina è anche molto sensibile. Sigmund Freud sosteneva che le donne “mature” hanno un orgasmo solo vaginale, questo ovviamente conferiva un ruolo centrale al pene per la soddisfazione sessuale della donna. In realtà il piacere sessuale e l’orgasmo sono un’esperienze individuali e non c’è un percorso “corretto”  ed obbligatorio per raggiungerli.
  •  “desensibilizzazione” o  ”riappropiazione” graduale delle zone potenzialmente erogene: facilita la risoluzione del conflitto tra il desiderio e la paura dell’eccitamento creato da sensi di colpa, insicurezza e pensieri negativi; le donne spesso si vergognano del proprio corpo e della manifestazione del piacere sessuale  (7).
  • migliorare il tono della muscolatura pelvica con gli esercizi di Kegel. Consistono nella contrarre rapidamente i muscoli pubo-coccigei (come se si cercasse di trattenersi dall’urinare) per circa un minuto con intervalli di 10 secondi per 15-20 volte per 5-6 volte/die.
  • sollecitazione di fantasie sessuali
  • respirazione diaframmatica e il rilassamento muscolare progressivo di Jacobson per ridurre l’ansia
  • Evitare fumo, Tensione sul posto di lavoro,  depressione
  • Regolarizzare colesterolemia, ipertensione arteriosa, diabete

TERAPIA MEDICA:

  • Viagra femminile (Testogel) da frizionare sulla clitoride: Il viagra è un farmaco il cui principio attivo è l’ossido nitrico (NO più correttamente denominato monossido di azoto), che provoca la vasodilatazione degli organi erettili (38)
  • Intrinsa cerotto transdermico (testosterone 300 mg/24 ore)  1 cerotto ogni 3½  giorni  (testosterone: ogni cerotto, 28 cm2, contiene 8.4 mg di testosterone e ne rilascia 300 mg/die),  da associare con estrogeni. Risultati di ricerca hanno dimostrato un aumento dei valori sierici di testosterone durante la fase di eccitazione e che le donne con maggiori “esigenze” sessuali (e con più partner) hanno livelli più elevati di testosterone (32,33).
  • Viriplant® induce ad un incremento di dilatazione dei vasi sanguigni e ad un abbassamento della pressione arteriolare; Aiuta a raggiungere e mantenere a lungo, un’erezione forte e duratura; Grazie alla sua stimolazione neurosessuale, incrementa drasticamente la libido maschile e femminile e le prestazioni sessuali; Incrementa l’eccitazione sessuale, le sensazioni e la risposta. A differenza del Viagra non ha effetti collaterali.
  • Arginina (precursore dell’ossido nitrico): 3 gr/die.   Molti prodotti commerciali a base di arginina contengono 3 gr di arginina base, la stessa contenuta in 120 grammi di frutta secca o in 150 grammi di carne. Recentemente, si cerca di sostituire la tradizionale arginina con un suo precursore immediato, l’amminoacido L-citrullina  in grado di aumentare in maniera dose-dipendente la quantità di arginina realmente disponibile per la sintesi di NO.
  • Iperico (Hypericum perforatum), detta anche erba di San Giovanni, attiva sui neurotrasmettitori cerebrali responsabili del tono dell’umore quali la  serotonina, la dopamina e la nor-adrenalina (28).
  • Kava (Piper methysticum): i suoi principi attivi sono detti kavapironi ed agiscono con meccanismo ansiolitico e miorilassante benzodiazepino-simile (29).
  • Valeriana: meccanismo simile alla Kava (30)
  • Salvia (infuso), Rosmarino, menta, Zenzero, cannella, pepe,  carote, cicoria, crescione, tabacco (30)
  • Origano
  • Noce moscata (solo per gli uomini!!!)
  • Ginseng, Erba EpimedaYohimbina, Guaranà,  l’Eleuterocco, Ortica, Maca, Muira puma, Catuaga, Damiana, Laguna,  ritenuti, comunemente, musk di cervo in polvere, veri e propri afrodisiaci (29-31)
  • Maca: in polvere o in compresse (3 gr ai pasti)  - il maca è stato tradizionalmente usato come afrodisiaco, per entrambi i sessi. I suoi principi attivi non alterano l’equilibrio ormonale, dunque non aumentano la produzione di testosterone o di estrogeni, tuttavia, gli uomini che assumono maca sperimentano un aumento della produzione di sperma.
  • DHEA: cpr in preparazione officinalis 25 mg x 3  volte al dì. Le pazienti devono essere informate che questa terapia è “off-label” e la sua efficacia e sicurezza non è ancora stata provata definitivamente (56-58).
  • Tiroxina
  • terapia antibiotica mirata e/o antinfiammatoria nel caso di infezioni o flogosi delle vie genitali
  • Per l’azione antiastenica si ricordano le bevande eccitanti (caffè, tè, cacao)  e gli estratti di alghe tipo fucus (Fucasi Plus gocce: 30 gocce x 3 durante i pasti)
  • Ricchezza, potere e gratificazione sul posto di lavoro da soli spesso risolvono il problema frigidità … 
  • iniezioni di acido ialuronico nella zona del punto G è una tecnica piuttosto recente che suscita ancora molti dubbi.  Aumentando il volume della zona circostante faciliterebbe la stimolazione del punto “G”.
  • Gli antidepressivi sono utili per contrastare la depressione ma non migliorano la libido.
  • ALIMENTI:

  • L’aglio è ben conosciuto da tempo come un afrodisiaco determinando la vasodilatazione arteriolare, momento base del meccanismo dell’erezione attraverso un enzima chiamato nitric oxide synthase (NOS). 

  • Caffeina: stimola le sinapsi dopaminergiche ed inibisce, in modo non selettivo, le fosfodiesterasi inibendo i meccanismi di degradazione dell’AMP ciclico.

  • acciughe, ostriche, caviale, lardo, liquirizia, chili, curry, cioccolato, cosce di rana, carne di struzzo, tartufi, pomodori, cetrioli, punte di asparago, carote, nocciole, fragole, banane, polenta, riso, polpa di rafano, sedano, petali di rosa canditi, ginger, semi di coriadolo, zafferano, vaniglia, timo, senape, noce moscata.

 
 References list:
  1. Masters, W.H.; Johnson, V.E. (1966). Human Sexual Response. Toronto; New York: Bantam Books.
  2. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (4th ed.). Washington DC: American Psychiatric Association. 2000.Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (4th ed.). Washington DC: American Psychiatric Association. 2000.
  3. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (3rd ed.). Washington DC: American Psychiatric Association. 1980.
  4. Alison Ritter: Appropriate services for gay, lesbian, bisexual and transgender people: More than just gender sensitive? page 5
  5. Masters W. and Johnson  V. (1970). Human Sexual Inadequacy. Boston: Little Brown.
  6. Koedt, A. (1970). “The myth of the vaginal orgasm”. In Escoffier, J. Sexual revolution. New York: Thunder’s Mouth Press. pp. 100–9. ISBN 1-56025-525-0.
  7. Irvine, Janice (2005). Disorders of Desire. Philadelphia: Temple University Press. p. 265.
  8. Kaplan, Helen Singer (1995). The Sexual Desire Disorders. New York: Taylor & Francis Group. pp. 1–2, 7.
  9. Brotto LA, Chik HM, Ryder AG, Gorzalka BB, Seal B (December 2005). “Acculturation and sexual function in Asian women”. Archives of Sexual Behaviour 34 (6): 613–626. doi:10.1007/s10508-005-7909-6.
  10. Leiblum, Sandra; Rosen, Raymond (1988). Sexual Desire Disorders. The Guilford Press. p. 1.
  11. Apfelbaum, Bernard (1988). “An Ego Analytic Perspective on Desire Disorders”. In Lieblum, Sandra; Rosen, Raymond. Sexual Desire Disorders. The Guilford Press.
  12. Mitchell KR, Mercer CH (September 2009). “Prevalence of Low Sexual Desire among Women in Britain: Associated Factors”The Journal of Sexual Medicine 6 (9): 2434–2444. doi:10.1111/j.1743-6109.2009.01368.xPMID 19549088.
  13. Janssen, E., Bancroft J. (2006). “The dual control model: The role of sexual inhibition & excitation in sexual arousal and behavior”. In Janssen, E. The Psychophysiology of Sex. Bloomington IN: Indiana University Press.
  14. Clayton AH (July 2010). “The pathophysiology of hypoactive sexual desire disorder in women”. Int J Gynaecol Obstet 110 (1): 7–11. doi:10.1016/j.ijgo.2010.02.014. PMID 20434725.
  15. “New View Campaign. Fact Sheet: Marketing”. Newviewcampaign.org. Retrieved 2013-08-16.
  16. Balon, Richard (2007). “Toward an Improved Nosology of Sexual Dysfunction in DSM-V”. Psychiatric Times 24 (9).
  17. Warnock JJ (2002). “Female hypoactive sexual desire disorder: epidemiology, diagnosis and treatment”. CNS Drugs 16 (11): 745–53. PMID 12383030.
  18. Brauer M, van leeuwen M, Janssen E, Newhouse SK, Heiman JR, Laan E (September 2011). “Attentional and Affective Processing of Sexual Stimuli in Women with Hypoactive Sexual Desire Disorder”. Archives of Sexual Behaviour. doi:10.1007/s10508-011-9820-7.
  19. Rosen RC, Shifren JL, Monz BU, Odom DM, Russo PA, Johannes CB (June 2009). “Correlates of sexually-related personal distress in women with low sexual desire”. Journal of Sexual Medicine 6 (6): 1549–1560. doi:10.1111/j.1743-6109.2009.01252.x.
  20. Basson, Rosemary (2007). “Sexual Desire/Arousal Disorders in Women”. In Leiblum, Sandra. Principles and Practice of Sex Therapy (4th ed.). New York: The Guilford Press.
  21. Pfaus JG (June 2009). “Pathways of sexual desire”. J Sex Med 6 (6): 1506–33. doi:10.1111/j.1743-6109.2009.01309.x. PMID 19453889.
  22. Allers KA, Dremencov E, Ceci A, et al. (May 2010). “Acute and repeated flibanserin administration in female rats modulates monoamines differentially across brain areas: a microdialysis study”. J Sex Med 7 (5): 1757–67. doi:10.1111/j.1743-6109.2010.01763.x. PMID 20163532.
  23. Althof SE (2001). “My personal distress over the inclusion of personal distress”. J Sex Marital Ther 27 (2): 123–5. doi:10.1080/00926230152051761. PMID 11247205.
  24. Bancroft J, Graham CA, McCord C (2001). “Conceptualizing Women’s Sexual Problems”. Journal of Sex & Marital Therapy 27 (2): 95–103. doi:10.1080/00926230152051716. PMID 11247236.
  25. Balon R (2008). “The DSM Criteria of Sexual Dysfunction: Need for a Change”. Journal of Sex and Marital Therapy 34 (3): 186–97. doi:10.1080/00926230701866067. PMID 18398759.
  26. Segraves R, Balon R, Clayton A (2007). “Proposal for Changes in Diagnostic Criteria for Sexual Dysfunctions”. Journal of Sexual Medicine 4 (3): 567–580. doi:10.1111/j.1743-6109.2007.00455.x. PMID 17433086.
  27. Tiefer L, Hall M, Tavris C (2002). “Beyond dysfunction: a new view of women’s sexual problems”. J Sex Marital Ther 28 (Suppl 1): 225–32. doi:10.1080/00926230252851357. PMID 11898706.
  28. Brotto LA (2010). “The DSM Diagnostic Criteria for Hypoactive Sexual Desire Disorder in Women”. Archives of Sexual Behaviour 39 (2): 221–239. doi:10.1007/s10508-009-9543-1. PMID 19777334.
  29. Jobst K.A. and others: Safety of St John’s wort, Lancet, 2000, 355:576-570..
  30. Pittler M.H., Ernst E.: Efficacy of kava extract for treating anxiety: systematic review and meta-analysis, J. Clin. Psychopharmacol. 2000, 20( 1) : 84-89.
  31. Bruni A., Nicoletti M.: Dizionario ragionato di erboristeria e di fitoterapia, Ed. Piccin Nuova Libreria, Padova, 2003.
  32. Firenzuoli F.: Fitoterapia, Ed. Masson, Milano, 1998.
  33. Bancroft, J., “The endocrinology of sexual arousal”, “Journal of Endocrinology, 2005
  34. Goldey, K.L., Van Anders, S. M., “Sexy thoughts: Effects of sexual cognitions on testosterone, cortisol, and arousal in women”, “Hormones & Behavior, 59, 754-764″, 2011
  35. Levin RJ.: “The physiology of sexual arousal in the human female: a recreational and procreational synthesis”.  Arch Sex Behav. 2002 Oct;31(5):405-11.
  36. Heath R.G. (1964): Pleasure response of human subjects to direct stimulation of the brain: physiologic and psychodynamic considerations. In: Heath R.G. (a cura di): The role of pleasure in behaviour, Harper & Row, New York, 219–243.
  37. Heaton J.P. (2000): Central neuropharmacological agents and mechanisms in erectile dysfunction: the role of dopamine, NeurosciBiobehav, 24, 561–569.
  38. Buster J.E., Kingsberg S.A., Aguirre O. et al. (2005): Testosterone patch for low sexual desire in surgically menopausal women: a randomized trial, Obstet Gynecol, 105, 944-952.
  39. New Scientist article on prolactin function relating to sexUniversity of Paisley and the ETH Zürich
  40. ^ Susan B. Bullivant, Sarah A. Sellergren, Kathleen Stern, et al (February 2004). Women’s sexual experience during the menstrual cycle: identification of the sexual phase by noninvasive measurement of luteinizing hormone“. Journal of Sex Research 41 (1): 82-93 (in online article, see pp.14-15,18-22). PMID 15216427.
  41. ^ Roberts S, Havlicek J, Flegr J, Hruskova M, Little A, Jones B, Perrett D, Petrie M (August 2004). “Female facial attractiveness increases during the fertile phase of the menstrual cycle”. Proc Biol Sci 7 (271 Suppl 5:S): 270-2. PMID 15503991.
  42. Alcaro A, Huber R, Panksepp J. Behavioral functions of the mesolimbic dopaminergic system: An affective neuroethological perspective. Brain Research Reviews. 2007 Dec;56(2):283-321.
  43. Geisler S, Derst C, Veh RW, Zahm DS. Glutamatergic afferents of the ventral tegmental area in the rat. Journal of Neuroscience. 2007 May;27(21):5730-43.
  44. Hikosaka O, Bromberg-Martin E, Hong S, Matsumoto M. New insights on the subcortical representation of reward. Current Opinion in Neurobiology. 2008 Apr;18(2):203-8.
  45. Hu ZL, Cooper M, Crockett DP, Zhou RP. Differentiation of the midbrain dopaminergic pathways during mouse development. Journal of Comparative Neurology. 2004 Aug;476(3):301-11.
  46. Ikemoto S. Dopamine reward circuitry: Two projection systems from the ventral midbrain to the nucleus accumbens-olfactory tubercle complex. Brain Research Reviews. 2007 Nov;56(1):27-78.
  47. Lammel S, Hetzel A, Haeckel O, Jones I, Liss B, Roeper J. Unique properties of mesoprefrontal neurons within a dual mesocorticolimbic dopamine system. Neuron. 2008 Mar;57(5):760-73.
  48. Lu XY, Ghasemzadeh MB, Kalivas PW. Expression of D-1 receptor, D-2 receptor, substance P and enkephalin messenger RNAs in the neurons projecting from the nucleus accumbens. Neuroscience. 1998 Feb;82(3):767-80.
  49. Margolis EB, Lock H, Hjelmstad GO, Fields HL. The ventral tegmental area revisited: is there an electrophysiological marker for dopaminergic neurons ? Journal of Physiology-London. 2006 Dec;577(3):907-24.
  50. Oades RD, Halliday GM. VENTRAL TEGMENTAL (A10) SYSTEM – NEUROBIOLOGY .1. ANATOMY AND CONNECTIVITY. Brain Research Reviews. 1987 May;12(2):117-65.
  51. Bachmann G, Bancroft J, Braunstein G, et al: “Femal androgen insufficiency: the Princeton consensus statement on definition, classification and assessment”. Fertl Steril 2002;77:660-665.
  52. Park K, Goldstein I, Andry C et al: “Vasculogenic female sexual dysfunction: the hemodynamic basis for vaginal engorgement insufficiency and clitoral erectile insufficiency”. Int J Imp Res 1997;9:27-37.
  53. Burger HG: Androgen production in women”. Fertil Steril 2002;4(Suppl 4):S3-5
  54. Shifren JL: “Androgen deficiency in the oophorectomized woman”. Fertil Steril 2002;4(Sppl 4):S60-62
  55. Simon JA: “Estrogen replacement therapy: effects on endogenous androgen milieu”. Fertil Steril 2002 (Suppl4):S77-82.
  56. Spark RF: “Dehydroepiandrosterone: a springboard  hormone for female sexuality”. Fertil Steril 2002;4(Suppl 4):S19-25.
  57. Bancroft J: “Sexual effects  of androgens in women:  some theoretical considerations”. Fertil Steril 2002;4(Suppl 4):S55-59.
  58. Labrie F, Diamnd P, Cusan L, Gomez JL, Belanger A, Candas B: “Effect of 12-month dehydroepiandrosterone replacement therapy on bone, vagina and endometrium in post-menopausal women”. J Clin Endocrinol Metab 1997;82:3498-3505
  59. Barlow, David H. (1986). “Causes of sexual dysfunction: The role of anxiety and cognitive interference”. Journal of Consulting and Clinical Psychology 54 (2): 140–8. 
  60. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition (Fifth ed.). Arlington, VA: American Psychiatric Publishing. 2013. p. 433.
  61. Newman AS, Bertelson AD: “Sexual disfunction in diabetic women”. J. Behavorial Medicine 1986;),3
  62.  Hales E and Yudofsky JA, eds, The American Psychiatric Press Textbook of Psychiatry, Washington, DC: American Psychiatric Publishing, Inc., 2003
  63. .Abramov LA.: “Sexual life and sexual frigidity among women developing acute myocardial infarction”. Psychosom Med. 1976 Nov-Dec;38(6):418-25

 

Gravidanza

Parto pre-termine

Parto pre-termine: parto che avviene in un periodo di tempo compreso fra il 180° ed il 266° giorno dall’inizio dell’ultima mestruazione e cioè dal 1° giorno della 29a al 7° giorno della 36a settimana di amenorrea (OMS).  Il parto pretermine rappresenta la causa  più importante di mortalità e/o morbilità perinatale in quanto è la causa diretta o indiretta di circa la metà delle morti neonatali; il 50% dei bambini nati prima della 25a w presentano gravi deficit neuromotori (20).

FREQUENZA: L’incidenza del parto pretermine  oscilla intorno al 6% in Italia,  all’8% in Europa e al 13% negli USA. Si è osservato un ritmo circadiano dell’insorgenza della contrazioni uterine sia per il parto pretermine che per il travaglio di parto che aumentano nettamente nelle ore notturne (ore 23.00-8.00) (61).

 

COMPLICANZE DEL PARTO PRETERMINE:

  1. mortalità neonatale: nel gruppo di nati prima della 22ª  w  la mortalità è del 99%; alla 22-23w la mortalità è del 50-90%; alla 25-27a w  la mortalità è del 20-50%; fra la 28ª e 33a  settimana di gestazione la mortalità è <20%.
  2. IUGR: Considerando il peso alla nascita si distinguono:
  • Neonati LBW (Low Birth Weight), il cui peso alla nascita è compreso tra 1500 e 2500 gr.
  • Neonati VLBW (Very Low Birth Weight) il cui peso alla nascita è < 1500 gr
  • Neonati ELBW (Extremely Low Birth Weight) il cui peso alla nascita è < 1000 gr

Considerando invece il peso alla nascita in rapporto all’età gestazionale si parla di:

  • Neonati AGA (Appropriate for Gestational Age) il cui peso è appropriato all’età gestazionale compreso tra il 10° e il 90° percentile
  • Neonati SGA (Small for Gestational Age) il cui peso è basso per l’età e inferiore al 10° percentile
  • Neonati LGA (Large for Gestational Age) con peso maggiore al 90° percentile

Il neonato pretermine, specialmente se di peso <1.000 gr,  può inoltre andare incontro a:

  • RDS (Sindrome da Distress Respiratorio) o Sindrome da membrane ialine
  • ipotermia perchè il controllo della temperatura non è ancora ben sviluppato.
  • infezioni: i neonati pretermine sono maggiormente  a rischio di infezioni per incompletezza del sistema immunitario.
  • anemia: l’eritropoiesi non è ancora “a regime”
  • bradicardia e conseguente rischio di apnee e desaturazione. Le apnee possono anche essere legate alla pervietà del dotto di Botallo
  • retinopatia del prematuro (ROP)
  • accentuato ittero neonatale
  • elevato rischio di emorragia intraventricolare o leucomalacia intraventricolare.
  • problemi nutrizionali: la suzione e la respirazione non sono coordinate e quindi il pretermine viene alimentato via endovenosa e successivamente tramite sondino orogastrico (gavage).
  • problemi neurologici: ritardi nello sviluppo, difficoltà di apprendimento
  • rischio di enterocolite necrotizzante

FATTORI DI RISCHIO DEL PARTO PRE-TERMINE:

a)     materni: razza nera, primiparità e multiparità, peso pre-gravidico <50 Kg, anemia (Hb <10 gr/dl), gravi malattie sistematiche, disfunzioni endocrine (tiroidee, paratiroidee, corticosurrenaliche, diabete mellito),  traumi, condizioni socio-economiche depresse (43,44), età <17  e >40 anni, anamnesi positiva per minaccia di aborto (41), anamnesi positiva di parto pretermine  e aborto spontaneo, infezioni genitali (42),  ipertensione arteriosa essenziale, ipertensione arteriosa indotta dalla gravidanza,  fumo (37-39), igiene particolarmente carente, lavori pesanti,  tossicomanie, rapporti sessuali violenti, orgasmo.

b)    feto-placentari: anomalie genetiche, malformazioni fetali, FIVET, gravidanza gemellare  (40) distacco di placenta, placenta previa, rottura prematura delle membrane (45).

c)     uterini: sovradistensione (gemellarità, polidramnios), oligoamnios, malformazioni uterine, infezioni, corpi estranei (IUD ritenuti), incompetenza cervicalefibromatosi uterina.

ETIOPATOGENESI DEL PARTO PRE-TERMINE: riconosce cause locali e cause generali.

Cause locali:

1) Infiammazione e infezioni locali:  infezioni del liquido amniotico, infezioni fetali da trasmissione materna per via transplacentare, corionamnioniti specialmente alla giunzione deciduo-coriale metabolicamente molto attiva. L’infezione produce accumulo di leuchine e iperproduzione di prostaglandine che inducono l’insorgenza del travaglio di parto. Le infezioni e le flogosi spesso sono presenti pur in assenza di segni clinici come febbre, leucocitosi ed aumento della VES.

2)    Incompetenza uterina ad adattarsi all’aumento di volume della gravidanza o per eccessivo sviluppo fetale e/o degli annessi o per un difetto proprio dell’utero e/o del  canale cervicale. La prima evenienza si può osservare nelle gestanti diabetiche, nell’idrocefalo, nell’ascite, nel polidramnios.  Le alterazioni strutturali limitanti il volume dell’utero sono rappresentate da ipoplasia uterina, utero arcuato, subsetto, fibromatosi diffusa o presenza di noduli intramurali, precedenti interventi isterotomici, conizzazione, tracheloplastica.

3)    Rottura prematura delle membrane, PROM: La rottura prematura delle membrane, che di solito segna il punto di non ritorno, trova la sua genesi in un alterato equilibrio delle proteasi e antiproteasi ed in attivazione delle prostaglandine. E’ nota la riduzione progressiva del collageno nelle membrane amnio-coriali durante la gravidanza; Tale riduzione si accelera e le membrane si rompono quando le proteasi, anche batteriche, prevalgono sulle antiproteasi, il cui compito è di rimodellare e riparare. L’attivazione delle proteasi è facilitato nelle flogosi dell’amnios e nelle vaginosi batteriche.  Una depressione immunitaria può indurre un aumento delle fosfolipasi, che è alla base della sintesi delle prostaglandine: queste ultime inducono il travaglio pretermine determinando la maturazione cervicale, le contrazioni uterine, la rottura delle membrane. Qualunque sia la causa che ha determinato la PROM, ad essa, nella maggior parte dei casi, segue nelle prime 48 ore lo scatenarsi del travaglio. Ciò si verificherebbe fondamentalmente per effetto meccanico di pressione della parte presentata sull’orificio uterino interno.

4)    Insufficienza placentare: tutte le condizioni siano esse materne (diabete) che locali capaci di determinare alterazioni strutturali e, quindi, funzionali della placenta sono causa di parto pre-termine. In queste pazienti l’equilibrio ormonale che permette alla gravidanza di arrivare fino a termine (CRH, Progesterone, HPL, Estrogeni, ecc.) è alterato per cui il travaglio comincia prima di 280 giorni di gestazione. Il CRH è prodotto, oltre che dall’ipotalamo, dai linfociti T e dalla placenta e le sue concentrazioni plasmatiche aumentano con il progredire delle settimane di gravidanza. Il CRH stimola il rilascio di ACTH e perciò stimola la secrezione di DHEA-S surrenalico precursore degli estrogeni prodotti dalla placenta e stimola la produzione di cortisolo fetale. In tal modo modula l’accrescimento fetale e la produzione di mediatori del travaglio di parto come le prostaglandine, le gap junctions e i recettori per l’ossitocina (6).  Un rapido aumento dei livelli circolanti di CRH si verifica al momento della comparsa del parto, suggerendo che, oltre alle sue funzioni metaboliche, CRH può agire come un trigger per parto (7,8). 

6) Distacco di placenta normoinserita, emorragia da placenta previa.

5)    Incompetenza cervicale: può essere congenita o secondaria a traumatismi del collo.

B) Cause Generali (materne):

1)    Malattie infettive acute: polmonite, tifo, pielite, toxoplasmosi possono essere causa di parto pretermine che sarebbe la diretta conseguenza di iperpiressia e della liberazione di tossine.  La percentuale di parti pretermine da siffatte cause è oggi, grazie agli antibiotici, notevolmente scarsa e si è attestata solo 4-5%.

2)    Malattie sistemiche: rientrano in questo capitolo le alterazioni cardiovascolari, renali, epatiche, del sistema emopoietico, e del ricambio in particolare degli idrati di carbonio.

  • Le cardiopatie, specie se scompensate agiscono per effetto della stasi venosa da cui deriva un’alterazione degli scambi gassosi dell’unità feto-placentare. A dette alterazioni sono legati fenomeni emorragici con conseguente liberazione di sostanze uterocinetiche.
  • Le epatopatie, possono determinare parto pretermine per la tossicosi generalizzata che ne deriva.
  • Le nefropatie sono responsabili del parto pretermine per l’ipertensione, che determina lesioni emorragiche placentari con conseguenti alterazioni funzionali.
  • L’anemia grave, determinerebbe alterazioni funzionali della placenta per anossia.
  • Il diabete oltre  a generare macrosomia fetale con conseguente iperdistensione uterina, determinano anche alterazioni placentari per l’acidosi diabetica. C’è comunque da ricordare che in tali casi è consigliabile indurre un parto pretermine per limitare gli effetti dannosi del diabete sul feto.
  • TBC 
  • lue.

3)    La gestosi ipertensiva: può determinare lesioni emorragiche placentari.

4)    Rifiuto della gestazione: con meccanismo non ancora ben chiarito, ma sicuramente di ordine neuro-endocrino, è responsabile di un discreto numero di parti prematuri.

5)    L’età materna: <20 anni e >40 anni. In queste p/ti è più frequente osservare disfunzioni dei  sistemi endocrini.

6)    Il tabagismo e l’alcool: Il tabacco, se usato in grandi quantità, può essere causa di parto prematuro ma è sicuramente causa di iposviluppo fetale, sembra per un meccanismo di vasospasmo.  Per l’alcoolismo è difficile fare un discorso causale in quanto spesso si accompagna ad altre alterazioni sistemiche che potrebbero essere causa di parto pretermine.

Talvolta si rende necessario ricorrere ad un parto prematuro per motivi medici nell’interesse materno o fetale o di entrambi come in caso di:

  1. IUGR
  2. Doppler Flussimetria Patologica
  3. Alterazioni CTG (Tracciato Cardiotocografico)
  4. Preeclampsia Severa
  5. Eclampsia, Ipertensione Gestazionale
  6. Diabete Gestazionale
  7. Corionamnionite

 

DIAGNOSTICA:

  • Contrazioni uterine>4 contrazioni regolari ogni 30 minuti della durata di almeno 30” riferite dalla paziente o registrate al cardiotografo:
  • rottura delle membrane
  • dilatazione del collo >2 cm 
  • USG:     mediante scansione ecografica transvaginale e a vescica vuota, si valuta, dalla 24settimana, la cervicometria ed in particolare la lunghezza del canale cervicale misurata dall’orificio uterino interno all’orificio uterino esterno e la dilatazione imbutiforme della porzione prossimale del canale cervicale (funneling).
  • presenza di fibronectina fetale nelle secrezioni vaginali.

          a) accorciamento del collo maggiore >80% (v.n. 15-25 mm); esame da effettuarsi preferibilmente con sonda transvaginale per l’elevata percentuale di  errori riscontrati con l’esame transaddominale (10-15). Una lunghezza della cervice ≤25 mm aumenta moderatamente la probabilità di parto pretermine (likelihood ratio con test positivo: +LR 3.84; intervallo di confidenza al 95%, IC: 3.12-4.71) ma una lunghezza conservata (>25 mm) non lo esclude (likelihood ratio con test negativo: -LR 0.85; IC: 0.82-0.89) (59)

            b) “funneling”:  La dilatazione cervicale inizia a livello dell’OUI che allargandosi permette l’invaginazione nel canale cervicale delle membrane e del liquido amniotico. Questa modificazione viene definita funneling (meno frequentemente wedging). In assenza di dilatazione l’OUI è normalmente piatto (aspetto a T), in presenza di funneling presenta aspetti diversi in relazione al grado di incompetenza cervicale, inizialmente ad Y, progredendo poi verso un aspetto a V nella fase intermedia ed a U nella fase finale (16-18,23). 

Cervicometria a 24 w

 

 

 

 


  • Perdite ematiche: in genere di scarsa entità che richiedono però una DD con placenta previa e distacco di placenta.
  • Fibronectina: fibronectina fetale, una glicoproteina presente  nel liquido amniotico e nel tessuto fra la decidua materna e le membrane amniocoriali con funzioni di collante. Un insulto meccanico, come le contrazioni uterine di un imminente inizio di travaglio, ne determina la liberazione e quindi una aumentata concentrazione nelle secrezioni cervico-vaginali, dove viene ricercata  con tampone vaginale e dosata. Anche a membrane integre il tasso di fibronectina sarebbe in grado di indicare quelle pazienti che sono fatalmente avviate al parto pretermine (24,25).
  • Dosaggio del progesterone salivare (test della saliva) – Nel 2009, il King’s College di Londra ha messo a punto un test per l’individuazione delle gestanti che hanno maggiori rischi di partorire prematuramente. Lo studio relativo al test è stato pubblicato, sempre nel 2009, sul British Journal of Obstetrics and Gynaecology. Il test in questione si basa sull’analisi della concentrazione di progesterone nella saliva delle gestanti; il progesterone viene prodotto in quantità notevoli dalla placenta e il suo scopo principale è quello di impedire le contrazioni uterine. Lo studio del King’s College ha messo in evidenza che le donne che entrano in travaglio prima che siano terminate le 34 settimane di gestazione, hanno bassi livelli di progesterone nella saliva. Gli studiosi ritengono che, grazie a questo test, poco costoso, poco invasivo e molto rapido, si potranno monitorare con maggiore attenzione le donne che risulteranno più a rischio aiutandole, eventualmente, con la somministrazione di ormoni.
  • CRF: neuropeptide a 41 aminoacidi prodotto dall’ipotalamo in seguito a stress e, in gravidanza, dalla placenta.   Aumenta donne con parto pretermine, on può essere utilizzato come marker di parto pretermine (7).

PROFILASSI e TERAPIA DEL PARTO PRE-TERMINE: La profilassi del parto pretermine è  l’obiettivo più importante essendo difficile ed incompleta  la terapia  della patologia atto . Considerato che esiste una elevata mortalità perinatale nei parti che si verificano prima delle 34-35 settimane di gestazione, è tassativo instaurare una idonea terapia in tutti i casi a rischio (21,22,33,34). Il principale target da centrare è quello di assicurare la maturazione polmonare e la capacità di sopravvivenza del neonato.

  1. prolungato riposo a letto: La durata e la rigorosità della permanenza a letto varia da caso a caso e dipende dalla gravità del rischio. Laddove questo sia molto elevato è necessario prescrivere il riposo almeno fino al concepimento della 35a settimana di gestazione. Molti  AA. contestano la reale efficacia di tale provvedimento.
  2. Indometacina: in  gravide a meno di 32 settimane di gestazione, l’indometacina può essere una scelta ragionevole basato sulla sua efficacia, facilità di somministrazione ed effetti collaterali minimi.
  3. Magnesio: La somministrazione concomitante di magnesio è utile sia per la neuroprotezione che per l’azione tocolitica.
  4. Nifedipina (Adalat®):  Calcio-antagonista, differisce da altri calcio antagonisti  per la sua particolare attività sulle cellule muscolari  lisce. Legandosi ai canali del Ca++ lenti della membrana cellulare, la nifedipina blocca l’afflusso transmembrana del catione all’interno della cellula. A 32-34 settimane la nifedipina può essere una ragionevole prima scelta, preferibile all’indometacina, facile da amministrare, e ha limitati effetti collaterali relativamente ai beta-mimetici. La nifedipina sembra essere il farmaco di prima scelta nel trattamento del parto pre-termine (30-31,62-65).
  5. Atosiban (Tractocile® fl  1 ml e 5 ml 7.5 mg/ml): antagonista recettoriale dell’ossitocina,  esercita una competizione recettoriale a livello dell’utero e della mammella impedendo all’ossitocina di ancorarsi ai suoi recettori e quindi esplicare la sua attività.  Posologia: una fiala da 1 ml (7.5 mg) come dose iniziale per bolo endovena lento (1 minuto) seguita da infusione endovenosa di 300 μg/min di atosiban in 500 cc di soluzione isotonica di NaCl:  (40 gocce/min = 120 ml/ora) per le prime tre ore seguita da infusione ev di 100 μg/min (15 gocce/min = 40 ml/ora) che dura circa 12 ore. Si possono iniettare fino a 4 flebo per ciclo e si possono ripetere fino a tre cicli di 4 flebo preceduti ognuno dalla somministrazione in bolo. Il suo utilizzo per 15 gg sembra privo di effetti collaterali  e comunque rispetto alla ritodrina è gravata da minori complicanze materne, a fronte però di un prezzo molto più elevato che lo vedrebbe indicato solo per le gravide con problemi cardiovascolari. L’effetto collaterale più comune riscontrato con Tractocile è la nausea (14%). Non sono stati segnalati effetti collaterali nei neonati. Tractocile non va usato nelle pazienti che potrebbero essere ipersensibili all’atosiban o a uno qualsiasi dei componenti additivi. Non va utilizzato nelle gravide <24 settimane e >33 settimane di amenorrea, con metrorragia, eclampsia, pre-eclampsia, PROM o in caso di alterazioni del BCF, morte fetale (26-29).
  6. Progestinici: secondo una recente e approfondita metanalisi (9) sarebbero in grado di far diminuire il rischio di parto pretermine (-22%) se utilizzati in donne con gravidanze singole, che hanno avuto un precedente parto pretermine; nessuna efficacia nelle gestazioni multiple (9). Gli studi pubblicati e riportati nella suddetta metanalisi prevedono l’uso im di  17-α-OH-progesterone caproato 1.000 mg/w (Hauth 1983), Provera cps os 20 mg/die (Hobel 1994),   17-α-OH-progesterone caproato im 250 mg/w (Berghella 2010), progesterone micronizzato in gel o capsule vaginali 100 mg/die (Cetingoz 2010 e Hassan 2011) dalla 16settimana fino a termine di gravidanza con intervalli di 1-4 settimane (19,35,46-58),
  7. Cerchiaggio cervicale: in caso di incontinenza cervicale con cervicometria <15 mm e pregresso parto pre-termine, il cerchiaggio va attuato ricorrendo alla tecnica di Shirodkar o McDonald fino alla 24w. Il cerchiaggio cervicale non è indicato in caso di cervicometria >25 mm. La tecnica di Wurm-Hefner va riservata a casi di emergenza del III° trimestre. Il cerchiaggio verrà rimosso pochi giorni prima del termine fisiologico della gestazione.

Possibili complicanze dell’intervento di cerchiaggio:

  • traumi cervicali, sanguinamento
  • rottura delle membrane al momento dell’inserimento
  • lacerazione cervicale, se il travaglio avviene con cerchiaggio in sede

Cerchiaggio, progesterone vaginale e pessario sembrano avere efficacia comparabile come strategie di trattamento in donne con gravidanza singola, precedente parto spontaneo pretermine e accorciamento della cervice (19).

7) cortisone: per la prevenzione della sindrome delle membrane ialine e relativo distress respiratorio (Respiratory Distress Syndrome, RDS): Somministrazione di betametasone 

(Celestone cronodose®  fl 6 mg o Bentelan® fl 4 mg: 12 mg insieme im per 1-2 giorni) per favorire la maturazione del surfactant  polmonare e ridurre i rischi di membrane ialine. Controindicazione in caso di diabete e gestosi. In alternativa è possibile utilizzare la Teofillina, alla dose di 250 mg x 2/die in vena per 3 giorni. La terapia con betametasone richiede almeno 48-72 ore perchè risulti efficace (32,60).

8) Fans: naprossene, ac. mefenamico  e indometacina bloccano la sintesi delle prostaglandine.

8) Prevenzione delle infezioni endoamniotiche e intrapartum: tampone vaginale in tutti i casi di minaccia di parto pretermine.

7) Alcoolblocca l’ossitocina, da utlizzare come estrema ratio in caso di impossibilità di utilizzare le terapie sudescritte.

Queste pagine  fanno parte del sito fertilitycenter.it in internet da marzo 2011. I testi, le tabelle, i disegni e le immagini pubblicati in queste pagine sono coperte da copyright ma a disposizione di tutti per copia e riproduzione purchè venga citata la fonte con link al sito www.fertilitycenter.it.

Ringrazio i lettori per la cortese attenzione e li prego di voler comunicare le loro osservazioni e consigli su eventuali errori o esposizioni incomplete.

Dr. Enzo Volpicelli

References list:

  1. MacColgin SW: Obstet Gynecol 76:678-680, 1990.
  2. Cammu H, Haitsma V.:  Sweeping of the membranes at 39 weeks nuliiparous wooman: a randomized controlled trial. Br. J. Obstet. Gynecol. 1998; 105: 41-44.
  3. Jacalone P.L., Targosz V., Laffargue F., Boog G., Faure J.M.: Cervical ripening with mifepristone before labor induction: a randomized study. Obstet. Ginecol. 1998, 92: 487-492.
  4. Elliott C., Brennand J.E., Calder A.A.: The effects of mifepristone on cervical ripening and labor induction in primigravidae. Obstet. Gynecol. 1998; 92: 804-809.
  5. Vengalil S.R., et al: A randomized trial of misoprostol and extra-amniotic saline infusion for cervical ripening and labor induction. Obstet. Gynecol. 1998: 91:774-779.
  6. Del Pezzo C, Malerba C, Cavilli AR  e Calugi a: “Corticotropin Releasing Hormone”. The placental clok”. It J Gynaecol Obstetr 2003;15,1:9-14.
  7. Genazzani AR, Florio P. Imperatore A, Torricelli M, Petraglia F.: “Modifiche biochimiche nel sangue materno nel parto pretermine”. Atti SIGO 2003; CIC Edit Roma; Relazioni pagg. 427-431.
  8. Kimball JW (2006/06/15). “Gli ormoni dell’ipotalamo” . Kimball Pagine Biologia . Richiamato 2008/08/03 .
  9. Frances E. Likis: “Progestogens for preterm birth prevention. A systematic review and meta-analysis”.  Obsterics & Gynecoly; vol 120,4: 897-907.
  10. Iams JD, Goldenberg RL, Meis PJ, et al. The length of the cervix and the risk of spontaneous premature delivery. National Institute of Child Health and Human Development Maternal Fetal Medicine Unit Network. N Engl J Med 1996; 334:567-72
  11. Parry S, Simhan H, Elovitz M, Iams J.. “Universal maternal cervical length screening during the second trimester: pros and cons of a strategy to identify women at risk of spontaneous preterm delivery”. Am J Obstet Gynecol 2012; 207:101-6.
  12. Werner EF, Han CS, Pettker CM, et al.: ” Universal cervical-length screening to prevent preterm birth: a cost-effectiveness analysis”. Ultrasound Obstet Gynecol 2011;38:32-7.
  13. Saul LL, Kurtzman JT, Hagemann C, Ghamsary M, Wing DA. “Is transabdominal sonography of the cervix after voiding a reliable method of cervical length assessment?”.  J Ultrasound Med 2008;27:1305-11.  
  14. To MS, Skentou C, Cicero S, Nicolaides KH. Cervical assessment at the routine 23-weeks’ scan: problems with transabdominal sonography. Ultrasound Obstet Gynecol 2000;15:292-6. 
  15. Hernandez-Andrade E, Romero R, Ahn H, et al. Transabdominal evaluation of uterine cervical length during pregnancy fails to identify a substantial number ofwomenwith a short cervix. J Matern Fetal Neonatal Med 2012;25:1682. 
  16. National Collaborating Centre for Women’s and Children’s Health. Antenatal care – Routine care for the healthy pregnant woman. 2nd edition (2008 update). 
  17. Incontinenza della cervice uterina, in; “Corso di formazione in Ostetricia” , Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO), CSE edit, Torino. 2003:21-22. 
  18. Iaccarino M., Paladini D. e Ventruto V.: : “Ecografia in Ostetricia” Verducci Edit. Roma; 2005,pag. 67.
  19. Z. ALFIREVIC, J. OWEN, E. CARRERAS MORATONAS, A. N. SHAR, J. M. SZYCHOWSKI and M. GOYA: “Vaginal progesterone, cerclage or cervical pessary for preventing preterm birth in asymptomatic singleton pregnant women with a history of preterm birth and a sonographic short cervix”.Ultrasound Obstet Gynecol 2013; 41: 146–151
  20. Barros F.C, Velez M.del Pilar. Temporal Trends of prenterm Birth Subtypesand Neonatal Outcomes. Obstet and Gynecol. 2006; 107: 1035-1041
  21. Di Renzo G.C., Roura L.C.Guidelines for the management of spontaneous preterm labor. J. Perinat.Med. 2006; 34:359-366 4. 
  22. Arulkumaran S., Chandraharan E. Recent advences in management of preterm labor J.obstet.Gynecol India .2005; 55:118.124
  23. Berghella V., Owen J., Mac Pherson C., Yost N., Swain M., Dildy G., Miodovnik M., Lamger O., Sibai B. Natural Histry of cervical Funneling in Women at High Risk for Spontaneous Preterm Birth. Obstet Gynecol 2007;109:863-869
  24. Lockwood C., Senyei A., Dische M.R., Casal D., Shah K.D., Thung S.N., et al. fetlal fibronectin in cervical e vaginal secretions as a predictor of preterm delivery. N. engl. J.Med. 1991; 325: 669-74 7. 
  25. Goldemberg R.L., Thom E., Moawad A.H., Johnson F., Roberts J., Caritis S.N., The preterm prediction study: fetal fibronectin, bacterial vaginosis and peripartum infection. Obstet Gynecol.1996;87: 656-60
  26. Gyetvai K., Hannah M.E., Hodnett E.D., Ohlsson A. tocolytics for preterm labor: a systematic revew. Obstet Gynecol 1999; 94: 869-77 9. 
  27. Romero R., Sibai B.M., sanchez-ramos L., Valenzuela G.J., Ville J.C., Tabor B. et el. An Oxitocin receptor antagonist (atosiban) in tje treatment of preterm labor: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial with tocolytic rescue. Am J Obstet Gynecol 2000; 182:1173-83 10. 
  28. Moutquin J.M., Sherman D., Cohen H., Mohide P.T., Hocner-Celnikier D., Fejgin M., et el. Double-blind, randomized, controlled trial of atosiban and ritodrina in the treatment of preterm labor: a multicenter effectiveness and safety study. Am J Obstet Gynecol 2000; 182: 1192-9 11. 
  29. French/australian Atosiban investigators Group. Treatment of preterm labor with the oxytocin antagonist atosiban: a double-blind, randomised, controlled comparison with salbutaol. Eur J Obstet Gynecol reprod Biol 2001; 98 : 177-85
  30. Tsatsaris V., Papatsonis D., Goffinet F., Dekker G., carbonne B. Tocolisis whit nifedipine or beta-adrenergic agonists: a meta-analysis. Obstet Gynecol 2001; 97: 840-7 13. 
  31. King J.F., Flenady V.J., Paptsonis D.N.M., Dekker G.A., Carbonne B. Calcium channel blockers for inhibiting preterm labour. Cochrane database of Systematic Reviews 2007; 
  32. Crowley P. Prophylactic corticosteroids for preterm birth (Cochrane review) In: The Cochrane Library, Issue 1, 2003.
  33. ACOG Practice Bulletin . Clincal Management guidelines for Obstetrician-Ginecologysts: Management of preterm labor. N.43, May 2003
  34. Arulkumaran S., Chandraharan E. Recent advences in management of preterm labor J.obstet.Gynecol India .2005; 55:118.124
  35. Firdianti R, Abdullah N, Tiro E, Hubungan Kadar Progesteron Induced Blocking Factor (PIBF) Serum Dengan Kejadian Persalinan Preterm. 2013. Departemen Obgyn FK UNHAS.
  36. Stamatelou et al. Abnormal Progesterone and Corticotropin Releasing Hormone Levels are Associated with Preterm Labour. Ann Acad Med Singapore 2009;38:1011-6
  37. Been, J.V., et al. Effect of Smoke-free Legislation on perinatal and child health : a systematic review and meta-analyses. 2014. March.
  38. Oberg M, Jaakkola MS, Woodward A, Peruga A, Pruss-Ustun A. Worldwide burden of disease from exposure to second-hand smoke: a retrospective analysis of data from 192 countries. Lancet 2011; 377: 139–46. 11. 
  39. WHO report on the global tobacco epidemic, 2013. Enforcing bans on tobacco advertising, promotion and sponsorship. Geneva: World Health Organization, 2013
  40. Rode, L., et al. Prevention Of Preterm Delivery In Twin Gestations (PREDICT): A Multicenter, Randomized, Placebo-Controlled Trial On The Effect Of Vaginal Micronized Progesterone. Ultrasound Obstet Gynecol. 2011; 38: 272–280
  41. Weiss JL, Malone FD, Ball RH, et al. Treatened abortion: a risk factor for poor pregnancy outcome, a population-based screening study. Elseiveer AJOG. 2003
  42. Krohn, et al. Association Between Bacterial Vaginosis and Preterm Delivery of a Low-Birth Weiight Infant. 2014. The New England Journal of Medicine ;333 : 1737-42
  43. Kramer, M.S., Socio-economic Disparities in Preterm Birth : causal pathway and mechanisms. 2001.paediatric and perinatal epidemiology, 15(2), 104-123.
  44. Parker JD, Schoendorf,CK., Kiely,JL. Association between measures of socioeconomic status and low birth weight, small for gestational age, and premature delivery in the US. 1994. Annals of Epidemiology ; 4:271-278.
  45. Parry S, Strauss III JF. Premature rupture of the fetal membranes. Mechanism of disease. 2006
  46. Borna, S., Sahabi, N. Progesterone For Maintenance Tocolytic Therapy After Threatened Preterm Labour: A Randomised Controlled Trial. Australian and New Zealand Journal of Obstetrics and Gynaecology .2008; 48: 58–63 34. 
  47. Yasushi, H., Jeeyeon, C., Sudhansu, K., D. Revisiting Reproduction: Prematurity And The Puzzle Of Progesterone Resistance. Nature Medicine. 2010; 16: 529–531.
  48. 5. Hilgers WT. Progesterone Support in Pregnancy. National Hormon Laboratory Pope Paul VI Institute. Fertility and Na Pro Technology. The Medical and Surgical Practice of Na Pro Technology. 2014; p. 731.
  49. Sfakianaki AK, Norwitz ER. Mechanisms of progesterone action in inhibiting prematurity. J Matern Fetal Neonatal Med 2006; 19: 763–72. 37.
  50. Da Fonsesca, E., B., et al. Prophylactic Administration of Progesterone by Vaginal Suppository to Reduce the Incidence of Spontaneous Preterm Birth in Women at Increase Risk : a Randomized Placebo-Controlled Double Blind Study. American Journal of Obsteric and Gynaecology. 2003; 188 (2) : 419-424 38.
  51. Meis, P., J., et al. Prevention of Recurrent Preterm Delivery by 17 α- hydroxy Progesterone Caproate. NEJM, 2003; 348 (24): 2379-2385 39.
  52. Fiscella K. Race, perinatal outcome, and amniotic infection. Obstet Gynecol Surv 1996; 51: 60–66. 40.Csapo A. Progesterone block. Am J Anat 98; (2):273-291. 41
  53. Grazzini E, Guillon G, Mouillac B, Zingg H H. Inhibition of Oxytocin Receptor Function By Direct Binding of Progesteron. Nature. 1998; 392 (6675) : 509-512 42. 
  54. Hilgers WT. Progesterone Support in Pregnancy. National Hormon Laboratory Pope Paul VI Institute. Fertility and Na Pro Technology. The Medical and Surgical Practice of Na Pro Technology. 2004; p. 731.
  55. Dodd, JM, Jones L, Flenady V, et al. Prenatal administration of progesterone for preventing preterm birth in women considered to be at risk preterm birth (Review).The Cochrane Collaboration. 2013.
  56. Mackenzie R, Walker M, Armson A, Hannah ME. Progesterone for the prevention of preterm birth among women at increased risk: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Am J Obstet Gynecol 2006; 194:1234–1242. 
  57. Iams JD. Supplemental progesterone to prevent preterm birth. Am J Obstet Gynecol 2003; 188: 303.
  58. Meis PJ, Klebanoff M, Thom E, Dombrowski MP, Sibai B, Moawad AH. National institute of child health and human developmentmaternal– fetal medicine units network. Prevention of recurrent preterm delivery by 17 alpha-hydroxyprogesterone caproate. N Engl J Med 2003;348:2379–2385 [erratum in N Engl J Med 2003; 349:1299].
  59. Grimes-Dennis J, Berghella V. Cervical length and prediction of preterm delivery. Curr Opin Obstet Gynecol 2007; 19:191–195.
  60. Crowley P. Prophylactic corticosteroids for preterm birth. Cochrane Database Syst Rev 2000;(2):CD000065.
  61. Shabeen Naz Masood, Farida Khan, Muhammad Faraz Masood;  Diurnal influence to the onset of preterm Delivery Pak J Med Sci    October – December 2009 (Part-II)    Vol. 25 No. 6    1003-1006
  62. Abramovici ACantu JJenkins SM. Tocolytic therapy for acute preterm labor. Obstet Gynecol Clin North Am. 2012 Mar;39(1):77-87. doi: 10.1016/j.ogc.2011.12.003. Epub 2012 Jan 4.
  63. U. Ulmsten, KE. Andersson; L. Wingerup, Treatment of premature labor with the calcium antagonist nifedipine. in Arch Gynecol, vol. 229, nº 1, Jan 1980, pp. 1-5,PMID 7362274.
  64. ^ JF. King, VJ. Flenady; DN. Papatsonis; GA. Dekker; B. Carbonne, Calcium channel blockers for inhibiting preterm labour. in Cochrane Database Syst Rev, nº 1, 2003, pp. CD002255, DOI:10.1002/14651858.CD002255PMID 12535434.
  65. ^ A. Conde-Agudelo, R. Romero; JP. Kusanovic, Nifedipine in the management of preterm labor: a systematic review and metaanalysis. in Am J Obstet Gynecol, vol. 204, nº 2, Feb 2011, pp. 134.e1-20, DOI:10.1016/j.ajog.2010.11.038PMID 21284967.