Oncologia

Trastuzumab (Herceptin®) e Cetuximab (Erbitux®)

Hits: 2

Il Trastuzumab (Herceptin®) fa parte degli anticorpi monoclonali (mABs): anticorpi sintetizzati in laboratorio e “disegnati” per legare in maniera selettiva un singolo bersaglio. Essendo i mABs molecole ad alto peso molecolare, i loro bersagli si trovano, nella maggior parte dei casi, sulla membrana delle cellule tumorali.

Meccanismo d’azione del Trastuzumab: come il  Cetuximab (Erbitux® flac 20 e 100 ml; 5 mg/ml) si lega al recettore del fattore di crescita dell’epidermide (EGFR, Epidermal Growth Factor Receptor) impedendo la replicazione delle cellule cancerose. Con l’acronimo HER2 (Human Epidermal Growth Factor Receptor 2) noto anche come EGFR o c-erbB-2  viene identificato il recettore 2 per il fattore di crescita epidermico umano (EGF). HER2 appartiene alla famiglia delle proteine ErbB e perciò detto anche c-erb-2, più comunemente conosciuta come famiglia dei recettori epidermici dei fattori di crescita. Una forma modificata di HER2, detta HER2/neu, è un proto-oncogene, che risulta amplificato dal 25 al 30% nei casi di carcinomi primari della mammella. L’oncogene neu deve la sua dicitura al fatto che fu identificato in una linea di cellule di glioblastoma di roditore. Il glioblastoma è un tipo di tumore neurale, da qui la dicitura neu. 

Il gene HER2 è un situato nel braccio lungo del cromosoma 17 alle coordinate 17q21-q22 (2). Il test per HER2, eseguito su un campione di tessuto tumorale, identifica i tumori come HER2-positivi o negativi. La presenza di una mutazione di questo gene in grado di generare troppe copie del gene all’interno delle cellule (amplificazione), va determina la produzione eccessiva della proteina HER2. Il gene HER2 è pertanto chiamato oncogene, ossia gene in grado di provocare la crescita incontrollata delle cellule tumorali. L’amplificazione o l’iperespressione del gene HER2 è stata rilevata in circa il 25% dei tumori alla mammella e in altri tipi di cancro come quello gastroesofageo.

Indicazioni: il trastuzumab è utilizzato in monoterapia o più spesso in associazione a paclitaxel o docetaxel o, in post-menopausa, in associazione con inibitori dell’aromatasi  per la terapia del ca. mammario HER2 positivo sia in fase iniziale che in presenza di metastasi a distanza. Usualmente utilizzato anche per 

Erbitux è indicato per il trattamento di pazienti affetti da carcinoma metastatico del colon-retto con espressione del recettore per il fattore di crescita epidermico (EGFR) e senza mutazioni di RAS (wild- type)

Si tratta di terapia mirata (target therapy) effettuata con un anticorpi monoclonali chimerici IgG1 prodotti in una linea cellulare di mammifero (Sp2/0) mediante tecniche di DNA ricombinante. 

Via di somministrazione del trastuzumab: endovena, CVP, PICC, CVC

 

References:

  1.  DJ Slamon, W Godolphin, LA Jones, JA Holt, SG Wong, DE Keith, WJ Levin, SG Stuart, J Udove, A Ullrich and, al. et; Studies of the HER-2/neu proto-oncogene in human breast and ovarian cancer Science 12 May 1989: Vol. 244 no. 4905 pp. 707-712 DOI: 10.1126/science.2470152
  2. Coussens L, TL Yang-Feng, YC Liao, E Chen, A Gray, J McGrath, PH Seeburg, TA Libermann e J Schlessinger: Tyrosine Kinase Receptor with Extensive Homology to EGF Receptor Shares Chromosomal Location with neu Oncogene, in Science, vol. 230, n. 4730, 1985, pp. 1132–1139, 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...