Menopausa, Novità

Vitamina D

Hits: 26

Vitamina D: esistono 5 isoforme di vitamina D. Le più importanti sono la vitamina D (colecalciferolo), derivante dal colesterolo e sintetizzato negli organismi animali e la vitamina D2 (ergocalciferolo) di provenienza vegetale. La vitamina D ottenuta dall’esposizione solare o attraverso la dieta è presente in una forma biologicamente non attiva e deve subire due reazioni di idrossilazione per essere trasformata nella forma biologicamente attiva, il calcitriolo o 1,25(OH)2D. 

Nella maggioranza (70% circa) della popolazione italiana  la concentrazione sierica del calcitriolo è inferiore alle concentrazioni normali (>75 nmol/L  oppure >30 ng/L), a seconda dei sistemi utilizzati, occorre intervenire.necessarie per prevenire l’osteoporosi. Ciò è dovuto essenzialmente a scarsa assunzione di colecalciferolo ed ergocalciferolo. Anche l’esposizione al sole è scarsa in una popolazione che vive in un paese “baciato” dal sole.

E’ quindi necessario ricorrere a terapia supplementare con preparati medicinali contenente colecalciferolo. La dose giornaliera consigliabile è di 400-800 UI.  Dai 50 anni occorre assumere 1000 UI di colecalciferolo oppure bere 1,5 litri di latte, anche scremato, o 700 cc di yoghurt oppure 150 gr di salmone o  1 cucchiaio di olio di fegato di merluzzo. 

La somministrazione di colecalciferolo ed ergocalciferolo è priva di rischi perchè l’organismo  ne trasforma in calcitriolo solo la quantità necessaria e non oltre. Invece la somministrazione di calcitriolo, se eccessiva, può essere tossica ed  è perciò riservata solo a pazienti con gravi patologie da severa carenza di Vitamina D. 

La funzione del calcitriolo è quella di:

  1. favorire l’assorbimento intestinale del calcio e dei fosfati legandosi ai recettori specifici della vitamina D (VDR) a livello della mucosa intestinale e stimolando la sintesi di una proteina legante il calcio, la calbindina. 
  2. creare una via di rapido assorbimento del calcio (“transcaltachia”) tramite il legame del calcitriolo con una proteina della membrana cellulare distinta dai suoi recettori specifici VDR. 
  3. favorire il riassorbimento tubulare del calcio a livello renale
  4. favorire, nel citoplasma degli osteoblasti, la sintesi di proteine (quali l’osteocalcina -la principale proteina della matrice ossea- e l’osteopontina) e la fosfatasi alcalina che idrolizza i monoesteri fosforici.  

Di-Base® (Colecalciferolo): gocce 10.000 UI, fl im 100.000 UI (una fiala ogni 3-4 mesi) e 300.000 UI (una fiala una volta all’anno).

Tonacal D3 cpr masticabili: contiene Carbonato di calcio 1500 mg (equivalente a 600 mg di calcio) + Colecalciferolo (Vitamina D3) 400 UI (equivalente a 0,01 mg) 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...