Endocrinologia, Gravidanza, Puerperio

Depressione post-partum

La depressione post-partum interessa il 10% delle puerpere nei paesi occidentali indipendentemente dall’età e parità delle pazienti.  L’incidenza è sottostimata perché molte madri rifiutano l’aiuto psichiatrico e l’esistenza syessa della patologia considerando la depressione postnatale come una fastidiosa complicanza routinaria non degna di attenzione (1).

I fattori di rischio sono:

  • assenza di un supporto familiare saldo (ragazze madri, vedove…)
  • eventi stressanti come la perdita di una persona amata, il cambio di città, una grave malattia in famiglia
  • Assenza o scarsa “presenza” del coniuge (22)
  • anamnesi positiva per disturbi psichiatrici
  • Somministrazione eccessiva di DHA (Omega 3) in gravidanza (13)
  • Allattamento al seno: per più di un secolo i medici hanno pensato che le donne che allattavano fossero esposte ad un maggior rischio di ansietà e depressione post-partum, originariamente chiamata “pazzia da lattazione” a causa dell’iperprolattinemia (11,17). Di parere opposto erano i  paladini dell’allattamento al seno. Attualmente si tende a ritenere l’allattamento al seno come un fattore protettivo a difesa della PPD soprattutto se la prolattinemia è nei valori normali (26-31). Inoltre l’allattamento al seno produce un incremento dell’ossitocina con effetto antidepressivo di breve durata (32).
  • Ripetute pratiche di PMA (FIV/ICSI) (14)
  • Fumo
  • Scarsa autostima
Allattamento al seno: protegge dalla depressione post partum

Etiologia: difficile  indicare una causa precisa, tuttavia ci sono diversi fattori concorrenti

  • Fattori ormonali: dopo il parto si osserva un calo di E2 e degli ormoni tiroidei. Si è osservata una correlazione fra ipoestrogenemia e depressione post-partum; anche un’elevata concentrazione di progesterone è correlata con DPP (17).  Un’associazione sembra esserci fra la PPD e la tiroidite post-partum soprattutto in fase ipotiroidea (9,21).  Anche l’ipercortisolemia può avere un effetto scatenante in puepere predisposte alla depressione post-partum (10,20).
  • Deficit di ac. folico  (12)
  • Alterazioni funzionali dei neurotrasmettitori (serotonina, noradrenalina) e modificazioni dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene indotte dallo stress gestazionale (8).
  • Fattori emotivi legati alla perdita della propria immagine fisica e di collocazione sociale, alla perdita della propria libertà organizzativa sul lavoro e nel tempo libero.  
  • Allattamento con alterazione del ritmo sonno-veglia della madre (e anche degli altri familiari). 

 Classificazione depressione:  la classificazione secondo i criteri della Edinburgh Postnatal Depression Scale (EPDS): appare efficiente per identificare le pazienti a rischio di depressione post-partum (2).  

Diagnostica:

  • Test di sopppressione con desametazone: le puerpere con alterazione del test al DMX  svilupperanno DPP nell’80% dei casi (24).

Prevenzione: valutazione del cortisolo e autoanticorpi antitiroidei nell’ultima fase della gravidanza.

Terapia:

1) Supporto psicologico: 

  • terapia cognitivo-comportamentale (CBT), in cui si utilizzano una serie di tecniche nel contesto del trattamento di orientamento interazione descritto da McDonough  nel 1993 (2,3). 
  • terapia psicodinamica utilizzando le tecniche di trattamento descritte da Cramer & Stern, in cui si esplora anche il rapporto tra la madre e il suo bambino (4,5).
  • Counseling   in cui si discute con la puerpera su eventuali preoccupazioni attuali, come ad esempio problemi coniugali o difficoltà finanziarie, ma anche per quanto riguarda il rapporto con il neonato (6,7).
  • Terapia psichica preventiva in gravidanza per le gravide a rischio (7).

2) Terapia farmacologica: in relazione alla sintomatologia prevalente si possono utilizzare diversi farmaci. Per prevenire lo sviluppo una depressione maggiore, è opportuno iniziare la terapia appena si manifestano i primi sintomi (23).

  • Venlafaxina, Fluoxetina 20 mg/die (15), Nomifensina (15).
  • L-Tiroxina (16)
  • Estradiolo somministrato in cerotti transdermici (18)
  • Selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs) (19)

Bibliografia:

  1. Piacentini D. et al: “Prevalence and risk factors of postnatal depression among women attending antenatal courses”. Epidemiologia e Psichiatria Sociale2009;18,3:214-220.
  2. ETER J. COOPER , LYNNE MURRAY , ANJI WILSON , HELENA ROMANIUK: “Controlled trial of the short- and long-term effect of psychological treatment of post-partum depression”. Brit J. Psych 2003
  3. Hawton, K., Salkovskis, P., Kirk, J., et al ( 1989) Cognitive Behavioural Approaches to Adult Psychiatric Disorders. Oxford: Oxford University Press.
  4. Cramer, B., Robert-Tissot, C., Stern, D., et al ( 1990) Outcome evaluation in brief mother—infant psychotherapy: a preliminary report. Infant Mental Health Journal, 11, 278-300.
  5. Stern, D. ( 1995) The Motherhood Constellation. New York: Basic Books.
  6. Holden, J., Sagovsky, R. & Cox, J. L. ( 1989) Counselling in a general practice setting: a controlled study of health visitor intervention in the treatment of postnatal depression. BMJ, 298, 223-226.
  7. H.  CHABROL, F.  TEISSEDRE, M.  SAINT-JEAN,  , N.  TEISSEYRE, B.  ROGÉ   and E.  MULLET: “Prevention and treatment of post-partum depression: a controlled randomized study on women at risk”. Psychological Medicine / Volume 32 / Issue 06 / August 2002, pp 1039-1047
  8. J.W Smith, J.R Seckl, A.T Evans, B Costall, J.W Smythe: “Gestational stress induces post-partum depression-like behaviour and alters maternal care in rats”. J. Psychoneuroendocril; 2004; Volume 29, Issue 2, Pages 227–244. 
  9. Brian Harris, Hedi Fung, Sandra Johns, Minosh Kologlu, R. Bhatti, Alan M. McGregor, Colin J. RichardsReginald Hall: “Transient post-partum thyroid dysfunction and postnatal depression”. J Affect Disorders; 1987;3: 243–249
  10. Susanne BrummelteJodi L. PawluskiLiisa A.M. Galea: “,High post-partum levels of corticosterone given to dams influence postnatal hippocampal cell proliferation and behavior of offspring: A model of post-partum stress and possible depression”. Hormones and Behavior Volume 50, Issue 3, September 2006, Pages 370–382
  11. Elizabeth M. Alder,,  John L. Cox: “Breast feeding and post-natal depression”. Journal of Psychosomatic ResearchVolume 27, Issue 2, 1983, Pages 139–144
  12. F. RouillonM. ThalassinosH.D. MillerT. Lemperiere: “Folates and post partum depression”. Volume 25, Issue 4, August 1992, Pages 235–241
  13. Camilla M.M. da Rocha and Gilberto Ka: “High dietary ratio of omega-6 to omega-3 polyunsaturated acids during pregnancy and prevalence of post-partum depression”. Maternal & Child Nutrition Volume 8, Issue 1, pages 36–48, January 2012
  14. C. SheardS. CoxM. OatesG. Ndukwe and C. Glazebrook: “Impact of a multiple, IVF birth on post-partum mental health: a composite analysis”. Hum. Reprod. (2007) 22 (7):2058-2065.
  15. Cohen LS, Viguera AC, Bouffard: ” SM, Nonacs RM, Morabito C, Collins MH, Ablon JS: “Venlafaxine in the treatment of postpartum depression”. J Clin Psychiatry2001 Aug;62(8):592-6 
  16. BRIAN HARRIS  et al: “Randomised trial of thyroxine to prevent postnatal depression in thyroid-antibody-positive women”. Brit J Psychol;2002; 180,4:327.
  17. B Harris , S Johns , H Fung , R Thomas , R Walker , G Read , D Riad-Fahmy; “The hormonal environment of post-natal depression”. Brit J Psycol; 1989;154,2
  18. Ball DEMorrison P: “Oestrogen transdermal patches for post partum depression in lactating mothers–a case report”. The Central African Journal of Medicine [1999, 45(3):68-70]
  19. Franco De CrescenzoFederica PerelliMarco ArmandoStefano Vicari: “Selective serotonin reuptake inhibitors (SSRIs) for post-partum depression (PPD): A systematic review of randomized clinical trials”. Journal of Affective Disorders Volumes 152–154, January 2014, Pages 39–44
  20. Tadaharu OkanoJunichi Nomura: “Endocrine study of the maternity blues”. Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry;Volume 16, Issue 6, November 1992, Pages 921–932
  21. B. Harris, S. Othman, J. A. Davies, . J. Weppner,C. J. Richards, R. G. Newcombe,J. H. Lazarus,A. B. Parkes,R. Hall,D. I. Phillips: “Association between postpartum thyroid dysfunction and thyroid antibodies and depression”. BMJ 1992; 305
  22. Atsuko SATOH, Chiaki KITAMIYA, Hisa shi KUDOH,  Mayuko WATANABE, Kazuko ENZAWA and Hidetada SASAK: “ Factors associated with late post-partum depression in Japan”. Japan Journal of Nursing Science Volume 6, Issue 1, pages 27–36, June 2009
  23. Katherine L. WisnerSusan B. Wheeler: “Prevention of Recurrent Postpartum Major Depression”. Psychiatric Services; Volume 45 Issue 12, December 1994
  24. Jim GreenwoodGordon Parker: “The Dexamethasone Suppression Test in the Puerperium”. Australian & New Zeland J Psych; September 1984 vol. 18 no. 3 282-28
  25. Cort A. Pedersen,Robert A. Stern,Jenifer PateMichael A. SengerWatson A. BowesGeorge A. Mason: “Thyroid and adrenal measures during late pregnancy and the puerperium in women who have been major depressed or who become dysphoric postpartum”. Journal of Affective DisordersVolume 29, Issues 2–3, October–November 1993, Pages 201–211
  26. Lawrence, R.A. Breastfeeding: A guide for the medical profession.St. Louis: Mosby-Year Book, Inc., 1994
  27. Cooper, P.J., L. Murray, and A. Stein. Psychosocial factors associated with the early termination of breastfeeding. J Psychosomat Res 1993; 37:171-76.
  28. Tamminen, T.M. and R.K. Salmelin. Psychosomatic interaction between mother and infant during breastfeeding. Psychother Psychosomat 1991; 56: 78-84.
  29. Isabella, P.H. and R.A. Isabella. Correlates of successful breastfeeding: A study of social and personal factors. J Hum Lact 1994; 10: 257-64.
  30. Daniel C. Hatton: “Symptoms of Postpartum Depression and Breastfeeding”. J Human Lactation; 2013

  31. The Relationship Between Infant-Feeding Outcomes and Postpartum Depression: A Qualitative Systematic ReviewPediatrics April 1, 2009 123: e736-e751

  32. Boutet CVercueil LSchelstraete CBuffin ALegros JJ: “Oxytocin and maternal stress during the post-partum period”.  Annales D’endocrinologie [2006, 67(3):214-223]
Endocrinologia, Puerperio

Tiroidite post-partum

La tiroidite post-partum (PPT) è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale: dai 6 ai 12 mesi dopo il parto. E’ caratterizzata inoltre da assenza di dolore (“painless”) e assenza di gozzo o gozzo molto piccolo.  Compare di solito dopo una gravidanza a termine; sono descritti casi di tiroiditi post aborto. Controversi sono, ad oggi, gli studi che correlerebbero la tiroidite post-partum od anche la sola positività autoanticorpale tiroidea con la sindrome depressiva post partum. Tuttavia, alcuni studi, recentemente, dimostrerebbero una correlazione tra positività autoanticorpale e depressione post-partum, indipendentemente dalla funzione tiroidea.

Esistono diversi tipi di tiroidite che per prevalenza, decorso clinico e caratteristiche di laboratorio, si differenziano una dall’altra. La tiroidite acuta è una infiammazione di tipo granulocitario, la subacuta di tipo granulomatoso, la cronica di tipo linfocitario. La tiroidite acuta è molto rara e dovuta ad infezioni batteriche o parassitarie, la tiroidite subacuta (tiroidite di De Quervain) è di origine virale. Entrambe sono solitamente transitorie e guariscono con la restituito ad integrum della tiroide. La tiroidite cronica, invece, ha una eziologia sconosciuta, con patogenesi autoimmune, ed ha una varietà di manifestazioni cliniche che rispecchiano l’evoluzione del processo infiammatorio della ghiandola. Spesso i pazienti con tiroidite cronica hanno altre malattie autoimmuni associate e nella famiglia esistono altri casi di tireopatie autoimmuni. Predilige soprattutto le donne anziane ma anche donne giovani nel periodo successivo alla gravidanza. Le tiroiditi croniche, inoltre, possono avere anche altre caratteristiche, comparire dopo una gravidanza ed essere scatenate dall’uso di determinati farmaci. Le più note fra le tiroiditi croniche sono:  tiroidite cronica di Hashimoto, tiroidite silente sporadica,  tiroidite fibrosa di Riedel, tiroidite da farmaci e la tiroidite silente post-partum (1). 

Tiroidite post-partum (PPT)è stata riportata nel 4-7% delle donne, durante i primi 6 mesi dopo il parto. L’incidenza aumenta fino al 20% nelle donne  con gozzo, con una tiroidite di Hashimoto, un’anamnesi familiare fortemente indicativa di patologia tiroidea autoimmune o con un diabete mellito di tipo I (insulino-dipendente), rinite allergica ricorrente,  nelle fumatrici e nelle puerpere che nel I° trimestre di gravidanze mostravano anticorpi antitiroidei (antimicrosomi (AMT), antiglobulina, TRab anticorpi antirecettori del TSH).  La disfunzione tiroidea materna del (post-partum raramente si sviluppa nelle donne con titolo di emoagglutinazione per  l’antigene microsomale tiroideo (AMT) 1:100, presente in gravidanza ma è più frequente tra quelle con,  un titolo di 1:6400 e presenza di anticorpi antitreoperossidasi (Ab TPO). In quelle con titoli intermedi, l’esito è incerto (2,3)

Etiologia: durante la gravidanza nella donna si sviluppa uno stato di depressione immunologica, che raggiunge il massimo verso l’ultimo trimestre, tanto che si assiste alla riduzione del titolo anticorpale e dell’infiltrato linfocitario tiroideo. Dopo il parto, si ha una netta riduzione della tolleranza immunologica, anzi si assiste ad un vero e proprio rebound immunologico con inasprimento dei fenomeni autoimmunitari. 

Epidemiologia: La prevalenza della tiroidite post partum è, in realtà, assai variabile dall’1 al 16% delle donne che hanno partorito: è più bassa nella aree endemiche iodiocarenti, mentre, è nettamente più alta nelle zone recentemente iodiosufficienti o in quelle sottoposte di recente a iodioprofilassi.

Clinica:  la tiroidite post-partum presenta un caratteristico andamento trifasico tipico delle tiroiditi destruenti:
La prima fase è quella tireotossica, inizia cira 1-2 mesi dopo il parto e può durare per 1-2 mesi. L’aumento degli ormoni tiroidei in circolo è dovuto ad un aumentato rilascio da parte dei follicoli danneggiati dal processo infiammatorio. Solitamente, comunque, le pazienti hanno solo lievi sintomi di ipertiroidismo (ipertermia, sudorazione, iperglicemia, ipercalcemia, ipertensione arteriosa, tachicardia, aritmia, astenia, adinamia, diarrea, etc).
La seconda fase è quella ipotiroidea, dovuta alla deplezione della riserva di ormoni preformati, con comparsa di sintomi quali astenia, depressione, iperplasia tiroidea con formazione di un piccolo gozzo che possono facilmente essere scambiati con quelli comunemente nel post partum. Inizia dopo 4-8 mesi dal parto e può durare 4-6 mesi.
La terza fase è quella del recupero funzionale; solitamente circa il 50% delle pazienti rimane ipotiroidea, l’altra metà, invece, ritorna eutiroidea anche se tenderà a sviluppare un ipotiroidismo permanente nei 3-4 anni successivi o nelle gravidanze successive.
Solitamente il susseguirsi completo delle tre fasi cliniche è documentabile solo nel 26% dei casi, mentre nel 34% dei casi si manifesta solo ipertiroidismo e nel 40% dei casi appare solo la fase ipotiroidea.

Nella quasi totalità dei casi è apprezzabile un piccolo gozzo di grado I OMS con aumento della consistenza parenchimatosa ghiandolare alla palpazione, indolore alla palpazione.

La diagnosi deve essere clinicamente sospettata in tutte le puerpere, che hanno manifestato positività per gli anticorpi tiroidei AMT, AbTPO e AbTg nel 1° trimestre di gravidanza e che manifestano disfunzione tiroidea e gozzo nei mesi seguenti il parto.
Dal punto di vista clinico laboratoristico per la diagnosi è sufficiente il riscontro di valori soppressi del TSH (< di 0,35 mcU/ml) con o senza elevazione degli ormoni tiroidei FT4 ed FT3 nella fase di ipertiroidismo, elevati del TSH (> di 4 mcU/ml) con o senza riduzione degli ormoni tiroidei nella fase di ipotiroidismo ed il dosaggio degli autoanticorpi AbTPO e AbTg.
Nelle forme sub-cliniche, gli ormoni tiroidei risultano normali ed è solo il TSH ad indirizzarci verso la diagnosi di ipo e di ipertiroiidismo sub-clinico a seconda dei valori elevati o soppressi.

USG:  evidenzia una caratteristica e patognomonica ipoecogenicità ghiandolare diffusa o multifocale correlata con l’infiltrazione linfocitaria e con la positività autoanticorpale e che, spesso precede la disfunzione tiroidea. Una persistenza della ipoecogenicità ghiandolare viene universalmente accettata come fattore prognostico negativo per l’evoluzione in ipotiroidismo permanente. All’integrazione colordoppler non si osservano segni di ipervascolarizzazione.

La scintigrafia con I131 o con Tc 99 è controindicata in donne che allattano.
Nei casi sospetti, previa sospensione dell’allattamento per 2-3 giorni, la scintigrafia tiroidea con Tc 99 che evidenzia assente captazione del tracciante e in caso di uso dell’isotopo I123, captazione dello iodio radioattivo < del 5% alla 24a ora.
Di solito la diagnosi di tiroidite post partum è abbastanza agevole se si riscontra tireotossicosi con elevazione degli AbTPO e/o AbTg e negatività dei TRAb (anticorpi anti recettore del TSH), specie se tale positività autoanticorpale si è manifestata nel 1° trimestre di gravidanza.

Agoaspirato: presenza di infiltrazione linfocitaria diffusa o localizzata.

DD con Basedow: la 1a fase di tireotossicosi della tiroidite post partum può far sorgere problemi di diagnosi differenziale con l’ipertiroidismo autoimmune di Graves Basedow.
Le due condizioni hanno un decorso clinico ed implicazioni terapeutiche differenti. Intanto nel puerperio la tiroidite post partum è 10 volte più frequente del M. di Basedow. Tuttavia la tiroidite post partum può insorgere in donne con pregresso M. di Basedow o, addirittura, può precederne l’insorgenza. Di solito  la tireotossicosi da Basedow è di entità nettamente più grave rispetto alla tiroidite post-partum che ha una durata più breve e non è associata ad esoftalmopatia.
Il riscontro di anticorpi anti recettore del TSH è quasi sempre diagnostico di M. di Basedow, anche se, in alcuni casi di tiroidite post partum, può riscontrarsi positivizzazione dei TRAb a basso titolo.
Dal punto di vista laboratoristico il riscontro di un rapporto tra T3/T4 < di 20 è tipico delle tiroiditi destruenti, come la tiroidite post-partum.
L’ecografia con l’integrazione color doppler è sicuramente indispensabile per la diagnosi differenziale, perché evidenzia, oltre all’ipoecogenicità ghiandolare, comune alle due condizioni cliniche, l’aumentata vascolarizzazione nel M. di Basedow. Ancora più dirimente è il test di captazione del radioiodio I131 (effettuabile solo nelle donne che non allattano), che evidenzia la ridotta captazione del radiotracciante nella tiroidite post partum e, di contro, un’aumentata fissazione nel Basedow.

DD con Hashimoto: La 2a fase della tiroidite post partum, ipotiroidea, va differenziata dall’ipotiroidismo da tiroidite cronica autoimmune di Hashimoto.
Innanzitutto un ipotiroidismo che insorge dopo un anno dal parto è difficilmente da tiroidite post partum e depone per una forma cronica autoimmune di Hashimoto.
Di contro, se si ha una positività autoanticorpale tiroidea durante il 1° trimestre di gravidanza, con normofunzionalità tiroidea e insorgenza di ipotiroidismo entro 12 mesi dal parto, è più probabile la diagnosi di tiroidite post partum, specie nelle donne con associate altre malattie autoimmuni, in primis il diabete mellito 1° tipo.
In caso non si disponga di tali dati anamnestici del 1° trimestre, la diagnosi di tiroidite del post partum è solo presuntiva, non potendosi escludere un ipotiroidismo autoimmune preesistente alla condizione gravidica. La risoluzione dell’ipotiroidismo nell’arco di qualche mese depone comunque, retrospettivamente, per la tiroidite post-partum.

USG:  in tutte e tre le patologie, il parenchima tiroideo si presenta diffusamente  ipoecogeno con alcune differenze:

  • Hashimotoipoecogenicità diffusa con presenza di strie iperecogene intralobari a tipo fibroso, 
  • Basedow: diffusamente ipoecogeno e disomogeneo con ipervascolarizzazione 
  • PPT: ipoecogenicità diffusa con aree ipoecogene sfumate diffuse nel parenchima tiroideo a pelle di leopardo.

L’esame citologico (agoapirato), effettuato mediante aspirazione dei noduli sotto guida ecografica permette una diagnosi differenziale nell’80 % dei casi.

L’agoaspirato viene eseguito in posizione sdraiata, con la testa estesa all’indietro su un cuscino (posizione che può dare qualche fastidio alle persone che soffrono di artrosi cervicale) e non necessita di digiuno né di anestesia locale. Si inserisce un ago molto sottile (22-25 G) all’interno del nodulo (in genere sotto guida ecografica) e si aspirano le cellule che successivamente vengono strisciate e fissate su un vetrino per la lettura citologica.
La durata della puntura è estremamente breve (circa 20-30 secondi) ed il dolore è moderato e ben sopportabile. Raramente, dopo l’esame, il dolore può giungere ad essere fastidioso ed in questo casoi comuni analgesici e anti-infiammatori lo calmano efficacemente.
Il rischio di danni alle strutture vitali del collo (vene, arterie, nervi) è quasi assente se viene utilizzata la guida ecografica e se gli operatori sono esperti. In una piccola percentuale di casi (meno del 5%) possono formarsi piccoli ematomi all’interno della tiroide, dolenti ma destinati a riassorbirsi spontaneamente in pochi giorni
Alcuni giorni prima dell’agoaspirato, è opportuno sospendere eventuali farmaci antiaggreganti (aspirina, ticlopidina), eparina o anticoagulanti per evitare il formarsi di ematomi.
Terminato il prelievo, la paziente potrà  tornare alle proprie occupazioni dopo pochi minuti di osservazione.

 Terapia della tiroidite post-partum:

  • La terapia della tiroidite post partum varia a seconda della fase clinica e dell’espressività sintomatologia. 
  • La fase di tireotossicosi, è spesso transitoria e di lieve entità e può non richiedere alcun trattamento. Non è indicato il trattamento con tionamidi (Tapazole cp 5 mg), perchè la tireotossicosi è causata ad un aumentato rilascio di ormoni e non da una reale iperfunzione tiroidea. 
  • Nei casi in cui la sintomatologia sia importante  (tachicardia spiccata, sudorazione, ansia, tremori, etc.) potrebbe essere utile la somministrazione di beta-bloccanti (propanololo 10-40 mg X 3 die o atenololo 25-100 mg/die in monosomministrazione giornaliera). Entrambi i beta bloccanti non presentano alcuna controindicazione in caso di allattamento al seno.
  • Prednisone (Deltacortene® cpr 5mg, 25 mg): 40 mg/die per 4 settimane con dosi a scalare
  • Nella fase di ipotiroidismo transitorio, solitamente, non è richiesta alcuna terapia sostitutiva, a meno che la sintomatologia non sia particolarmente importante; in tal caso deve essere instaurata una terapia sostitutiva con levo-tiroxina.
    Ancora controversa è invece la terapia con L-T4 in caso di ipotiroidismo sub-clinico (TSH elevato > di 4 mcU/ml con normalità di FT4 ed FT3), data, spesso, la transitorietà di tale fase ipotiroidea. Tuttavia, in caso di ipotiroidismo sub-clinico, con associata positività autoanticorpale (AbTPO e AbTg), è opportuna l’instaurazione di adeguata terapia tiroxinica, magari rivalutando ad 8 mesi – 1 anno l’eventuale ripristino della normofunzionalità tiroidea sospendendo l’L-T4 o provando a dimezzarne il dosaggio, valutando la risposta del TSH. per un anno, dopo di che la posologia va gradatamente ridotta al fine di valutare la possibilità di sospenderla completamente. Se l’ipotiroidismo permane, è necessario prolungare la terapia per tutta la vita, se, invece, avviene un ripresa funzionale completa occorre, comunque, monitorare annualmente la paziente perchè rimane a rischio di risviluppare un ipotiroidismo. 

Rimane elevata (80%), inoltre,  la probabilità di sviluppare ipotiroidismo nelle gravidanze successive.
Da evitare, nel frattempo, l’utilizzo di iodio che possa favorire lo sviluppo di distiroidismi.

La prognosi è usualmente fausta nel 40% dei casi Tuttavia è possibile un’evoluzione in ridotta funzionalità tiroidea nel 30% e in permanente ipotiroidismo clinico – ormonale nel restante 30% delle donne affette da tiroidite post partum, dopo un follow-up rispettivamente di 4 e 9 anni.
Sono fattori prognostici negativi per un’evoluzione in ipotiroidismo permanente:

  • l’elevato titolo autoanticorpale tiroideo
  • l’espressione clinica monofasica ipotiroidea
  • la gravità dell’ipotiroidismo iniziale
  • l’ipoecogenicità della ghiandola tiroidea
  • la multiparità
  • l’anamnesi positiva per poliabortività
Il follow-up delle donne con tiroidite post partum va effettuato con dosaggio di TSH, FT4, AbTg e AbTPO + controllo clinico ogni 2 mesi per il primo anno dopo il parto. Dopodiché, in caso di remissione clinico ormonale, è sufficiente la valutazione del solo TSH ogni 6 mesi per 2 anni e poi una volta l’anno per qualche anno.
Lo screening della tiroidite post partum non può essere proposto in tutte le gravide per l’elevato rapporto costo/beneficio.
Però, nelle gravide che manifestano rapido incremento ponderale post partum e con associate altre malattie autoimmuni, come il diabete 1° tipo, è opportuno screening a 3 mesi dal parto con dosaggio del TSH, FT4, AbTPO e AbTg. Se vi è alterazione del TSH e/o positività degli anticorpi AbTPO e AbTg la paziente va posta in follow-up.
In realtà il migliore screening, andrebbe fatto nel 1° trimestre di gravidanza con dosaggio del TSH, AbTPO e AbTg in tutte le gravide, per la prevenzione di un eventuale ipotiroidismo materno e delle conseguenze negative sul nascituro soprattutto di ordine neuro-psichico (4).

Bibliografia

  1. 1) Betterle C, Girelli M E. Tiroiditi. L’ Endocrinologo 2002 Giugno Vol 3, n 2
  2. 2) P Reed Larsen, Terry F Davies. Hypothyroidism and thyroiditis. Williams Textbook of Endocrinology 10th Ed, 2002, section three
  3. 3) D’Armiento, Screpoli, Attanasio, Graziano, Fumarola. Tiroiditi acute, subacute e croniche Manuale di Terapia delle Malattie Endocrine e Metaboliche, 2000 Andreani, Tamburano
  4. Harrison, Principi di medicina interna, 16ª ed., Milano, McGraw-Hill, 2005, ISBN 88-386-2999-4.
Anatomia, Puerperio

Allattamento naturale, Ipogalattia, disturbi dell’allattamento

L’allattamento al seno è la soluzione migliore per la salute del bambino perchè il latte materno contiene tutto ciò di cui il neonato ha bisogno: calcio, proteine, lipidi e glicidi nella giusta proporzione. Contiene inoltre gli anticorpi che proteggono il neonato da raffreddore, tosse, infezioni polmonari e gastrointestinali.  E’ facilmente digeribile e ben tollerato (1). I bimbi allattati al seno vanno meno facilmente incontro a stipsi, coliche addominali (3) gassose -anche se spesso le scariche del bambino allattato al seno sono frequenti e semiliquide -, allergie (4), tendenza all’obesità. Il latte umano, anche di donatrice, è utilizzato come farmaco per la prevenzione dell’enterocolite necrotizzante nei prematuri molto piccoli (10). Il latte materno è sempre disponibile, alla giusta temperatura e si adatta alle mutevoli necessità del bambino. L’allattamento al seno inoltre favorisce il rapporto ideale della coppia madre-neonato.  Per tutti questi motivi incentivare l’allattamento al seno costituisce un’ottima strategia da inserire nelle linee guida a livello nazionale per far diminuire la morbilità neonatale e favorire la “spending review” cose che sono state raccomandate già dal 1980 dalla World Health Organization (WHO)  e dall’UNICEF (29-32).

  A tale scopo il rooming dovrebbe raggiungere almeno le 20 ore/24 anche nei primi giorni dopo la nascita.  Altri benefici dell’allattamento materno sono:

  • costo      nullo
  • praticità      (non occorre preparare i biberon, lavarli e sterilizzarli)
  • comodità      (specialmente nelle ore notturne)

Ma vantaggi dell’allattamento al seno ci sono anche per la mamma che anzitutto riceve stimolazioni somato-sensoriali positive, avverte una profonda sensazio­ne di benessere, sia fisiologica che psicologica, si sente grati­ficata e realizzata. Inoltre le donne che scelgono l’allattamento al seno presentano minori probabilità di sviluppare in seguito sia il diabete mellito tipo II che ipertensione arteriosa (5).  Inoltre si verifica un più rapido ritorno della mamma al peso pre-gravidico ed un’accelerazione del processo di involuzione dell’utero (2). L’amenorrea da allattamento è molto variabile e dipende dalla durata, frequenza e intesità dell’allattamento (6). L’amenorrea è correlata all’anovulazione causata dall’iperprolattinemia tipica dell’allattamento (7). L’iperprolattinemia blocca l’attività dell’asse ipotalamo-ipofisi-ovarico. Il blocco dell’ovulazione, e la conseguente attività contraccettiva,  è molto forte nei primi tre cicli dopo il parto e nelle donne che allattano con una frequenza di almeno 6 volte al dì, a intervalli regolari, comprese le ore notturne e per una durata complessiva di 60 minuti/die. L’iperprolattinemia e la conseguente anovulazione tende a diminuire dal 4° mese, in caso di diminuzione della frequenza e durata di allattamento ed in caso di perdite ematiche. Se si vuole assicurare una contraccezione efficace nel puerperio, bisogna assumere la pillola o altre misure contraccettive dal 3° mese dopo il parto (7).

Fisiologia della suzione: fra i fattori che possono interferire con l’allattamento al seno, si notano movimenti orali atipici che disturbano la suzione o disfunzioni orali, che possono causare un trauma al capezzolo. Conseguentemente si ha un diminuito aumento di peso e precoce svezzamento (11-14). Alla nascita e fino al 4° mese, il neonato presenta un fisiologico anomalo rapporto mandibola/lingua a favore di quest’ultima ed un innalzamento della laringe che si avvicina molto all’epiglottide. Ciò allo scopo di favorire la normale deglutizione ed impedire il passaggio di latte e alimenti in trachea. I muscoli interessati alla deglutizione sono circa 40 e sono innervati da sei nn. cranici  I° – olfattivo; V° – trigemino; VII° – facciale; IX° -Glossofaringeo; X° – Vago  e XII° Ipoglosso (15-20).

I riflessi orali che garantiscono l’alimentazione dei neonati in questa fase  comprendono:

  1. riflesso di rotazione (Stimolo tattile alle guance e principalmente sui quattro punti cardinali delle labbra), il cui scopo è quello di rendere il bambino capace di girare la testa verso lo stimolo e cercare il capezzolo;
  2. riflesso di suzione (innescato toccando la punta del lingua e la papilla incisiva), consente la suzione del latte;
  3. riflesso di deglutizione (ottenuto stimolando la regione posteriore della lingua, del palato molle, faringe ed epiglottide).

Dopo il 5° mese, questi 3 riflessi sono sostituiti da movimenti volontari (17). Questo passaggio non è automatico e possono insorgere delle difficoltà o complicazioni nell’apprendimento  e/o nell’esecuzione della tecnica come documentato da studi clinici in  cineradiografia ed ecografia (21-24).

In una corretta suzione, il bambino apre la bocca ampiamente con la partecipazione dei muscoli sovraioideo, sottoioidei, miloioideo, genioioideo e digastrico afferrando non solo il capezzolo, ma anche parte dell’areola, stabilendo così una perfetta tenuta tra il cavo orale e il seno. Per ottenere questo sigillo, il labbro superiore deve essere rivoltato verso l’alto e l’esterno e la lingua estendersi sopra la gengiva inferiore, inarcandosi verso l’alto (lingua humping), in stretto contatto con la mammella che in tal modo è bloccata contro il palato del lattante. Il labbro superiore e la lingua sono quindi i responsabili di una tenuta adeguata mammella-bocca. Il bambino afferra il capezzolo e circa 2-3 cm di areola con l’aiuto del muscolo pterigoideo interno, massetere e muscoli pterigoidei laterali. Lo scopo di questo blocco è quello di consentire la formazione di un vuoto intraorale (pressione negativa), creato da movimenti della mandibola e delle guance come quando si succhia una caramella. La mascella è estesa e adesa sui seni galattofori (dove il latte si raccoglie). Il capezzolo deve penetrare completamente in bocca ed essere rivolto verso l’alto.  La mancata elevazione del capezzolo costituisce la principale causa sia dei disturbi della suzione che delle ragadi al seno. Successivamente, la mascella comprime i seni galattofori grazie ai mm. massetere, pterigoideo interno e muscoli temporale; la mascella quindi si retrae per la deglutizione (azione obliqua in cui sono interessate le fibre orizzontali del m. temporale e dei mm. digastrici e le fibre superiori del muscolo pterigoideo esterno). Questi movimenti della mandibola forniscono importanti stimoli alla crescita del m. temporomandibolare e, conseguentemente, alla armonica crescita della faccia del bambino (25-28).  Durante l’allattamento al seno, la lingua eleva i suoi confini lateralmente (trasversale e muscoli verticali), insieme con la sua punta, formando una depressione, che raccoglie il latte e lo invia all’orofaringe. Quando il latte si raccoglie sulla lingua, inizia  un ritmico movimento peristaltico della lingua in direzione antero-posteriore che convoglia il latte alla faringe. La punta della lingua viene mantenuta nella regione anteriore durante tutto il processo, garantendo in tal modo la sigillatura della bocca ed una delicata pressione sull’areola mammaria. In questo modo, il latte viene estratto senza problemi, senza alcuna pressione, che potrebbe causare attriti e lesioni al capezzolo. La madre deve osservare che il mento del bambino deve essere bene adeso alla mammella e che la respirazione sia ritmica e regolare (il m. buccinatore produce le classiche fossette facilmente osservabili sulle gote del lattante) (33-37).

Anomalie della suzione: in generale, diversi fattori possono causare disturbi della suzione come basso peso alla nascita (SGA), prematurarità, malattie metaboliche, disturbi neurologici, sindromi e anomalie congenite come il labbro leporino e palatoschisi, fessure della sottomucosa, anchiloglossia, laringomalacia, palato ogivale, mascella ritratta, frenulo corto o eccessivamente stretto.

. Alcune pratiche mediche relative al trattamento dei neonati prematuri e l’uso di tubi orogastrici o nasogastrici possono  interferire con il normale sviluppo della suzioine e anche causare problemi respiratori, reflusso gastroesofageo e aspirazione del latte ingerito  (41).  In aggiunta ai fattori  già detti, ci possono essere più specifici disturbi della suzione anche in bambini sani e nati a termine a termine senza alcuna patologia, noti come disfunzioni motorie orali. Questi possono essere le conseguenze della immaturità neurologica o derivanti dall’uso del forcipe  o dall’uso di tettarelle artificiali non idonee (troppo dure) o da mancato riconoscimento del capezzolo (“nipple confusion”) (42,43).   In questi neonati lo svezzamento precoce è 10 volte superiore rispetto ad un gruppo controllo.  Questi bambini possono avere bisogno di esercitazioni motorie orali particolari con follow-up da uno specialista, logopedista o consulente per l’allattamento  pratico di neonatologia e manovre di allattamento.

La rieducazione motoria della suzione deve essere praticata il più precocemente possibile.

  • Una manovra per stimolare il riflesso di suzione consiste nell’introdurre un mignolo guantato in bocca al bimbo e con il polpastrello premere sul palato. In tal modo si controlla anche la motilità  della lingua (humping). Svuotare manualmente la mammella prima di attaccare il lattante può aiutare il riflesso di suzione nel bimbo.
  • stimolazione del riflesso di rotazione: toccando delicatamente il labbro inferiore e/o le gote.
  • Inversione delle labbra: delicata estroflessione delle labbra, anche durante l’allattamento in corso, fino a che il lattante impari da solo.
  • Scarso bloccaggio della mascella: sostenere il mento del lattante con il dito medio.
  • Eccessiva tensione mandibolare e difficoltà allo scorrimento: stimolare diverse volte il riflesso di rotazione prima di attaccarlo al seno.
  • Posizione posteriore della lingua durante l’allattamento: tirare in fuori gentilmente la lingua del bimbo diverse volte durante il giorno e prima delle poppate fino a che il bimbo impari a sollevarla.
  • Lingua sollevata ma ipertonica: crea un ostacolo all’introduzione del capezzolo. Col mignolo guantato si abbassa ripetutamente la lingua del bebè fino a raggiungere il risultato voluto.

 

La grandezza e la forma delle mammelle non influiscono sulla loro capacità di produrre latte. Il capezzolo introflesso a volte può costituire un problema, ma anche in questo caso sarà spesso possibile allattare al seno con l’ausilio di un capezzolo artificiale o ricorrendo ad un tiralatte. Per preparare adeguatamente i capezzoli all’allattamento è consigliabile massaggiarli qualche minuto prima con un asciugamano asciutto di tela di cotone al 100%  nella prima settimana di allattamento e, dopo una settimana, con un guanto di crine imbevuto di glicerina tannica in soluzione al 5% seguito da risciacquo con acqua semplice.. È importante mantenere ben pulita l’areola mammaria con prodotti specifici, tipo Senol soluzione,  o anche semplicemente con acqua per impedire eventuali infezioni. Molto frequenti le infezioni micotiche che vanno curate con applicazione di violetto di genziana in soluzione acquosa all’1% e 10% di glicerina. Applicare con cotton fioc prima e dopo ogni poppata. Utile inumidire con olio di oliva le labbra del poppante per ridurre l’intensità della colorazione delle labbra del bambino. Se il bambino rifiuta il latte occorre sospendere il trattamento e pulire il seno con semplice acqua. Utile aggiungere un trattamento con fermenti lattici (Reuterin D3® cpr masticabili, Dicoflor® cpr o bustine, Flortec® bustine, etc.).

Per i primi giorni dopo il parto la mammella produce colostro, un liquido giallastro contenente anticorpi e sostanze nutritive. Dopo circa 3-4 giorni inizia la produzione di latte vero e proprio (montata lattea). Questo è un fenomeno imponente e può qualche volta risultare doloroso. Se il neonato esercita regolarmente la suzione, la secrezione mammaria si mantiene senza causare particolari disturbi.

Meccanismo di secrezione ed escrezione del latte: le cellule ghiandolari, sotto lo stimolo di prolattina, HPL  e HCG secernono il latte. La suzione del capezzolo da parte del poppante stimola la secrezione di ossitocina che provoca la contrazione delle miocellule che avvolgono i lobuli mammari e quindi il latte viene eiettato nei condotti galattofori e quindi all’esterno.

Ingrandimento (67 K)

Schema di una cellula epiteliale alveolare illustrante un vasto reticolo endoplasmatico (R), vescicole secretorie (S), numerosi granuli di grasso nelle  vescicole di Golgi (G), mitocondri (M), microtubuli (Mt), nucleo (N), microvilli (Mv), e le cellule mioepiteliali (My).

Come allattare: la madre deve essere rilassata e tranquilla, trasmettere tale stato d’animo con carezze e parole affettuose al bambino in modo da creare intimità fra madre e bambino (38-40) che non deve essere forzato a succhiare e deve essere messo nella posizione più comoda possibile (33-37). A tale scopo è opportuno attenersi alle seguenti disposizioni:  

  • Prima di ogni poppata, lavare bene sia le mammelle che le mani.
  • trovare una posizione comoda e rilassata scegliendo, o alternando a piacere, una delle seguenti posizioni:

1. Posizione a “culla” (“the Cradle Hold position”): sorreggere il bambino con il braccio, omolaterale alla mammella che allatta, lungo il dorso del lattante, in modo che la sua testina si posizioni nella piega del braccio della mamma in corrispondenza del gomito.  

2. Una posizione simile è la cosiddetta “Cross-cradle position” o “Crossover hold position”  in cui il braccio controlaterale alla mammella che allatta è posto sotto il dorso del bambino. La mano sostiene la testa del bambino e il pollice e l’indice sono a livello delle orecchie del bambino. Questa posizione fornisce è meno comoda per la puerpera ma consente un maggior controllo del neonato. Con queste due posizioni il bambino viene posizionato come se fosse in un’amaca. L’utilizzo di un apposito cuscino per allattamento con fodera esterna in tela di cotone al 100% faciliterà l’avvicinamento del lattante al capezzolo della madre. 

3. Posizione reclinata su un fianco (“Side-Lying position”): posizione confortevole per le puerpere soprattutto se operate di taglio cesareo:  è più riposante ed evita il peso del bimbo sull’addome materno.   Il braccio della madre, omolaterale alla mammella che allatta, sostiene il corpo del bimbo anch’esso sdraiato su un lato, in faccia al torace materno, e con la testa del bambino che si appoggia nell’incavo del braccio. L’altra mano materna sostiene  ed indirizza la mammella. Dei cuscini posti dietro la schiena della puerpera, l’aiuteranno a mantenere tale posizione senza fatica.

Una variante di questa posizione  con inclinazione più accentuata consente una più facile presa del capezzolo da parte del lattante ma risulta più faticosa per la mamma.

4. Posizione frontale (“The Clutch or Football Hold position”): il lattante viene posto di fronte alla mamma, come 2 calciatori che si affrontano, con la bocca del bimbo all’altezza del capezzolo. Viene tenuto fermo contro il torace materno dal braccio materno,  omolaterale alla mammella che allatta, posizionato sul dorso del bambino, dal basso in alto; La mano blocca la testa  del bimbo a livello occipitale e la dirige verso il capezzolo. L’altra mano sostiene e dirige la mammella. Tale posizione è particolarmente indicata in caso di grosse mammelle, neonati di basso peso, prematuri o  necessità di allattare 2 gemelli. 

Posizionati madre e bimbo, occorre:

  • sostenere il corpo della mammella nel cavo della mano libera
  • comprimere leggermente la mammella poco sopra l’areola, fra indice e medio o fra indice e pollice (in modo da far protrudere maggiormente il capezzolo e contemporaneamente allontanare il corpo mammario dal naso del neonato)
  • porgere il capezzolo in modo tale che anche buona parte dell’areola mammaria  venga introdotta in bocca e sia a contatto del palato
  • il capezzolo dovrebbe sfiorare semplicemente le labbra e non premerle, altrimenti il bambino non aprirà la bocca
  • La mascella del bimbo si muove nella suzione fino all’orecchio. Il ritmo della suzione all’inizio è veloce per poi rallentare e fermarsi a tratti per deglutire.
  • un neonato dovrebbe poppare dalle 8 alle 12 volte nelle 24 ore, ma finché cresce bene ogni bambino può trovare il suo ritmo da solo. Allattamento libero o a richiesta vuol dire attaccare al seno il piccolo quando piange e rispettare così i suoi ritmi di sonno.
  • Molti neonati nei primi giorni di vita non si attaccano immediatamente al seno, ma restano assopiti; ciò non significa che il neonato non sia in grado di alimentarsi o che vi siano problemi materni; semplicemente il neonato ha capito che l’allattamento con il biberon costa meno fatica. 
  • Si deve cercare di usare entrambe le mammelle, 10 minuti per ciascuna, alternando il seno da offrire per primo. La maggior parte del latte (circa il 90%) viene assunta durante i primi 5 minuti di suzione.
  • Terminata la poppata, mantenere il bambino in posizione verticale,  con il mento  del bimbo appoggiato su una spalla, per qualche minuto, allo scopo di favorire l’eventuale “ruttino”. Il rigurgito di piccole quantità di latte non deve destare preoccupazione.
  • Lavare e asciugare i capezzoli dopo ogni poppata.
  • Più si attacca il bambino al seno, più l’organismo produce latte. Riducendo l’allattamento, di conseguenza si produrrà meno latte (33-37).

Qualunque cosa venga ingerita, passa nel latte. Attenzione a ciò che si mangia, si beve, ed ai farmaci che si assumono.

In caso di bisogno è possibile estrarre il latte dal seno con un tiralatte e metterlo in un biberon sterile e ben chiuso. Questo può essere conservato in frigorifero fino a 24 ore.

Anatomia mammella

Accessori per l’allattamento: Le nostre nonne non facevano sicuramente tante storie, ma oggi l’allattamento al seno prevede una miriade di apparecchi e oggetti che aiutano a risolvere i piccoli e grandi problemi ad esso connessi.

  • Reggiseno da allattamento: le mammelle durante l’allattamento aumentano ulteriormente di dimensioni rispetto alla gravidanza, per cui è necessario munirsi di reggiseni adatti, forniti anche del sistema per slacciare la coppa senza dover togliere il reggiseno.
  • Coppette assorbilatte: sono dei dischetti in materiale assorbente, che si mettono sopra il capezzolo sotto il reggiseno, e che servono a raccogliere il latte che sgorga spontaneamente. Possono essere lavabili o monouso, e devono essere in puro cotone per evitare allergie e irritazioni.
  • Coppette antiragadi: in presenza di ragadi o se il capezzolo è irritato, infiammato o dolente, per proteggerlo dallo sfregamento contro gli indumenti si mettono sotto il reggiseno delle coppette a forma di cupoletta.
  • Niplette (dispositivo per capezzoli introflessi)
  • Cuscino da allattamento con fodera di tela di cotone al 100%

Consigli dietetici alla madre durante l’allattamento al seno:

  1. privilegiare un’alimentazione naturale, semplice e variata;
  2. preferire gli alimenti principali della dieta mediterranea;
  3. pesce almeno 3 volte a settimana;
  4. assecondare il senso di fame e di sete;
  5. aumentare l’apporto di verdura fresca, proteine e di calcio;
  6. aumentare l’apporto di liquidi: Latte >500 cc/die; brodo di carne 500 cc; acqua naturale >1000 cc.
  7. evitare o limitare il più possibile l’uso di bevande o alimenti contenenti sostanze eccitanti (Coca-cola, caffè, tè, cacao, cioccolato);
  8. evitare o limitare il più possibile l’uso di bevande alcoliche;
  9. E’ consentita comunque un’assunzione moderata di alcolici, caffè e cioccolato (1 bicchiere di vino o birra ai pasti  e 1-2 tazzine di caffè o tè al giorno).
  10. evitare insaccati, alimenti speziati, zampone, wurstel, condimenti elaborati, prodotti conservati.
  11. evitare formaggi elaborati tipo camerbert, cheddar, gorgonzola, pecorino, brie, provola affumicata, roquefort.
  12. evitare strutto, lardo, panna, maionese, insalata russa, dado da brodo, ketchup, noce moscata, curry.
  13. evitare verdure della famiglia brassicacee (verze, rape, broccoli, cavolfiore, cicoria), aglio, cipolla, porri, erba cipollina, asparagi, carciofi, melanzane, peperoncino, castagne e frutta secca. Non sono alimenti dannosi ma, a causa del      loro sapore forte, possono modificare il gusto del latte materno e  renderlo qualche volta sgradito al neonato.
  14. Evitare crostacei, mitili, molluschi, polpa di granchio, surimi, acciughe salate, acciughe sott’olio, salmone affumicato;
  15.  Fragole, uova crude e frutti di mare potrebbero causare allergie in soggetti predisposti.

Assumere un sistema di vita consono alla nuova situazione di madre; un Lyfe style (tab 1) che prevede soprattutto relax fisico e mentale e  alimentazione semplice con molti liquidi.

Tab. 1 Lyfe style in allattamento

Il relax, il sonno ed il riposo in genere stimolano la secrezione di serotonina e quindi di prolattina. Inoltre la secrezione di prolattina presenta picchi di massima durante il sonno.

Attaccare il neonato al seno: stimola la secrezione ipofisaria di ossitocina e di prolattina e accelera il processo di involuzione uterina.

Lo stress aumenta la secrezione ipotalamica di dopamina, inibitore specifico della prolattina.

ll fumo materno espone il lattante ad un duplice rischio: 

                                       1)           l’irritazione delle vie aeree ed una maggior predisposizione alle infezioni respiratorie; il bambino infatti che si trovi in un ambiente pieno di fumo subisce il “fumo passivo”.  

                                       2)          La nicotina modifica la risposta allo stimolo della suzione, riducendo la produzione ed il rilascio di latte.

                                      3)          La nicotina, come il caffè, il tè, la cola e l’alcool, oltre a deprimere la secrezione lattea,  passano nel latte materno, conferiscono un gusto sgradevole al latte ed  eccitano il sistema nervoso e quello cardiocircolatorio del lattante con alterazione del ritmo sonno/sveglia.

 L’effetto negativo dell’alcool sul lattante è descritto dettagliatamente in un file a parte.

 

Terapia medica per ipogalattia:

  1. Senolat® compresse retard: una cpr mattina e sera  (bioflavonoidi + fitoestrogeni)
  2. Lutein mamma®  cps (Luteina FloraGlo®, Zeaxantina, Vitamina E, Zinco, Rame, Vitamina C, olio di pesce ricco in DHA)  30 capsule
  3. Promilk® granulare (lattoalbumina + Vit B6): 30 gr di granulare disciolto in 100 ml di bevanda al dì
  4. Vibovit® allattamento cpr (Omega 3)
  5. Multicentrum materna DHA® cpr: 2 compresse al dì
  6. Syntocinon® fiale 5 UI: una fiala intramuscolo al dì (ossitocina)
  7. Diathynil® cpr  5 mg: una compressa al dì (biotina) (8)
  8. Vitamina D: sono necessarie supplementazioni di vitamina D, oltre ad una moderata esposizione al sole, per assicurare un sufficiente livello di vitamina D3 alla puerpera e al lattante (9).. Calcitriolo:  noto anche come 1,25 diidrossicolecalciferolo, rappresenta il metabolita più attivo della vitamina D3 (Rocaltrol®   o Difix®;cps molli 0.25 e 0.5 mcg; Calcio Rock D3® cpr masticabili: una compressa contiene Calcio 500 mg + Vit D3 800 UI (20 μg) + Vitamina K 45 μg. 

Allergia al latte vaccino: la diagnosi si avvale dei test  cutanei specifici (Prick-test e Prick by Prick) e il dosaggio sierico delle IgE specifiche (RAST).

 

Queste pagine fanno parte del sito fertilitycenter.it in internet da marzo 2011. I testi, le tabelle, i disegni e le immagini pubblicati in queste pagine sono coperte da copyright ma a disposizione di tutti per copia e riproduzione purchè venga citata la fonte con link al sito www.fertilitycenter.it.

Ringrazio i lettori per la loro cortese attenzione e li prego di voler comunicare le loro osservazioni e consigli su eventuali errori o esposizioni incomplete.

Enzo Volpicelli.

References:

 

  1. Lessen R and Kavanagh K : Position of the academy of nutrition and dietetics: promoting and supporting breastfeeding.J Acad Nutr Diet. 2015 Mar;115(3):444-9. doi: 10.1016/j.jand.2014.12.014.
  2. New Mother’s Guide to Breastfeeding, 2nd Edition (Copyright © 2011 American Academy of Pediatrics)
  3. Role of breast-feeding in the prevention and treatment of diarrhoea. Huffman SL, Combest C. J Diarrhoeal Dis Res. 1990 Sep; 8(3):68-81
  4. Zachariassen G. Nutrition, growth, and allergic diseases among very preterm infants after hospital discharge.  Dan Med J. 2013 Feb; 60(2):B4588. 
  5. Zhang BZ1, Zhang HY, Liu HH, Li HJ, Wang JS. Breastfeeding and maternal hypertension and diabetes: a population-based cross-sectional study. Breastfeed Med. 2015 Apr;10:163-7. 
  6. Chao S. The effect of lactation on ovulation and fertility.  Clin Perinatol. 1987 Mar; 14(1):39-50.
  7. Wyss P, Maroni E.  [The risk of conception during lactation]. Geburtshilfe Frauenheilkd. 1993 Dec; 53(12):825-8. 
  8. Zimmerly C.A. and Weiss W.P.: “Effects of supplemental dietary biotin on performance of Holstein cows during early lactation”. J. Dairy Sci. 84:498-506.
  9. Carol L. Wagner, Thomas C. Hulsey, Deanna Fanning, Myla Ebeling, and Bruce W. Hollis: “High-Dose Vitamin D3 Supplementation in a Cohort of Breastfeeding Mothers and Their Infants: A 6-Month Follow-Up Pilot Study”. Breastfeeding Medicine. June 2006, 1(2): 59-70. doi:10.1089/bfm.2006.1.59.
  10. Vaidyanathan Ganapathy, Joel W. Hay, and Jae H. Kim: “Costs of Necrotizing Enterocolitis and Cost-Effectiveness of Exclusively Human Milk-Based Products in Feeding Extremely Premature Infants”.  Breastfeeding Medicine. February 2012, 7(1): 29-37. doi:10.1089/bfm.2011.0002.
  11. Váldes V, Sanchez AP, Labbok M. Técnicas de amamentação. In: Váldes V, Sanchez AP, Labbok M, editores. Manejo clínico da amamentação. Rio de Janeiro: Revinter; 1996.p. 48-54. 
  12. Sanches MTC. Amamentação-Enfoque fonoaudiológico. In: Carvalho RT, Tamez RN, editores. Amamentação-bases científicas para prática profissiona. 1ª ed. Rio de Janeiro: Guanabara Koogan S.A.; 2002. p. 50-59.
  13. Neifert M, Lawrence R, Seacat J. Nipple confusion: toward a formal definition. J Pediatr. 1995;126:125-9.
  14. Andrade CF, Gullo AC. As alterações do sistema motor oral dos bebês como causa das fissuras/rachaduras mamilares. Pediatria São Paulo. 1993;15:28-33.
  15. Crelin E. cavidade oral e língua. In: Crelin E, editor. Anatomia do recém-nascido. São Paulo: Panamericana; 1988. p. 27-30.
  16. Douglas CR. Conceitos gerais sobre fisiologia bucal. In: Douglas CR, editor. Tratado de fisiologia aplicada às ciências da saúde. São Paulo: Robe Editorial; 1994. p. 827-910.
  17. Segovia ML. Maduración de las praxias estomatológicas. In: Segovia ML. Interrelaciones entre la odontoestomatologia y la fonoaudiologia – la deglución atípica. 2ª ed. Buenos Aires: Panamericana; 1988. p. 67-82.
  18. Clinical management of oral disorders – Sanches MT
  19. Morris SE, Klein MD. Pré-feeding skills: a comprehensive resource for feeding development. Arizona: Communication Skill Builders; 1987.
  20. Naylor JA. Development of oral function. In Developmental readiness of normal full term infants to progress from exclusive breastfeeding to introduction of complementary foods. Wellstart International in collaboration with Linkages: breastfeeding; 2001.
  21. Lawrence RA. Breastfeeding: A guide for the medical profession. 4th ed. Saint Louis: Mosby; 1994.
  22. Bu’Lock F, Woolridge MW, Baum JD. Development of coordination of sucking, swallowing and breathing: ultrasound study of term and preterm infants. Dev Med Child Neurol. 1990;32:669-78.
  23. Weber F, Woolridge MW, Baum JD. An ultrasonographic study of the organization of sucking and swallowing by newborn infants. Dev Med Child Neurol. 1986;28:9-24.
  24. Woolridge MW. Aetiology of sore nipples. Midwifery. 1986;2:172-6.
  25. Weber F, Woolridge MW, Baum JD. An ultrasonographic study of the organization of sucking and swallowing by newborn infants. Dev Med Child Neurol. 1986;28:9-24. 
  26. Woolridge MW. Aetiology of sore nipples. Midwifery. 1986;2:172-6.
  27. Woolridge MW. The anatomy of infant sucking. Midwifery. 1986;2:164-71. 
  28. Carvalho GD. Amamentação e o sistema estomatognático. In: Carvalho RT, Tamez RN, eds. Amamentação-bases científicas para prática profissiona. Rio de Janeiro: Revinter; 2002. p.37-49.
  29. OMS/UNICEF. Organização Mundial de Saúde. Aconselhamento em amamentação: um curso de treinamento. São Paulo: Instituto de Saúde/OMS/OPAS; 1995.
  30. Rea MF. Reflexões sobre a amamentação no Brasil: de como passamos a 10 meses de duração. Cad Saúde Publ. 2003;19:109-18.
  31. Toma TS. Iniciativa Hospital Amigo da Criança: diagnóstico das práticas de alimentação infantil em maternidades públicas e privadas do município de São Paulo [dissertação]. São Paulo: Universidade de São Paulo; 2000.
  32. Venancio SI. Dificuldades para o estabelecimento da amamentação: o papel das práticas assistenciais das maternidades. J Pediatr (Rio J). 2003;79:1-2. 
  33. Vinha VP, Pelá NT, Shimo AK, Scochi CG. Trauma mamilar: proposta de tratamento. Femina. 1987;15:370-8.
  34. Motter A, Ferreira CA, Schaffer G, Wengerkiewicz JC, Rosa LC. Prevenção de fissura de mamilo e estímulo à amamentação. Fisioterapia em movimento 1992;5:61-70.
  35. Murahovschi J, Teruya KM, Bueno LGS, Baldin PE. Amamentaçao. Da teoria à prática. Manual para profissionais de saúde. 2ª ed.
  36. Santos: Fundação Lusíadas/Centro de Lactação/OPAS/INAM/INST. DE SAÚDE; 1998.
  37. Righard L, Alade MO. Sucking technique and its effect on success of breastfeeding. Birth 1992;19:185-9.
  38. Nascimento LFC. Amamentação: influência de alguns fatores dos períodos pré-natal e perinatal. Pediatria Moderna. 2002;38:507-12.
  39. Barnes GR, Lethin Jr AN, Jackson EB, Shea N. Management of breastfeeding. JAMA. 1953;151:192-9.
  40. Brazelton TB. O desenvolvimento do apego: uma família em formação. Porto Alegre: Artes Médicas; 1988.
  41. Marmet C, Shell E. Training neonates to suck correctly. J Matern Child Health. 1984;9:401-7.
  42. Bovey A, Noble R, Noble M. Orofacial exercises for babies with breastfeeding problems? Breastfeeding Rewiew. 1999;7:23-8.
  43. Glass RP, Wolf LS. A global perspective on feeding assessment in the neonatal intensive care unit. Am J Occup Thy. 1994;48:514-26.
info@agenzialattedidonna.it

 

 

 

Gravidanza, Puerperio

Patologia coccigea post-partum

Durante la fase espulsiva del parto, il movimento di retropulsione del coccige può provocare una lussazione, una frattura del coccige  o la lacerazione dei legamenti sacro-coccigei, soprattutto in caso di sproporzione feto-pelvica.

clicca per ingrandire

lussazione del coccige

coccige ipermobile
lussazione del coccige

Lussazione del coccige o coccige instabile: la figura sovrastante è il Il disegno di una radiografia dinamica eseguita su paziente in piedi (a sinistra) e seduta (a destra). Nel disegno a sinistra la punta del coccige appare curvato in su più del normale a causa della lussazione dell’ultimo segmento coccigeo. 

 La sintomatologia in tutti e tre i casi è costituita da intenso dolore che aumenta durante la defecazione o assumendo la posizione seduta e persiste per lungo tempo anche dopo la guarigione. La guarigione è spontanea ma richiede diversi mesi.

Diagnosi: è basata sull’anamnesi, la sintomatologia dolorosa, l’esame dinamico ai raggi X, l’esame clinico con eventuale esplorazione rettale (1-3).

Terapia:

  • riduzione manuale della lussazione; 
  • intervento chirurgico per il riposizionamento del coccige in caso di fallimento della terapia fisica e persistenza del dolore.
  • Agopuntura (11).
  • Riposo: Una frattura del coccige non può essere curata chirurgicamente a causa della estrema difficoltà ad immobilizzare questo rudimentale ossso. Nella quasi totalità dei casi, la frattura del coccige guarisce senza problemi nel giro di 4-8 settimane.
  • Coccigectomia: Nei rari casi in cui il dolore fosse insopportabile e persistesse  per un lungo periodo nonostante i presidi terapeutici messi in atto, è indicata la coccigectomia, intervento di non facile esecuzione e che comunque non garantisce la completa scomparsa

    Coccigectomia

    del dolore che persiste nel 20% dei casi. Si richiedono da 3 a 12 mesi per ottenere una completa guarigione e durante questo periodo si continua a soffrire sil dolore soprattutto in posizione seduta. Inoltre data la vicinanza dell’ano all’incisione chirurgica, sono frequenti le complicanze infettive (6). La tecnica che Gardner introdusse nel 1972 è ancora oggi  la più seguita nelle sue linee principali.  Essa prevede:

  1. Anestesia generale
  2. Paziente in posizione genu-pettorale
  3. Incisione cutanea longitudinale interglutea di circa 6-7 cm partendo dalla sinfisi sacro-coccigea e comunque rispettando una distanza di sicurezza di almeno 4 cm dall’ano allo scopo di diminuire i rischi di infezione.
  4. Incisione dei tessuti sottocutanei fino a raggiungere il coccige;
  5. Incisione e scollamento con garza bagnata dei tessuti e legamenti che circondano il coccige fino a mettere a nudo la sinfisi sacro-coccigea e il coccige salvaguardando la fascia rettale.
  6. emostasi accurata; drenaggio laminare se non si è del tutto sicuri dell’emostasi.
  7. Scollamento della parete anteriore coccigea attraverso lo spazio interdiscale anomalo creato dalla lesione.  Esposizione della punta del coccige, eventualmente aiutandosi con un dito introdotto nel retto.
  8. Resezione dei tralci connettivali della punta del coccige
  9. Rimozione del tratto coccigeo lesionato
  10. Eventuale rimozione del tratto coccigeo residuo se troppo prominente; in tal caso si procede alla incisione della sinfisi sacro-coccigea salvaguardandone una parte se la superficie dell’apice del sacro si presentasse irregolare.

I vantaggi di questa tecnica includono una minima dissezione tissutale, minori rischi infettivi e di lesioni rettali ed una più rapida guarigione (7-10).

Per evitare la sindrome da intrappolamento del plesso nervoso coccigeo, lo si può elettrocoagulare se non si è assolutamente sicuri della sua totale esclusione dai punti di sutura.

La paziente deve evitare la posizione seduta per almeno 4 settimane.

  •  Antidolorifici: sono consigliati i FANS come l’ibuprofene somministrati per os, per via parenterale ma anche in gel da applicare con delicati e frequenti massaggi. Con i cortisonici si ottiene un sollievo immediato dal dolore ma di breve durata; inoltre la terapia a lungo termine con i cortisonici può danneggiare l’articolazione sacro-coccigea accelerandone la calcificazione.
  • Anestesia loco-regionale: iniezione di anestetico locale (lidocaina o bipuvicaina) nel plesso nervoso coccigeo (intreccio delle branche anteriori dei primi due nervi sacrali con il 1° nervo coccigeo prima della loro distribuzione periferica). Esso è detto anche ganglio impari ed è posizionato sulla parete anteriore della sinfisi sacro-coccigea. Per arrivare a questo ganglio, si utilizza un ago ricurvo che, sotto guida fluoroscopica, si fa passare da sotto il coccige lungo la parete anteriore, oppure si utilizza un ago retto che perfora l’articolazione sacro-coccigea partendo dalla parete posteriore (4-5).
  • Blocco semi-permanente del nervo mediante criocoagulazione: utilizzando N2  liquido si ottiene il congelamento del plesso nervoso coccigeo e relativo danneggiamento che blocca la trasmissione del dolore per alcune settimane o mesi finchè le fibre nervose non si rigenerano. Puo’ essere ripetuto, se necessario.
  • Blocco del nervo permanente  mediante rizotomia o neurolisi: solitamente questo è ottenuto con elettrodi alimentati  da corrente ad alta frequenza. Questo metodo e’ ritenuto più accurato rispetto ai vecchi metodi come l’iniezione di alcool, fenolo o glicerina che a volte possono danneggiare gli organi viciniori.  Questa tecnica spesso produce una neurolisi permanente ma sono possibili rigenerazioni spontanee del plesso nervoso con ricomparsa della sintomatologia dolorosa in forma accentuata e necessità di ripetere il trattamento. 
  • Anestesia epidurale a livello di L2 in caso di impossibilità a procedere con la precedente terapia. Ha una scarsa efficacia.
  • sedie e sedili morbidi o  ben imbottiti servono a poco perchè aumentano la pressione sul coccige; meglio sedersi su una ciambella o sdraiarsi a pancia in su mettendo un cuscino sotto le gambe oppure piegarsi leggermente in avanti per scaricare parte del peso sulle gambe  oppure stare seduti poggiandosi su una sola natica alternativamente.  
  • Immersione per 10-20 minuti della regione anale in un recipiente colmo di acqua calda
  • dieta ricca di fibre, frutta, verdure e molti liquidi per favorire la defecazione

References:

  1. Juhl JH, Crummy AB, Kuhlman JE, et al. Paul and Juhl’s Essentials of Radiologic Imaging . 7th ed. Philadelphia, PA:Lippincott, Williams, and Wilkins;1998.
  2. Low back pain. American Academy of Orthopaedic Surgeons website. Available at: http://www.aaos.org/ . Accessed July 15, 2008.
  3. Rosen P, Barkin RM, Braen GR, et al. Emergency Medicine: Concepts and Clinical Practice . 4th ed. St Louis, MO. Mosby-Year Book, Inc;1998.
  4. Foye PMButtaci CJStitik TPYonclas PP.: “Successful injection for coccyx pain”. Am J Phys Med Rehabil.2006 Sep;85(9):783-4.
  5. Staal JB, de Bie RA, de Vet HC, Hildebrandt J, Nelemans P. Spine: “therapy for subacute and chronic low back pain: an updated Cochrane review”. (Phila Pa 1976). 2009 Jan 1; 34(1):49-59.
  6. Hellberg S, Strange-Vognsen HH: “Coccygodynia treated by resection of the coccyx”. Acta Orthopaedica Scandinavica; 1990 Oct; 61(5): 463-465
  7. Richard C Gardner: “An improved technic of coccygectomy”. Clinical Orthopedics, 85: 143-145, 1972
  8. Shaposhnikov: “Surgical treatment of coccygodynia”. Khirurgiia (Moskva): 1997, 9, 47-8 (Original in Russian)
  9. Valen B; Bringedal K: “Coccygectomy for coccygodynia”. idsskrift for Den norske lægeforening; 1999 Apr, 119:10, 1429-30.
  10. Jean-Yves Maigne, Denis Lagauche, Levon Doursounian:  ”Instability of the coccyx in coccydynia”. Journal of Bone and Joint Surgery [Br] 2000;82-B:1038-41
  11. Michael Durtnall: “Chiropractic and acupuncture works for acute and chronic coccyx pain/dislocation”. Original posting, 2003-03-16:

**********************************************************************************************************************

Queste  pagine fanno parte del sito fertilitycenter.it in internet da marzo 2011. I testi, le tabelle, i disegni e le immagini pubblicati in queste pagine sono coperte da copyright ma a disposizione di tutti per copia e riproduzione purchè venga citata la fonte con Link al sito www.fertilitycenter.it.

Ringrazio i lettori per la loro cortese attenzione e li prego di voler comunicare le loro osservazioni e consigli su eventuali errori o esposizioni incomplete.

                  Grazie. Enzo Volpicelli.

Gravidanza, Puerperio

Complicanze del post-partum

Le complicanze maggiori nel post-partum, le prime tre ore dopo il parto, sono  il mancato secondamento e l’emorragia da atonia uterina. Altre frequenti complicazioni del post-partum sono lacerazioni uterine, lacerazioni cervico-vaginali, CID, emorragia da coagulopatie congenite, l’inversione uterina, embolia polmonare, ritenzione urinaria, patologia coccigea, endometrite acuta e cronica. Se non trattate le complicazioni suddette possono condurre ad insufficienza cardiaca, shock ostetrico e morte della puerpera (0.5/1000). Altre complicanze meno frequenti sono la frattura del coccige, l’atonia vescicale con ritenzione urinaria e le fistole vescico-vaginali.

Leggi l’intero articolo

Puerperio

Ricette da cucina in gravidanza e puerperio

Valore nutrizionale delle portate alimentari/100 grl 
 

Proteine

(gr)

Carboidrati

grassi

Fibre

(gr)

Ca

(mg)

Fe

(mg)

Kcal

Tagliatelle in brodo di gallina

120

870

220

19

700

8

600

Zuppa contadina

20

63

0.3

7

600

4

365

Zuppa di funghi

36.5

60

37

13

700

16

230

Tortellini alla carne

12

(20%)

42

(68%)

7

(12%)

2.2

Na 400

 

279

Tortellini ricotta e spinaci

39

(70%)

9.3

(16%)

7.5

(14%)

4.5

Na 470

 

264

Ravioli  carne

4.3

(19%)

16.7

(73%)

1.3

(8%)

1.9

15

0.7

100

Pasta al ragù

2.2

(17%)

10 (71%)

1.5

(12%)

1.2

17

0.5

61

Spaghetti con pomodoro fresco e parmigiano

2.78

(15.4%)

15

(81%)

0.6

(3.6%)

0%

8

0.3

80

Zuppa di fagioli e pancetta

6.5

(25%)

18

(68%)

2.2

(7%)

4.6

 

1.5

117

Patate bollite

2.86

(14%)

17

(85%)

0.1

(1%)

3.3

45

6

77

Patate al forno senza sale

2

(9%)

21

91%)

9

1.5

5

0.3

93

Omelette

11 (46%)

0.6 (3%)

12 (66%)

0

48

1.5

154

Merluzzo lesso

23 (96%)

0

1

(4%)

0

14

0.5

105

Uovo in camicia

12.5 (55%)

proteine

0.71 (3%)glicidi

10 (42%)

lipidi

0

fibre

56

calcio

1.7

ferro

138

KCal

Sofficini al formaggioZuppa di farro con fagioli,  asparagi e peperoniSpaghetti aglio olio e peperoncino

 

Bavette piselli e              asparagi                        

7

13

 

8.8

 

16

28

53

66.4

69

15

9 (90% insaturi)

11.5

13

2

112

0

278

340

388

439

INSALATA DI GRANO SARACENO

Per un rinfrescante  spuntino pomeridiano

Ingredienti per 4 persone: 200 gr di farina di mais macinata grossa o grano spezzato (burghul), 4 cipollotti freschi, olio extravergine di oliva un cucchiaio, succo di 2 limoni, 2 ciuffi di prezzemolo, un ciuffetto di menta, 4 pomodori San Marzano, sale e pepe q.b.

Preparazione: versare la farina in una ciotola di acqua calda e lasciarla in ammollo per 30’, scolarla, unire i cipollotti, menta e prezzemolo tritati finissimo, i pomodori tagliati a dadini, condire con olio, sale e pepe. Mescolare il tutto e servitene un cucchiaio in una foglia di insalata lavata ed asciugata.

 

Insalata nizzarda

l’insalata nizzarda può essere servita sia come piatto adatto a coprire la prima parte di un pasto estivo, sia come piatto unico.

Ingredienti per 4 persone:

Acciughe (alici) filetti sott’olio 8

Aglio 2 spicchi

  • Basilico 10 foglie
  • Cetrioli 1 grosso
  • Cipolle cipollotti freschi 4 piccoli
  • Fave fresche sgranate 250 gr (o 4 cuori di carciofo)
  • Olio extravergine di oliva 1/2 bicchiere
  • Olive nere denocciolate 60 gr
  • Pepe macinato al momento a piacere
  • Peperoni verde e 1 giallo (piccoli)
  • Pomodori rossi e sodi 4 (circa 400 gr)
  • Sale q.b.
  • Tonno sott’olio (meglio se ventresca) 250 gr
  • Uova sode 4

Preparazione:

  • rassodate 4 uova, lasciatele raffreddare, togliete il guscio e tagliate ognuna di esse in 4 spicchi.
  • Lavate i pomodori, tagliate ognuno di essi in 8 spicchi, poneteli in una ciotola, cospargeteli con del sale e lasciateli riposare; sbucciate il cetriolo, tagliatelo a fettine sottili, ponetelo in una ciotola, cospargete anch’esso di sale e lasciatelo riposare.
  • Nel frattempo mettete i peperoni in forno a 120 °C rigirandoli bene in modo che la pelle si scotti uniformemente. Quando si sarà ben macchiata, toglieteli dal forno, metteteli in un sacchetto di plastica chiuso e lasciateli li dentro ad intiepidire, dopodiché estraeteli , togliete loro la pelle e tagliateli a striscioline.
  • Estraete le fave dal loro baccello: aggiungerle all’insalata crude o scottarle in acqua bollente.
  • Mondate e tagliate a fettine sottili i cipollotti freschi
  • Tagliate i filetti di acciughe a pezzetti
  • Sgocciolate il tonno che sbriciolerete con una forchetta.
  • Pulite con un panno umido le foglie di basilico e spezzettatele grossolanamente con le dita.
  • Prendete un’insalatiera, metteteci dentro i pomodori e i cetrioli sgocciolati, gli spicchi d’aglio tagliati a metà (che alla fine, dopo aver ben mescolato l’insalata toglierete), le fave, i cipollotti, i peperoni a filetti, le olive, le acciughe, il tonno e condite con dell’olio extravergine di oliva, e pepe nero.
  • Mescolate delicatamente tutti gli ingredienti, aggiustate eventualmente ancora il sale e poi distribuite sull’insalata le sode.

PENNETTE CON ZUCCHINE E MENTA 

Le pennette zucchine e menta sono un piatto fresco ideale da preparare in estate, ricco di acqua (50%), fibre e calcio. In circa 30 minuti e in maniera semplice potrete servire un piatto che dovrà essere servito molto fresco per esaltarne i sapori.

Valori nutrizionali (1 porzione): H2O 50%, Proteine 15 gr, carboidrati 56 gr, grassi 29 gr (80% polinsaturi), fibre 2.5 gr, calcio 220 gr, ferro 0.8 gr, Kcal 325.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 4 Zucchine
  • 1 cucchiaio Aceto di mele
  • 1 Aglio, spicchio
  • 1 bustina Zafferano in polvere
  • 350 g Pennette
  • 30 g Grana grattugiato
  • 80 g Feta
  • 5 cucchiai Olio extra vergine d’oliva
  • q.b. Sale
  • 6 Foglie di menta

 Preparazione:

Per prima cosa prendete le zucchine e tagliatele a fettine oblique per passare poi a grigliarle leggermente cercando di usare poco olio. Una volta pronte ponetele in una ciotola.

Prendete quindi le foglioline di menta e tagliatele a striscioline

Dividete lo spicchio d’aglio in due parti

Mescolate il tutto alle zucchine ed aggiungetevi l’olio e dell’aceto di mele (o aceto di limone)

Ponete il composto in frigorifero e lasciatelo macerare per circa una mezzora.

Lessate le pennette insieme ad una bustina di zafferano

Scolate ora la pasta al dente, sciacquatela sotto l’acqua fredda e fate scolare

Ponete la pasta in insalatiera e conditela con le zucchine e il resto della marinatura che avrete tolto dal frigorifero

Guarnite con il grana grattugiato e la feta a scagliette

Se occorre aggiungete un pò di olio

Prima di servirle conservatele in frigorifero: vi assicurerete a tavola un piatto molto fresco, leggero, sano e naturalmente gustoso.

SPAGHETTI AGLIO, OLIO e PEPERONCINO: piatto facile da preparare, gustoso, ad alta digeribilità, ricco di antiossidanti

Valore nutrizionale: Kcal 388, Proteine 8.8 gr, Lipidi 11.5 gr, Glicidi 66.4 gr

Ingredienti per 2 persone:

  • Spaghetti 160 gr
  • 2 spicchi d’aglio
  • 50 gr Olio extra vergine d’oliva
  • 2 o 3 peperoncini piccanti
  • Sale grosso q.b.
  • Prezzemolo 1 ciuffetto

Preparazione: fate bollire abbondante acqua non salata, calare gli spaghetti e aggiungere un poco di sale. A quel punto fate scaldare l’olio in una padella molto larga; quando l’olio sarà sarà caldo aggiungete l’aglio schiacciato o finemente tritato facendo in modo che questo resti immerso nell’olio; dopo 1 minuto aggiungete il peperoncino privato dei semi interni e tritato. Fate rosolare il tutto a fuoco lento facendo coincidere questo tempo con la cottura al dente degli spaghetti che andranno velocemente scolati e riversati nella padella (si possono anche passare direttamente dalla pentola nella padella con un forchettone) e saltati per un minuto con aglio, olio e peperoncino. Servite con una spolverata di formaggio pecorino o parmigiano, un ciuffetto di prezzemolo tritato.

 

Spaghetti alla carbonara: un primo piatto di pasta molto gustoso

Valore nutrizionale a porzione: Kcal 378; Proteine 14 gr; Grassi 17 gr; Carboidrati 41 gr; fibre 2 gr; H2O 25

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di spaghetti;
  • 200 g di pancetta affumicata in due fette;
  • 50 g di pecorino romano
  • 50 g di parmigiano
  • 3 uova intere
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • olio, sale e pepe macinato fresco

Preparazione: Taglia la pancetta a dadini e falla rosolare in una padella antiaderente con un cucchiaio di olio di oliva. Quando la pancetta è ben rosolata spruzzala con un po’ di vino bianco. Fai evaporare il vino a fuoco alto e spegni il fuoco. In una ciotola capiente sbatti le uova con il sale, il pecorino, il parmigiano e una spruzzata di pepe. Nel frattempo cuoci gli spaghetti al dente, in abbondante acqua salata; scolali e tuffali velocemente nella ciotola con la pancetta calda e gira velocemente per 1 minuto. Quindi versa le uova con pecorino e parmigiano e gira velocemente per 2 minuti per far rapprendere l’uovo e far condire gli spaghetti in modo uniforme. Servi subito in tavola.

 

Fusilli con gamberetti e zucchine

Valore nutrizionale a persona: Kcal 429, Proteine gr 19.6, Carboidrati gr 71, Grassi gr 7, fibre gr 5, H2O 200 gr

Ingredienti per 2 persone

  • 160 g di fusilli
  • 150 g di pomodori maturi
  • 150 gr. di zucchine
  • 100 g di gamberetti puliti
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • prezzemolo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione:

  • Fai soffriggere in olio extravergine d’oliva una cipolla affettata.
  • Spella i pomodori immergendoli per qualche istante nell’acqua bollente, tagliali a pezzetti e aggiungili nella padella con l’olio e la cipolla.
  • Quando il pomodoro sarà appassito, aggiungi le zucchine lavate e tagliate a rondelle sottili e fai cuocere per circa 5 minuti a fuoco moderato.
  • Quindi versa i gamberetti e condisci con sale e pepe appena macinato.
  • Lascia cuocere per altri 5 minuti continuando a mescolare.
  • Aggiungi il prezzemolo tritato a fine cottura, mescola e
  • Nel frattempo fai cuocere i fusilli al dente, possibilmente in coincidenza con la cottura dei gamberetti, e dopo averli scolati velocemente li versi nella padella con i gamberetti.
  • fai insaporire a fuoco basso per un paio di minuti.
  • servi in tavola aggiungendo un’altra spolverata di pepe e prezzemolo a piacere.

 

PASTA e PISELLI CON PANCETTA

Ingredienti per 4 persone:
700 gr di piselli con baccello o 300 gr di piselli sgranati o surgelati
250 gr di tubetti (o penne lisce, ditali rigati, spaghetti spezzati o pasta mista)
100 gr di pancetta tesa
1 cipollotta bianca
3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
sale e pepe q.b.

Procedimento:
Tagliare la cipolla sottile e rosolarla dolcemente in una pentola con l’olio, appena imbiondisce unire la pancetta tagliata a dadini. Appena la pancetta si sarà rosolata per bene, aggiungere i piselli e far cuocere per un 3-4 minuti facendoli insaporire con la cipolla e la pancetta. Infine aggiungere l’acqua fino a ricoprire il tutto. Appena i piselli sono quasi pronti, calare la pasta, aggiungere un pizzico di sale grosso e cuocere a fuoco lento. Durante la cottura della pasta e piselli, aggiungere man mano altra acqua bollente se necessario. Schiacciare qualche pisellino con la forchetta durante la cottura in modo tale da dare maggiore consistenza al tutto. A cottura ultimata, lasciare riposare un poco e servire con una spolverata di parmigiano e pepe nero su ogni piatto.

Il piatto sarà più saporito se, invece dell’acqua, utilizziamo un brodo vegetale da noi preparato con sedano, carote e patate (2+2+2) ben sminuzzati o meglio tritati e messi a bollire in 1½ litro di acqua per 45 minuti con delle scorze di parmigiano e un pizzico di sale grosso.

E’ un piatto consigliabile in gravidanza perché semplice, gustoso e di facile digeribilità. Una porzione di pasta e piselli apporta buone quantità di Vitamina A, B e, C, ferro e fibre ed è priva di colesterolo. Valore nutrizionale: Kcal 390, proteine 12 gr, grassi 0.3 gr, carboidrati 52 gr, fibre 12 gr.

BAVETTE CON PISELLIE E ASPARAGI:

Ingredienti per 4 persone: bavette 320 gr, piselli sgusciati 250 gr, punte di asparagi 200 gr, aglio 1 spicchio, limone, olio di oliva 4 cucchiai, parmigiano grattugiato 2 cucchiai. Valore  nutrizionale per porzione: Kcal 439, proteine gr 16, carboidrati gr 69, grassi gr 13 (90% insaturi).

Preparazione: lessare gli asparagi in acqua con un pizzico di sale, scolare e condire con un cucchiaio di olio. Nella stessa acqua lessare i piselli, scolare e mettere da parte. Nella stessa acqua lessare le bavette mentre si fa rosolare l’aglio con tre cucchiai di olio e i piselli. Scolare le bavette e mantecarle con i piselli; aggiungere le punte di asparagi e continuare a fuoco vivo per 2 minuti. Servire a tavola e aggiungere il parmigiano. 

Fusilli con gamberetti e piselli:

Ingredienti per 4 persone:

  • Fusilli 350 gr
  • Gamberetti 300 gr
  • Pomodorini del vesuvio 150 gr
  • 1-2 Cipolle bianche
  • Olio di oliva 4 cucchiai
  • Aglio
  • Basilico
  • Prezzemolo 1 ciuffetto
  • pepe e sale q.b.

Preparazione

Tritate finemente la cipolla e l’aglio, quindi mettete a scaldare i quattro cucchi di olio in una padella antiaderente e poi fate appassire aglio e cipolla, quando la cipolla si sarà dorata aggiungete i piselli sgranati, lasciate cuocere per qualche minuto e poi aggiungete un mestolo di acqua bollente. Intanto che il brodo sfuma tagliate i pomodorini a pezzetti, quindi uniteli in padella e poi versate anche i gamberi e lasciate cuocere per una decina di minuti circa. Servite con una spolverata di pepe e dopo aver aggiunto le erbe tritate.

Piatto gradevole, leggero e ben adatto alle esigenze nutritive della gestante avendo un buon apporto preoteico (24 gr a porzione) e di fibre (2.6 gr), carboidrati 56 gr, grassi vegetali 4.6 gr e un ottimo effetto saziante pur non superando le 380 Kcal a porzione grazie all’elevato contenuto di acqua (110 gr).

Trota salmonata agli agrumi

Ingredienti per 4 persone:  trote 800 gr; Salvia; Menta; 2 limoni; 1 arancia; Olio di oliva q.b.; Sale q.b.

Preparazione:  sfilettare le trote; tagliare a metà gli agrumi; una metà va messa da parte ed una metà va tagliata a fette. Si dispone una metà di ogni trota su un foglio di alluminio con la parte interna in alto; di cosparge questa parte del pesce con le erbette e gli agrumi e quindi si sovrappone l’altra metà della trota così da riformare il pesce.  Lo si avvolge accuratamente ccosì da formare un cartoccio. Adagiare i cartocci in una teglia e cuocere per 15 minuti in forno già a 180 °C. Sfornare, tagliare il cartoccio, dividere i filetti, pulirli  e condirli con gli agrumi e le erbette rimasti. Per contorno accostarli con spinaci o patate o carote.

Valore nutrizionale per porzione: proteine gr 31; carboidrati gr 3; grassi gr 14 (insaturi 12 gr!); Kcal 261.

Pollo al curry e paprika: piatto iperproteico, ipocalorico, saporito.

Valore nutrizionale per porzione: Kcal 261; proteine gr 30, grassi gr 14 (di cui saturi 3), carboidrati gr 4, colesterolo mg 112.

Ingredienti per 4 persone:

  • pollo (spellato) gr. 1.000
  • porri 2
  • spicchio d’aglio
  • curry 3 cucchiaini
  • paprika dolce 3 cucchiaini
  • olio di oliva 3 cucchiai
  • limone 1
  • brodo vegetale 700 ml
  • sale q.b.

Preparazione:

- in una ciotola mettere il curry, la paprika, la buccia grattugiata del limone, ½ limone spremuto, i porri e l’aglio tritati, l’olio e il sale. Mescolare bene e versare il tutto sul pollo disposto in un ampio tegame. Versare sopra il brodo vegetale. Coprire e portare a ebollizione con fuoco vivo. Scoperchiare e portare a cottura con fuoco lento (circa 60 minuti).

 

Budino al cioccolato:

94 Kcal, 0.9 gr di grassi, 4,1 gr di proteine e 14,8 gr di carboidrati (tutto su 100 gr).

  • 1 litro di latte, possibilmente intero
  • 4 uova
  • 8 cucchiai colmi di zucchero
  • 6 cucchiai colmi di farina
  • a scelta per aromatizzare: vaniglia, cannella, cardamomo o coriandolo
  • 1 tavoletta da 100 g. di cioccolato fondente

 

Preparazione: Rompete le uova in una casseruola, Versate lo zucchero sulle uova e poi sbattetele fino ad ottenere un composto spumoso e biancastro, e poi unite la farina e sbattete ancora. Unite il latte poco a poco continuando a sbattere per diluire il composto uovo-zucchero-farina con il latte. Unite ciò che avete scelto di usare per aromatizzare il budino (nelle foto si è usato il cardamomo), e poi mettete la casseruola sul fuoco moderato mescolando continuamente. Fatelo cuocere fino a quando raggiunge la bollitura, e fatelo bollire per un minuto. Eliminate gli aromi solidi. Versate metà del budino caldo in ciotoline, e lasciatelo raffreddare. Spezzettate la tavoletta di cioccolato, unitela al rimanente budino bianco, e mescolate fino a che non si sarà sciolto. Versate anche il budino al cioccolato in ciotoline e fatelo raffreddare. Una volta freddo mettete il budino a solidificare completamente in frigorifero. Servite accompagando con biscotti.

 

BISCOTTINI PUERPERALI:

Ingredienti: dose per 6 porzioni – 4 tuorli, zucchero a velo g.75, cacao in polvere g.20 , burro g.20 , mezza bustina di vanillina.

Mettete in una ciotola i tuorli, lo zucchero e la vanillina e lavorateli a lungo finché saranno ben gonfi e spumosi. Unite il burro, morbido e a pezzetti e incorporatelo perfettamente. Completate infine con il cacao. Versate il composto in 6 pirottini di carta di forma rettangolare (tipo plumcake). Appoggiateli su una placca e cuoceteli nel forno a 150° per circa 20 minuti. Questi dolcetti devono rassodarsi, ma non fare una crosticina in superficie, in quanto vanno consumati al cucchiaio.

Si tratta di un dolce altamente energetico, adatto al periodo dell’allattamento tratto dal ricettario di Artusi. La presenza del cioccolato in modesta quantità non costituisce una controindicazione per la puerpera che allatta.

 

ZUPPA DI FUNGHI

Ingredienti: Funghi freschi gr 200; Patata gr 100; Scalogno gr 40; Pane casereccio gr 50; Olio 2 cucchiai; Prezzemolo: un ciuffetto; Sale: un pizzico

PREPARAZIONE:

  • eliminare le radici dei funghi, lavare e asciugare i funghi. Tagliarli a fettine e quindi a dadini
  • Preparare la patata in fettine sottili
  • tritare lo scalogno e soffriggerlo per qualche minuto in una grossa pentola; aggiungere i funghi e farli rosolare per qualche minuto; unire anche le fettine di patata e continuare a rosolare per alcuni minuti.

ZUPPA DI FARRO e BORLOTTI:

primo piatto iperproteico, ipolipidico, ad alto contenuto di fibre. Il farro, cereale dalle antiche origini, è versatile, facile da cuocere ed è il cereale meno calorico in assoluto. In più, ha un alto contenuto in fibre e proteine e assorbe tanta acqua durante la cottura, riuscendo così a saziare maggiormente. La coltivazione del farro è stata di recente rivalutata in Italia (Garfagnana) alla luce delle sue eccellenti proprietà alimentari. Il farro era considerato molto prezioso e i Romani lo usavano addirittura come moneta di scambio e come offerta nei matrimoni. La futura sposa offriva al marito e alla sua famiglia un dolce o un pane a base di farro. Questa, chiamata “confarratio” è una delle forme più antiche di matrimonio il cui nome dipende probabilmente dal fatto che la cerimonia nuziale si compiva con la presentazione di un pane di farro che gli sposi mangiavano insieme.

 Kcal 290 a porzione

Ingredienti per 2 persone:

  • Acqua 1 litro
  • Aglio 3 spicchi
  • carota 1
  • Cipolla 80 gr
  • Fagioli borlotti 60 gr
  • Farro 60 gr
  • Olio 4 cucchiai
  • Sale q. b.
  • Salvia 2-3 foglie
  • Sedano 2-3 coste

Mondate la carota e tagliatela a tocchetti piuttosto piccoli, tritate la cipolla e riducete in dadolata fine anche il sedano; poneteli nella pentola con 2 spicchi di aglio e 3 cucchiai di olio e fate rosolare per circa 5 minuti. Aggiungete i borlotti freschi e fate tostare per altri 5 minuti, aggiungete le foglie di salvia a piacere, regolate di sale e aggiungete 1 litro di acqua. Portate a bollore e fate cuocere a fuoco lento. Prelevate circa un terzo dei borlotti in una ciotola e filtrate i restanti attraverso un colino o un tritaverdure. Tenete da parte il brodo di cottura che vi servirà per il farro e versate i borlotti e le verdure nel mixer e azionate fino a ridurre in purea; tenete da parte in caldo. Ora procedete a preparare il farro facendolo tostare circa 3 minuti in una casseruola con il restante aglio e olio a fuoco dolce. Aggiungete tre mestoli del brodo di cottura dei vegetali e fate cuocere aggiungendo un mestolo di brodo alla volta per il tempo indicato dalla confezione (circa 15-18 minuti). A fine cottura aggiungete la purea di borlotti e vegetali e fate amalgamare bene aggiungendo ancora poco brodo se dovesse risultare troppo spessa; in ultimo aggiungete anche i fagioli interi che avete tenuto da parte prima di passare gli altri. A piacere servite con un filo di olio di oliva extravergine a crudo.

Un modo più semplice prevede l’utilizzo di fagioli lessati (45’) come pure il farro (20’) oppure comprati già lessati. Fagioli e farro lessati vanno versati nel condimento soffritto e lasciati insaporire per alcuni minuti quindi va aggiunto ½ litro di brodo vegetale o acqua bollente e continuare a cuocere a fuoco lento per 15 minuti circa prima di servire.

FARRO CON CANNELLINI, ASPARAGI E PEPERONI.

Ingredienti per 4 persone:

  • farro  250 gr
  • asparagi 200 gr
  • cannellini lessi 200 gr
  • 2 peperoni
  • 2 cipollotti
  • olio di oliva 3 cucchiai
  • salvia un rametto
  • basilico  un rametto
  • sale q.b.

Preparazione: tenere il farro in ammollo per 6 ore; lessarlo (50 minuti circa); lessare gli asparagi. Scolare il farro, aggiungere i peperoni i peperoni crudi o arrostiti, i cannellini, i cipollotti e gli aromi tritati insieme a olio e sale; amalgamare il tutto.

Valore nutrizionale per porzione: Kcal 340, proteine gr 13, lipidi gr 9 (insaturi 90%), carboidrati gr 53, colesterolo 0.

 

 

Farro 100 gr: Kcal 350; grassi1.5 gr, 11 gr proteine, fibre 7 gr

Fagioli 100 gr: Kcal 105/100 gr; proteine 23 mg; ferro 2.5 mg;

 

Fusilli con gamberetti e zucchine:

Valore nutrizionale a persona: Kcal 429, Proteine gr 19.6, Carboidrati gr 71, Grassi gr 7, fibre gr 5, H2O 200 gr

Ingredienti per 2 persone:

  • 160 g di fusilli
  • 150 g di pomodori maturi
  • 150 gr. di zucchine
  • 100 g di gamberetti puliti
  • 1 cipolla
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • prezzemolo
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

 

Preparazione:

  • Fai soffriggere in olio extravergine d’oliva una cipolla affettata.
  • Spella i pomodori immergendoli per qualche istante nell’acqua bollente, tagliali a pezzetti e aggiungili nella padella con l’olio e la cipolla.
  • Quando il pomodoro sarà appassito, aggiungi le zucchine lavate e tagliate a rondelle sottili e fai cuocere per circa 5 minuti a fuoco moderato.
  • Quindi versa i gamberetti e condisci con sale e pepe appena macinato.
  • Lascia cuocere per altri 5 minuti continuando a mescolare.
  • Aggiungi il prezzemolo tritato a fine cottura, mescola e
  • Nel frattempo fai cuocere i fusilli al dente, possibilmente in coincidenza con la cottura dei gamberetti, e dopo averli scolati velocemente li versi nella padella con i gamberetti.
  • fai insaporire a fuoco basso per un paio di minuti.
  • servi in tavola aggiungendo un’altra spolverata di pepe e prezzemolo a piacere.

Si può anche fare a meno dei pomodori

Paccheri al tonnetto

Valore nutrizionale (una porzione): Kcal 215; Proteine 8.7 gr; Carboidrati 19 gr; Lipidi 2.4 gr;  fibre 1 gr; calcio  19 mg; ferro 0.7 mg

 Ingredienti per 4 porzioni:

  • Paccheri gr 400
  • Tonno fresco sfilettato gr 200
  • Peperoncini verdi gr 100
  • Aglio  uno spicchio
  • Olio extravergine di oliva ml 50
  • Origano q.b.

Preparazione:

  • Soffrigere l’aglio nella padella con olio e rimuoverlo
  • Aggiungere i peperoncini verdi tagliati a julienne, saltarli per 1-2 minuti a fuoco vivo
  • Aggiungere il tonno tagliato a cubetti e far saltare il tutto per altri 2 minuti
  • Aggiungere i paccheri scolati a cottura non ultimata e far saltare il tutto per altri 2-3 minuti
  • Aggiungere l’origano poco prima dei togliere dal fuoco
Salmone al vapore di carciofi:

Piatto ricco di omega 3, antinfiammatori e vitamina D
Ingredienti per 4 persone: 6 carciofi, 1 limone, uno spicchio d’aglio, prezzemolo, 500 gr fi filetto di salmone spellato, 3 cucchiai di olio di oliva, sale q.b.
  • pulire i carciofi eliminando le foglie esterne e le punte, dividerle a metà ed eliminare la barbetta; affettarle e metterle in acqua e limone.
  •  Rosolare l’aglio con olio e prezzemolo
  • Aggiungere i carciofi, coprire e fare cuocere per 4 minuti
  • stendere sopra il salmone, coprire e fare cuocere per 15 minuti

Valore nutrizionale per porzione: proteine gr 27, grassi gr 23 (saturi 4.8), carboidrati gr 5, KCal 334, colesterolo 44 mg.   

Endocrinologia, Puerperio

Prolattina

PROLATTINA
La prolattina (HPRL)  é un ormone proteico polipeptidico secreto principalmente, ma non solo,  dai ribosomi delle cellule acidofile dell’ipofisi anteriore. Numerosi sono i fattori stimolanti la sintesi dell’HPRL: Estrogeni, TRH, Gn-RH, Endorfine, Angiotensina II, Peptidi oppioidi, Serotonina, VIP e infine il testosterone. L’ipotalamo esercita esclusivamente un effetto inibitorio mediante la dopamina.  L’HPRL è interessata nella fisiopatologia dell’allattamento nella donna e della steroidogenesi e del ricambio idro-salino nel maschio e nella femmina.

Leggi l’intero articolo

Puerperio

Alimentazione in puerperio e allattamento

La donna in puerperio che  allatta, fornisce al suo bambino 850 ml circa di latte al giorno equivalenti a 750 calorie. Le esigenze caloriche di una donna adulta sommano, in media, a 2.000 KCal/die. Per bilanciare  occorre aggiungere  un supplemento di circa 500 KCal/die considerando che le riserve di grasso della puerpera (2-4 Kg) forniscono circa 250 KCal al dì per 90 giorni e quindi occorre approntare  una dieta da 2750 Kcal.

In termini qualitativi la puerpera necessita giornalmente  di +20 gr di proteine, +400 mg di calcio, +18 mg di ferro. Inoltre è necessario equilibrare le aumentate esigenze nutritive e la diminuzione di peso della puerpera con la necessità di conservare la tonicità dei tessuti. Per ottenere tutto questo prescriviamo due capsule/die di  un preparato multivitaminico (tab. 4) e  prepariamo una dieta iperproteica, ricca di calcio, ferro, liquidi e fibre.

La pri­ma colazione prevede una tazza di latte o di yogurt + cereali sof­fiati, oppure pane tostato gr 50 o biscotti + marmellata gr 25 (2 cucchiai). La prima colazione, spesso sottovalutata, dovrebbe costituire il 25% dell”apporto calorico giornaliero in quanto permette di attivare il metabolismo immediatamente al risveglio.
Una prima colazione completa dovrebbe comprendere latte e yogurt scremati, frutta fresca e cereali integrali;

Come primo piatto consigliamo i passati e le minestre in brodo. Durante i pasti principali occorre consumare almeno cinque porzioni di frutta e verdure preferibilmente crude  come insalata, rucola, radicchio, cicoria e biete  evitando però le brassicacee che conferiscono un cattivo sapore al latte. Questi alimenti oltre a garantire un equili­brato apporto di vita­mine e minerali e a migliorare la funzio­nalità intestinale, ri­ducono l’assorbimento del colesterolo e assicurano  un gran senso di sazie­tà.

Almeno tre volte a settimana si deve consumare pesce fresco, magro e di piccola pezzatura,  il cosiddetto pesce azzurro: alici o acciughe, sardine, sugarello o suro, triglie, aguglie, pesce sciabola, etc che contiene acidi grassi polinsaturi (Omega 3) e scarsissime percentuali di mercurio; è da preferire la cottura al vapore, al cartoccio o al forno a microonde.

Due-tre volte a settimana consumare i legumi che sono ricchi di fibre, poveri di grassi e contengono una quantità di pro­teine quasi uguale a quella ap­portata dalla carne.

Assumere molti liquidi durante la giornata per compensare l’acqua perduta con la secrezione del latte, anche se il volume urinario è ridotto da parte del rene in risposta allo stimolo della suzione: bere almeno 1 litro di acqua al dì. Inoltre, bere un bicchiere di acqua tiepida e limone a digiuno, svolge un”azione disintossicante, diuretica e dimagrante. Bere un bicchiere d”acqua ogni volta che si insinua il senso di fame è un ottimo rimedio per calmare ed allontanare il senso di fame. È scientificamente provato che bere un paio di tazze di acqua prima dei pasti, oltre ad idratare e favorire la diuresi, consente di dimagrire più velocemente poichè riduce l”appetito e incrementa i processi termogenetici, aumentando il tasso metabolico del 30%.

Non sono particolarmente consigliabili le acque oligominerali con quantità di calcio trascurabili (ciò per altro non protegge neppure dai calcoli renali: paradossalmente, è vero l’opposto) e le acque minerali ricche di sodio e di solfati, perché possono concorrere all’ipertensione e alla perdita di calcio con le urine (favorita sia dal sodio sia dai solfati).

Nella donne adulte il fabbisogno fisiologico di calcio è di 800 mg al giorno; nella donna gravida il fabbisogno aumenta di 400 mg (totale 1200 mg al giorno).  Occorre perciò un’adeguata assunzione di latte e derivati e il consumo di acqua minerale ricca di calcio altamente assimilabile (contenuto di ioni calcio superiore a 300 mg/litro) e basso tenore di sodio e solfati.  E’ importante ricordare che per un assorbimento ottimale del calcio è necessaria la vitamina D, prodotta dalla pelle e attivata dall’esposizione alla luce del sole.

La concentrazione di solfati nell’acqua potabile non dovrebbe superare i 250 mg/litro, e quella di sodio i 50 mg/litro. Meglio non eccedere con la gasatura, che può rendere il calcio meno assimilabile e ridurre non opportunamente il senso della sete. Infine è sempre raccomandabile scegliere un’acqua povera di nitrati (in alcune etichette espressi come ione nitrico o NO3), potenzialmente dannosi (Nice, National Institute for Health and Clinical Excellence-  linee guida cliniche n°37 del 2006) (4-7).

L’anguria e succo di anguria -  rientra nella categoria degli alimenti più dissetanti e rinfrescanti in assoluto essendo costituita da oltre il 93% di acqua, e fornisce pochissime calorie (solo 16 per 100 grammi di prodotto). Possiede un’azione detossicante e antiossidante grazie all’efficiente azione “scavenger” del radicale idrossile. L’anguria contiene anche una elevata concentrazione di licopene, potente antiossidante; in particolare questo frutto è una fonte di cis-isomeri di licopene prontamente disponibili.

In 100 gr di anguria sono contenuti 3,7 grammi di zuccheri, 0,4 di proteine e 0,2 di fibre. L’anguria è fonte di vitamine antiossidanti (A e C), vitamine del gruppo B (B6) e sali minerali, in  particolare potassiofosforo e magnesio (rispettivamente, 112, 11 e 10 mg/100g di prodotto). 
Per i motivi sopra elencati, l’anguria è un ottimo alleato nelle diete ipocaloriche, disintossicanti e antiedemigene; il consumo eccessivo però è sconsigliato ai pazienti diabetici (1-3). Inoltre i semi di anguria sono dotati di una blanda azione lassativa non sgradita in puerperio dove spesso insorge o si aggrava una stipsi funzionale.

 

Occorre che la madre in allattamento modifichi il suo stile di vita in modo da favorire ed aumentare la secrezione del latte.

ll fumo materno espone il lattante ad un duplice rischio:

1)  Irrita le vie aeree del lattante e lo predispone alle infezioni respiratorie; il bambino infatti che si trovi in un ambiente pieno di fumo subisce il “fumo passivo”.

2)  Modifica la risposta allo stimolo della suzione con riduzione della secrezione del latte.

3) La nicotina, come il caffè, il tè, la cola e l’alcool, oltre a deprimere la secrezione lattea,  passa nel latte materno, conferisce un gusto sgradevole al latte ed  eccita il sistema nervoso e quello cardiocircolatorio del lattante con alterazione del ritmo sonno/sveglia.

Peperoncino rosso in funzione antifumo: il il peperoncino essendo una solanacea al pari del tabacco è un eccellente sostitutivo di questo e da all’organismo ciò che viene a mancare smettendo di fumare. Il peperoncino inoltre è ricco di vitamina C che sembra avere effetti benefici nei confronti dei danni provocati da fumo.

  Gli effetti negativi dell’alcool sul lattante sono descritti dettagliatamente in un file a parte.

 

 

 

ALCUNE RICETTE

Brodo vegetale

Ingredienti per 3 litri di brodo vegetale: Nel brodo vegetale possiamo potenzialmente inserire quasi tutto, il problema è quello di bilanciare i sapori, di non eccedere e di non prevaricare arrivando ad un bouquet che sappia di buono. Carote, sedano e cipolle sono i componenti essenziali; gli altri componenti sono al piacere e al gusto delle persone.

Acqua fredda 3 lt

Pepe bianco un pizzico 

Sale grosso un pizzico

Zucchine 2 

Patatte 2 

Pomodori San Marzano maturi  o pomodori pelati 

Aglio 1 spicchio 

Prezzemolo 1 ciuffo 

Carote 2 

Cipolle rosse di Tropea

Sedano 3 coste 

Croste di parmigiano 50 gr

Olio di oliva 4 cucchiai

Preparazione: 

lavate bene tutte le verdure, pelate le carote privandole delle estremità e tagliatele in due, sbucciate le cipolle e tagliatele a metà. Tagliate i gambi di sedano in 3 parti, private le zucchine delle estremità e tagliatele in pezzi grossi. Sbucciate la patata, tagliatela in quarti e spellate i due pomodori. Le scorze di parmigiano vanno attentamente pulite esternamente

Mettete sul fuoco 3 lt di acqua fredda e aggiungete tutti gli ingredienti tranne il prezzemolo che va aggiunto al momento dell’ebollizione. Dopo l’ebollizione cuocere per 45 minuti. A cottura ultimata potete  filtrate il brodo con un colino o servirlo così intero con le verdure intere o passate.

Potete conservare il brodo vegetale in frigorifero anche per una settimana oppure potete congelarlo nelle pratiche forme per il ghiaccio, così da utilizzarne un cubetto o più all’occorrenza.

ZUPPA IMPERIALE:

Ingredienti:

  • 1 litro e mezzo di brodo di carne
  • 8 cucchiai di formaggio Parmigiano Reggiano appena grattugiato
  • 6 cucchiai colmi di semolino
  • 6 uova
  • 30 cc di olio  di oliva
  • 2 peperoncini rossi
  • Sale appena un pizzico

Preparazione

  1. Sguscia le uova in una ciotola, aggiungi il formaggio parmigiano, il sale  e il semolino, comincia a lavorare il composto versa l’olio nel composto quando è già un poco raffreddato.
  2. Sbatti tutto fino a quando non sarà soffice e spumoso.
  3. Fodera una teglia rettangolare (35×25) con della carta forno, versa il composto e poi infila la teglia nel forno già caldo a 180 gradi per circa 20 minuti.
  4. Appena sarà ben dorato, togli dal forno e fai raffreddare un poco prima di tagliare a cubetti l’impasto cotto.
  5. Porta il brodo a bollore, aggiungi i cubetti di zuppa imperiale e servi caldissimo immediatamente.

****************************

ZUPPA DI FARRO, FAGIOLI CON L’OCCHIO, GAMBERI:

Ingredienti: 

  • Farro 150 gr, 
  • fagioli con l’occhio 100 gr, 
  • gamberi 300 gr,  
  • cipolla 1, 
  • foglie d’alloro 3, 
  • olio extravergine di oliva 3 cucchiai, 
  • poco sale.

       Preparazione:

  •  Ammollate fagioli  e il farro. Sgusciate i gamberi e cuocete i gusci con acqua finché il liquido si riduce a metà.  Filtrate ed eliminate i gusci.  Mettete farro e fagioli in una pentola di coccio, copriteli con un litro d’acqua.  Aggiungete il brodo dei gusci, l’alloro, la cipolla.  Lasciate cuocere per un’ora.
  • Frullate un terzo dei fagioli per addensare la zuppa.  Eliminate l’alloro e la cipolla. Salate poco. Tagliate i gamberi a pezzetti e aggiungeteli.

Valore nutritivo: una porzione calorie 437, proteine g 28, grassi g 13, di cui saturi 2, carboidrati g 53, colesterolo mg 250, fibre g 10.

Valore nutrizionale: piatto ad elevato contenuto energetico molto ricco di proteine di alto valore biologico.  Elevato il contenuto di fibre.

******************

ZUPPA DI CICERCHIE

Ingredienti per 4 persone:

  • Cicerchie 200 gr 
  • fagioli borlotti secchi 50 gr
  • ceci 50 gr 
  • brodo vegetale 1⁄2 lt 
  • sedano 50 gr
  • carota 50 gr 
  • cipolla 50 gr
  • erba cipollina 10 gr 
  • olio extravergine d’oliva 3 cucchiai
  • dadini di pane tostato 100 gr
  •  sale  e pepe

Procedimento:

Mettete a bagno le cicerchie per 12 ore, cambiando l’acqua 2-3 volte e, prima della cottura, togliete le pellicine coriacee che le ricoprono. Versatele poi nella pentola con acqua fredda (1 litro d’acqua ogni 100 gr di legumi). Portatele a ebollizione e fate cuocere a fuoco moderato per circa 40 minuti. Scolate all’ultimo momento prima della preparazione della zuppa. Lasciate a bagno per una notte i fagioli e i ceci, fateli quindi bollire per 2 ore e poi passateli col passaverdure ottenendo una crema non troppo densa. Versate l’olio in un pentola e aggiungete a freddo il sedano, la carota e la cipolla, facendo cuocere per pochi minuti. Aggiungete poi il passato di legumi, il brodo vegetale e le cicerchie mescolando lentamente e continuate la cottura per altri 15 minuti. A fine cottura spolverate con l’erba cipollina tritata e un filo di olio crudo. Aggiungete i dadini di pane tostato in ogni piatto.

Commento

La cicerchia è un legume ‘povero’ che per secoli ha fatto parte della cultura alimentare marchigiana. Si presenta come un cece, ma un po’ più piccolo e con la superficie irregolare. Insieme agli altri legumi costituisce la base per la preparazione di piatti unici e zuppe, da gustare soprattutto nel periodo invernale. Il piatto è ricco di proteine di origine vegetale, di amidi e povero di grassi. Ottimo l’apporto di fibra.

Valore nutrizionale: KCal   370; Fibra gr 12; Carboidrati gr 56; Proteine gr 20; Grassi gr 10

***************

ZUPPA DI CIPOLLE ALLA CONTADINA

Ingredienti:

  • Baghette 20 gr
  • Cipolla rossa 500 gr
  • Alloro
  • Brodo vegetale 1 lt
  • Olio 2 cucchiai
  • Farina 10 gr
  • Parmigiano 20 gr
  • Sale uno spizzico
  • Salvia 2 foglie
  • Timo 2 rametti

Preparazione

1) Sbucciate le cipolle e riducetele a fette sottili; fatele rosolare per 10 minuti a fuoco lento con olio e  2 cucchiai d’acqua.
2) Formate un mazzetto con le erbe aromatiche lavate e asciugate, legatelo con più giri di spago da cucina e unitelo alle cipolle in cottura. Aggiungete un pizzico di sale e mescolate delicatamente.
3) Cospargete le cipolle con la farina, mescolate con un cucchiaio di legno per 3-4 minuti fino a che si è amalgamata e versate a filo il brodo bollente. Cuocete la zuppa per circa 50 minuti.
4) Tostate leggermente le fette di pane sotto il grill del forno e cospargetele con il parmigiano. Versate la zuppa in 4 pirofile da forno, adagiatevi sopra le fettine di pane e passate ancora sotto il grill caldo per 5 minuti.

References: 

  1. Sigma Aldrich; rev. del 05.07.2012
  2. Schwedhelm E, Maas R, Freese R, Jung D, Lukacs Z, Jambrecina A, Spickler W, Schulze F, Böger RH. Institute of Experimental and Clinical Pharmacology and Toxicology, University Medical Centre Hamburg-Eppendorf, Germany. Pharmacokinetic and pharmacodynamic properties of oral L-citrulline and L-arginine: impact on nitric oxide metabolism.
  3. Cormio L, De Siati M, Lorusso F, Selvaggio O, Mirabella L, Sanguedolce F, Carrieri G.: “Oral L-citrulline supplementation improves erection hardness in men with mild erectile dysfunction”.Urology. 2011 Jan;77(1):119-22.
  4. http://guidance.nice.org.uk/CG37
  5. Istituto Superiore di Sanità, Metodi analitici di riferimento per le acque destinate al consumo umano ai sensi del DL.vo 31/2001.Metodi microbiologici (PDF), in Rapporti Istisan 07/5, 2007.
  6. Summary of the monograph “World Water Resources at the Beginning of the 21st Century” prepared in the framework of IHP UNESCO, cap. 2, “Water storage on the Earth and hydrological cycle”, webworld.unesco.org. URL
  7. Istituto Superiore di Sanità, Microbiologia delle acque di diversa derivazione (PDF), in Rapporti Istisan 04/14, 2004.
Puerperio

fisiokinesiterapia in puerperio

SI’ AL MOVIMENTO: L’attività sportiva è utile per ritrovare una buona muscolatu­ra e la tonicità dei tes­suti. Gli sport più adatti? Nuotare, op­pure effettuare degli esercizi di ginnastica dolce, o ancora cam­minare. E’ sufficiente infatti anche una “sa­na” passeggiata tutti i giorni di almeno 45 minuti.

Qualunque sia l’attivi­tà prescelta, l’impor­tante è la regolarità.

Per le puerpere  particolarmente motivate e completamente ristabilite consigliamo alcuni esercizi particolari che conviene però iniziare molto gradualmente e sempre iniziando dal 1° esercizio.

 

 1.    Posizione di partenza: sdraiati supini, gambe distese, mani dietro la testa.

flettere più che possibile le ginocchia; Cosce flesse, estendere e flettere le ginocchia piuttosto lentamente dalle 15 alle 20 volte.

2.    Posizione di partenza: sdraiati supini, gambe sollevate.

muovere le dita dei piedi più rapidamente e più ampiamente possibile, nel senso della flessione e della estensione.  Durata: 30 secondi.

3.    Posizione di partenza: sdraiati supini, gambe sollevate. 

fare ruotare i piedi in senso circolare, prima in un verso poi nell’altro, per 8 volte.  Durata: 30 secondi con movimento rapido.

4.    Posizione di partenza: sdraiati supini, gambe sollevate. 

prima da un lato poi dall’altro, flettere fortemente le dita dei piedi e quindi estendere più che possibile.  Durata: 30 secondi con movimenti rapidi.

5.    Posizione di partenza: sdraiati supini, gambe flesse sulla coscia e coscia sul bacino.

a)         stringere con le mani uno dei piedi;

b)         mentre il ginocchio viene lentamente esteso, con il palmo delle mani esercitate una lieve pressione; le mani devono abbracciare l’intera gamba;

c)         estendere la coscia, come fatto in precedenza per la gamba.

d)         Durata: per ogni arto 8-10 movimenti, eseguiti lentamente;

e)         ritorno alla posizione di partenza.

6.    Posizione  di partenza: sdraiati supini, gambe sollevate. 

sotto le piante  dei piedi si comprime con pressione gradualmente progressiva un cuscino; contemporaneamente si flettono le dita dei piedi e quindi si solleva dal piano del letto il sedere. Durata: da 4 a 6 volte impiegando 30 secondi per ogni esercizio; tensione (4 secondi), rilassamento (4 secondi).

7.    Posizione di partenza: sdraiati supini, gambe sollevate. 

a gambe incrociate, si comprimono l’uno contro l’altro i dorsi dei piedi con pressione gradualmente progressiva.  Durata: da 4 a 6 volte con una durata di 30 secondi per esercizio; lenta pressione (4 secondi) e lento rilassamento (4 secondi).