Chirurgia, Isteroscopia

Isteroscopia operativa ambulatoriale (office hysteroscopy)

La chirurgia isteroscopica ambulatoriale o office surgery hysteroscopy o See and Treat Hysteroscopy si avvale ormai da alcuni decenni di tecnica sempre più sofisticata e e strumentazione specifica miniaturizzata che ne hanno progressivamente esteso utilizzo ed indicazioni fino a

permettere l’esecuzione di circa il 30-40% di interventi di chirurgia isteroscopica di breve durata (<20 minuti)  con approccio vaginoscopico e senza anestesia. La paziente può avvertire solo un modesto dolore crampiforme al momento dell’introduzione dell’isteroscopio mentre nessuno stimolo doloroso è provocato dalle manovre intrauterine perchè l’endometrio è privo di terminazioni nervose (1-15).

Il Versapoint Gynecare rappresenta l’isteroscopio di prima scelta per l’office  hysteroscopy. L’isteroscopio flessibile è una buona alternativa al Versapoint ma le manovre chirurgiche risultano più limitate (15,16).

L’energia bipolare offre un’ulteriore margine di sicurezza per quanto riguarda il rischio di diffusione;  ha infatti una capacità di penetrazione di 2-3 mm rispetto ai 1-2 cm della energia monopolare che può raggiungere aree “non target” o provocare danni a distanza per eccessivo riscaldamento (17-19).

I mezzi di distensione liquida (soluzione fisiologica o glicina) devono essere adeguati al tipo di corrente elettrica che si deve utilizzare (mono/bipolare). Il mezzo liquido è indispensabile quando si utilizza la corrente bipolare, permette tempi più rapidi ed una visione migliore rispetto alla CO2 per assenza di bolle e sanguinamento; facilita l’approccio vaginoscopio (20-26).

La profilassi con antibiotici non è consigliata dal momento che le complicanze settiche (endometrite, annessiti) sono eccezionali (27-29).

L’applicazione vaginale di 400 mcg di misoprostolo (Cervidil candelette) 3-4 ore prima dell’intervento facilita l’introduzione dell’isteroscopio e la diminuzione della sintomatologia dolorosa nelle donne particolarmente sensibili al dolore (30-33).

INDICAZIONI

1.  - Polipi L’isteroscopia in office permette di evidenziare e di caratterizzare microscopicamente le formazioni polipoidi dell’endometrio e di eseguire l’asportazione di polipi peduncolati o sessili <20 mm con un isteroscopio office a flusso continuo ed elettrodi bipolari o con taglio “a lama fredda”, a paziente vigile. La resezione va effettuata direttamente alla base se il polipo è peduncolato o <20 mm. La sezione viene effettuata con la tecnica slicing se le dimensioni sono maggiori o se si tratta di un polipo sessile. L’ansa è orientata sempre verso la base del polipo. A fine intervento occorre assicurarsi di aver effettuato una buona emostasi e che la rimozione sia stata completa, evitando però di ledere il miometrio per il rischio di aderenze post-intervento (34-38).

Per la resezione di polipi di dimensioni superiori ad 1/3 della cavità uterina o con base >20 mm occorre utilizzare un resettoscopio monopolare dotato di una gamma completa di anse e elettrodi. Tutti i polipi vanno sempre e comunque trattati con la chirurgia isteroscopica anche se asintomatici per evitare che crescano di volume, che sanguinino, che possano, anche se raramente, trasformarsi in neoplasia maligna. La resezione isteroscopica di un polipo endometriale o cervicale va eseguito entro la prima metà del ciclo se la donna è in età fertile, in qualsiasi giorno se la pz. è in menopausa. La polipectomia non richiede alcuna preparazione farmacologica (33-38).

2. – Miomi endocavitari fino a 15 mm e di tipo T0/T1 (che invadono <50% dello spessore miometriale) e non più di 2 miomi. Se il mioma non è molto grande, si recide alla base con elettrodo bipolare Twizzle. Il roller ball viene utilizzato per il “ploughing” della base di impianto del mioma. In caso di difficoltà si procede con la tecnica slicing e quindi con il roller. In caso di incompleta asportazione per sopravvenute difficoltà intraoperatorie o fibromi T2 (invasione intramuraria >50%) sfuggiti all’esame diagnostico preliminare, si sospende l’intervento programmando un secondo intervento dopo alcuni mesi per consentire l’emersione in cavità della parte residua più profonda del mioma che sarà facilmente resecato (39-42).

Le complicanze più frequenti della miomectomia isteroscopica sono la formazione di aderenze intracavitarie; rare le endometriti settiche ed il sanguinamento post-operatorio.

3. - Sinechiolisi (tipo II, III e IV): in caso di sindrome di Ascherman e resezione di setti endocervicali e endocavitari congeniti oppure secondari a ritenzione di materiale deciduo-coriale, revisione cavitaria (43,44), infezione da schistosoma (45). In caso di Ascherman severa è consigliabile effettuare l’intervento intracavitario sotto assistenza ecografica (45) o, meglio ancora, sotto controllo laparoscopico.

La tecnica ”Ploughing” con microforbici fredde a punta sottile (Karl Storz GmbH & Co.), seguita da un trattamento adiuvante post-operatorio, è la tecnica “gold standard” per la rimozione delle sinechie endouterine. Alternativamente si possono utilizzare, con buoni risultati,  laser-vaporizzazione con elettrodo Spring o elettroresezione  con elettrodo twizzle bipolare  dell’isteroscopio Versapoint Gynecare (Ethicon Inc., NJ, USA) (46-69).

Prevenzione di nuove aderenze:  l’inserimento di un dispositivo meccanico intrauterino risponde all’esigenza di tenere separate le superficie cruentate e quindi contrastare la reazione a  cascata fibroblasti-collagene-aderenze. In letterautura sono riportate le esperienze con diversi tipi di IUD come il Lippes Loop, lo  IUD a forma di zampa di anitra (dispositivo di Massouras), il tubo di Petit-Lefour e anche il semplice catetere di Foley.  Agenti chimici come l’acido ialuronico da solo (Hyalobarrier® gel  ENDO in siringhe da 10 ml/30 mg dotate di cannule per applicazione endouterina)  o ac. ialuronico in associazione con carbossimetilcellulosa (Seprafilm® lamine) sono stati utilizzati con successo (76-79). L’ac. ialuronico  si scioglie entro 24-48 ore dall’applicazione e permane in loco per 7 giorni svolgendovi la sua funzione di barriera. Dopo 7 giorni il preparato inizia ad essere assorbito dall’organismo e da questo viene completamente eliminato entro 28 giorni (80-90). Recentemente è stato sperimentato anche l’utilizzo di membrana amniotica come mezzo di barriera nel post-operatoratorio endocavitario (91).
Riepitelizzazione endometriale: per favorire la ricrescita della mucosa endometriale, che necessita di 2 mesi circa, si somministra un preparato estroprogestinico sequenziale (estrogeni coniugati (Premarin®) mg 1.25/die  associando negli ultimi 10 giorni medrossiprogesterone acetato (Provera G® 10 mg/die) per 2-3 cicli di 28 giorni.

 

4. – Ablazione dell’endometrio: il ricorso all’AE si effettua in caso di fallimento della terapia medica per  AUB.   L’intervento è effettuato con elettrodo ad ansa e rollerball e non presenta grosse difficoltà. Occorre avere una visione perfetta dei punti di repere prima di attivare  l’ansa. L’ablazione dell’endometrio effettuatacon le tecniche di  seconda generazione come la idrotermoablazione e  l’apparecchio a radiofrequenza  NovaSure è dolorosa e richiede anestesia generale (92-96). Nessuna delle tecniche è esente da complicazioni   (97-121):

     a) possibile rischio di disseminazione neoplastica in cavità peritoneale: è talmente rara che non dovrebbe costituire un fattore limitante  per l’utilizzo della ISC

b) Sindrome post-ablazione: ematometra cornuale, occlusione tubarica, dilatazione tubarica e sindrome dolorosa che simula una gravidanza extra-uterina o appendicite acuta (122-124). La sintomatologia dolorosa e la dilatazione  tubarica prossimale si verifica più frequentemente e con maggiore severità nelle pazienti con sterilizzazione tubarica chirurgica precedentemente effettuata.  La diagnosi è effettuata mediante scansione ecografica che rivela una struttura tubulare periuterina nel cui interno si visualizzano echi ipoecogeni irregolari di una struttura fluida   (125-131). La salpingectomia è la terapia risolutiva della sindrome (131). 

c) necessità di reintervento: le complicazioni dell’AE ripetuta sono statisticamente molto più frequenti della prima AE (10% vs. 2%)  (132-133)

5. – Biopsia endometriale isteroscopica: il prelievo di uno o più campioni di tessuto endometriale è richiesto in caso di ispessimento dell’endometrio >4 mm, sospetta iperplasia ghiandolare semplice o atipica, sospetto cancro endometriale, sanguinamento uterino anomalo (AUB) o, nelle indagini per infertilità inspiegata e  per una valutazione della maturità endometriale in rapporto alla data del ciclo.  Rispetto alla classica tecnica D&C, alla curetta di Novak, alla pipelle o al Viabra, l’ISC consente un prelievo mirato sulle zone maggiormente sospette, è meno dolorosa, meno invasiva  e non richiede ricovero (134-144).  Il prelievo bioptico è effettuato con una pinza 5 French. I falsi positivi sono nell’ordine del 20% mentre 0% è la percentuale di falsi negativi.

6.- Sterilizzazione tubarica: applicazione di microspirali Essure   (147,148)

CONTROINDICAZIONI all’ISC OPERATORIA OFFICE

  • malattia infiammatoria pelvica (P.I.D.). Tale patologia può essere riattivata dall’ingresso del mezzo liquido di distensione in addome attraverso le tube.
  • Cervicite acuta
  • Neoplasie cervicali
  • Gravidanza in atto.
  • Precedente perforazione uterina.
  • malattie sistemiche quali l’insufficienza renale, cirrosi epatica, scompenso cardiaco soprattutto in caso d’interventi ad elevato rischio d’intravasazione.

STRUMENTAZIONE

  1. speculum vaginale di Collin o Trelart non sono quasi mai utilizzati privilegiando l’approccio diretto vaginoscopico
  2. isteroscopio office a flusso continuo con doppia camicia e canale operativo
  3. ottica foroobliqua a 30° da 2,9 mm
  4. deflussore urologico a 2 vie con tubi di afflusso e scarico del mezzo liquido
  5. telecamera mono o a tre CCD (Charge- Coupled Device)
  6. cavo luce
  7. colonna isteroscopica dotata di monitor, fonte di luce, centralina telecamera, elettro-bisturi bipolare versapoint
  8. elettrodo bipolare twizzle per la resezione e la frammentazione della neoformazione
  9. elettrodo spring per la vaporizzazione
  10. microforbici e micropinze da 5 French (1,6 mm )
  11. pompa peristaltica elettronica con pressione regolabile tra 60 e 70 mm Hg
  12. spremi sacca a pressione meccanica.

VANTAGGI DELLA CHIRURGIA ISTEROSCOPICA AMBULATORIALE

  • riduzione dei tempi di attesa per la sala operatoria
  • risparmio in termini di degenza, spese alberghiere assenti, assenza di costi per esami del sangue, E.C.G., visita anestesiologica, visite specialistiche accessorie, farmaci e presidi anestesiologici, materiale chirurgico.
  • buona compliance della paziente
  • rapporto costo-benefici ottimale
TECNICA OPERATORIA

Applicazione di una candeletta vaginale di Cervidil 3-4 ore prima dell’intervento. La paziente viene posta sul letto operatorio in posizione ginecologica in modo che il bacino sporga alcuni centimetri dal letto operatorio allo scopo di agevolare i movimenti del resettore, facilitare l’atto chirurgico, impedire la dispersione sottosacrale dei liquidi, prevenire le ustioni da piastra.

. Si procede ad accurata disinfezione dei genitali esterni e della cute perineale, della vagina e della portio uterina. Delimitazione del campo operatorio con teli sterili. Se non riesce l’approccio vaginoscopico, si inserisce in vagina uno speculum bivalve di Collin o di Trelat e si applica una pinza di Shroeder al collo dell’utero che viene tirato in fuori in modo da annullarne la curvatura.

Generalmente non è necessaria la dilatazione del canale cervicale e  il versapoint è direttamente introdotto sotto la visione diretta (approccio vaginoscopico). Introdotto l’isteroscopio, si rimuove lo speculum e la pinza da prensione sul collo. Si osserva attentamente la cavità uterina e i  punti di riferimento anatomici , o punti di repere, rappresentati dagli osti tubarici e dalla regione istmica. Si individua la patologia endouterina presente e si studia la strategia chirurgica migliore prima di attivare la corrente da taglio. La strategia dipende dal tipo di patologia, dalla sede ed estensione della lesione, dal volume e dall’eventuale multifocalità delle neoformazioni.

COMPLICAZIONI: Immediate

  • perforazioni uterine
  • sindrome vagale: riconosce, in questo caso, nel dolore la causa scatenante (trigger) che inibisce il sistema simpatico e contemporaneamente stimola il sistema vagale o parasimpatico con pallore, sudorazione fredda, bradicardia e  ipotensione. Per ridurre il rischio della s. vagale  è consigliato non utilizzare la CO2 come mezzo di distensione, somministrare 1/2 fiala di atropina prima di iniziare l’intervento e applicare alla paziente una fleboclisi endovenosa a goccia lenta di soluzione fisiologica in modo da poter eventualmente somministrare per via endovenosa con rapidità un vasotonico  come il Flebocortid ®.
  • sintomatologia dolorosa riferita nel 30 % dei casi è riferita alla distensione della cavità uterina e al momento dell’introduzione dell’isteroscopio. Il ricorso ad isteroscopi di calibro ridotto tipo Versapoint o isteroscopi flessibili riduce del 50% la sintomatologia dolorosa.Tuttavia gli isteroscopi rigidi forniscono immagini di qualità nettamente superiore e necessitano di minor tempo di esecuzione. L’assunzione di 60 mg di un antinfiammatorio tipo FANS 30 minuti  prima dell’intervento e l’applicazione di lidocaina in cavità uterina riduce di molto la sintomatologia dolorosa. L’anestesia paracervicale o l’anestesia del plesso pudendo si pratica molto raramente ed in casi eccezionali considerato il rapporto costo/benefici. Infine è ormai accertato che  la dolorosità dell’intervento è in gran parte relativa all’esperienza e professionalità dell’operatore. 
  • ricorso al 2° tempo operatorio: in tal caso le complicazioni sono molto più frequenti
  • sindrome da intravasazione (“fluid overload”) del mezzo liquido di distensione. Se la pressione intracavitaria è troppo elevata o i tempi operatori sono molto lunghi o anche in assenza di questi due fattori, si può avere   il passaggio in circolo del mezzo liquido con sovraccarico di volume circolatorio e intossicazione da acqua. Il rischio è più concreto per gli interventi di miomectomia sottomucosa e ablazione dell’endometrio. Il sovraccarico di volume può causare edema polmonare e l’intossicazione da acqua può portare a iponatriemia, ipo-osmolarità ed edema cerebrale. Al contrario, l’assorbimento di destrano-70 può causare sovraccarico di volume secondario all’effetto oncotico intravascolare. Inoltre il Destrano-70 è stata associato a disturbi anafilattici e coagulatori. L’uso di diuretici è consigliato come pure il controllo della diuresi e la correzione dello  squilibrio elettrolitico . L’aggiunta di etanolo  2% al mezzo di distensione si è rivelato utile, perché con questo metodo l’assorbimento di 400 ml e più di mezzo liquido possono essere rilevati dai valori positivi di alcol nell’aria espirata (149-154).
  • lesioni traumatiche del canale cervicale
  • perforazione uterina
  • Lesioni vescicali
  • lesioni termiche
  • emorragie

Complicazioni tardive:

References:
  1.  Lindheim SR, Kavic S, Shulman SV, Sauer MV. Operative hysteroscopy in the office setting. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2000;7:65-69.
  2. Bettocchi S, Ceci O, Di Venere R, Pansini MV, Pellegrino A, Marello F, Nappi L. Advanced operative office hysteroscopy without anaesthesia: analysis of 501 cases treated with a 5 Fr. bipolar electrode. Hum Reprod 2002;17:2435-2438.
  3. Shushan A, Protopapas A, Hart R, Magos A. Diagnostic and therapeutic advantages of hysteroscopic surgery in management of intrauterine lesions in postmenopausal women. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2001;8:87-91.
  4. Cooper NA, Smith P, Khan KS, Clark TJ. Vaginoscopic approach to outpatient hysteroscopy: a systematic review of the effect on pain. British Journal of Obstetrics and Gynecology 2010; 117: 532–9.
  5. Sagiv R, Sadan O, Boaz  M,  Dishi  M,  Scechter  E, Golan A.  A new  approach to office hysteroscopy  compared  with traditional  hysteroscopy: a randomized  controlled trial. Obstetrics & Gynecology 2006; 108: 387–92
  6. Garbin O,  Kutnahorsky  R,  Gollner  JL,  Vayssiere  C.: Vaginoscopic  versus conventional approaches to outpatient diagnostic  hysteroscopy: a two-centre  randomized prospective study. Human Reproduction 2006; 21: 2996–3000.
  7. Guida M, Di Spiezio Sardo A, Acunzo G, Sparice S, Bramante S, Piccoli R, Bifulco G, Cirillo D, Pellicano M, Nappi C. Vaginoscopic versus traditional office hysteroscopy: a randomized controlled study. Human Reproduction 2006; 21: 3253–7.
  8. Paschopoulos M,  Anastassopoulus P, Kaponis A, Avgoustatos F,  Papadononpoulos L, Lolis Vaginoscopic  versus conventional approach  to outpatient hysteroscopy: A comparative randomised study. British Journal of Obstetrics and Gynecology 2010; 117(5): 532-9.
  9. Sharma M, Taylor A, di Spiezo Sardo A, Buck L, Mastrogamvrakis G, Kosmas I. Outpatient hysteroscopy: traditional versus the „no-touch‟ technique.  British Journal of  Obstetrics and   Gynecology; 112: 963-7.
  10. Siegler AM, Valle RF. Therapeutic hysteroscopic procedures. Fertil Steril 1988;50:685-701.The American Fertility Society classifications of adnexal adhesions, distal tubal occlusion, tubal occlusion secondary to tubal ligation, tubal pregnancies, mullerian anomalies and intrauterine adhesions. Fertil Steril 1988;49:944-55.
  11. Valle RF, Sciarra JJ. Current status of hysteroscopy in gynecologic practice. Fertil Steril 1979;32:619-32.
  12. Bettocchi S, Selvaggi L. A vaginoscopic approach to reduce the pain of office Hysteroscopy. J Am Assoc Gyn Laparosc 1997;4:255-258.
  13. Valle RF. Intrauterine Adhesions (Asherman’s Syndrome). In: Marty R BB, deMontgolfier R, ed. Office and Operative Hysteroscopy. New York: Springer-Verlag; 2002:229-42.
  14. Lau W.C., Lo W.K., Tam W.H., Yuen P.M.: Paracervical anaesthesia in outpatient hysteroscopy: a randomised  double-bind placebo-controlled trial. Br. J. Obstet. Gynecol. 1999; 34: 4:453.
  15. Ananthanarayan C., Paek W., Roblin S.H., Dhanidina K.: Hysteroscopy and anaesthesia. Ca. J. Anaesth 1996; 43 (1): 56-64.
  16. Vilos GA. Intrauterine surgery using a new coaxial bipolar electrode in normal saline solution (Versapoint): a pilot study. Fertil Steril 1999; 72(4): 740-743.
  17. offer FD. Preliminary experience with the VersaPoint bipolar resectoscope using a vaporizing electrode in a saline distending medium. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2000;7:498-502.
  18. Golan A, Sagiv R, Berar M et al. Bipolar electrical energy in physiologic solution – a revolution in operative hysteroscopy. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2001;
  19. Loffer FD. Preliminary experience with the VersaPoint bipolar resectoscope using a vaporizing electrode in a saline distendine medium. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2000
  20. Vilos GA. Intrauterine surgery using a new coaxial bipolar electrode in normal saline solution (Versapoint): a pilot study. Fertil Steril 1999; 72(4): 740-743.
  21.  .Almeida ZM, Pontes R,Costa Hde  L.  Evaluation of pain in diagnostic  hysteroscopy  by vaginoscopy  using  normal saline  at body  temperature as distension  medium:  a randomized controlled trial. The Revista Brasileira de Ginecologia e Obstetrícia 2008; 30: 25–30.
  22. Brusco GF, Arena S, Angelini A. Use of carbon dioxide versus normal saline for diagnostic hysteroscopy.Fertility and Sterility 2003; 79: 993–7.
  23. Cooper NA, Smith P, Khan KS, ClarkTJ. A systematic review of the effect of the distension medium on pain during outpatient hysteroscopy. Fertility and Sterility 2011; 95: 264–71.
  24. Capobianco G, Dessole S. Carbon dioxide versus normal saline in outpatient hysteroscopy. Human Reproduction 2003; 18: 2446–9.
  25. Paschopoulos  M, Kaponis  A, Makrydimas G, Zikopoulos K, AlamanosY, O‟Donovan P, Paraskevaidis E.    Selecting distending medium for out-patient hysteroscopy. Does  it  really matter?Human Reproduction 2004; 19: 2619–25.
  26. Shankar M,  Davidson A, Taub N,  Habiba M. Randomised comparison of distension mediafor outpatient hysteroscopy. British Journal of Obstetrics and Gynecology 2004; 111: 57–62. 
  27. Raimondo G, Raimondo D, D‟Aniello G, Russo C, Ronga A, Gabbanini M, Filippeschi M, Petraglia F, Florio P. A randomized controlled study comparing carbon dioxide versus normalsaline  as distension  media in diagnostic  office  hysteroscopy: is the distension  with  carbondioxide a problem?  Fertility and Sterility 2010; 94(6): 2319-22.
  28. Thinkhamrop  J, Laopaiboon M, Lumbiganon P.  Prophylactic antibiotics for transcervical intrauterine procedures. Cochrane Database Systematic Review  2007; 18; (3):CD005637.
  29. Kasius  JC, Broekmans FJ, Fauser  BC, Devroey  P, Fatemi HM.: Antibiotic  prophylaxis for hysteroscopy evaluation of the uterine cavity. Fertility and Sterility 2011; 95(2): 792-4.
  30. Thinkhamrop J, Laopaiboon M, Lumbiganon P. Prophylactic antibiotics for transcervical intrauterine procedures. Cochrane Database Syst Rev 2007;(3):CD005637.
  31. Choksuchat C, Cheewadhanaraks S, Getpook C, WootipoomV, Dhanavoravibul  K.  Misoprostol  for  cervical ripening in  non-pregnant women:  a randomized  double blind controlled trial of oral versus vaginal regimens. Human Reproduction 2006; 21: 2167–70.
  32. Ngai SW, Chan YM, Liu KL, Ho PC. Oral misoprostol for cervical priming in non-pregnant Crane JM, Healey S. Use of misprostol before hysteroscopy: a systematic review. Journal of Obstetrics and Gynaecology Canada 2006; 28: 373–9.
  33. Ngai SW, Chan YM, Ho PC. The use of misoprostol prior to hysteroscopy in postmenopausal women. Human Reproduction 2001; 16: 1486–8. 
  34. Atay  V, Duru NK,  Pabuccu R, Ergun  A, Tokac  G, Aydin BA.  Vaginal  misoprostol for cervical dilatation before operative office hysteroscopy. Gynaecological  Endoscopy 1997; 6:47–9.
  35. M. Farina, G. Insolia, T.G. Tomaselli, M. Morana, A. Cacciatore, G. Zizza Polipectomia endometriale a lama fredda in corso di isteroscopia ambulatoriale con approccio vaginoscopico Giorn. It. Ost. Gin. 2007; XXIX – n. 4
  36. Porreca MR, Pansini N, Bettocchi S, Lo verro G, Selvaggi L. Hysteroscopic polypectomy in the Office, without anesthesia. J Am Assoc Gynecol Laparosc 1996;3(Suppl.):S40.
  37. Lee SC, Kaunitz AM, Sanchez-Ramos et al.  The oncogenic potential of endometrial polyps:  a systematic review and meta-analysis.  Obstet Gynecol. 2010; 116:1197.
  38. Paradisi R, Rossi S, Scifo MC, et al.  Recurrence of endometrial polyps.  Gynecol Obstet Invest. 2014; 78:26-32.
  39. Bettocchi S, Ceci O, Vicino M, Pansini N, Marello F, Di Venere R, Selvaggi L. Office hysteroscopic polypectomy compared with resectoscopic technique. J Am Assoc Gynecol Laparosc 1998;5(Suppl.):S61.
  40. Savelli L, De Iacco P, Santini D, Rosati F, Ghi T, Pignotti E, Bovicelli L. Histopathologic features and risk factors for benignity, hyperplasia, and cancer in endometrial polyps. Am J Obstet Gynecol 2003;188:927-31.
  41. Gebauer G, Hafner A, Siebzehnrubl E, Lang N. Role of hysteroscopy in detection and extraction of endometrial polyps: results of a prospective study. Am J Obstet Gynecol, 2001;184:59-63.
  42. JL Munoz et al.: Hysteroscopic Myomectomy: Our Experience and Review. JSLS v.7(1); Jan-Mar 2003
  43. Rovio PH1Helin RHeinonen PK.Long-term outcome of hysteroscopic endometrial resection with or without myomectomy in patients with menorrhagia.  Arch Gynecol Obstet. 2009 Feb;279(2):159-63. doi: 10.1007/s00404-008-0694-4. Epub 2008 Jun 12.
  44. Cravello L, Agostini A, Beerli M, Roger V, Bretelle F, Blanc B.[Results of hysteroscopic myomectomy]. Gynecol Obstet Fertil. 2004 Sep; 32(9):825-8.
  45. Loffer FD.  Improving results of hysteroscopic submucosal myomectomy for menorrhagia by concomitant endometrial ablation. J Minim Invasive Gynecol. 2005 May-Jun; 12(3):254-60. 
  46. V. Volpicelli, N. Lauda, L. Scotto Di Tella, V. Maisto, P. Laurino, A.A. Ferrari: “IVG: complicanze precoci”. Atti Congresso Nazionale “Applicazione, applicabilità e prospettive della legge 194”, Genova 22-24 Maggio 1981; Cofese Edizioni, Palermo.
  47. V. Volpicelli, N. Lauda, L. Scotto Di Tella, V. Maisto, P. Laurino, A.A. Ferrari: “Variazioni tecniche originali al metodo Karman per I.V.G.”.  Atti Congresso Nazionale “Applicazione, applicabilità e prospettive della legge 194”, Genova, 22-24 Maggio 1981; Cofese Edizioni, Palermo.
  48. Salle B, Gaucherand P, de Saint Hilaire P, Rudigoz RC. Transvaginal sonohysterographic evaluation of intrauterine adhesions. J Clin Ultrasound 1999;27:131-4.
  49.  Krolikowski A, Janowski K, Larsen JV. Asherman syndrome caused by schistosomiasis.Obstet Gynecol. 1995; 85(5 Pt 2):898-9.
  50. Tonguc EA, Var T, Batioglu S. Hysteroscopic metroplasty in patients with a uterine septumand otherwise unexplained infertility. The International Journal of Gynecology & Obstetrics 2011; 113(2): 128-30.
  51. Zhang AJamail GXue MGuan XXiao SXu D: Hysteroscopic Intrauterine Adhesiolysis Using the “Ploughing” Technique With Cold Scissors. J Minim Invasive Gynecol.2015 Sep-Oct;22(6):934-5.
  52. Liu X, Duan H, Wang Y. Clinical characteristics and reproductive outcome following hysteroscopic adhesiolysis of patients with intrauterine adhesion–a retrospective study. Clin Exp Obstet Gynecol. 2014; 41(2):144-8. 
  53. Evans-Hoeker EA, Young SL. Endometrial receptivity and intrauterine adhesive disease. Semin Reprod Med. 2014 Sep; 32(5):392-401. Epub 2014 Jun 24
  54. Dan Yu et al: Factors affecting reproductive outcome of hysteroscopic adhesiolysis for Asherman’s syndrome. Fertil Steril 2008;89,3:715-722
  55. Nari Yamamoto et al: Hysteroscopic adhesiolysis for patients with Asherman’s syndrome: menstrual and fertility outcomes Reproductive Medicine and Biology October 2013, Volume 12, Issue 4, pp 159–166
  56. Asherman JG. Amenorrhoea traumatica (atretica). J Obstet Gynaecol Br Emp 1948;55:23-30.
  57. Asherman JG. Traumatic intra-uterine adhesions. J Obstet Gynaecol Br Emp 1950;57:892-6.
  58. Klein SM, Garcia CR. Asherman’s syndrome: a critique and current review. Fertil Steril 1973;24:722-35.
  59. Al-Inany H. Intrauterine adhesions. An update. Acta Obstet Gynecol Scand 2001;80:986-93.
  60. Kodaman PH, Arici A. Intra-uterine adhesions and fertility outcome: how to optimize success? Curr Opin Obstet Gynecol 2007;19:207-14.
  61. Valle RF, Sciarra JJ. Intrauterine adhesions: hysteroscopic diagnosis, classification, treatment, and reproductive outcome. Am J Obstet Gynecol 1988;158:1459-70.
  62. Tam WH, Lau WC, Cheung LP, Yuen PM, Chung TK. Intrauterine adhesions after conservative and surgical management of spontaneous abortion. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2002;9:182-5.
  63. Schenker JG, Margalioth EJ. Intrauterine adhesions: an updated appraisal. Fertil Steril 1982;37:593-610.
  64. Friedler S, Margalioth EJ, Kafka I, Yaffe H. Incidence of post-abortion intra-uterine adhesions evaluated by hysteroscopy–a prospective study. Hum Reprod 1993;8:442-4.
  65. March CM, Israel R, March AD. Hysteroscopic management of intrauterine adhesions. Am J Obstet Gynecol 1978;130:653-7.
  66. Taskin O, Sadik S, Onoglu A, et al. Role of endometrial suppression on the frequency of intrauterine adhesions after resectoscopic surgery. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2000;7:351-4.
  67. Roge P, d’Ercole C, Cravello L, Boubli L, Blanc B. [Hysteroscopic treatment of uterine synechias. A report of 102 cases]. J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris) 1996;25:33-40.
  68. March CM. Asherman’s syndrome. Semin Reprod Med 2011;29:83-94.
  69. Pabuccu R, Atay V, Orhon E, Urman B, Ergun A. Hysteroscopic treatment of intrauterine adhesions is safe and effective in the restoration of normal menstruation and fertility. Fertil Steril 1997;68:1141-3.
  70. Siegler AM, Kontopoulos VG. Lysis of intrauterine adhesions under hysteroscopic control. A report of 25 operations. J Reprod Med 1981;26:372-4.
  71. Nasr AL, Al-Inany HG, Thabet SM, Aboulghar M. A clinico hysteroscopic scoring system of intrauterine adhesions. Gynecol Obstet Invest 2000;50:178-81.
  72. Roy KK, Baruah J, Sharma JB, Kumar S, Kachawa G, Singh N. Reproductive outcome following hysteroscopic adhesiolysis in patients with infertility due to Asherman’s syndrome. Arch Gynecol Obstet 2010;281:355-61.
  73. Salma U, Xue M, Md Sayed AS, Xu D. Efficacy of intrauterine device in the treatment of intrauterine adhesions.Biomed Res Int. 2014; 2014:589296. Epub 2014 Sep 1.
  74. Pabuccu R, Onalan G, Kaya C, Selam B, Ceyhan T, Ornek T, Kuzudisli E. Efficiency and pregnancy outcome of serial intrauterine device-guided hysteroscopic adhesiolysis of intrauterine synechiae.Fertil Steril. 2008 Nov; 90(5):1973-7. Epub 2008 Sep 6.
  75. Orhue AA, Aziken ME, Igbefoh JO.A comparison of two adjunctive treatments for intrauterine adhesions following lysis.Int J Gynaecol Obstet. 2003 Jul;82(1):49-56.
  76. Vesce F, Jorizzo G, Bianciotto A, Gotti G. Use of the copper intrauterine device in the management of secondary amenorrhea. Fertility and Sterility. 2000;73(1):162–165.
  77. Robinson JK, Colimon LMS, Isaacson KB. Postoperative adhesiolysis therapy for intrauterine adhesions (Asherman’s syndrome) Fertility and Sterility. 2008;90(2):409–414. [PubMed]
  78. Lin X, Wei M, Li TC, et al. A comparison of intrauterine balloon, intrauterine contraceptive device and hyaluronic acid gel in the prevention of adhesion reformation following hysteroscopic surgery for Asherman syndrome: a cohort study. European Journal of Obstetrics Gynecology and Reproductive Biology. 2013;170(2):512–516. [PubMed]
  79. Massouras HG. Intrauterine adhesions: a syndrome of the past with the use of the Massouras duck’s foot no. 2 intrauterine contraceptive device. American Journal of Obstetrics & Gynecology. 1973;116(4):576–578. [PubMed]
  80. Tu C, Yang X, Qin X, Cai L, Zhang P. Management of intrauterine adhesions: a novel intrauterine device. Medical Hypotheses. 2013;81(3):394–396
  81. Orhue AA, Aziken ME, Igbefoh JOA comparison of two adjunctive treatments for intrauterine adhesions following lysis.Int J Gynaecol Obstet. 2003 Jul; 82(1):49-56. 
  82. Revaux A, Ducarme G, Luton D.[Prevention of intrauterine adhesions after hysteroscopic surgery].Gynecol Obstet Fertil.2008 Mar;36(3):311-7. doi: 10.1016/j.gyobfe.2007.11.014. Epub 2008 Mar 4.
  83. Farquhar C, Vandekerckhove P, Watson A, Vail A, Wiseman D. Barrier agents for preventing adhesions after surgery for subfertility. Cochrane Database Syst Rev. 2000; (2):CD000475. Biomed Res Int. 2014; 2014: 589296.
  84. Umme Salma, Min Xue,  Ali Sheikh Md Sayed,  and Dabao Xu Efficacy of Intrauterine Device in the Treatment of Intrauterine Adhesions Biomed Res Int. 2014; 2014: 589296
  85. Szamatowicz J, Kotarski J, Paszkowski T, Debski R, Spaczyński M.[The statement of Polish Gynecological Society Experts on the barrier agents for adhesion prevention after gynaecological surgery].Ginekol Pol. 2009 Jun;80(6):456-8.
  86. Guida M, Acunzo G, Di Spiezio Sardo A, et al. Effectiveness of auto-crosslinked hyaluronic acid gel in the prevention of intrauterine adhesions after hysteroscopic surgery: a prospective, randomized, controlled study. Hum Reprod 2004;19:1461-4.
  87. Seprafilm® Adhesion Barrier Instructions for Use (IFU); Genzyme Corporation, Cambridge, MA; 2012. Data on file. Genzyme Corporation. Cambridge, MA: Genzyme Corp.
  88. Becker JM, Dayton MT, Fazio VW, et al. Prevention of postoperative abdominal adhesions by a sodium hyaluronate-based bioresorbable membrane: a prospective, randomized, double-blind multicenter study. J Am Coll Surg. 1996;183(4):297-306.
  89. Beck DE, Cohen Z, Fleshman JW, Kaufman HS, van Goor H, Wolff BG; for Adhesion Study Group Steering Committee. A prospective, randomized, multicenter, controlled study of the safety of Seprafilm® adhesion barrier in abdominopelvic surgery of the intestine. Dis Colon Rectum. 2003;46(10):1310-1319.
  90. Diamond MP, Burns EL, Accomando B, Mian S, Holmdahl L.    Seprafilm® adhesion barrier: (1) a review of preclinical, animal, and human investigational studies.   Gynecol Surg. 2012 Sep; 9(3):237-245. Epub 2012 Apr 20.
  91. Tsapanos VS, Stathopoulou LP, Papathanassopoulou VS, Tzingounis VA. The role of Seprafilm bioresorbable membrane in the prevention and therapy of endometrial synechiae. J Biomed Mater Res 2002;63:10-4.
  92. Novel macromolecular crosslinking hydrogel to reduce intra-abdominal adhesions. Falabella CA, Melendez MM, Weng L, Chen W. J Surg Res. 2010 Apr; 159(2):772-8. Epub 2009 Jan 12.
  93. Gago LA, Saed GM, Chauhan S, Elhammady EF, Diamond MP.    Seprafilm (modified hyaluronic acid and carboxymethylcellulose) acts as a physical barrier. Fertil Steril. 2003 Sep;80(3):612-6.
  94. Lethaby A, Penninx J, Hickey M, Garry R, Marjoribanks J. Endometrial resection and ablation techniques for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2013;8:CD001501.
  95. Kroft J, Liu G. First- versus second-generation endometrial ablation devices for treatment of menorrhagia: a systematic review, metaanalysis and appraisal of  economic evaluations. J Obstet Gynaecol Can. 2013;35:1010–9.
  96. Daniels JP, Middleton LJ, Champaneria R, Khan KS, Cooper K, Mol BWJ, et al. Second generation endometrial ablation techniques for heavy menstrual bleeding: network meta-analysis. BMJ 2012;344:e2564.
  97. Penninx JPM, Herman MC, Mol BW, Bongers MY. Five-year follow-up after comparing bipolar endometrial ablation with hydrothermablation for menorrhagia. Obstet Gynecol 2011;118:1287–92.
  98. Penninx JPM, Mol BW, Engels R, van Rumste MME, Kleijn C, Koks CAM, et al. Bipolar radiofrequency endometrial ablation compared with hydrothermablation for dysfunctional uterine bleeding: a randomized controlled trial. Obstet Gynecol 2010;116:819–26.
  99. Amer MI, Abd-El-Maeboud KH, Abdelfatah I, Salama FA, Abdallah AS. Human amnion as a temporary biologic barrier after hysteroscopic lysis of severe intrauterine adhesions: pilot study. J Minim Invasive Gynecol 2010;17:605-11.
  100. Brill AI. What is the role of hysteroscopy in the management of abnormal uterine bleeding?  Clin Obstet Gynecol. 1995 Jun; 38(2):319-45. 
  101. Zlatkov V, Kostova  P, Barzakov G, Tcholakova  A, Milochov V, Velinov E, Radeva  V, Mihova A. Flexible hysteroscopy in irregular uterine bleeding. Journal of Balkan Union of Oncology 2007; 12(1):  53-6.
  102. Bradley LD: The medical management of abnormal uterine bleeding in reproductive-aged women. AJOG January 2016Volume 214, Issue 1, Pages 31–44
  103. Cooper N et al: Ambulatory hysteroscopy and its role in the management of abnormal uterine bleeding J Fam Plann Reprod Health Care 2015;41:4 284-291
  104. Matteson KA, Abed H, Wheeler TL, Sung VW, Rahn DD, Schaffer JI, et al. A systematic review comparing hysterectomy with less-invasive treatments for abnormal uterine bleeding. J Minim Invasive Gynecol 2012;19:13–28.
  105. Munro MG, Dickersin K, Clark MA, Langenberg P, Scherer RW, Frick KD, et al. The Surgical Treatments Outcomes Project for Dysfunctional Uterine Bleeding: summary of an Agency for Health Research and Quality-sponsored randomized trial of endometrial ablation versus hysterectomy for women with heavy menstrual bleeding. Menopause 2011;18:445–52.
  106. Bhattacharya S, Middleton LJ, Tsourapas A, Lee AJ, Champaneria R, Daniels JP, et al. Hysterectomy, endometrial ablation and Mirena® for heavy menstrual bleeding: a systematic review of clinical effectiveness and cost-effectiveness analysis. Health Technol Assess. 2011;15(19):iii–xvi–1–252.
  107. Longinotti MK, Jacobson GF, Hung Y-Y, Learman LA. Probability of  hysterectomy after endometrial ablation. Obstet Gynecol 2008;112:1214–20.
  108. McGree ME, et al. Prediction of treatment outcomes after global endometrial ablation. Obstet Gynecol 2009;113:97–106.
  109. Singh S, Best C, Dunn S, Leyland N, Wolfman WL; SOGC Clinical Practice–Gynaecology Committee. Abnormal uterine bleeding in pre-menopausal women. SOGC Clinical Practice Guideline, No. 292, May 2013. J Obstet Gynaecol Can 2013;35:473–9.
  110. Laberge PY. Serious and deadly complications from pregnancy after endometrial ablation: two case reports and review of  the literature. J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris) 2008;37:609–13.
  111. Tan YH, Lethaby A. Pre-operative endometrial thinning agents before endometrial destruction for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev 2013;11:CD010241.
  112. Shawki O, Peters A, Abraham-Hebert S. Hysteroscopic endometrial destruction, optimum method for preoperative endometrial preparation: a prospective, randomized, multicenter evaluation. JSLS 2002;6:23–7.
  113. Lethaby A, Hickey M, Garry R, Penninx J. Endometrial resection/ablation techniques for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev 2009;(4):CD001501.
  114. Deb S, Flora K, Atiomo W. A survey of  preferences and practices of endometrial ablation/resection for menorrhagia in the United Kingdom. Fertil Steril 2008;90:1812–7.
  115. Neuwirth RS, Amin HK. Excision of  submucus fibroids with hysteroscopic control. Am J Obstetr Gynecol 1976;126:95–9.
  116. Goldrath MH, Fuller TA, Segal S. Laser photovaporization of endometrium for the treatment of menorrhagia. Am J Obstet Gynecol 1981;140:14–9.
  117. Vilos GA. Hysteroscopic and nonhysteroscopic endometrial ablation. Obstet Gynecol Clin North Am 2004;31:687–704,
  118. O’Connor H, Magos A. Endometrial resection for the treatment of menorrhagia. N Engl J Med 1996;335:151–6.
  119. Martyn P, Allan B. Long-term follow-up of  endometrial ablation. J Am Assoc Gynecol Laparosc 1998;5:115–8.
  120. Townsend DE, Duleba AJ, Wilkes MM. Durability of  treatment effects after endometrial cryoablation versus rollerball electroablation for abnormal uterine bleeding: two-year results of a multicenter randomized trial. Am J Obstet Gynecol 2003;188:699–701.
  121. Sabbah R, Laberge P, Fortin C, Thiel J, Garza-Leal J, Fullop T, et al. A multi-center, single-arm, international clinical study of  the safety and efficacy of  the AURORA endometrial ablation system. Preliminary clinical results. J Minim Invasive Gynecol 2011;18:S82.
  122. Hansen BB, Dreisler E, Stampe Sørensen S. Outcome of  repeated hysteroscopic resection of the endometrium. J Minim Invasive Gynecol 2008;15:704–6.
  123. MacLean-Fraser E, Penava D, Vilos GA. Perioperative complication rates of  primary and repeat hysteroscopic endometrial ablations. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2002;9:175–7.
  124. Nguyen MH, Wilkinson S. Misdiagnosis of appendicitis in tubally sterilized women.  Aust N Z J Surg. 1993 Jan; 63(1):68-70. 
  125. McCausland A, McCausland V. Frequency of symptomatic cornual hematometra and postablation tubal sterilization syndrome after total rollerball endometrial ablation: a 10-year follow-up. Am J Obstet Gynecol 2002;186:1274–80; discussion 1280–3.
  126. McCausland A, McCausland V. Frequency of symptomatic cornual hematometra and postablation tubal sterilization syndrome after total rollerball endometrial ablation: a 10-year follow-up. Am J Obstet Gynecol 2002;186:1274–80; discussion 1280–3.
  127. Morrison JJ et al: Sonographic Findings in Postablation Tubal Sterilization Syndrome. J Ultrasound in Medicine 2013;32,8: 1515-11517.
  128. McCausland AM, McCausland VM . Frequency of symptomatic cornual hematometra and postablation tubal sterilization syndrome after total rollerball endometrial ablation: a 10-year follow-up. Am J Obstet Gynecol 2002; 186:1274–1283.
  129. Townsend DE,McCausland V,McCausland A,Fields G,Kauffman K  . Postablation-tubal sterilization syndrome. Obstet Gynecol 1993; 82:422–424.
  130. Mall A,Shirk G,Van Voorhis BJ  . Previous tubal ligation is a risk factor for hysterectomy after rollerball endometrial ablation. Obstet Gynecol 2002; 100:659–664.
  131. McCausland AM,McCausland VM  Long-term complications of endometrial ablation: cause, diagnosis, treatment, and prevention. J Minim Invasive Gynecol 2007; 14:399–406
  132. Webb JC, Bush MR, Wood MD, Park GS. Hematosalpinx with pelvic pain after endometrial ablation confirms the postablation-tubal sterilization syndrome.  J Am Assoc Gynecol Laparosc. 1996 May; 3(3):419-21. 
  133. Perrella RR,McLucas B,Ragavendra N,Tessler FN,Schiller VL,Grant EG  . Sonographic findings after surgical ablation of the endometrium. AJR Am J Roentgenol 1992; 159:1239–1241.
  134. MacLean-Fraser E, Penava D, Vilos GA. Perioperative complication rates of  primary and repeat hysteroscopic endometrial ablations. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2002;9:175–7.
  135. Hansen BB, Dreisler E, Stampe Sørensen S. Outcome of  repeated hysteroscopic resection of the endometrium. J Minim Invasive Gynecol 2008;15:704–6.
  136. Endometrial sampling procedures.” UptoDate. Updated Oct. 20, 2015. Medically Reviewed by a Doctor on 9/1/2016
  137. Saad R I Al-Kubaisi: The Relationship between Hysteroscopy, Endometrial Biopsy and The Results of Transvaginal Sonography in Assessing Endometrial Polyps. Sultan Qaboos Univ Med J. 2007 Apr; 7(1): 51–54.
  138. Christiane Kuntz (January 2007). “Endometrial biopsy”. Can Fam Physician. 53 (1): 43–44. PMC 1952554free to read. PMID 17872607
  139. Litta P et al: Role of hysteroscopy with endometrial biopsy to rule out endometrial cancer in postmenopausal women with abnormal uterine bleeding. Maturitas 2005; 50,2:117-123.
  140. Daniel M. Breitkopf et al: Direct Aspiration Endometrial Biopsy Via Flexible Hysteroscopy.  Journal of Minimally Invasive Gynecology Volume 19, Issue 4, July–August 2012, Pages 490–493
  141. F. P. G. LEONE, L. CARSANA, C. LANZANI, G. VAGO, and E. FERRAZZI: Sonohysterographic endometrial sampling and hysteroscopicendometrial biopsy: a comparative study. Ultrasound Obstet Gynecol 2007; 29: 443–448
  142. Ahmed Khairy Makled, Mohamed Mahmoud Farghali, Demiana Samir Shenouda  Role of hysteroscopy and endometrial biopsy in women with unexplained infertility. Archives of Gynecology and Obstetrics January 2014, Volume 289, Issue 1, pp 187–192
  143. Abdelazim IA, Aboelezz A, AbdulKareem AF (2013) Pipelle endometrial sampling versus conventional dilatation and curettage in patients with abnormal uterine bleeding. J Turkish Ger Gynecol Assoc 14:1–5
  144. Kumar S, Awasthi RT, Gokhale N (2003) Assessment of uterine factor in infertile women: hysterosalpingography vs hysteroscopy. MJAFI 60:34–39
  145. Aboulghar M, Mansour R, Serour G, Al-lnany H (2003) Diagnosis and management of unexplained infertility: an update. Arch Gynecol Obstet 267:177–188
  146. Loffer FD (1989) Hysteroscopy with selected endometrial sampling compared with D&C for abnormal bleeding: the value of a negative hysteroscopic view. Obstet Gynecol 73:16–20
  147. V.Mijatovic et al.: “Essure hysteroscopic tubal occlusion device for the treatment of hydrosalpinx prior to in vitro fertilization-embryo transfer in patients with a controindication for laparoscopy”. Fertil Steril 2010;93:1338-42
  148. P. Panel, I. Grosdemouge: “Predictive factors of ESSURE implant placement failure: prospective multicenter study of 495 of patient”. Fertil Steril 2010;93:29-34.
  149. Navdeep SethiRavindra Chaturvedi, and Krishna Kumar Operative hysteroscopy intravascular absorption syndrome: A bolt from the blue Indian J Anaesth. 2012 Mar-Apr; 56(2): 179–182.
  150. Witz CASilverberg KMBurns WNSchenken RSOlive DLComplications associated with the absorption of hysteroscopic fluid media. Fertil Steril. 1993 Nov;60(5):745-56.
  151. Wallwiener DAydeniz BRimbach SFischer AConradi RBastert G[Addition of ethanol to the distension medium in surgical hysteroscopy as screening to prevent "fluid overload". A prospective randomized comparative study of ablative versus non-ablative surgical hysteroscopy and different ethanol concentration]. Geburtshilfe Frauenheilkd. 1996 Sep;56(9):462-9.
  152. Hjertberg H. The use of ethanol as a marker to detect and quantify the absorption of irrigation fluid during transurethral resection of the prostate. Scand J Urol Nephrol Suppl. 1996; 178:1-64. 
  153. Witz CA, Silverberg KM, Burns WN, Schenken RS, Olive DL. Complications associated with the absorption of hysteroscopic fluid media.  Fertil Steril. 1993 Nov; 60(5):745-56
  154. Kick O, Böhrer H, Wallwiener D, Martin E. Hysteroscopy syndrome. Absorption of irrigation fluid in surgical hysteroscopy].  Zentralbl Gynakol. 1994; 116(4):227-9.
Chirurgia, Isteroscopia

Versapoint Gynecare

Il Versapoint Gynecare dell’Eticon rappresenta oggi lo strumento “gold standard” per la chirurgia isteroscopica ambulatoriale (office surgery hysteroscopy). Può effettuare la coagulazione bipolare, la vaporizzare e il taglio senza la necessità  di anestesia e dilatazione cervicale strumentale grazie alle sue ridotte dimensioni..

CARATTERISTICHE DEL VERSAPOINT

  • Il dispositivo di chirurgia isteroscopica Versapoint utilizza la corrente bipolare che necessita di una soluzione isoosmolare (soluzione fisiologica) per essere trasmessa da un elettrodo all’altro 
  • Gli elettrodi di entrata ed uscita sono montati sulla stessa ansa e separati da una struttura in ceramica. utilizzano bassi voltaggi e potenze e vari tipi di elettrodi. Hanno azione di sezione, vaporizzazione ed essiccazione 
  • La diffusione della corrente è localizzata 
  • il Versapoint si avvale di varie strumentazioni per l’introduzione in cavità uterina che avviene sempre senza dilatazione del canale cervicale 
  • gli strumenti ancillari sono molto piccoli e possono essere introdotti in un canale operativo apposito


INDICAZIONI E CONTROINDICAZIONI

Le principali indicazioni consistono in:

  • resezione di polipi endometriali peduncolati o sessili <3 cm 
  • resezione di miomi endocavitari <2 mm tipo T0/T1
  • malformazioni uterine quali utero setto o subsetto che possono provocare aborti o parti pretermine, malposizione fetale o anomalie dell’inserzione placentare.
  • rimozione di aderenze intrauterine  o sindrome di Ascherman <I-II classificazione Wamsteker
  • istmoplastica: correzione della cicatrice cervico-istmica da taglio Cesareo che può associarsi a perdite ematiche o muco-ematiche generalmente post-mestruali, talora associate a pubalgia.
  • Essure microspirali:  Sterilizzazione tubarica mediante applicazione di microspirali Essure
  • Infertilità: l’ISC costituisce un’importante tappa di 2° livello nello studio di infertilità di coppia soprattutto nei casi di infertilità inspiegata. 

STRUMENTAZIONE

Lo strumentario per l’isteroscopia operativa è costituito dal resettore, composto di 5 parti:

  1.  ottica: da 4 mm con angolo di visione di 0°. In chirurgia isteroscopica l’ottica ideale è a 0° poiché consente di avere un campo visivo senza distorsioni e di controllare l’elettrodo attivo per tutta la sua escursione.
  2. elettrodi: roller elettivamente indicato per la coagulazione, mentre l’elettrodo Twizzle viene specificatamente utilizzato per il taglio e l’elettrodo Spring  per la vaporizzazione.
  3. elettrotomo: viene impugnato dall’operatore. I movimenti della mano producono avanzamento e retrazione dell’ansa ad esso collegata.
  4. Camicia interna: è dotata di un rubinetto di immissione del liquido che permette un lavaggio ed una distensione continua della cavità uterina, consentendo una corretta visione endoscopica.
  5. Camicia esterna: si sovrappone a quella interna e forma con essa un’intercapedine che raccoglie liquido di distensione attraverso alcune feritoie portandolo all’esterno attraverso un rubinetto di scarico.
  6. Switch a pedali coagulazione/taglio

Ad essi vengono aggiunti:

  • Un tubo di afflusso del liquido
  • Un tubo di deflusso del liquido
  • Un generatore elettrico ad alta frequenza (elettrobisturi) a tecnologia Mono-Bipolare
  • Un cavo luce collegato alla fonte di luce costituito da un’anima a fibre ottiche
  • Fonte di luce allo Xeno

Prima dell’uso il resettoscopio deve essere assemblato secondo una sequenza che deve seguire l’ordine seguente:

  • Inserimento dell’ottica
  • Inserimento dell’ansa termica
  • Inserimento della camicia interna
  • Inserimento della camicia esterna
  • Inserimento dei tubi di afflusso e di deflusso
  • Inserimento del Cavo dell’elettrobisturi
  • Inserimento del cavo luce
  • Inserimento della telecamera

References:

  1. Vilos, G.A. (1999) Intrauterine surgery using a new coaxial bipolar electrode in normal saline solution (Versapoint): a pilot study. Fertil. Steril., 72, 740–743.
  2. Kung RCVilos GAThomas BPenkin PZaltz APStabinsky SA.A new bipolar system for performing operative hysteroscopy in normal saline.  J Am Assoc Gynecol Laparosc. 1999 Aug;6(3):331-6.
  3. Bettocchi S. et al: Advanced operative office hysteroscopy without anaesthesia: analysis of 501 cases treated with a 5 Fr. bipolar electrode. Hum. Reprod. (2002) 17 (9): 2435-2438.   
  4. Bettocchi, S. and Selvaggi L. (1997) A vaginoscopic approach to reduce the pain of office hysteroscopy. J. Am. Assoc. Gynecol. Laparosc., 4, 255–258.
  5. Bettocchi, S., Ceci, O., Vicino, M., Pansini, N., Marello, F., Di Venere, R. and Selvaggi, L. (1998) Office hysteroscopic polypectomy compared with resectoscopic technique. J. Am. Assoc. Gynecol. Laparosc., 5 (Suppl.), S61.
  6. Gimpelson, R.J. (2000) Hysteroscopic treatment of the patient with intracavitary pathology (myomectomy/polypectomy). Obstet. Gynecol. Clin. North Am., 27, 327–337.
  7. Porreca, M.R., Pansini, N., Bettocchi, S., Loverro, G. and Selvaggi, L. (1996) Hysteroscopic polypectomy in the Office, without anesthesia. J. Am. Assoc. Gynecol. Laparosc., 3 (Suppl.), S40.
  8. Pampalona JR, Bastos MD, Moreno GM, Garcia ER, Pust AB, Pruñonosa JC, Garcia AG, Collado RC, Torras, PB. Outpatient hysteroscopic polypectomy: bipolar energy system (Versapoint®) versus mechanical energy system (TRUCLEAR System®) – preliminary results. Gynecol Obstet Invest. 2015 Mar 20
  9. Fernandez H, Gervaise A, de Tayrac R  Operative hysteroscopy for infertility using normal saline solution and a coaxial bipolar electrode: a pilot study. . Hum Reprod. 2000 Aug; 15(8):1773-5. 
  10. Hossam Eldin Shawki  Reproductive outcomes after Versapoint hysteroscopic metroplasty. Middle East Fertility Society Journal Volume 15, Issue 4, October 2010, Pages 259–264
  11. Pietro Litta, Elena Spiller, Carlo Saccardi, Guido Ambrosini, Donatella Caserta, Erich Cosmi Resectoscope or Versapoint for hysteroscopic metroplasty Int J Gynecol Obstet, 101 (2008), pp. 39–42
  12. H. Fernandez, A. Gervaise, R. de Tayrac Operative hysteroscopy for infertility using normal saline solution and a coaxial bipolar electrode: a pilot study. Hum Reprod, 15 (8) (2000), pp. 1773–1775
  13. N. Colacurci, P. De Franciscis, A. Mollo, P. Litta, A. Perino, L. Cobellis, G. De Placido Small-diameter hysteroscopy with Versapoint versus resectoscopy with a unipolar knife for the treatment of sepetate uterus: a prospective randomized study J Minim Invasive Gynecol, 14 (5) (2007), pp. 622–627
  14. Rogé P, d’Ercole C, Cravello L, Boubli L, Blanc B .[Hysteroscopic treatment of uterine synechias. A report of 102 cases].  J Gynecol Obstet Biol Reprod (Paris). 1996; 25(1):33-40. 
Isteroscopia

Isteroscopia operativa

ISTEROSCOPIA OPERATIVA:

L’isteroscopia operativa non richiede una particolare preparazione della paziente: non necessita di una preparazione intestinale, inutile é la tricotomia, cosi come non é necessaria la presenza di catetere in vescica, ad eccezione dei casi in cui il riempimento vescicale può essere utile per un controllo ecografico intraoperatorio oppure si voglia tenere sotto osservazione la diuresi intraoperatoria. L’isteroscopia operativa è efficace e semplice ma non priva in assoluto di complicanze che per quanto rare possono essere anche gravi. Errori della tecnica possono provocare lacerazioni cervicali e perforazioni uterine; il mezzo di distensione invece può provocare edema polmonare e shock cardiogeno. Una buona esperienza dell’operatore, un’attenta sorveglianza anestesiologica e il contenimento dei tempi operatori in limiti ben precisi rendono tali eventi eccezionali. 

Posizione della paziente sul letto operatorio: la paziente viene posta nella tradizionale posizione ginecologica, con le gambe sufficientemente divaricate, rette da appositi reggi-gambe e in lieve anti-Trendelenburg (15°). E’ importante portare molto avanti il bacino della paziente, in modo tale che il piano vulvo-perineale sporga di qualche centimetro dal bordo del lettino operatorio in modo da facilitare i movimenti di brandeggio del resettoscopio. Questa posizione, inoltre, rende più difficile che parte del liquido di distensione, che defluisce dal canale cervicale, possa invadere la superficie di contatto della piastra dell’elettrobisturi, posizionata generalmente sotto i glutei della paziente. Il verificarsi di una simile eventualità creerebbe il rischio di ustione della paziente nella zona di applicazione della placca. Il piano del letto operatorio non deve essere posizionato troppo in alto, in maniera da consentire all’operatore di mantenere nel corso dell’intervento una posizione ergonomica, con le braccia distese lungo il corpo e gli avambracci piegati a 90°. E’ evidente che una situazione, in cui si realizza una eccessiva differenza di altezza fra operatore e paziente, costringe l’isteroscopista ad operare con le braccia sollevate, in posizione innaturale e stancante, soprattutto negli interventi di maggior durata. 

Timing dell’ISC operativa: per le pazienti in età fertile è opportuno intervenire nella fase follicolare precoce.  In questo momento infatti lo spessore dell´endometrio, nella sua curva ciclica di crescita, è al punto più basso (5 mm. circa). Mentre nelle pazienti in menopausa, l’intervento può essere effetuato in qualsiasi giorno.

Introduzione del resettoscopio: occorre effettuare una dilatazione con Hegar fino al n. 10 in modo da ottenere una facile introduzione e mobilità del resettoscopio,  e la possibilità di fuoriuscita dal canale cervicale del liquido in caso di eccessiva pressione endocavitaria. Iniziare l’erogazione del liquido prima di entrare nel canale cervicale, in tal modo si evita che l’estremità dell’ottica venga coperta da coaguli o frustoli tissutali. Lo strumento viene introdotto sotto controllo visivo in modo da evitare eventuali false strade create dalla dilatazione con Hegar. Raggiunta la cavità uterina e ottenuta una buona visibilità si apre il deflussore di scarico in modo da eliminare coaguli e frustoli mucosi che possono comprometterla. Nel passaggio attraverso il canale cervicale, se l’operatore conduce l’isteroscopio contro la parete si ottiene un’immagine “buia” allo stesso modo che se prende una falsa strada e perciò gli assistenti non possono distinguere se lo strumento ha toccato la parete o ha creato una falsa strada, anche osservando attentamente le immagini sul monitor perchè capita spesso che l’operatore si ferma e torna e ritrae all’indietro lo strumento. Solo l’operatore con la sua senibilità “manuale” può “sentire” e giudicare ha seguito o ha creato una falsa strada. Così pure per le perforazioni cavitarie nel momento in cui penetra in cavità e non si sono ancora ottenute le condizioni ideali di visibilità. Solo la sensibilità dell’operatore può sospettare un’eventuale perforazione del fondo dell’utero, Infatti un’eventuale perforazione anche minima del fondo può creare un’emorragia che a causa della pressione positiva intracavitaria di circa 30 mm Hg tende a riversarsi in cavità addominale che ha una pressione molto inferiore se non negativa e quindi non si evidenzierà nel momento in cui si sarà stabilita una visione ottimale. In aggiunta, lo svolazzamento della mucosa uterina (effetto “alga”) e la struttura muscolare a tre strati del fondo uterino possono mascherare il punto di ingresso dell’eventuale perforazione a meno che non si faccia una puntigliosa ricerca nella zona specifica nel caso che lo stesso operatore dichiari il sospetto di aver perforato. Spesso le piccole perforazioni del fondo dell’utero si richiudono spontaneamente senza alcuna terapia.  Infine, e ciò mette fine ad ogni discussione sulla  eventuale corresponsabilità di altri medici presenti in sala operatoria, la procedura standard per l’introduzione dell’isteroscopio prevede la modalità “stop and see” cioè fermarsi dopo ogni tratto di progressione per dar modo al liquido di distender il tratto in cui progredire nella introduzione.

Valutazione della cavità uterina: L’intervento inizia con la valutazione della cavità uterina, del suo contenuto, e l’identificazione dei riferimenti intracavitari (osti tubarici, posizione dell’istmo, sede, volume e consistenza  della patologia da trattare). In questo modo si può decidere quale strategia chirurgica adottare, scelta dell’ansa, orientamento dello strumento. 

Chirurgia, Isteroscopia

Isteroscopia diagnostica

L’isteroscopia è una tecnica che permette la visualizzazione di vagina, collo dell’utero, canale cervicale, cavità uterina e osti tubarici attraverso uno strumento chiamato isteroscopio. Questo è un tubo metallico rigido classicamente con diametro esterno di 4-5 mm, dotato di fibre ottiche per la trasmissione della luce, che viene introdotto all’interno della cavità uterina attraverso il canale cervicale. L’isteroscopia moderna è il frutto di contributi sequenziali di moltissimi colleghi. Brevemente ricordiamo Nitze che per primo, nel 1879, realizzò  un cistoscopio con sistema di illuminazione; Rubin che nel 1925  propose l’impiego della CO2 per la distensione della cavità uterina e Schroeder che, utilizzando una soluzione radiopaca impiegata per l’ISG, individuò la pressione ideale del mezzo di distensione per ottenere una visualizzazione ottimale: pressione esterna 100 mm Hg corrispondente ad una pressione intracavitaria di 25 mm Hg; Palmer nel 1957 progettò un isteroscopio del diametro esterno di 5 mm che non richiedeva la dilatazione cervicale. Lindemann nel 1972 introdusse l’uso routinario di CO2 ed infine Hamou mise a punto il sistema di ottica tutt’ora utilizzato e noto come Hamou I e Hamou II (1).

L’isteroscopia (ISC) può essere utilizzata solo per la diagnostica oppure per  l’esecuzione di interventi chirurgici utilizzando strumenti miniaturizzati introdotti attraverso appositi canali che corrono nell’isteroscopio. La ISC ha sostituito la dilatazione e il curetage (D & C) per l’evidente vantaggio di poter operare sotto visione diretta rispetto al curetage eseguito “al buio”.  L’isteroscopia è un intervento sempre più diffuso e con ampi margini di nuove applicazioni. Negli anni ’90 si affermamo nuove tecnologie che consentono sempre più spesso un management ambulatoriale dell’ISC senza anestesia (“Office Hysteroscopy”). Ma ancora oggi l’ISC è un intervento riservato ad operatori esperti con training certificato che attesti la perfetta conoscenza della tecnica chirurgica corretta. Statisticamente infatti le complicazioni più gravi si sono verificate  nei casi in cui l’isteroscopia viene banalizzata e affidata a principianti.

Microcolpoisteroscopia o ISC a contatto: tecnica introdotta da J. Hamou nel 1979 e  attualmente in disuso, si basa sull’utilizzo di un isteroscopio che può consentire sia una visione panoramica che una visione a contatto fino a 150 ingrandimenti (12,13).

L’isteroscopia diagnostica è effettuata in periodo follicolare (6°-10° giorno) nelle pazienti in età feconda per escludere eventuali gravidanze ed anche perchè in questo periodo l’istmo uterino è ipotonico e permette più facilmente l’introduzione dell’isteroscopio; inoltre nella fase proliferativa, la mucosa endometriale si presta ad una migliore osservazione isteroscopica. . Qualsiasi giorno invece è utile per le pazienti in menopausa. Le indicazioni principali all’ISC sono:

  • sterilità di coppia in caso di dubbi sulla pervietà tubarica o sulla conformazione della cavità uterina.
  • sanguinamento uterino  anomalo (AUB): Attualmente l’isteroscopia è diventata una metodica indispensabile per una diagnosi precoce e corretta delle AUB e consente un agevole approccio semeiologico in quanto minimamente invasivo e

    con il vantaggio di poter essere eseguita senza anestesia ed in regime ambulatoriale. Permette di eleminare falsi negativi del curettage, visualizzando direttamente la cavità uterina, valutando le caratteristiche macroscopiche della lesione e favorendo la bipsia mirata nei casi di dubbia interpretazione.

  • iperplasia  endometriale,
  • poliposi endometriale: sono presenti nel 24% delle donne e sono la principale causa di A.U.B.   (Abnormal Uterine Bleeding). Possono subire una trasformazion neoplastica maligna nello 0,2% dei casi a seconda se la donna è in periodo fertile fino al 9% nelle donne  in menopausa.  La sintomatologia è costituita da metrorragie irregolari presenti nel 50% circa dei casi, ma spesso i polipi sono asintomatici e  vengono sospettati occasionalmente in corso di  ecografia di routine. I polipi endocervicali vengono definiti “polipi sentinella“ poichè nel 25% dei casi sono la spia della presenza di un altro polipo cervicale o di un polipo endometriale all’interno dell’utero. Per questo è consigliabile la rimozione sotto controllo isteroscopico e proseguire con l’esplorazione di tutto il canale cervicale e della cavità uterina. La resezione isteroscopica può essere eseguita ambulatorialmente e senza anestesia (“Office Hysteroscopy”) nel caso di polipi cervicali ed endometriali di diametro <1.5 cm. L’intervento va effettuato in fase follicolare se la paziente è in età fertile ed in qualsiasi giorno se la paziente è in menopausa.
  • miomi sottomucosi: hanno una frequenza del 20-50% e colpisce soprattutto le donne in periodo preclimaterico. hanno un’etiogia genetica o estrogenica. la sintomatologia principale è rappresentata da AUB; più raramente possono presentare senso di peso ipogastrico e dolore ma possono essere anche asintomatici. Possono essere causa di sterilità o poliabortività per ostacolo alla progressione intracavitaria degli spz., ostacolo alla migrazione e annidamente dell’embrione, ipercontrattilità uterina, disturbi della vascolarizzazione zonale, flogosi endometriale.  Isteroscopicamente si classificano come G0: del tutto endocavitario con base d’impianto peduncolata; G1: sviluppo endocavitario >50% e angolo tra parte intrauterina e parete minore di 90°; G2: a prevalente sviluppo intramurale (>50% nella parete uterina) e angolo tra componente intrauterina e intramurale >90°.

 

  •   sinechie intracavitarie (S. di Ascherman): spesso conseguenza di revisioni cavitarie e di interventi intracavitari. 
  • malformazioni uterine (utero bicorne, utero didelfo, utero setto, utero a sella, utero a stella, etc).
  • Atrofia endometriale: riduzione dello spessore endometriale per cui i vasi sottomucosi risultanoi esposti ai microtraumi endocavitari e sanguinano facilmente
  • Ritenzione di residui deciduo-coriali
  • Lost IUD
  • Istmocele mucosa prolassata dalla rima cicatriziale di un precedente taglio cesareo. E’ causa di spotting e fastidiosa leucoxantorrea.

 

UTERO SETTO

 

adenocarcinoma endometriale

L’isteroscopia operativa: trova applicazione in presenza di:

  • aderenze intrauterine causate da manovre intracavitarie, sinechie post-abortive, S. di Ascherman,  
  • malformazioni uterine congenite
  • polipi endometriali;
  • fibromi uterini sottomucosi; 
  • corpi estranei intrauterini, come lo IUD il cui filamento sia risalito all’interno della cavità uterina; sanguinamenti uterini anomali  (AUB) resistenti alla terapia medica.

ablazione endometriale mediante ansa resettoscopica

Timing dell’ISC: L’ISC può essere effettuata indipendentemente dalla fase del ciclo, escludendo ovviamente il periodo mestruale. Esiste però un periodo ottimale in rapporto al livello da esplorare in modo selettivo. la cavità corporale si esplora meglio in fase post-mestruale; il canale cervicale in periodo pre-ovulatorio; l’endometrio ai fini di una valutazione funzionale da sospetta carenza luteale  (LDP, Luteal Phase Defect) durante la fase secretiva.

Tecnica dell’ISC:

L’esame viene eseguito nella sala operatoria destinata ai piccoli interventi dopo aver valutato le indicazioni, raccolto i dati anamnestici e aver informato la paziente delle modalità di esecuzione dell’esame.  Visita ginecologica bimanuale per valutare la direzione del canale cervicale, morfologia e volume dell’utero. Dopo disinfezione dei genitali esterni e della vagina con antisettici saponosi (tipo Betadine)  e risciacquo con acqua distillata, si visualizza il collo uterino mediante l’applicazione di valve. Detersione della portio mediante soluzione antisettica non saponosa. Si applica poi una pinza di Martin sul labbro anteriore della cervice o sul labbro posteriore in caso di retroversione spiccata,  e, operando una lieve trazione si appoggia l’estremità distale dell’isteroscopio sull’orifizio uterino esterno e si conduce delicatamente l’isteroscopio nel canale cervicale seguendo lo spazio libero creato dalla pressione della CO2 (regolata su una pressione esterna di 60 mm Hg) o del liquido prescelto per la distensione della cavità uterina. La progressione dell’isteroscopio avviene con la modalità dello “stop and see”: attesa della distensione e progressione. Il punto critico è rappresentato dal superamento dell’orificio uterino interno che costituisce un vero e proprio scalino  che si oppone alla progressione dello strumento. Per superarlo occorre avere molta pazienza e abilità. Occorre retrocedere, riorientare la lente e procedere con una delicatissima dilatazione utilizzando l’estremità a cuneo dell’endoscopio. Non bisogna mai forzare il passaggio per evitare il rischio di traumatizzare la mucosa o creare una falsa strada o peggio perforazioni parietali. Per l’isteroscopia operativa: si preferisce il mezzo liquido. Con l’introduzione di isteroscopi di piccolo calibro e l’utilizzo di mezzi di distensione liquido si può evitare l’utilizzo di valve e di pinza di prensione del collo. Si tratta di un “approccio vaginoscopico” che permette di aumentare la compliance delle pazienti, il dolore e relativi riflessi vagali (1-5).

 In caso di stenosi dell’ostio uterino si può procedere con:

  • premedicazione con sulprostone locale  (Cervidil candeletta) 2 ore prima dell’intervento. Il gemeprost produce una dilatazione pari al n. 5 di Hegar e comunque favorisce molto una eventuale ulteriore dilatazione.Effetti collaterali possibili del Gemeprost sono gastralgia, bruciore vaginale, cefalea, vomito. 
  • Anestesia locale 20’ prima dell’intervento: infiltrazione paracervicale con 20 cc di mepivacaina   iniettati alle ore 2, 5, 7, 11 ad una profondità di 2 cm. Associare  una sedazione endovenosa mediante flebo  con Contramal 2 fiale da 100 mg + Toradol  3 fiale da 20 mg + Atropina solfato ½ fiala + Plasil 1 fiala + Zantac 2 fiale (4,5).
  • In caso di fallimento della preparazione con sulprostone o dell’anestesia locale, chiediamo alla paziente di sottoporsi a dilatazione cervicale con Hegar (fino al n. 5) in anestesia generale (4-5).
  • Beanza del collo: in tal caso il mezzo di distensione defluisce all’esterno rendendo difficoltosa
    una distensione ottimale della cavità uterina. E’ opportuno procedere con una ridotta velocità di erogazione del mezzo di
    distensione e inoltre si utilizza una pinza  di Martin o  Pozzi a doppia punta o Allis facendo presa sui due labbri in modo da bloccare l’orificio uterino esterno attorno all’isteroscopio.
 

La instillazione di qualche ml di acido acetico permette spesso di evidenziare la giunzione squamo-colonnare quando essa sia risalita all’interno del canale cervicale.

Superato l’orificio uterino interno, occorre fermarsi per alcuni secondi per dare modo alla anidride carbonica o soluzione liquida di completare la distensione della cavità uterina già parzialmente distesa per il passaggio del mezzo di distensione durante il passaggio cervicale, Si giunge con la punta dell’isteroscopio sul fondo dell’utero e quindi lo si retrae fino al segmento istmico (-3 cm dal fondo dell’utero) per effettuare una valutazione panoramica della cavità e l’identificazione dei riferimenti intracavitari (osti tubarici, posizione dell’istmo, sede della patologia da valutare).  L’uso di ottiche con visione foro-obliqua di 30° permette la completa visualizzazione della cavità uterina con la semplice rotazione dello strumento sul proprio asse.  Per staccare eventuali  frustoli o coaguli dalla punta dell’ottica, basterà un semplice cotatto con la mucosa del fondo dell’utero per riavere chiarezza di visione.  

Dopo valutazione panoramica della cavità uterina viene effettuato, se necessario, un prelievo bioptico. 

L’isteroscopia diagnostica dura pochi minuti, mentre quella operativa 30-60 minuti, secondo la complessità dell’intervento.

Al termine dell’indagine la paziente viene lasciata a riposare in posizione orizzontale per 30’ allo scopo di ridurre la scapolalgia da iiritazione del nervo frenico.  La paziente è informata sull’esito della valutazione isteroscopica e le si fornisce relativa documentazione fotografica. La paziente per una ISC esclusivamente diagnostica può essere trattata in ambulatorio e dimessa dopo alcune ore senza alcun problema (office hysteroscopy), 

 

IMMAGINI OSSERVATE:

Quadri isteroscopici normali:

1. Canale cervicale:

  • strutture papillari a dito di guanto particolarmente a livello dei  primi 2 cm dopo l’orificio esterno; esse sono più evidenti in periodo pre-ovulatorio. Scompaiono con l’approssimarsi della menopausa.
  • Cripte ghiandolari site dentro le papille particolarmente ai lati del canale cervicale e verso l’orificio interno.
  • le strutture fibrose dell’”arbor vitae” costituiscono il principale ostacolo a tutte le  penetrazioni forzate.

2.         Cavità uterina:

  • Endometrio: dopo la mestruazione e fino al 10° giorno l’endometrio è pallido, la superficie è liscia e lo spessore, valutato appoggiando la punta dell’ottica sulla parete posteriore, è di 3-4 mm circa.  Dall’11° al 13° giorno l’endometrio è più congesto, rosso, liscio, con spessore di 5-6 mm e gli orifizi ghiandolari sono più facilmente visibili.  Nella fase ovulatoria per 48-72 ore l’endometrio tende a diventare pallido, lo spessore è di 7-8 mm, l’aspetto è brillante e succulento per l’edema dello stroma e gli orifizi ghiandolari sono facilmente visibili; presenza di sierosità intracavitaria.

Nella fase luteale il colore dell’endometrio tende al giallo, la sierosità scompare e le ghiandole assumono un aspetto pseudocistico, la vascolarizzazione è più evidente e contorna gli orifici ghiandolari con un aspetto a spirale.

Nelle donne in menopausa si presenta molto pallido fino al bianco brillante delle forme atrofiche avanzate. La punta dell’ottica lascia un’impronta che non supera 1 mm.

L’atrofia endometriale assai marcata a livello del fondo e dei bordi permette di osservare le fibre muscolari tese per la distensione.

3.         Orifici tubarici:

talvolta può essere osservato un diaframma pretubarico con l’aspetto di una membrana translucida che costituisce la giunzione fra endometrio e mucosa tubarica;

L’aumento della pressione di insufflazione della CO2 può causare reazioni peristaltiche di questi orifici;

L’endosalpinge nel suo tratto iniziale si presenta liscia con una rete vascolare radiale.

 

Quadri isteroscopici patologici:

1.  Flogosi cervicali e endometriali

2.  Poliposi del canale cervicale

3.  Poliposi endometriale

4.  Incontinenza cervicale

5.   Stenosi cervicale

6.  Sinechie endocervicali

7.  Sinechie uterine

8. Fibroma intramurale a sviluppo sottomucoso

9. Fibroma sottomucoso

10. Iperplasia dell’endometrio

11.  Adenomiosi (diverticoli endometriosici)

13. Endometriosi del canale cervicale

14. Metaplasia ossea dell’endometrio: trasformazione del tessuto stromale in tessuto osseo. Questo processo è diverso dalla calcificazione di materiale abortivo ritenuto anche se quest’ultimo è da considerarsi il principale agente etiologico della metaplasia ossea endometriale; cioè la metaplasia ossea dell’endometrio si verifica a partire dai frammenti ossei fetali ritenuti (14). Molti AA. perciò non fanno alcuna distinzione fra ossificazione di frammenti di aborto ritenuto e metaplasia ossea vera e propria. Secondo noi sarebbe più opportuno distinguere le due patologie  perché la metaplasia ossea riconosce anche altre patologie come primum movens etiologico: la flogosi endometriale cronica, infezioni, TBC, traumi chirurgici, elettroconizzazione della cervice (15).  La metaplasia ossea endometriale può interessare donne di qualsiasi età e parità anche se colpisce più frequentemente le donne in età fertile (16-18). Le forme lievi di metaplasia ossea non sono molto rare, sono spesso asintomatiche, radiotrasparenti, non danno immagini ecoriflettenti ed hanno un grosso impatto sulla sterilità, aborto spontaneo ripetuto e morte fetale endouterina (19-22). Le forme più gravi si manifestano con perdite vaginali, irregolarità mestruali, perdite ematiche irregolari, dismenorrea, dolore pelvico cronico,   dispareunia e rilascio di frammenti ossei nel sangue mestruale e nelle perdite vaginali (23).

15. Tubercolosi genitale

16. Malformazioni uterine

17. Patologia della gravidanza:

ritenzione di residui corion-placentari

mola vescicolare

corionadenoma

corioncarcinoma

1.  Cancro dell’endometrio:

Nell’87% dei casi il cancro endometriale è istologicamente un adenocarcinoma, cioè un tumore a insorgenza dalle ghiandole del corpo uterino.  Tipi rari sono il carcinoma endometriale a cellule chiare contenenti glicogeno e il carcinosarcoma; questo è molto maligno e si distingue in omologo o eterologo a seconda che presenti un tessuto solo endometriale o anche di origine mesenchimale (osso, cartilagine, muscolo striato, ecc.).

Adenocarcinoma: all’osservazione isteroscopica si presenta con aspetto cerebriforme, vegetante con escrescenze irregolari polilobate, friabili, facilmente sanguinanti, parzialmente necrotiche e con tipiche “taches de bougie”; qualche volta assume forme polipoidi falsamente rassicuranti.  Il limite con il tessuto endometriale normale è netto. La vascolarizzazione è anarchica.

L’introduzione di qualche goccia di acido acetico attraverso il canale della CO2, o attraverso il secondo canale dell’ottica operatoria, indurrà un imbiancamento deciso del tessuto neoplastico mentre il tessuto endometriale integro non cambierà di colore.

 
2. Endometriti:

è un’entità molto controversa, resa rara dallo sfaldamento ciclico dell’endometrio.

Raramente è possibile vedere una sierosità corpuscolata o francamente purulenta.

Nel 62% è la Chlamydia l’agente responsabile.

3.  Polipi endometriali.

 

5. Incontinenza cervicale:

sia l’ISG che l’ISC danno immagini valide nei casi eclatanti di incontinenza, ma non soddisfacenti nei casi limite.

7. Sinechie endocervicali e uterine:

mucose, muscolari e fibrose (v. Ascherman)

9. Fibroma:

in caso di fibromatosi intramurale diffusa le pareti si lasciano mal distendere

10. Miomi sottomucosi:

L’80% dei miomi intramurali sporge nella cavità uterina, più raramente sono endocavitari ed eccezionalmente sono dislocati nel canale cervicale.  Se la sporgenza in cavità è notevole, la compressione della parete opposta può causare fenomeni ulcerativi e necrotici sull’apice della neoformazione.  Nella loro lenta evoluzione si verifica una lenta trasformazione del tessuto muscolare in tessuto fibroso.

Nei casi di fibromi sottomucosi l’ISG mostrerà  immagini lacunari che alterano il profilo della cavità (contrariamente ai polipi che non alterano il profilo della cavità) senza precisarne dimensioni e topografia come invece può tranquillamente fare l’ISC.

11. Iperplasia dell’endometrio
Iperplasia semplice

Iperplasia glandulo-cistica

Iperplasia adenomatosa semplice senza atipie

Iperplasia adenomatosa con atipie cellulari

12. Adenomiosi:

gli orifici si aprono nella cavità uterina ma sono visibili quasi solo nell’approssimarsi dell’inizio del flusso mestruale.

13. Endometriosi del canale cervicale:

punti blu sottomucosi simili a quelli visibili nello scavo pelvico durante la celioscopia.

15. TBC genitale:

cavità uterina tubulare, «a fouseau»,  risultante da un processo sinechiale centripeto a partenza dai due bordi; sul fondo del budello possono notarsi lesioni «a macchia di candela» tipiche delle lesioni tubercolari.

16. Malformazioni uterine:

utero didelfo

utero setto completo con cervice doppia

utero bicorne completo

utero setto completo con cervice unica

per la DD fra utero bicorne e utero setto occorre obbligatoriamente la lps per vedere il fondo dell’utero.   

Controindicazioni all’ISC: nel tempo si sono rogressivamente ridotte grazie alla semplificazione e affidabilità dello strumentario adottato.

  • gravidanza in atto: a parte l’ISC utilizzata per la villocentesi.
  • Flogosi in atto: la presenza di uno stato infiammatorio, poiché l’esame potrebbe diffondere del processo infiammatorio stesso all’interno dell’apparato genitale.
  • Ca. endometriale
  • Retroversione uterina non riducibile
  • Interventi chirurgici sulla parete uterina (T.C., metroplastiche, miomectomie) che possono aver creato zone di minor resistenza parietale e richi di perforazioni.

RISCHIL’isteroscopia diagnostica è quasi priva di rischi, quella operativa invece comporta i seguenti rischi:

  • perforazione dell’utero possibile, ma infrequente; in tal caso il mezzo di distensione, gassoso o liquido fuoriiesce, assieme all’eventuale emorragia, dalla breccia uterina in cavità addominale e quindi  può sfuggire all’osservazione diretta da parte dell’operatore soprattutto se la lesione è molto piccola. In questo caso la percezione dell’avvenuto “passaggio” transparietale è affidata esclusivamente alla sensibilità dell’operatore ed assolutamente passarte inosservata ad altre persone presenti in sala operatoria anche se attenti alla proiezione sul monitor. Inoltre l’ISC avviene con la metodica “stop and see” continua. Cioè l’operatore procede in avanti, si ferma, indietreggia fino ad avere una visione chiara della cavità che sta esplorando. esistono cioè tempi morti in cui non si ha una visione limpida del campo operatorio a causa della non completa dilatazione cavitaria. Ed anche a dilatazione avvenuta la visione del campo operatorio può essere gravemente disturbata, se si utilizza il mezzo liquido per la distensione cavitaria,  dall’”effetto alga” cioè dal fluttuare di frustoli endometriali e coaguli ematici nel liquido. In tali momenti solo la sensibilità “manuale” dell’operatore può sospettare un’eventuale perforazione.    Il rischio di perforazioni uterine è aumentato in presenza di emorragie cervicali.
  • lacerazioni cervicali: avvengono più frequentemente in caso di stenosi cervicali e soprattutto in prossimità dell’orificio uterino interno che costituisce un vero e proprio scalino che deve essere superato con pazienza, attendendo un’ottimale dilatazione da parte del mezzo di distensione ed aiutandosi con l’estremità a cuneo dell’isteroscopio per effettuare una delicatissima dilatazione. Forzare il passaggio dell’OUI significare esporre la paziente a rischio di perforazioni parietali oltre che a danno della mucosa cervocale ed emorragia.
  • scoppio di idrosalpingi
  • lesioni di organi addominali molto raramente;
  • Sinechie post-intervento
  • nausa e vomito per effetto dell’anestesia;
  • reazioni vagali, ipotensione, lipotimia
  • arresto cardiaco, edema polmonare, eventi rarissimi;
  • sovraccarico cardio-circolatorio durante l’intervento può essere una complicanza collegata al liquido utilizzato per la distensione della cavità uterina, evento che può essere grave, ma raro (0,2% dei casi).
  • Fluid-overloading (intravasazione) 
  • Tubal spillage: passaggio del liquido, istillato per la distensione cavitaria, attraverso le tube con inondazione della cavità addominale. Si verifica quando viene utilizzato l’isteroscopio sprovvisto di canale di drenaggio.Con il liquido possono essere trasportati sangue e cellule di desquamazione. Può causare irritazione peritoneale.
  • embolia gassosa nell’uso della CO2: evento molto raro con gli attuali apparecchi di erogazione.

Vantaggi: 

L’isteroscopia presenta vantaggi indiscutibili, primo la visione diretta dell’interno della cavità uterina.

  1. ISC vs ISG: non si osservano i molti falsi positivi della ISG dovuti a spasmi tubarici e ai i difetti di riempimento del m.d.c..
  2. ISC vsD&C: Il tradizionale raschiamento uterino presenta limiti inaccettabili di sensibilità diagnostica e di efficacia. E’ tempo di una sua routinaria sostituzione con metodiche endoscopiche, più affidabili e spesso di potenzialità risolutiva diretta.    Vantaggi della ISC vs.   D&C:

a) anche un esperto ginecologo con D&C asporta un massimo dell’80% dell’endometrio; ed è comunque una asportazione random.

b) il materiale ottenuto con curetage è inadeguato ad una valutazione istologica (specialmente nei casi di atrofia endometriale).

c) La D&C è inadeguata a valutare lesioni focali come i fibromi che non sono asportabili dalla curetta ed i polipi che, a causa della loro consistenza molle e superficie liscia, non offrono presa alla curetta o vengono solo parzialmente asportati.

d) La riduzione della metrorragia ottenuta con il curetage è temporanea e limitata al primo mese.

 

ISTEROSCOPI:

  1. Isteroscopio di Hopkins: Hopkins modificò nel 1966 la forma e la lunghezza delle lenti (da piccole lenti concave e convesse a lenti di vetro cilindriche più lunghe grazie alla riduzione degli spazi riservati all’aria) ottenne un netto miglioramento delle immagini.
  2. Isteroscopio Hopkins Il da 2.9 mm. di diametro (27020 BH) basato su sistema di lenti Hamou Office Hysteroscope, Karl Storz GmbH, Germania, con camicia operativa a flusso continuo e un canale per strumenti ancillari da 5 Fr.  Questi ultimi sono costituiti da pinza da biopsia a margini taglienti, pinza da presa “a coccodrillo” e microforbici rette.  L’ottica è di 30 gradi con possibilità di visione a contatto e ingrandimenti fino ad 80x (particolarmente utili nella visione della vascolarizzazione endometriale).  La camicia operativa presenta un profilo ovalare (5.7 x 3.7 mm nei punti di maggiore spessore) molto apprezzato nei casi di Orifizio Uterino Interno (OUI) di diametro ridotto o stenotico; l’OUI adatterà la sua forma al profilo della camicia con minimo  traumatismo.
  3. Isteroscopio di Hamou I, di produzione Storz ,è lungo 25 cm, l’ottica ha un diametro di 4 mm ed una visione forobliqua di 30°.  La visione forobliqua si ottiene utilizzando un prisma composto che permette una riflessione dell’immagine sull’interfaccia del prisma stesso di 30° in modo da allineare l’immagine all’asse dell’isteroscopio. L’autore grazie agli ingrandimenti che lo strumento gli consente (1X, 20X, 60X, 150X) effettua anche la visione a contatto che definisce “Microisteroscopia”. Inoltre l’introduzione delle ottiche Hopkins e la sorgente di luce di 150-250 watt trasmessa da fibre ottiche contenute in un cavo separato dallo strumento consentono di non sacrificare la qualità dell’immagine. Come mezzo di distensione Hamou utilizza la CO2 con una pressione interna di 40-80  mm Hg.
  4. Isteroscopio di Hamou II: ha un’ottica di pari diametro, immagine magnificata ma di minore luminosità, ingrandimenti di 1x e 60x  ed  una lunghezza di 30 cm.
  5. Isteroscopio di Bettocchi:  isteroscopio modificato di Hamou, Ha una doppia camicia ed utilizza mezzo di distensione liquido a flusso continuo. Presenta un diametro ridotto a 5 mm una sezione ovalizzata che lo rende più compiacente nei confronti dell’orificio uterino interno ed esterno.  Utilizza strumenti ancillari di 5 Fr (1.6 mm) di diametro.
  6. Isteroscopio a camicia singola detto “corionscopio”: a camicia singola con un ottica di 2,9 mm. Può essere utilizzato per la “Hysteroscopy Office”, per il prelievo dei villi coriali e per la GIFT isteroscopica. 
  7.  Versapoint: ha dimensioni ridotte, capacità di funzionare in ambiente salino, non richiede dilatazione cervicale. Spesso non sono necessarie apparecchi di idropressione e basta una sacca di liquido a caduta naturale;  infatti una bassa pressione conduce a una media dilatazione sufficiente per operare abbastanza agevolmente.E’ dotato di elettrodo capace di vaporizzare istantaneamente i tessuti eliminando scorie e assicurando un’ottima emostasi.  Il generatore sprigiona energia ai tessuti attraverso l’elettrodo attivo e l’energia torna al generatore attraverso il mezzo salino e l’elettrodo di ritorno. L’energia attraversando i tessuti formerà una bolla di vaporizzazione che fa esplodere le cellule. La possibilità di utilizzare una normale soluzione elettrolitica riduce il rischio di iponatremia e “fluid overflow”. Tre diversi microelettrodi sono utilizzati con il Versapoint: “Ball”,  “Twizzle” e “Spring”. Indicazioni preferenziali: miomi intracavitari < 3cm (G 0) e polipi endometriale. Con blocco paracervicale con mepivacaina 2% + (atropina 0,01 mg/Kg + fentanyl 0.1 mg+ midazolam 2.5 mg ev) possono trattarsi in day surgery: polipi di grosse dimensioni, miomi a parziale sviluppo intramurale (G 1) e setti completi (7,8).
  8. Isteroscopio con pallone di gomma: questa tecnica utilizzava un pallone di gomma trasparente, che riempito d’acqua, si adattava alle pareti della cavità uterina e la dilatava. La compressione  era in grado di bloccare eventuali piccole perdite ematiche.  Ma tale tecnica produceva alterazioni morfologiche della parete uterina e un cambiamento di colore della mucosa in seguito alla compressione  da parte del pallone. Inoltre non era possibile effettuare prelievi bioptici o interventi sulla mucosa. Per talòi motivi è stata progressivamente abbandonata.

 Mezzi di distensione:

  1. CO2: Velocità di flusso 100 ml/minuto, Pressione di erogazione  <100 mm Hg equivalente ad una pressione intrauterina di 40-80 mm Hg, non presenta fenomeni allergici, offre una visione migliore rispetto ai mezzi liquidi (perchè ha un miglior indice di refrazione) soprattutto nelle patologie focali ed evita il fastidioso “effetto alga” che spesso disturba la visione con la sol.fisiologica,per un minor rischio di diffusione verso l’alto di germi , muco e cellule, la CO2 è un gas fisiologico eliminabile attraverso la respirazione ed in ultimo per il fatto che l’occhio umano è più abituato a vedere l’immagine attraverso l’aria che non immersa nel liquido. Contro l’uso della CO2 la comparsa di bolle in presenza di sangue e muco. Il rischio di embolia gassosa, acidosi metabolica, alterazione equilibrio acido/base, aritmie cardiache si è rivelato inconsistente con le attuali attrezzature come l’isteroinsufflatore della Wisap o di Hamou che permettono di regolare la velocità e pressione di erogazione e controllare la pressione endocavitaria.
  2. Destrano 70 al 29-32% (Hyskon): liquido ad alta viscosità; eccellenti proprietà ottiche, ottimo lubrificante, non si mescola a sangue e muco, sufficienti 50-100 ml instillati con una semplice siringa, per ottenere un’ottima distensione della cavità uterina.  Effetti collaterali: difficoltà all’instillazione, rischio di shock anafilattico 1/10.000 casi, necessità di lavare immediatamente gli strumenti con acqua calda per evitare la cristallizzazione.
  3. Destrosio 5-10% in H2O  o Soluzione Fisiologica o Soluzione Urologica (Sorbitolo 2.7% p/v + Mannitolo 0.54% p/v in H2O): presentano una serie di vantaggi come il basso costo, un riassorbimento peritoneale rapido e atossicità.  Non conducono l’energia elettrica.  Effetti collaterali negativi: la visibilità può essere compromessa facilmente dalla presenza di sangue o fustoli endometriali (“effetto alga”). Considerato il facile passaggio in cavità addominale attraverso le tube, è necessario che l’instillazione avvenga sotto pressione continua ed occorre misurare la quantità di liquido intraperitoneale che non deve superare i 3 litri. Inoltre si sono osservati casi di intravasazione liquida da eccessiva pressione.

Le sacche con i liquidi vengono introdotte in premisacche a pressione regolata costruite ad hoc e collegate a un compressore o ad un dispenser di gas sotto pressione tipo isteroinsufflatore.

Sorgenti di energia:

  1. Meccanica
  2. Elettrica
  3. laser

Sistema ottico: hanno un diametro di 2-4 mm e  che non richiedono dilatazione cervicale ed anestesia ed hanno un angolo di visione fra 0° e 30°

Obiettivo: è costituito da un gruppo di lenti che produce un’immagine invertita e notevolmente rimpicciolita.

Oculare:  è composta da 2 lenti: una ingrandisce l’immagine e l’altra la fa convergere verso l’occhio.

La visione forobliqua si ottiene utilizzando un prisma composto che permette una riflessione dell’immagine sull’interfaccia del prisma stesso di 30° in modo da allineare l’immagine all’asse dell’isteroscopio.

Fibre ottiche: fibre di vetro flessibile ottenute stirando la silice fino a formare filamenti del diametro di 10-25 micron. Questi filamenti sono capaci di riflettere la luce totalmente in modo che non perda assolutamente di luminosità.

Trattamento antiriflesso delle lenti: è ottenuta proiettando sulla superficie delle lenti uno strato di di fluoruro di magnesio. Considerato l’elevato numero di lenti presenti nelle ottiche utilizzate in ISC, questo trattamento è indispensabile, pena un tasso di riflessione incompatibile con una discreta qualità dell’immagine.

Apparecchiatura video:

  • Sorgente luminosa a luce fredda alogene o  allo xenon da 150 W per la semplice ISC e 250-300 W se si vogliono effettuare riprese cinematografiche.
  • cavo luce a cristalli liquidi. 
  • telecamera EndoCCD ad alta risoluzione amplifica l’immagine.
  • monitor ad alta risoluzione, connesso in RGB alla telecamera, permette all’operatore di rimanere seduto e di brandeggiare lo strumento senza impedimenti tecnici.  E’ importante che il monitor sia posto centralmente, quasi al di sopra dell’addome della paziente, di fronte all’operatore, Purtroppo non sempre questo é possibile, per cui molto spesso il monitor viene collocato in cima al carrello portastrumenti, situato a lato della paziente. In questo caso l’operatore é costretto a guardare lateralmente in una posizione non ergonomica. 
  • video printer: per fornire il report fotografico alle pazienti 
  • macchina fotografica tipo Olympus OM1  con obiettivo endoscopico ed un 
  • videoregistratore  per le registrazioni foto-video per l’archivio.

 

 

Queste  pagine fanno parte del sito fertilitycenter.it in internet da marzo 2011. I testi, le tabelle, i disegni e le immagini pubblicati in queste pagine sono coperte da copyright ma a disposizione di tutti per copia e riproduzione purchè venga citata la fonte con Link al sito www.fertilitycenter.it.

Ringrazio i lettori per la loro cortese attenzione e li prego di voler comunicare le loro osservazioni e consigli su eventuali errori o esposizioni incomplete.

                 Enzo Volpicelli

References:

  1. Mencaglia L, Perino A, Gilardi G.: “Testo-Atlante di isteroscopia diagnostica ed operatoria”. Ediz.: Poli Farmaceutici. 1989.
  2. Bettocchi S., Selvaggi L.: A vaginoscopical approach to hysteroscopy. A method to reduce patient discomfort. J. Of American Ass. of Gynecological Laparoscopist, 1997. 
  3. Bettocchi S., et al.: L’isteroscopia alle soglie del 21° secolo; Notizie SIGO, settembre 1997, pagg. 37-44.
  4. Corley D., Rowe J., Curtis M.T.: Endoscopic uterine. Pradel ediz. 1996.
  5. Lau W.C., Lo W.K., Tam W.H., Yuen P.M.: Paracervical anaesthesia in outpatient hysteroscopy: a randomised  double-bind placebo-controlled trial. Br. J. Obstet. Gynecol. 1999; 34: 4:453.
  6. Ananthanarayan C., Paek W., Roblin S.H., Dhanidina K.: Hysteroscopy and anaesthesia. Ca. J. Anaesth 1996; 43 (1): 56-64.
  7. Pescetto G, De Cecco L, Pecorari D, Ragni N: “Tumori del corpo dell’utero” in Ginecologia e Ostetricia. SEI Milano 2001, 691-700.
  8. Campo R, Van Belle Y, Rombauts L, Brosens I, Gordts S: “Office mini-hysteroscopy”. Human Reprod Update 1999;5(1):73-81.
  9. Fernandez H, Gervaise A, de Tayrac R: “Operative hysteroscopy for infertility using normal saline soltion and a coaxial bipolar electrode: a pilot study”. Human Reprod 2000;15(8):1773-1775.
  10. Fertl Steril 1997;68:1047-1050.
  11. Fertil Steril 1997;68:658-662.
  12. Baggish MS: “Contact hysteroscopy: a new techique to esplore the uterine cavity”. Obstet. Gynecol. 54:350,1970.
  13. Barbot J: “L’hysteroscopie de contact”. Paris, These Publisher,1975.
  14. Mangione D, Svelato A, Muraglia A et al: “Role of hysteroscopy in endometrial osseous metaplasia diagnosis: case report and literature review”. It. J. Gynaecol. Obstet 2012;24,1:23-25.
  15. Bedaiwy MA, Goldberg JM, Biscotti CV. Recurrent osseous metaplasia of the cervix after loop electrosurgical excision. Obstet Gynecol. 2001;98(5 Pt 2):968-70.
  16. Taylor PJ, Hamou J, Mencaglia L: “Hysteroscopic detection of heteropic intrauterine bone formation”. J. Reproduction Med 1988;33:337-339.
  17. Tulandi T, Al-Sunaidi M, Arseneau J, Tonin PN, Arcand SL. Calcified tissue of fetal origin in utero. Fertil Steril. 2008;89(1):217-8.   
  18. Shinuzu M, Nakayama M: “Endometrial ossification in a postmenopausal woman”. J.Clin Pathol 1997;50:171-172.
  19. Hsu C: “Endometrial ossification”. Br J Obstet Gynaecol 1975;82:836-839.
  20. Bathia NN, Hoshiko MG: “Uterine osseous metaplasia”. Obstet Gynecol 1982;60:256-259
  21. Onderoglu LS, Yarali H, Gultekin M, Katlan D. Endometrial osseous metaplasia: an evolving cause of secondary infertility. Fertil Steril. 2008;90(5):2013.e9-11.   
  22.  Drs. Erasmo Bravo O., Juan Haberland F.: ”Metaplasia osea del endometrio como causa de infertilidad”. Rev Chil Obstet Ginecol 2002; 67(5): 381-383
  23. Raphael Câmara Medeiros Parente; Vilmon de Freitas; Rodrigo Soares de Moura Neto; Marco Aurélio Pinho de Oliveira; Ricardo Bassil Lasmar; Marisa Teresinha Patriarca; Felipe Simões Canavez: “Endometrial osseous metaplasia: clinical presentation and follow-up”. Rev. Bras. Ginecol. Obstet. vol.32 no.1 Rio de Janeiro Jan. 2010

 

 

Chirurgia, Ginecologia, Isteroscopia

Sindrome di Ascherman

Sinechie endouterine ed obliterazione dell’ostio tubarico sx

SINDROME DI ASCHERMAN

La S. di Ascherman è una patologia caratterizzata dalla presenza di sinechie intrauterine e amenorrea. Le aderenze intracavitarie possono comportare o meno l’obliterazione della cavità ma sempre compromettono la funzionalità endometriale e producono ipo-amenorrea. Le sinechie endouterine possono essere considerate, dal punto di vista anatomo-patologico, come una «endometrite fibrotica», cioè esito di endometrite acuta. Si osservano per la maggior parte in pazienti sottoposte a numerose interruzioni volontarie di gravidanza (IVG) eseguite con revisione cavitaria (1).
1) Frequenza: negli ultimi anni è aumentata per la maggiore precisione diagnostica, per l’aumento delle IVG, per l’aumentato uso dello IUD e per il rinnovato diffondersi delle malattie veneree e TBC.
2) Etiologia: Le revisioni cavitarie costituiscono il 90%  delle cause etiologiche  Asherman (2). Le R.C. per aborto rtenuto sono gravate da una percentuale di A.S. del  30,9% mentre le R.C. per aborto incompleto hanno un 6,4% di A.S. (3); il 25% è la percentuale che grava su una R.C. post-partum per ritenzione placentare se effettuata a distanza >15 giorni dal parto (3). Le donne con anamnesi positiva per IVG eseguita con D&C costituiscono il gruppo più numeroso  di pazienti Ascherman (2). Le sinechie sono esito di flogosi post-abortive per incompleto svuotamento o mancata asepsi operatoria oppure sono esito di un curetage troppo energico che supera la membrana basale dell’endometrio e nrende perciò impossibile la rigenerazione della mucosa endometriale con conseguente collabimento delle pareti uterine (3,4). Nella nostra esperienza nelle IVG effettuate esclusivamente con cannula di Karman collegata ad un vacuum extractor abbiamo notato, in contrasto con altri AA (5), un netto decremento  della AS (1). Altre noxae patologiche della AS possono essere il taglio cesareomiomectomie, polipectomie, diatermocoagulazione cervicale, menopausa, schistosomia (6). La tubercolosi genitale sta assumendo in Italia nuova importanza per l’arrivo di popolazione dalle zone sub-sahariane. le sinechie intrauterine costituiscono l’esito di una tubercolosi cronica ulcero-caseosa e cicatriziale che può erodere così profondamente l’endometrio da mettere a nudo le pareti miometriali (7-9).
3) Diagnosi:
A) Sintomatologia (estremamente variabile):
· dismenorrea, ipomenorrea, amenorrea “ovulatoria” in caso di sinechie corporali.
  • sterilità sia per ostacolo meccanico che per sclerosi dell’endometrio che può ostacolare l’annidamento e la sopravvivenza della blastocisti.
  • aborti spontanei e ripetuti, parti prematuri
  • placenta accreta
  • emorragie post-partum
B)   Isterosalpingografia (ISG): presenta numerosi falsi negativi in particolare per piccole sinechie  e falsi positivi in caso di miomi sottomucosi o polipi endometriali o addirittura in casi di cavità uterina normale.  Anche nei casi di diagnosi affermativa non ci si può fidare del reperto radiologico per definire limiti ed gravità della sinechia. L’ISG deve comunque precedere la isteroscopia diagnostica  (ISC) per un orientamento preliminare di massima. Radiologicamente le sinechie si presentano come lacune polimorfe nettamente delimitate dal mezzo radiopaco, alcune volte centrali formanti come un isolotto, altre volte periferiche e si traducono in segni di minus del fondo o di una parete.  Molto spesso non si osserva il decorso delle tube per obliterazione dell’ostio utero-tubarico. Non è raro che l’ISG scolli parzialmente o totalmente le sinechie soprattutto quelle lasse e più recenti. In caso di utilizzazione dei cateteri intracavitari  occorre introdurre i cateteri di insufflazione con molta cautela per l’elevato rischio di perforazione delle pareti uterine. Le sinechie post-menopausali si localizzano preferibilmente sul fondo o su un lato della cavità uterina. Le sinechie tubercolari: l’endometrite tubercolare prima ulcera la mucosa e poi  provoca sinechie e/o atrofia dell’endometrio.  Radiologicamente si presentano quasi sempre centrali e caratteristicamente “a  trifoglio”. Si associano alle caratteristiche lesioni tubercolari delle tube.
C)   ISTEROSCOPIA: Possibilità di esame minuzioso del canale cervicale con l’ISC mentre con l’ISG non è possibile che una valutazione molto sommaria.  Le aderenze del canale cervicale ne riducono il diametro e ne deformano il contorno. Le sinechie centrali sono colonne verticali o oblique con estremità èvasèes. Le sinechie marginali si presentano come cornetti o benderelle che spesso nascondono gli osti tubarici.
D) USG

4) CLASSIFICAZIONE: La struttura delle sinechie permette una distinzione delle stesse in: sinechie mucose: hanno lo stesso aspetto dell’endometrio, sono molto fragili, sanguinano facilmente e si rompono facilmente con la punta dell’ottica; sinechie muscolari: hanno un asse centrale muscolo-tendineo e sono ricoperte da un endometrio pallido e atrofico; sinechie fibrose: hanno un asse centrale tendineo, translucenti perché non ricoperte da endometrio. In base alla consistenza (mucosa/fibrosa), allo spessore e all’ampiezza le sinechie possono essere minime, moderate,  severe, totali o parziali. In base (Valle e Sciarra, 1988).
STADIAZIONE DELLE SINECHIE INTRAUTERINE: sec. la Società Europea di Isteroscopia (1989):
I – Aderenze sottili o filmiche che possono essere facilmente  rotte dal solo isteroscopio, aree cornuali normali;
II – Singole aderenze rigide che collegano parti separate della cavità uterina, che non possono essere rotte dal solo isteroscopio, indenni entrambi gli osti tubarici;
IIa – Aderenze che occludono la sola zona interna al canale cervicale. Cavità uterina superiore normale;
III – aderenze rigide che collegano parti separate della cavità uterina, obliterazione unilaterale degli osti tubarici;
IIIa – Aderenze estese delle pareti della cavità uterina con ipo-amenorrea;
IIIb – Combinazione di III e IIIa;
IV – Estese aderenze rigide con accollamento delle pareti uterine. Entrambi gli osti tubarici occlusi.
5) TERAPIA
Il momento migliore per l’intervento è all’inizio della fase proliferativa fra l’8° e il 13° giorno del ciclo: infatti in questa fase l’introduzione dell’isteroscopio è facilitata dallo spinning pre-ovulatorio e  da una ipotonia relativa dell’area cervico-istmica. E’ preferibile utilizzare isteroscopi a flusso continuo utilizzando soluzione salina come mezzo di distensione della cavità uterina con pressione controllata da apposita pompa elettrica (10,11).
A) Lisi delle sinechie intrauterine sotto guida isteroscopica, rispettando l’endometrio e le zone integre, mediante semplice pressione dell’ottica isteroscopica in caso di aderenze lasse oppure taglio delle aderenze nel terzo mediale mediante forbici isteroscopiche a punta sottile (Karl Storz GmbH & Co.) o laser-vaporizzazione o elettroresezione possibilmente con elettrodo  bipolare (tipo Versapoint Gynecare; Ethicon Inc., NJ, USA). Quest’ultima tecnica costituisce il gold standard per la lisi delle aderenze intrauterine di medie e grandi dimensioni. Infatti essa permette una sezione graduale e completa delle aderenze e contemporaneamente un controllo emostatico. Inoltre l’energia bipolare offre un’ulteriore margine di sicurezza per quanto riguarda il rischio di diffusione;  ha infatti una capacità di penetrazione di 2-3 mm rispetto ai 1-2 cm della energia monopolare che può raggiungere aree “non target” o provocare danni a distanza per eccessivo riscaldamento (6). L’intervento termina quando la cavità riacquista il suo aspetto normale e il suo volume e sono visibili gli osti tubarici.  Se le aderenze sono molto estese è bene effettuare l’intervento sotto guida laparoscopica e/o limitarsi ad effettuare solo una lisi parziale delle aderenze rinviando a 1-2 mesi il completamento dell’intervento.
B) Aderenze cervico-istmiche: valutare la direzione dell’angolo cervico-uterino, afferrare la portio con una pinza di Pozzi, Brown, Shroeder o Martin.  Dilatare con Hegar n. 2; una piccola quantità di sangue nero può uscire dalla cavità; cauto sondaggio della cavità uterina con isterometro. Dilatare con Hegar fino al n. 8.  Un blocco paracervicale e il pretrattamento con candelette di prostaglandine (Cervidil), inserite nel fornice posteriore 2-3 ore prima dell’intervento, può favorire la dilatazione come pure la scelta di un periodo pre-ovulatorio in paziente giovane o un eventuale pretrattamento estrogenico in donne anziane. Dopo l’intervento inserire tubo di Petit-Lefour.
C) Prevenzione di nuove aderenze post-intervento: inserimento di IUD a forma di zampa di anitra (dispositivo di Massouras) o tubo di Petit-Lefour mantenuto in loco per 10-12 giorni (12).
D) ricostituzione della mucosa endometriale: somministrazione estroprogestinica sequenziale (estrogeni coniugati (Premarin) mg 1.25/die  associando negli ultimi 10 giorni medrossiprogesterone acetato (Provera G) 10 mg/die per 2-3 cicli di 28 giorni).
E) controllo a distanza di 2 mesi:mediante ISG e ISC
Risultati: 80% ripristino del ciclo; 55% Pregnancy Rate
Pre-trattamento: con estroprogestinici non sequenziali analoghi del Gn-RH per 2-3 mesi. Ma non in caso di aderenze intracervicali.
Controindicazioni all’intervento sono le infiammazioni-infezioni in atto, neoplasie cervicali e dell’utero, presenza di flusso mestruale in atto.
Complicanze:
  • la complicanza più frequentemente (1.85%)  riportata in letteratura è la perforazione della parete uterina. Quasi sempre si verifica durante le manovre di dilatazione del canale cervicale ma se si verifica durante l’intervento diatermico, per eccessivo voltaggio o durata del singolo pic,  produce danni maggiori per il possibile interessamento degli organi viscerali viciniorii  (13). Le perforazioni si possono prevenire utilizzando Hegar di gomma, in misura strettamente scalare, cercando sempre il decorso del canale senza forzare, utilizzando prostaglandine PGE2 (Cervidil) per la “maturazione” del collo (14).
  • Le lacerazioni cervicali sono meno frequenti soprattutto perchè più prevedibili. Si possono prevenire dosando adeguatamente la forza di trazione sul collo, rispettando i tempi di dilatazione del collo ed infine, nei casi più difficili come nelle nullipare e nelle paziente molto anziane utilizzando il dilatatore di Forgione eventualmente associando un pre-trattamento con Cervidil.
  • Peritonite da “tubal spillage” del liquido usato per la distensione della cavità uterina (15).
  • - Recidive: sono molto frequenti. A scopo profilattico si possono utilizzare IUD o un catetere di Foley, il palloncino gonfiabile di Neuwirth ed il “duck foot” di Massouras. E’ stata anche suggerita la somministrazione di estrogeni ad elevate dosi nei giorni successivi all’intervento per accelerare la riparazione ed una copertura antibiotica per 6-7 gg.

Enjoy this exciting new issue and stay tuned for more!  

We value your opinion and are receptive to comments and suggestions.

Yours faithfully,  

dr. Enzo Volpicelli

 

References:

1) Schenker JG, Margalioth EJ. Intra-uterine adhesions: an updated appraisal. Fertility Sterility 1982; 37:593-610.

2) V. Volpicelli, N. Lauda, L. Scotto Di Tella, V. Maisto, P. Laurino, A.A. Ferrari: “IVG: complicanze precoci”. Atti Congresso Nazionale “Applicazione, applicabilità e prospettive della legge 194”, Genova 22-24 Maggio 1981; Cofese Edizioni, Palermo.

3) V. Volpicelli, N. Lauda, L. Scotto Di Tella, V. Maisto, P. Laurino, A.A. Ferrari: “Variazioni tecniche originali al metodo Karman per I.V.G.”.  Atti Congresso Nazionale “Applicazione, applicabilità e prospettive della legge 194”, Genova, 22-24 Maggio 1981; Cofese Edizioni, Palermo.

4) Parent B, Barbot J, Dubuisson JB. Uterine synechiae (in French). Encyl Med Chir Gynecol 1988; 140A (Suppl): 10-12.

5) Dalton VK, Saunders NA, Harris LH, Williams JA, Lebovic DI.Intrauterine adhesions after manual vacuum aspiration for early pregnancy failure. Fertil Steril. 2006; 85(6):1823.e1-3.

6) Krolikowski A, Janowski K, Larsen JV. Asherman syndrome caused by schistosomiasis.Obstet Gynecol. 1995; 85(5 Pt 2):898-9.

7) De Brux J.: “Histopatologie gynecologique”. Masson et Cie éd. Paris, 1981.

8) Dubois J., Szabert C.: “Endometrites tuberculeuses. Signes, evolution et mode de guèrision”. Rev. Fr.  Gynecol. Gnècol. Obstètr.. 1970, 65, 345-349.

9) Hoang Ngocminh, Smadja A.: “Infection tuberculeuse de l’utèrus et infertilitè fèminine. Aspects anatomo-pathologiques”. Gynecologie, 1981, 32, 133-135.

10) Golan A, Sagiv R, Berar M et al. Bipolar electrical energy in physiologic solution – a revolution in operative hysteroscopy. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2001;

11) Loffer FD. Preliminary experience with the VersaPoint bipolar resectoscope using a vaporizing electrode in a saline distendine medium. J Am Assoc Gynecol Laparosc 2000
12)    Vilos GA. Intrauterine surgery using a new coaxial bipolar electrode in normal saline solution (Versapoint): a pilot study. Fertil Steril 1999; 72(4): 740-743.
13)    Jansen FW, Vredevoogd CB, van Ulzen K, Hermans J, Trimbos JB, Trimbos-Kemper TC. Complications of hysteroscopy: a prospective, multicenter study. Obstet Gynecol. 2000 Aug;96(2):266-70.
14) Sowter MC, Lethaby A, Singla AA. Pre-operative endometrial thinning agents before endometrial destruction for heavy menstrual bleeding. Cochrane Database Syst Rev. 2000;(2):CD001124.
15)    Phillips AJ. Peritonitis from sorbitol distending medium after hysteroscopy. Obstet Gynecol. 2003 Nov;102(5 Pt 2):1148-9.