Anatomia, Embriologia, Gravidanza

Ovaio embriologia

Hits: 107

Le gonadi indifferenziate a 5 settimane (20 gg dalla fecondazione) sono strutturalmente organizzate come protuberanze  dette creste genitali o gonadiche e sono formate da epitelio celomatico e da una condensazione del mesenchima sottostante. Esse sono posizionate nel mesonefro, al di sopra del dotto mesonefrico. Le cellule germinali non compaiono nelle creste genitali fino alla sesta settimana. 

Le cellule germinali primitive (protogoni) compaiono alla 4a settimana tra le cellule endodermiche della parete del sacco vitellino. Le cellule germinali migrano con movimenti ameboidi sulla parete dell’intestino posteriore e arrivano all’inizio della quinta settimana alle creste genitali e alla sesta settimana le colonizzano penetrando nello stroma della corticale; successivamente i protogoni si circondano di uno strato di cellule (pre-granulosa) dando origine ai follicoli primordiali. 

Poco prima e durante l’arrivo delle cellule germinali primordiali, l’epitelio celomatico della cresta genitale prolifera, penetrando nel sottostante mesenchima e organizzando un certo numero di cordoni: i primitivi cordoni sessuali. Questi cordoni non sono differenziati ancora in maschili o femminili per questo sono detti gonade indifferenziataSe l’embrione è geneticamente maschile, per l’influenza esercitata dal gene SRY presente sul braccio corto del cromosoma Y, i cordoni sessuali continuano a proliferare, si approfondiscono nella midollare e danno luogo ai tubuli seminiferi. Se invece l’embrione è geneticamente femminile, i cordoni sessuali si degradano  suddividendosi in una serie  di ammassi cellulari costituiti prevalentemente da cellule della pre-granulosa che circondano le cellule germinali primordiali (1-4).

Sino a tutta l’8a settimana di vita embrionaria, i due sistemi dei dotti wolffiani e mülleriani rimangono uguali sia nel sesso maschile che in quello femminile; solo dopo l’8a w, con l’inizio della differenziazione sessuale, uno dei due sistemi comincerà a subire fenomeni di involuzione.

Alla fine della 7° settimana la gonade primitiva può essere ancora in evoluzione maschile o femminile ma in assenza di TDF (Tests Determining Factor) la gonade evolve in senso femminile.

Nel corso dell’8a settimana  le cellule germinali primitive (protogoni) si moltiplicano per mitosi e, nella femmina, si trasformano in ovogoni. Gli ovogoni sono cellule diploidi, quindi con 46 cromosomi, che si moltiplicano dividendosi mitoticamente. Verso l’11a settimana gli ovogoni si suddividono mediante meiosi in ovociti, dotati di corredo cromosomico dimezzato a 33 cromosomi. A questo punto di sviluppo il processo si arresta per ricominciare alla pubertà. 

L’ovaio nel corso della vita intrauterina si sposta dalla sua posizione originaria a lato dell’abbozzo renale nel mesonefro per scendere nella pelvi. Si tratta in realtà di uno pseudo spostamento perchè l’embrione si allunga in senso verticale mentre l’ovaio resta fermo perchè bloccato nella sia posizione dal gubernaculum. Il gubernaculum è una formazione cordoniforme fibrosa che deriva dalla porzione più caudale della cresta genitale, che darà origine al legamento utero ovarico e al legamento rotondo. Il tratto più craniale di questo cordone darà origine al legamento sospensore dell’ovaio.

In presenza delle ovaie i dotti di Wolff regrediscono mentre quelli di Muller si sviluppano dando origine all’apparato genitale femminile. 

References:

  1. F. Poulat, P. Berta, [Determination of sex and Y chromosome]. in Ann Endocrinol (Paris), vol. 52, nº 6, 1991, pp. 410-4,
  2. ^ JR. Hawkins, Genetic determinants of testis development in normal and abnormal individuals. in Horm Res, 38 Suppl 2, 1992, pp. 62-5,
  3. ^ R. Lovell-Badge, Sex determining gene expression during embryogenesis. in Philos Trans R Soc Lond B Biol Sci, vol. 339, nº 1288, Feb 1993, pp. 159-64
  4. David Gardner, Dolores Shoback. Basic And Clinical Endocrinology. McGraw-Hill Medical; 2011. 9th Edition. Pg. 550


A proposito di dottvolpicelli

Nessuna informazione fornita dall'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...