Anatomia

Embolizzazione dell’arteria ovarica

Hits: 19

ARTERIA OVARICA: L’ovaio ha una duplice fonte di irrorazione: l’arteria genitale (ovarica) e il ramo ovarico dell’arteria uterina; entrambi i vasi si anastomizzano all’interno del lig. utero-ovarico. 

L’a. ovarica propriamente detta origina dall’aorta addominale, a livello della IIa vertebra lombare; spesso l’a. ovarica sinistra prende origine dall’a. renale omolaterale.  Discende dalla regione lombare verso il margine laterale del lig. largo e raggiunge l’ovaio sul polo supero-laterale avvolta in un prolungamento peritoneale dello stesso lig. largo (infundibolo pelvico o legamento sospensore dell’ovaio)

L’a. ovarica penetra nell’ovaio attraverso il mesovario e, a livello dell’ilo ovarico penetra nell’ovaio dopo aver fornito un secondo ramo tubarico che decorre orizzontalmente nel leg. largo al di sotto del mesosalpinge dove si anastomizza a pieno lume con l’omologo ramo proveniente dall’a. uterina. Nel mesosalpinge si forma quindi una doppia irrorazione: una superiore sotto il margine tubarico ed una inferiore sotto il margine inferiore mesosalpingeo. Le aa. ovariche ingrossate possono assumere un ruolo preponderante nella irrorazione del segmento uterino supero-laterale e costituire perciò una fonte importante nell’irrorazione dell’utero e soprattutto dei grossi fibromi fundici uterini (1-7).

Numerose anastomosi collegano i due tronchi arteriosi e possono complicare interventi apparentemente semplici come l’annessiectomia e la sterilizzazione tubarica. e l’embolizzazione dell’a. ovarica (1-6).

Indicazioni –  L’embolizzazione delle arterie ovariche (OAE) quasi sempre è praticato come tempo supplementare all’embolizzazione delle arterie uterine o delle aa. ipogastriche nei casi di ipertrofia delle aa. ovariche spesso associate alla crescita dei grossi fibromi del fondo uterino e al fallimento dell’embolizzazione delle aa. uterine o ipogastriche per la terapia delle emorragie pos-partum. L’emorragia postpartum (PPH) è definita come una perdita di sangue> 500 ml entro 24 ore dopo il parto vaginale o> 1000 ml dopo il parto cesareo ed è una condizione potenzialmente pericolosa per la vita. La PPH primaria compare durante le prime 24 ore dopo il parto e la PPH secondaria si verifica per più di 24 ore e fino a 12 settimane dopo il parto (1-3).

È ampiamente accettato che la tecnica di embolizzazione arteriosa trans-catetere (TAE) a carico delle aa. uterine o ipogastriche sia una strategia terapeutica efficace per la PPH di varie cause. La TAE ha il vantaggio di essere una procedura rapida e ripetibile e può essere eseguita senza anestesia generale. Inoltre, TAE preserva l’utero e rende possibili future mestruazioni e fertilità. L’embolizzazione delle aa. ovariche è un intervento complementare che si rende necessario in caso di fallimento degli altri due tipi di TAE. Può anche essere praticato contemporaneamente ad essi quando l’angiografia pelvica rivela un notevole ingrossamento delle aa. ovariche o una preponderanza di vascolarizzazione del segmento uterino supero-laterale da parte delle stesse arterie ovariche facendo perdere efficacia alla semplice embolizzazione delle aa. uterine o ipogastriche (4-7). 

Tecnica – Se l’intervento di OAE è effettuato in corso di embolizzazione della aa. uterine, la tecnica OAE prevede semplicemente  un maggiore tempo di infusione del materiale embolizzante (particelle di alcool polivinilico (PVA) da 355-500 μm o microsfere di gelatina tri-acrilica del diametro di 1 mm), mescolate con mezzo di contrasto,  finchè questo raggiunga in senso centrifugo il lume dell’arteria ovarica. In caso di embolizzazione retrograda conviene utilizzare 0,5 cc di colla Histoacryl miscelata con 3 cc di Lipiodol; le particelle di PVA non possono essere utilizzate a causa del flusso retrogrado e della preoccupazione per l’occlusione involontaria dell’arteria glutea inferiore adiacente.

L’end-point per OAE è ottenere l’occlusione completa dei rami che irrorano il fibroma mantenendo un limitato flusso nei rami principali dell’a. ovarica (7-14).  

Tutte le pazienti erano state preventivamente sottoposte a RMN e USG per determinare il volume totale dell’utero, il volume dei fibromi ed in particolare il volume del fibroma dominante. Il controllo con RMN è effettuato a 1,3 e 6 mesi dopo l’intervento.

Se l’OAE è praticata come singolo intervento o in corso di embolizzazione delle aa. ipogastriche, viene  eseguita un’angiografia aorto-iliaca per valutare l’anatomia vascolare ed eventuali lesioni; quindi si cateterizza l’aorta ascendente fino allo sbocco dell’a. ovarica, a livello della II vertebra lombare. Il catetere viene fatto avanzare in alto lungo l’aorta addominale utilizzando piccole iniezioni intermittenti di materiale di contrasto per identificare l’origine dell’a. ovarica. La punta del catetere è guidata delicatamente nel vaso. L’arteria ovarica normalmente subisce un brusco cambiamento di rotta verso l’alto subito dopo la sua origine, quindi il catetere non deve essere fatto avanzare oltre i primi millimetri. Quindi il catetere è guidato in basso fino all’infundibolo pelvico a 2-3 cm prima della biforcazione dell’a. ovarica. A questo punto inizia l’iniezione del materiale embolizzante che deve occludere il lume ovarico nelle sue diramazioni fino a raggiungere il ramo superiore dell’a. uterina per 2-3 cm dopo la sua confluenza con l’a, ovarica. Dopo si procederà all’eventuale embolizzazione delle aa. ipogastriche.  Di solito è necessario un catetere ricurvo 4-5 F con la punta rivolta verso il basso tipo catetere di Mickelson, catetere RIM o il catetere Sos Omni (AngioDynamics, Inc., Queensbury, NY). Le arterie ovariche derivano tipicamente dalla parete aortica anteriore pochi centimetri sotto le arterie renali. In alcuni casi una o entrambe le aa. ovariche possono derivare dall’arteria renale (13-16).

Follow-up e outcome: RMN e USG a 3 mesi dall’intervento mostrano un infarto completo dei miomi nella maggior parte dei casi (70% circa).   La riduzione media delle dimensioni dell’utero alla RM è stata del 40% circa. La riduzione della dimensione media per il fibroma dominante è del 42,4%.  Dopo un anno la risoluzione completa dei sintomi (menorragia, dismenorrea e bulk correlato) è raggiunta nell’82,4%  dei casi  (17-22).

Complicazioni: 

Conclusioni

L’OAE è un’aggiunta efficace e sicura all’embolizzazione dell’arteria uterina o delle aa. ipogastriche soprattutto in caso di aa. ovariche ingrossate che apportano un’aggiunta di perfusione ematica all’utero e/o al fibroma dominante.

References:

  1.  Al-Zirqi I, Vangen S, Forsen L, Stray-Pedersen B. Prevalence and risk factors of severe obstetric haemorrhage. BJOG. 2008;115:1265–72.
  2. Ganguli S, Stecker MS, Pyne D, Baum RA, Fan CM. Uterine artery embolization in the treatment of postpartum uterine hemorrhage. J Vasc Interv Radiol. 2011;22:169–76
  3. Royal College of Obstetricians and Gynaecologists . Royal College of Obstetricians and Gynaecologists Good Practice Guideline. No. 6. Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, London: Published; 2007. [[Last accessed on 2019 Apr]]. The Role of Emergency and Elective Interventional Radiology in Postpartum Hemorrhage. 
  4. Wang MQ, Liu FY, Duan F, Wang ZJ, Song P, Song L, et al. Ovarian artery embolization supplementing hypogastric-uterine artery embolization for control of severe postpartum hemorrhage: Report of eight cases. J Vasc Interv Radiol. 2009;20:971–6. Nikolic B, Spies JB, Abbara S, Goodwin
  5. S. Ovarian artery supply of uterine fibroids as a cause of treatment failure
    after uterine artery embolization: a case report. J Vasc Interv Radiol 1999;
    10:1167–1170.
  6. Nikolic B, Spies J, Abbara S, et al. Ovarian artery supply of uterine fibroids as a cause of treatment failure after uterine artery embolization: a case report. J Vasc Interv Radiol. 1999;10:1167-1170..
  7. Matson M, Nicholson A, Belli AM.Anastomoses of the ovarian and uterine arteries: a potential pitfall and cause of failure of uterine embolization. Cardiovasc Intervent Radiol 2000;23:393–396.
  8. Andrews RT, Bromley PJ, Pfister ME.Successful embolization of collaterals from the ovarian artery during uterine artery embolization for fibroids: a case report. J Vasc Interv Radiol 2000; 11:607– 610.
  9. Marx MV, Picus D, Weyman PJ. Percutaneous embolization of the ovarian artery in the treatment of pelvic hemorrhage. AJR Am J Roentgenol. 1988;150:1337–8.
  10. R.Kachura, JeffreyJaskolka, J. Robert Beecroft, Kenneth W.Sniderman, Martin E.Simons. Kong T.TanEfficacy of Ovarian Artery Embolization for Uterine Fibroids: Clinical and Magnetic Resonance Imaging Evaluations.
  11. Pelage JP, Walker WJ, Le Dref O, et al. Ovarian artery: angiographic appearance, embolization and relevance to uterine fibroid embolization. Cardiovasc Intervent Radiol. 2003;26:227-233.
  12. Kroencke T, Scheurig-Muenkler C. Safety and efficacy of ovarian artery embolization for symptomatic uterine leiomyomata. Presented at: Cardiovascular and Interventional Radiology Society of Europe Annual Scientific Meeting; October 6, 2010; Valencia, Spain.
  13. Barth M, Spies J. Ovarian embolization supplementing uterine embolization for leiomyomata. J Vasc Interv Radiol. 2003;14:1177-1182.
  14. Binkert CA, Andrews RT, Kaufman JA. Utility of nonselective abdominal aortography in demonstrating ovarian artery collaterals in patients undergoing uterine artery embolization for fibroids. J Vasc Interv Radiol. 2001;12:841–5. doi: 10.1016/S1051-0443(07)61509-7.
  15. B. Nikolic, J.B. Spies, S. Abbara, et al. Ovarian artery supply of uterine fibroids as a cause of treatment failure after uterine artery embolization. J Vasc Interv Radiol, 10 (1999), pp. 1167-1170
  16. J.P. Pelage, W.J. Walker, O. Le Dref, et al. Ovarian artery: angiographic appearance embolization and relevance to uterine fibroid embolization. Cardiovasc Intervent Radiol, 26 (2003), pp. 227-233
  17. S. Abbara, B. Nikolic, J.P. Pelage, et al. Frequency and extent of uterine perfusion via ovarian arteries observed during uterine artery embolization for leiomyomas. AJR Am J Roentgenol, 188 (2007), pp. 1558-1562
  18. J.P. Pelage, O. Le Dref, D. Jacob, et al. Ovarian artery supply of uterine fibroid J Vasc Interv Radiol, 11 (2000), p. 535
  19. R.T. Andrews, P.J. Bromely, M.E. Pfister Successful embolization of collaterals from the ovarian artery during uterine artery embolization for fibroids J Vasc Interv Radiol, 11 (2000), pp. 607-610
  20. C.A. Blinkert, T. Andrews, J.A. Kaufman Utility of nonselective abdominal aortography in demonstrating ovarian artery collaterals in patients undergoing uterine artery embolization for fibroids J Vasc Interv Radiol, 12 (2001), pp. 841-845
  21. M.M. Barth, J.B. Spies Ovarian artery embolization supplementing uterine embolization for leiomyomata J Vasc Interv Radiol, 14 (2003), pp. 1177-1182
  22. C. Scheurig-Muenkler, A. Poellinger, M. Wagner, et al.Ovarian artery embolization in patients with collateral supply to symptomatic uterine leiomyomata Cardiovasc Intervent Radiol, 34 (2011), pp. 1199-1207
  23. N.N. Hu, D. Kaw, M.F. McCullough, et al. Menopause and menopausal symptoms after ovarian artery embolization: a comparison with uterine artery embolization controls. J Vasc Interv Radiol, 22 (2011), pp. 710-715 Hum Reprod, 22 (2007), pp. 1996-2005
  24. Jia JB, Mastrolonardo E, Soleman M, Lekht I. A novel use of contrast-enhanced ultrasound in uterine artery embolization. Am J Interv Radiol 2020;4:8.
  25. Schirf BEVogelzang RLChrisman HB. Complications of uterine fibroid embolization. Semin Intervent Radiol. 2006;23:1439.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captcha loading...