• Introduzione: All’esame ecografico, in fase follicolare,  la cavità endometriale presenta in scansione longitudinale un tipico aspetto «a goccia» con apice in basso, in corrispondenza della cervice.  Nelle scansioni trasversali, invece, l’endometrio assume un aspetto a doppia ellissoide fuse a “T” in modo da presentare tre apici rivolti rispettivamente verso la cervice e  i corni uterini (2). In letteratura finora sono stati descritti 4 tipi di IUS (intrauterine signal) osservati durante un normale ciclo spontaneo fisiologico (2,3,4).   IUS tipo I°: mucosa fine e lineare, ipoecogena (fase proliferativa iniziale); essa cresce progressivamente fino a raggiungere lo spessore di 6-7 mm al...
  • Per inseminazione artificiale si intende la deposizione dello sperma nelle vie genitali femminili al di fuori del rapporto sessuale. E’ la più vecchia e la più semplice delle tecniche PMA.   Nel 1799 fu descritta da John Hunter la prima gravidanza ottenuta a Londra con inseminazione artificiale con sperma del partner maschile affetto da ipospadia. Nuovo impulso, ebbe la inseminazione artificiale in seguito a due scoperte: la descrizione delle fasi del ciclo della donna e del periodo fecondo pubblicati da Ogino e Knauss nel 1932, e la possibilità di congelare lo sperma, realizzata nel 1945 dal biologo Jean Rostand. Così, nel...
  • Con il termine “alimenti amidacei” vengono raggruppati diversi alimenti e prodotti alimentari caratterizzati dalla generosa presenza di amido, il carboidrato di riserva tipico del mondo vegetale. Le piante accumulano amido come riserva energetica per fronteggiare l’inverno o per consentire la germinazione del seme ed il successivo sviluppo della pianticella. Tra i più noti alimenti amidacei si ricordano le patate, la manioca, il frumento, mais, riso, orzo, avena, farro e i prodotti da loro derivati (pasta, pane bianco, riso bianco, mais, farina, fecola, biscotti, grissini, polenta). Anche i legumi rappresentano una buona fonte di amido, nonostante che siano classificati come alimenti proteici...
  •  Il glutatione o GSH, derivato dalla vitamina PP (ac. nicotinico), è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell’ordine acido glutammico, cisteina e glicina. Questa particolare composizione chimica conferisce al glutatione un’elevata capacità di ossidarsi o ridursi, proteggendo le proteine e gli altri composti ossidabili dall’azione deleteria dei radicali liberi perossido di idrogeno, nitriti, nitrati, benzoati). Più in particolare, il glutatione rientra nella composizione di un gruppo di enzimi ad azione antiossidante, chiamati glutatione perossidasi (GSR).  Tali enzimi rigenerano il glutatione ridotto (GSH) a partire da glutatione ossidato (o GSSG) attraverso gli elettroni ceduti dal NADPH al...
  • L’alimentazione gioca un ruolo importante nel  benessere dei pazienti diabetici perchè essa permette soddisfare i bisogni nutrizionali, controllare la glicemia, la lipidemia e la pressione arteriosa, prevenire le complicazioni del diabete (1-4).   Evitare grassi saturi e alcoolici, limitare i carboidrati preferendo i cibi a basso indice glicemico (GI) e ricchi di fibre, evitare i picchi di glicemia e iperinsulinemia evitando i pasti abbondanti e  frazionandoli in 3 pasti quotidiani e 2 spuntini, Sono le  regole alimentari raccomandate dall’American Diabetes Association (ADA) per chi soffre di diabete o è considerato un soggetto a rischio e per le pazienti con diabete gestazionale (4-7)....
  • Il presente file è stato ideato per aiutare le donne, gravide e non, ad avere un’idea, anche se approssimativa, delle calorie introdotte con la comune alimentazione quotidiana e quindi prediligere gli alimenti più idonei fra quelli comunemente in commercio. Particolari benefici possono trarre le pazienti affette da diabete, sovrappeso, ipertensione arteriosa e anemia sideropenica.     NB.: i carboidrati e le proteine forniscono 4 calorie per ogni grammo, mentre un grammo di grassi fornisce 9 calorie). Valore nutrizionale pesce (gr/100 gr) carboidrati protidi lipidi Na (mg) Fe (mg) KCal Salmone fresco 1 18 12 132 1 185 Sgombro 0.5 17 11...
  • La chirurgia isteroscopica ambulatoriale o office surgery hysteroscopy o See and Treat Hysteroscopy si avvale ormai da alcuni decenni di tecnica sempre più sofisticata e e strumentazione specifica miniaturizzata che ne hanno progressivamente esteso utilizzo ed indicazioni fino a permettere l’esecuzione di circa il 30-40% di interventi di chirurgia isteroscopica di breve durata (<20 minuti)  con approccio vaginoscopico e senza anestesia. La paziente può avvertire solo un modesto dolore crampiforme al momento dell’introduzione dell’isteroscopio mentre nessuno stimolo doloroso è provocato dalle manovre intrauterine perchè l’endometrio è privo di terminazioni nervose (1-15). Il Versapoint Gynecare rappresenta l’isteroscopio di prima scelta per l’office  hysteroscopy. L’isteroscopio flessibile è...
  • Il Versapoint Gynecare dell’Eticon rappresenta oggi lo strumento “gold standard” per la chirurgia isteroscopica ambulatoriale (office surgery hysteroscopy). Può effettuare la coagulazione bipolare, la vaporizzare e il taglio senza la necessità  di anestesia e dilatazione cervicale strumentale grazie alle sue ridotte dimensioni.. CARATTERISTICHE DEL VERSAPOINT Il dispositivo di chirurgia isteroscopica Versapoint utilizza la corrente bipolare che necessita di una soluzione isoosmolare (soluzione fisiologica) per essere trasmessa da un elettrodo all’altro  Gli elettrodi di entrata ed uscita sono montati sulla stessa ansa e separati da una struttura in ceramica. utilizzano bassi voltaggi e potenze e vari tipi di elettrodi. Hanno azione di sezione,...
  • I polipi endometriali sono costituiti da un’iperplasia localizzata della mucosa endometriale in cui sono compresi ghiandole, vasi e scarso tessuto stromale (1-3). Generalmente sono benigni, del diametro da pochi mm a diversi centimetri, singoli o multipli, frequentemente peduncolati, più raramente sessili. La probabilità di degenerazione neoplastica maligna è molto scarsa (< 1%) (4-7).   I polipi endocervicali vengono definiti “polipi sentinella“ poichè nel 25% dei casi sono la spia della presenza di un altro polipo cervicale a monte o di un polipo endometriale. Risulta quindi tassativo esplorare la cavità endometriale e il canale cervicale anche in caso di polipi francamente esocervicali (8,36). Etiologia: Sebbene non si conosca una...
  • Il tamoxifene (C26H29NO) è un farmaco che appartiene alla classe degli antiestrogeni non steroidei,; è un derivato del trifeniletilene, precursore anche del più utilizzato clomifene citrato.  Introdotto in commercio negli anni ’90, rappresenta ancora oggi il cardine della terapia endocrinologica del carcinoma della mammella femminile e maschile sia dopo l’intervento chirurgico di prima istanza, sia dopo l’eventuale recidive; è inoltre utilizzato per la prevenzione del cancro mammario controlaterale (riduzione del 50% del rischio). La terapia con TMX determina un miglioramento assoluto del 9% in termini di sopravvivenza a 10 anni nelle pazienti con cancro mammario.  Il tamoxifene, agisce per competizione recettoriale...
  • La brachiterapia (dal greco βραχυσ = corto), conosciuta anche come radioterapia interna o curieterapia, è una forma di radioterapia in cui una sorgente di radiazioni è collocata all’interno o vicino alla zona da trattare. La brachiterapia è comunemente usata come trattamento efficace per il cancro della cervice,[1] della prostata,[2] della mammella,[3] le neoplasie cutanee[4] e può anche essere usata per trattare i tumori in molte altre regioni anatomiche.[5] La brachiterapia può essere utilizzata da sola o in combinazione con altre terapie, come la chirurgia, la radioterapia esterna e la chemioterapia. Al contrario della radioterapia esterna, in cui raggi X ad alta...
  • Hycamtin®  è un farmaco antineoplastico che contiene il principio attivo topotecan facente parte della classe delle camptotecine (farmaci estratti dalla corteccia della Camptotheca acuminata).  È disponibile sotto forma di polvere per la preparazione di una soluzione per infusione endovenosa a goccia lenta sotto forma di capsule (bianca: 0,25 mg; rosa: 1 mg). Il topotecan, è un farmaco antitumorale appartenente al gruppo degli “inibitori topoisomerasici”. Esso blocca un enzima denominato topoisomerasi I, che è coinvolto nella duplicazione del DNA. La mancata replicazione del DNA induce la cellula tumorale alla morte per apoptosi. La principale indicazione del topotecano resta la terapia del carcinoma ovarico in fase avanzata resistente...